Alberto Piccinini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alberto Piccinini
Alberto Piccinini (Juventus).gif
Piccinini con la maglia della Juventus
Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 177 cm
Peso 74 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centrocampista
Ritirato 1955 - giocatore
Carriera
Giovanili
Roma Roma
Squadre di club1
1942-1943 Pescara Pescara 4 (1)
1943-1944 Flag of None.svg Avia Roma 18 (0)
1944-1945 Roma Roma 14 (0)
1945-1948 Salernitana Salernitana 43 (0)
1948-1949 Palermo Palermo 36 (0)
1949-1953 Juventus Juventus 104 (2)
1953-1954 Milan Milan 19 (0)
1954-1955 Palermo Palermo 13 (1)
Nazionale
1949-1952 Italia Italia 5 (0)
Carriera da allenatore
1955 Palermo Palermo
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Alberto Piccinini (Roma, 25 gennaio 1923Roma, 24 aprile 1972) è stato un allenatore di calcio e calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sposato con Anna Maria Rubini, ha avuto due figli: il primogenito si chiama Stefano, mentre il secondo è Alessandro detto Sandro, divenuto telecronista e conduttore televisivo di Mediaset negli anni novanta.

È scomparso nel 1972, all'età di 49 anni, a seguito di un male improvviso e incurabile[1].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Alla Salernitana, anziché giocare come centravanti, veniva arretrato per difendere: è uno dei primi casi del calcio italiano in cui si può parlare di libero.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a giocare nei Pulcini e successivamente nelle Riserve della Roma.

Alberto Piccinini con la maglia del Milan

In seguito lascia la Roma[3], intenzionata a pagargli solo i premi partita senza uno stipendio fisso.[senza fonte] Nel 1945 quindi scende di categoria, venendo ingaggiato dalla Salernitana per duecentomila lire. Nei primi due anni colleziona 11 presenze ottenendo la promozione in Serie A nel 1947 della squadra campana; nel campionato 1947-1948 l'allenatore Gipo Viani lo schiera con la maglia numero 9 (abitualmente assegnata al centravanti), ma con compiti di marcatura sul centravanti avversario, consentendo allo stopper Ivo Buzzegoli di sistemarsi dietro ai difensori in posizione di libero[4][5].

Nella stagione 1948-1949 gioca 36 partite con il Palermo, mentre nel 1949 approda alla Juventus in cui resterà per quattro stagioni collezionando 104 presenze e 2 reti in campionato. In seguito ha dichiarato che gli anni in bianconero sono stati i migliori della sua vita. Con la Juventus vince due scudetti ma il suo rapporto con l'allenatore inglese Jesse Carver non è dei migliori: viene escluso da quindici partite consecutive per esser rientrato con un giorno di ritardo dal permesso concessogli per recarsi a Roma dalla sua fidanzata e futura moglie Anna Maria Rubini.

Lasciata la Juventus per divergenze contrattuali, nel novembre del 1953 passa al Milan con cui gioca 19 partite di campionato. Nella stagione 1954-1955 fa ritorno al Palermo, segnando una rete in 13 partite. Successivamente si rompe i legamenti di un ginocchio, interrompendo anzitempo la carriera.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Piccinini (in piedi, quarto da sinistra) in maglia azzurra nel 1952

Durante la militanza alla Juventus colleziona 5 presenze in Nazionale.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Costretto al ritiro, allena il Palermo per due mesi all'inizio della stagione 1955-1956. Di fronte alla possibilità di diventare allenatore a tutti gli effetti, chiede tre anni di contratto ma gliene propongono uno, rifiutando così l'offerta.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1942-1943 Italia Pescara B 4 1 CI - - - - - - - - 4 1
1943-1944 Italia Avia Roma CRdG 18 0 - - - - - - - - - 18 0
1944-1945 Italia Roma CRdG 14 0 - - - - - - - - - 14 0
1945-1946 Italia Salernitana DN 9 0 - - - - - - - - - 9 0
1946-1947 B 2 0 - - - - - - - - - 2 0
1947-1948 A 32 0 - - - - - - - - - 32 0
Totale Salernitana 43 0 - - - - - - 43 0
1948-1949 Italia Palermo A 36 0 - - - - - - - - - 36 0
1949-1950 Italia Juventus A 32 2 - - - - - - - - - 32 2
1950-1951 A 12 0 - - - - - - - - - 12 0
1951-1952 A 34 0 - - - - - - CLat 2 0 36 0
1952-1953 A 26 0 - - - - - - - - - 26 0
Totale Juventus 104 2 - - - - 2 0 106 2
1953-1954 Italia Milan A 19 0 - - - - - - - - - 19 0
1954-1955 Italia Palermo B 13 1 - - - - - - - - - 13 1
Totale Palermo 49 1 - - - - - - 49 1
Totale carriera 251 4 - - - - - - 235 4

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 1949-1950, 1951-1952
Salernitana: 1946-1947

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La scomparsa di Piccinini Archiviolastampa.it
  2. ^ Marco Sappino, Dizionario del calcio italiano, vol. 1, Baldini & Castoldi, novembre 2000, p. 419.
  3. ^ Le liste di trasferimento dei calciatori per la stagione 1945-46, Il Corriere dello Sport, 20 settembre 1945, pag.2
  4. ^ Profilo su Enciclopediadelcalcio.it
  5. ^ Salerno sente profumo di serie A mezzo secolo dopo il "Vianema", Il Corriere della Sera, 16 dicembre 1997, pag.44

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vladimiro Caminiti, Juventus Juventus. Dizionario storico romantico dei bianconeri, Milano, Edizioni Elle, 1977, p. 185.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]