Naum (profeta)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Naum
Il profeta Naum icona ortodossa del XVIII secolo
Il profeta Naum
icona ortodossa del XVIII secolo
Profeta
Morte VII secolo a.C.
Venerato da Tutte le Chiese che ammettono il culto dei santi
Ricorrenza 1º dicembre
Attributi Rotolo della profezia

Naum, o Nahum (Elcos, ... – VII secolo a.C.), è stato un profeta ebraico.

È uno dei dodici profeti minori ed il suo nome significava «consolato da Jahvé».[1]
La cittadina ove nacque, oggi sconosciuta, era certamente in Giudea e sappiamo che fu testimone della caduta di Ninive, la città assira che si affacciava sul fiume Tigri e che, secondo la Bibbia, nel 612 a.C. venne distrutta. Naum era contemporaneo del re Giosia, sovrano di Giuda dal 640 a.C. al 609 a.C. e la sua predicazione ebbe quasi certamente luogo fra il 662 ed il 612 a.C.[1]

La Chiesa cattolica lo venera come santo celebrandolo il 1º dicembre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La Bibbia, ed. Piemme, Casale Monferrato (AL), 1996, ISBN 88-384-2400-4, pag. 2201

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]