Fineas

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il nome proprio di persona maschile, vedi Phineas.

Fineas (reso molte volte in italiano con Pincas) è il nome portato da due personaggi della Bibbia.

Fineas sommo sacerdote[modifica | modifica sorgente]

Il primo personaggio che porta il nome Fineas è figlio di Eleazaro e nipote di Aronne. Essendo discendente di Aronne ricopre di diritto la carica di sommo sacerdote. Si parla di lui in vari libri dell'Antico Testamento. Una vicenda particolare è narrata nel libro dei Numeri: 25,1-8. In questa vicenda gli è attribuito il merito di aver placato l'ira di Dio, poiché non restò indifferente di fronte all'ingiustizia. Infatti il popolo, quando era stanziato a Sittim, si diede all'impurità con le figlie di Moab e sotto loro invito, fece e mangio sacrifici destinati a Baal-peor. Dio disse quindi a Mosè di prendere provvedimenti contro i capi d'Israele e contro gli Israeliti peccatori. In quel momento un israelita condusse nella sua tenda una donna madianita, proprio sotto gli occhi di Mosè e degli anziani che con lui facevano cordoglio. Visto ciò Fineas non riuscì a resistere e prese una lancia, seguì l'uomo nella sua tenda e trafisse l'israelita e la madianita (rispettivamente Zimri e Cozbi), entrambi, con un singolare colpo di lancia (versetto 8). Fatto ciò l'ira di Dio, che aveva già causato ventiquattromila morti, si placò.

Fineas continuò per molti anni (fino alla sua morte) a ricoprire il compito di sacerdote e di condottiero di Israele.

Fineas figlio del sacerdote[modifica | modifica sorgente]

Un secondo personaggio di nome Fineas è presentato nel I libro di Samuele. Questo Fineas era fratello di Ofni e figlio secondogenito di Eli, il quale era un sacerdote (e per questo discendente di Mosè o Aronne), che non svolgeva i suoi compiti e non prendeva seriamente in considerazione l'importanza della sua nomina. Quando Fineas portò l'arca del patto nel campo di battaglia dove si doveva svolgere un combattimento contro i Filistei, questi si preoccuparono perché pensavano che Dio fosse dalla parte degli israeliti. Durante la battaglia i Filistei riuscirono ad uccidere Fineas e ad impadronirsi dell'arca e la misero nel loro tempio, a fianco della statua di Dagon (pagando amarissimamente questo affronto nei confronti del vero Dio). In I Samuele, 3:12-17 si legge il comportamento irrispettoso dei figli di Eli durante le offerte di sacrifici e nei confronti degli israeliti. Il versetto 17 specifica quanto il loro peccato era grande agli occhi di Dio. Dio disapprovò la loro condotta e ne decretò la morte.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]