Ki Tavo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Da non confondersi con le parashot Ki Tisa o Ki Teitzei

Ki Tavo, Ki Thavo, Ki Tabo, Ki Thabo, o Ki Savo (ebraico: כִּי-תָבוֹא — tradotto in italiano: “quando sarai entrato”, incipit di questa parashah) 50ª porzione settimanale della Torah (ebr. פָּרָשָׁה – parashah o anche parsha/parscià) nel ciclo annuale ebraico di letture bibliche dal Pentateuco, settima nel Libro del Deuteronomio. Rappresenta il passo Deuteronomio 21:10-25:19, che gli ebrei della Diaspora leggono generalmente in settembre.

La parashah riporta la cerimonia delle primizie, le decime, e le benedizioni per l'osservanza della Legge e le maledizioni per le trasgressioni.

Offerta delle primizie (illustrazione da figurina biblica pubblicata tra il 1896 e il 1913 dalla Providence Lithograph Company)

Letture[modifica | modifica sorgente]

Parole chiave[modifica | modifica sorgente]

Parole usate frequentemente nella parashah includono:[1] “tutto” (58 volte, sing/plur/ecc.);[2] “comando”, “comandato”, “comandamento” (25 volte);[3] “popolo” (23 volte);[4] “maledizione”, "maledizioni", “maledetto”, “maledicendo” (22 volte);[5] “dire”, “diucendo/detto” (21 volte);[6] “fruit” (15 volte);[7] “amen” (12 volte);[8] “benedici”, “benedetto”, “benedicendo”, “benedizioni” (12 volte);[9] “dato” (12 volte);[10] “occhio”, “occhi” (10 volte);[11]e “voci” (10 volte).[12]

Interpretazione intrabiblica[modifica | modifica sorgente]

Interpretazione rabbinica classica[modifica | modifica sorgente]

Comandamenti[modifica | modifica sorgente]

Nella liturgia[modifica | modifica sorgente]

Haftarah[modifica | modifica sorgente]

La haftarah della parashah è Isaia 60:1-22. La haftarah è la sesta nel ciclo di sette haftarot di consolazione dopo Tisha b'Av, che precede Rosh Hashanah.

Riferimenti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(EN) (IT) (HE) (YI)

Testi[modifica | modifica sorgente]

Commentari[modifica | modifica sorgente]

Old book bindings.jpg

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ I vocaboli (EN) (IT) possono apparire in varie forme sinonimiche, derivative e alternative - con il testo ebraico a fronte e primo rimando.
  2. ^ Deuteronomio 26:2, 12, 13, 14, 16 (due volte), 18, 19; Deuteronomio 27:1, 3, 8, 9, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26 (due volte); Deuteronomio 28:1 (due volte), 2, 8, 10, 12, 15 (due volte), 20, 25, 26, 32, 33, 37, 40, 42, 45, 47, 48, 52 (4 volte), 55, 57, 58, 60, 64; Deuteronomio 29:2 (4 volte).
  3. ^ Deuteronomio 26:13 (tre volte), 14, 16, 17, 18, Deuteronomio 27:1 (tre volte), 4, 10 (due volte); Deuteronomio 28:1 (due volte), 8, 9, 13 (due volte), 14, 15 (due volte), 45 (due volte); Deuteronomio 29:1.
  4. ^ Deuteronomio 26:15, 18, 19; Deuteronomio 27:1, 9, 11, 12, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26; Deuteronomio 28:9, 10, 32, 64.
  5. ^ Deuteronomioy 27:13, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26; Deuteronomio 28:15, 16 (due volte), 17, 18, 19 (due volte), 20, 45.
  6. ^ Deuteronomio 26:3, 5, 13; Deuteronomio 27:1, 9, 11, 14, 15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26; Deuteronomio 28:67 (due volte).
  7. ^ Deuteronomiop 26:2; Deuteronomio 28:4 (tre volte), 11 (tre volte), 18 (due volte), 33, 40, 42, 51 (due volte), 53.
  8. ^ Deuteronomio 27:15, 16, 17, 18, 19, 20, 21, 22, 23, 24, 25, 26.
  9. ^ Deuteronomio 26:15; Deuteronomio 27:12; Deuteronomio 28:2; 3 (due volte), 4, 5, 6 (due volte), 8 (due volte), 12.
  10. ^ Deuteronomio 26:9, 10, 11, 12, 13, 14, 15; Deuteronomio 28:31, 32, 52, 53; Deuteronomio 29:4.
  11. ^ Deuteronomio 28:31; 32, 34, 54, 56, 65, 67; Deuteronomio 29:2, 3, 4.
  12. ^ Deuteronomio 26:7, 14, 17; Deuteronomio 27:10, 14; Deuteronomio 28:1, 2, 15, 45, 62.


Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ebraismo