Libro dei Proverbi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Antico Testamento
Cristianesimo, Cattolico, Ortodosso, Protestante

Ebraismo (Torah-Tanakh-Talmud-Midrashim-Chumash-Qabbalah-Mussar)

Pentateuco:

Profeti anteriori o Libri storici:

Profeti posteriori - Profeti maggiori:

Profeti posteriori - Profeti minori:

Scritti:

Meghillot:

Sino a qui riferimenti ebraici

Deuterocanonici
(non canonici per/secondo gli ebrei,
canonici per cattolici e ortodossi,
apocrifi per protestanti)
Ortodosso
Copto
Siriaco (Peshitta)
Progetto Religione
uso tabella

Il Libro dei Proverbi (ebraico משלי, mishlè; greco Παροιμίες, paroimíes; latino Prouerbia) è un testo contenuto nella Bibbia ebraica (Tanakh) e cristiana.

È scritto in ebraico e, secondo l'ipotesi maggiormente condivisa dagli studiosi, la redazione definitiva del libro è avvenuta in Giudea nel V secolo a.C., raccogliendo testi composti da autori ignoti lungo i secoli precedenti fino al periodo monarchico (XI-X secolo a.C.).

È composto da 31 capitoli contenenti vari proverbi e detti sapienziali.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

Il termine Proverbi deriva dall'ebraico Mëshalim (tradizione), che ha un significato più vario rispetto a proverbio, in quanto oltre a proverbio, indica un genere letterario che comprende poemi di contenuto religioso e morale, satire, discorsi di contenuto comparativo, oracoli, sentenze popolari, massime, indicazioni di condotta sessuale per i giovani e consigli matrimoniali per ogni età e tanto altro.

Sezioni del libro[modifica | modifica sorgente]

Il libro è stato diviso dall'autore stesso in nove parti:

  1. invito all'acquisto della Sapienza
  2. prima raccolta dei proverbi di Salomone
  3. raccolta di sentenze degli uomini saggi
  4. breve raccolta di sentenze
  5. seconda raccolta dei proverbi di Salomone (riuniti dalla gente di Ezechia)
  6. sentenze di Agur
  7. sentenze numeriche
  8. sentenze di Lamuele
  9. la donna ideale

Autore[modifica | modifica sorgente]

  • le parti 1,7 e 9 sono anonime.
  • le parti 2 e 5 portano il nome di Sentenze di Salomone.
  • nelle altre parti l'autore è citato nel testo.

Si suppone che il nucleo primitivo fosse la parte 2 e che poi nel corso delle varie generazioni, questo nucleo sia cresciuto, con l'aggiunta di sentenze di vari sapienti, finché nel IV secolo a.C. la raccolta è stata ultimata.

Testo[modifica | modifica sorgente]

Il libro fu scritto in ebraico masoretico e le più antiche traduzioni sono quella in greco dei Settanta, la versione alessandrina detta Peshitta, il Targum, i frammenti di Simmaco, Aquila di Sinope, la bibbia di Teodozione e infine la versione latina, detta Vulgata di San Girolamo.

Contenuto[modifica | modifica sorgente]

Il libro dei Proverbi in una Bibbia del 1497.

L'insegnamento contenuto nei Proverbi, indica le regole da seguire per attuare un comportamento che non arreca problemi a chi le applica e a lungo andare lo rende felice nella vita.

Perciò riguarda le più svariate manifestazioni dell'attività umana:

  • la saggezza e come ottenerla
  • la follia e come evitarla
  • l'onestà e perché è importante essere onesti
  • la disonestà e dove conduce
  • l'amore e come e con chi realizzarlo
  • l'odio e perché è importante evitarlo
  • l'ira e le sue conseguenze
  • la mitezza e i suoi vantaggi
  • la ricchezza, e perché non è necessaria
  • la povertà e i suoi motivi
  • la laboriosità e i suoi vantaggi
  • l'ozio e dove conduce
  • i rapporti col padre
  • disamina sui rapporti fra figli e genitori
  • le regole di comportamento del re nei confronti dei suoi sudditi
  • come ci si deve regolare nei rapporti fra uomo e donna
  • regole di comportamento del padrone nei confronti degli operai
  • come riconoscere un amico
  • come riconoscere un nemico.

Ripetutamente vengono espressi i seguenti concetti:

  • cos'è la fedeltà (timore di Dio) e i vantaggi che procura
  • l'amore verso il prossimo
  • cos'è e come si applica la carità
  • perché è conveniente dire sempre la verità
  • cos'è e come si applica la temperanza
  • la prudenza
  • come esprimere i propri concetti con parole semplici e oggettive
  • quando e perché è meglio stare in silenzio.

Critiche[modifica | modifica sorgente]

Voltaire nel suo Dizionario Filosofico, alla voce Salomone parla in questi termini del Libro dei Proverbi:

« Una raccolta di massime triviali, basse, incoerenti, senza gusto, senza scelta e senza disegno. Possiamo davvero credere che un re illuminato abbia composto una raccolta di sentenze delle quali non se ne trova una che accenni al modo di governare, alla politica, ai costumi dei cortigiani e agli usi della corte? Vi si trovano interi capitoli in cui si parla soltanto di quelle prostitute che invitano i passanti ad andare a letto con loro. »
(Voltaire, Salomone da Dizionario Filosofico)

Ebraismo[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Pietro Ciavarella, I Proverbi, BE Edizioni, Firenze 2012

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Bibbia Portale Bibbia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bibbia