James Conlon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

James Conlon (New York, 18 marzo 1950) è un direttore d'orchestra statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Conlon è cresciuto in una famiglia di cinque bambini a Cherry Street, Douglaston, Queens, New York. Sua madre, Angeline L. Conlon, era una scrittrice freelance. Suo padre è stato un assistente del Commissario del Lavoro di New York City durante l'amministrazione di Robert F. Wagner .[1] I suoi fratelli non erano musicalmente inclinati, né lo sono stati i suoi genitori. Quando aveva undici anni, è andato ad una rappresentazione de La traviata da una società amatoriale fondata dalla madre di un amico (Edith Mugdan, la madre del migliore amico di Conlon, Walter Mugdan, e il fondatore della North Shore Opera[2]). Ha chiesto lezioni di musica ed è diventato un corista in un coro di voci bianche in una società opera nel Queens. Ha sognato di essere un tenore, un baritono e ha persino voluto cantare il ruolo di Carmen in un momento. Infine si rese conto che voleva diventare un direttore d'orchestra operistico.[3] Noto per le sue interpretazioni delle opere di Zemlinsky e dei compositori che subirono la persecuzione nazista, come Viktor Ullmann, Pavel Haas, Kurt Weill, Erich Wolfgang Korngold, Karl Amadeus Hartmann, Erwin Schulhoff e Ernst Krenek.

Fra il 1995 ed il 2004, è stato direttore musicale dell'Opéra national de Paris.

Formazione[modifica | modifica sorgente]

Entrò nella Fiorello H. La Guardia High School of Music and Art all'età di quindici a diciotto anni e fu accettato nel Aspen Institute al corso di direzione d'orchestra, e nel settembre 1968 è entrato alla The Juilliard School. Nel 1970, la Juilliard Orchestra fece un educational tour in Europa e fu invitato al Spoleto l'anno dopo come assistente facendo un lavoro di direttore d'orchestra repetiteur, e del coro. Durante quel periodo, ha diretto una performance di Boris Godunov. Ha ricordato che si era innamorato di questa opera in giovane età, e aveva sognato che sarebbe stata la prima opera che avrebbe diretto.[3]

Nel 1972, ad una produzione prevista dalla Juilliard La bohème regista Michael Cacoyannis, il direttore d'orchestra Thomas Schippers mancò improvvisamente. In quel periodo Maria Callas stava facendo una serie di masterclass alla Juilliard e sentì Conlon durante le prove. La Callas suggerì al presidente della Juilliard, Pietro Mennin, che Conlon dirigesse l'opera. James Conlon è stato preparato per mesi da Stanisław Skrowaczewski per dirigere questo concerto.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Conlon ha ricevuto il premio di direzione d'orchestra del American National Orchestra Association e nel 1974 divenne il più giovane direttore d'orchestra impegnato per la sottoscrizione serie New York Philharmonic Orchestra 's. Nel 1976 ha fatto il suo debutto al Metropolitan Opera di New York con Die Zauberflöte e il suo debutto inglese alla Scottish Opera. Sempre al Metropolitan nel 1977 dirige La bohème con Renata Scotto, Plácido Domingo e José van Dam, nel 1978 Tosca (opera)Tosca con José Carreras e Renato Capecchi e La traviata, nel 1979 Carmen ed Aida con Fiorenza Cossotto, nel 1982 Il trovatore con Leontyne Price e Boris Godunov, nel 1988 Khovanshchina, nel 1990 Salomè con Hildegard Behrens e Semiramide con Marilyn Horne e Samuel Ramey, nel 1991 Le nozze di Figaro con Frederica von Stade, nel 1992 Der fliegende Holländer e Jenůfa di Leoš Janáček con Leonie Rysanek, nel 1994 Lady Macbeth del Distretto di Mcensk e Peter Grimes (Britten), nel 1999 Susannah di Carlisle Floyd con Renée Fleming, nel 2002 I dialoghi delle Carmelitane, nel 2005 Un ballo in maschera e la prima assoluta di An American Tragedy di Tobias Picker con Susan Graham e Jennifer Larmore, nel 2006 un concerto con The MET Orchestra nella Carnegie Hall, nel 2009 La damnation de Faust con Ramón Vargas. Fino ad oggi Conlon ha diretto in 269 rappresentazioni al Met.

Nel 1979 ha debuttato al Covent Garden di Londra dirigendo Don Carlos con Renato Bruson e Boris Christoff. Sempre al Royal Opera House nel 1980 dirige Die Zauberflöte con Kiri Te Kanawa, nel 1981 Simon Boccanegra con Sherrill Milnes e Leona Mitchell, nel 1982 Pagliacci con Jon Vickers e Piero Cappuccilli e Cavalleria rusticana e nel 2008 Boris Godunov.

Dopo gli impegni con la Paris Opéra, Maggio Musicale a Firenze, Rotterdam Philharmonic Orchestra e Chicago Lyric Opera, Conlon è diventato direttore principale del Cologne Opera nel 1989. Nel 1996 è stato nominato direttore musicale della Opéra National de Paris mentre prestava servizio anche come direttore musicale della città di Colonia, in Germania.[4]

Dal suo debutto New York Philharmonic nel 1974 su invito di Pierre Boulez, Conlon ha suonato con praticamente tutti i più importanti del Nord America ed europei orchestra. Ha anche suonato con molte delle compagnie d'opera più importanti del mondo, tra cui Teatro alla Scala (Milano), la Royal Opera House di Covent Garden (Londra), la Lyric Opera di Chicago, e il Maggio Musicale Fiorentino (Firenze). Associate per quasi 30 anni con la Metropolitan Opera, dove ha fatto il suo debutto nel 1976, ha diretto più di 250 esibizioni lì, conducendo una vasta gamma di opere da quelle italiane, tedesche, francesi, russe e ceche.

Conlon ha ricoperto vari incarichi importanti europei, tra cui Direttore Principale della Rotterdam Philharmonic (1983-1991), direttore musicale generale della città di Colonia, in Germania (1989-2002), dove è stato contemporaneamente direttore musicale della Gürzenich Orchestra e l'Opera di Colonia, e Direttore Principale del Teatro dell'Opéra National de Paris (1995-2004). La sua permanenza a Parigi è stata la più lunga dal 1939. La sua leadership è stata associata ad un aumento del livello artistico, la produttività complessiva e presenze, che, in un'epoca di diminuzione degli spettatori, è aumentata negli ultimi dieci anni [senza fonte]. A Parigi nel 1995 dirige La bohème, nel 1996 Rigoletto con Ramon Vargas e Andrea Rost e Lohengrin con Gwyneth Jones, nel 1997 Pelléas et Mélisande con José van Dam, Le nozze di Figaro con Barbara Bonney, un concerto sinfonico e La traviata con Angela Gheorghiu, nel 1998 Tristan und Isolde, Carmen (opera) con José Cura, Don Carlo con Samuel Ramey e Le Nain/Der Zwerg di Alexander von Zemlinsky e L'Enfant et les sortilèges, nel 1999 Parsifal (opera), Don Giovanni (opera) con Bryn Terfel, Carol Vaness, Barbara Frittoli e José van Dam, Turandot e Falstaff (Verdi), nel 2000 Les contes d'Hoffmann con Natalie Dessay, Der fliegende Holländer, Nabucco e Don Quichotte di Jules Massenet, nel 2001 Peter Grimes, Wozzeck e Khovanshchina, nel 2002 Macbeth (opera) con Leo Nucci ed Il cavaliere della rosa con Angelika Kirchschlager, Rusalka (Dvořák) con Renée Fleming, Boris Godounov, nel 2003 Perelà, uomo di fumo di Pascal Dusapin, I vespri siciliani con Ferruccio Furlanetto, Salomè ed I maestri cantori di Norimberga, nel 2004 l'Otello di Verdi con Jonas Kaufmann e Bluebeard's Castle di Béla Bartók e nel 2007 Simon Boccanegra.

Nel 1988 dirige la prima esecuzione nella Husher Hall di Edimburgo del Requiem di Verdi.

Nel Teatro alla Scala di Milano nel 1993 dirige Oberon (opera), nel 2000 Wozzeck con Waltraud Meier, nel 2004 nel teatro degli Arcimboldi Eine florentinische Tragödie di Zemlinsky e Gianni Schicchi con Leo Nucci e Matteo Peirone, nel 2005 la prima assoluta di Perelà Suite di Pascal Dusapin trasmesso da Retequattro e nel 2010 Rigoletto.

Nel Teatro Comunale di Firenze nel 1995 dirige la replica di Macbeth (opera) di Giuseppe Verdi, nel 1998 Der Zwerg di Alexander von Zemlinsky e Gianni Schicchi e nel 2004 Kovancina.

Los Angeles Opera[modifica | modifica sorgente]

Dalla stagione 2006-2007, Conlon è il direttore musicale della Los Angeles Opera. Attualmente è anche direttore musicale della Ravinia Festival, ricoprendo questo incarico dal 2005. Conlon continua a essere direttore musicale del Cincinnati May Festival, incarico che ricopre dal 1979. Nel settembre 2007, Conlon ha prolungato il suo contratto con la Los Angeles Opera fino alla stagione 2010-2011[5].

Il suo lavoro a Los Angeles Opera include una serie chiamata "Recovered Voices", un progetto pluriennale durante il quale Conlon porterà la musica dei compositori colpiti dalla Shoah alla Los Angeles Opera. La serie inizia questa stagione con un doppio disegno di Alexander von Zemlinsky 'sDer Zwerge Viktor Ullmann' sDer zebrochene Krug opere, e comprenderà da compositori quali come Schreker e Braunfels, tra gli altri, nelle stagioni future. Sin dall'inizio della sua permanenza a Los Angeles Opera, Conlon ha cercato di stabilire una tradizione wagneriana a Los Angeles.

Nel 2006 dirige un concerto con l'Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna nel Teatro comunale Luciano Pavarotti di Modena.

Nel 2008 dirige due concerti nel Teatro La Fenice di Venezia.

Nel 2010 dirige Niño all'Edinburgh International Festival.

A Los Angeles nel 2011 dirige Eugene Onegin e Così fan tutte e nel 2012 Simon Boccanegra con Plácido Domingo, Albert Herring di Benjamin Britten, I due Foscari con Domingo e Don Giovanni (opera).

Nel 2012 dirige Sogno di una notte di mezza estate (opera) al Teatro dell'Opera di Roma ed al Martin Theatre di Chicago per il Ravinia Festival Die Zauberflöte ed Idomeneo, re di Creta e Don Giovanni con Ildebrando D'Arcangelo.

DVD & BLU-RAY parziale[modifica | modifica sorgente]

  • Puccini, Tosca - Conlon/Pavarotti/Verrett/MET Opera Orch., regia Tito Gobbi 1978 Decca
  • Verdi, Traviata - Conlon/Fleming/Villazón, 2006 Decca
  • Weill: Rise and Fall of the City of Mahagonny - Conlon, McDonald, LuPone, Los Angeles Opera, 2007 EuroArts - Grammy Award for Best Opera Recording 2009

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

[EuroArts 2056258 WEILL, K.: Rise and Fall of the City of Mahagonny (Los Angeles Opera, 2007)]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ The New York Times, January 10, 1987
  2. ^ The New York Times, October 7, 2001
  3. ^ a b San Francisco Symphony
  4. ^ http://news.boisestate.edu/newsrelease/archive/2005/042005/0415silenced.html Boise State University newrelease(2005 rif )
  5. ^ Matthew Westphal, James Conlon di rimanere direttore musicale a Los Angeles Opera Attraverso 2010-11, 10 settembre 2007. URL consultato il 2007/09/25.

Controllo di autorità VIAF: 98521729 LCCN: n86065342