Tazria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Tazria, Thazria, Thazri’a, Sazria, o Ki Tazria’ (ebraico: תַזְרִיעַ — tradotto in italiano: “prolificherà”, 13ª parola e incipit di questa parashah) 27ª porzione settimanale della Torah (ebr. פָּרָשָׁה – parashah o anche parsha/parscià) nel ciclo annuale ebraico di letture bibliche dal Pentateuco, quarta nel Libro del Levitico. Rappresenta il passo 12:1-13:59 di Levitico, che gli ebrei leggono durante il 27º o 28º Shabbat dopo Simchat Torah, generalmente in aprile.

Il calendario ebraico lunisolare contiene fino a 55 settimane, col numero esatto che varia tra 50 settimane negli anni comuni e 54-55 negli anni bisestili. In questi ultimi (per es. il 2014 e 2016), la Parshah Tazria viene letta separatamente. Negli anni comuni invece (per es. 2012, 2013, 2015, 2017 e 2018), la Parshah Tazria è combinata con la parashah successiva, la Metzora, per ottenere il numero di letture settimanali necessarie.

L'offerta della vedova povera (illustrazione di Frederick Goodall)

Riassunto[modifica | modifica wikitesto]

Parto[modifica | modifica wikitesto]

Malattie della pelle[modifica | modifica wikitesto]

Indumenti[modifica | modifica wikitesto]

Interpretazione intrabiblica[modifica | modifica wikitesto]

Interpretazione rabbinica[modifica | modifica wikitesto]

Comandamenti[modifica | modifica wikitesto]

Nella liturgia[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni ebrei si riferiscono alle leggi sulle oblazioni di uccelli in Levitico 12:8 e alle leggi sul ciclo mestruale quando studiano la fine del capitolo 3 di Pirkei Avot nello Shabbat tra Pesach e Rosh haShana.[1]

Altri ebrei si riferiscono alle offerte del peccato per malattie della pelle in Levitico 13 quale parte delle letture sulle offerte dopo le benedizioni mattutine dello Shabbat.[2]

Dopo il servizio di preghiera mattutino Shacharit, alcuni ebrei recitano le Sei Rimembranze, tra cui Deuteronomio 24:9, “Ricòrdati di quello che il Signore tuo Dio fece a Miriam durante il viaggio, quando uscivate dall'Egitto”, ricordando che Dio punì Miriam con tzara’at.[3]

Maqam settimanale[modifica | modifica wikitesto]

Nella Maqam[4] settimanale, gli ebrei sefarditi ogni settimana basano i loro canti del servizio religioso sul contenuto della rispettiva parashah settimanale. Per la Parashah Tazria, i sefarditi usano la Maqam Saba, una maqam che esprime un'alleanza (brit). Tale maqam è appropriata per questa parashah che inizia con la discussione su cosa fare quando nasce un bambino maschio. Menziona anche la brit milah, rituale che conferma un'alleanza tra uomo e Dio.

Haftarah[modifica | modifica wikitesto]

La haftarah della parshah è 2 Re 4:42-5:19.

Riassunto[modifica | modifica wikitesto]

Collegamento alla parshah[modifica | modifica wikitesto]

Shabbat HaChodesh[modifica | modifica wikitesto]

Collegamento allo Speciale Shabbat[modifica | modifica wikitesto]

Parshah Tazria-Metzora[modifica | modifica wikitesto]

Riassunto[modifica | modifica wikitesto]

Collegamento alla doppia parshah[modifica | modifica wikitesto]

Shabbat Rosh Chodesh[modifica | modifica wikitesto]

Quando la parshah o la parshah combinata coincide con Shabbat Rosh Chodesh (come è successo nel 2009), la haftarah è Isaia 66:1-24.

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

La parashah ha paralleli o viene discussa nelle seguenti fonti (HE) (EN) (IT) (DE) :

Biblici[modifica | modifica wikitesto]

Non rabbinici[modifica | modifica wikitesto]

Rabbinici classici[modifica | modifica wikitesto]

Medievali[modifica | modifica wikitesto]

Moderni[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) (HE) (IT)

Testi[modifica | modifica wikitesto]

Commentari[modifica | modifica wikitesto]

Old book bindings.jpg

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Menachem Davis, The Schottenstein Edition Siddur for the Sabbath and Festivals with an Interlinear Translation, p. 556. Brooklyn: Mesorah Publications, 2002. ISBN 1-57819-697-3.
  2. ^ Davis, Siddur for the Sabbath and Festivals, a p. 239.
  3. ^ Menachem Davis. The Schottenstein Edition Siddur for Weekdays with an Interlinear Translation, p. 241. Brooklyn: Mesorah Publications, 2002. ISBN 1-57819-686-8. Yosaif Asher Weiss. A Daily Dose of Torah, vol. 7, 139–40. Brooklyn: Mesorah Publications, 2007. ISBN 1-4226-0145-5.
  4. ^ Nei servizi di preghiera mizrahi e sefarditi medio-orientali, ogni Shabbat la congragazione conduce i servizi religiosi usando una maqam differente. La maqam araba (مقام), che in arabo letteralmente significa 'posto', è un tipo di melodia standard con una rispettiva serie di intonazioni. Le melodie usate in una data maqam devono esprimere uno stato emotivo del lettore lungo tutto il percorso liturgico (senza cambiare testo).


Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ebraismo