Tatiana Troyanos

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Tatiana Troyanos (New York, 12 settembre 1938New York, 21 agosto 1993) è stata un mezzosoprano statunitense.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nata a New York, Tatiana Troyanos studiò alla Forest Hills High School, a Forest Hills, New York. Alla scuola secondaria le affibbiarono il soprannome di « Totsie ».

Dopo un'apparizione nel coro del musical The Sound of Music, Troyanos fece il suo debutto nel 1963 alla New York City Opera nel ruolo di Hippolyta nel A Midsummer Night's Dream, di Benjamin Britten su un lavoro di Shakespeare. L'anno seguente, cantò nel ruolo di Marina Mnichek in una produzione di Boris Godounov.

Nel 1967 canta nella prima esecuzione assoluta a New York di "Triplum I" di Gunther Schuller e nella prima rappresentazione di "The Visitation" di Gunther Schuller diretta dal compositore.

Nel 1968 è Dorabella in Così fan tutte con Cristina Deutekom al Teatro La Fenice di Venezia ed Il compositore in Ariadne auf Naxos al King's Theatre di Edimburgo. Al Royal Opera House di Londra nello stesso anno è Octavian in Der Rosenkavalier di Richard Strauss, Carmen con Mirella Freni nel 1970 e con Kiri Te Kanawa nel 1974.

Nel 1969 è Jeanne nella première nella Staatsoper di Amburgo di "Die Teufel von Loudun" di Krzysztof Penderecki ed Octavian nella ripresa nel Großes Festspielhaus di Salisburgo di "Der Rosenkavalier" con Edith Mathis e Christa Ludwig diretta da Karl Böhm.

Al Grand Théâtre di Ginevra è Carmen nel 1970 e Dalila in Samson et Dalila nel 1973.

Nel 1972 è Octavian in Der Rosenkavalier nella ripresa nel Teatro Massimo di Palermo; l'anno successivo nello stesso teatro è Carmen. Nel 1975 è Joan Seymour nella prima rappresentazione nel Civic Opera House di Dallas di "Anna Bolena" di Gaetano Donizetti con Renata Scotto.

Nel 1975 al San Francisco Opera è Poppea ne L'Incoronazione di Poppea ed Adalgisa in Norma con Cristina Deutekom.

Nel 1976 debutta nel Metropolitan Opera House di New York come Oktavian nella ripresa di "Der Rosenkavalier" con Luciano Pavarotti. Nello stesso anno è Il compositore in Ariadne auf Naxos con Montserrat Caballé, Carmen al Hynes Civic Auditorium di Boston nel Massachusetts, nello State Fair Music Hall di Dallas nel Texas, a Minneapolis nel Minnesota ed a Detroit nel Michigan, Amneris in Aida e diviene un pilastro della Metropolitan Opera osannata in tutto il mondo per il timbro unico e sensuale della sua voce, le sue filature, la polivalenza e la bellezza delle sue interpretazioni, e le sue grandi doti di attrice.

Sempre al Met nel 1977 è la Contessa Geschwitz in Lulu, nel 1978 è Santuzza in Cavalleria rusticana e Venus in Tannhäuser con Kurt Moll e Kathleen Battle, nel 1979 è Charlotte in Werther con la Battle e Hänsel in Hänsel und Gretel, nel 1980 è la Principessa Eboli in Don Carlo con Renata Scotto e Kundry in Parsifal, nel 1981 Brangania in Tristan und Isolde, Adalgisa in Norma con Plácido Domingo e Jocasta in Oedipus Rex, nel 1982 canta nel Troyanos - Domingo - Levine Concert e con Domingo è Giulietta in Les Contes d'Hoffmann e Dido in Les Troyens, nel 1984 è Sesto ne La Clemenza di Tito, nel 1986 Orlofsky in Die Fledermaus con Kiri Te Kanawa, nel 1988 è Giulio Cesare con la Battle, nel 1990 è Dorabella in Così fan tutte, nel 1990 è Isabella nella prima mondiale di The Voyage di Philip Glass, nel 1993 è Waltraute ne Il crepuscolo degli dei. Complessivamente la Troyanos in diciassette anni ha partecipato a duecentosettanta rappresentazioni al Met.

Al San Francisco Opera è Santuzza in Cavalleria rusticana con Placido Domingo nel 1976, Amneris in Aida con Bonaldo Giaiotti ed Il compositore in Ariadne auf Naxos con Leontyne Price nel 1977, debutta il ruolo di Giulio Cesare nell'opera omonima nel 1982, Dorabella in Così fan tutte con Pilar Lorengar nel 198 ed infine Clairon in Capriccio (Strauss) con Kiri Te Kanawa nel 1993.

Al San Diego Opera è Adalgisa in Norma con Beverly Sills nel 1976 e tiene un recital allo Sherwood Auditorium nel 1988.

Al Teatro alla Scala di Milano è Adalgisa nella prima rappresentazione di Norma con la Caballé nel 1977 è tiene un recital nel 1986.

Nel 1979 è Sesto nella ripresa nella Felsenreitschule di Salisburgo di "La clemenza di Tito" di Wolfgang Amadeus Mozart.

Agli inizi degli anni ottanta, ella cantò in diverse inaugurazioni di stagione, quasi sempre nel ruolo di Adalgisa in Norma di Vincenzo Bellini (con Renata Scotto nel ruolo della protagonista), in Octavian nel Le Chevalier à la Rose di Richard Strauss, e in Didone ne Les Troyens d'Hector Berlioz.

Al Grand Théâtre di Ginevra è Giulio Cesare nel 1983, Ariodante nel 1986 e tiene un recital nel 1988.

Nel 1984 è Monna Vanna nella première postuma in concerto a Saratoga di "Monna Vanna" di Serghjej Vasiljevich Rachmaninov.

Nel 1985 è Romeo ne I Capuleti e i Montecchi con Katia Ricciarelli al Royal Opera House di Londra.

Troyanos seppe tradurre in maniera eccezionale personalità e stile di personaggi fra i più diversi, fra i quali Carmen con la direzione di Sir Georg Solti, Cherubino ne Le nozze di Figaro dirette da Karl Böhm nel 1968, Anita in West Side Story di Leonard Bernstein, e Judith in Il castello di Barbablù di Bartók.

La sua splendita carriera è stata troncata in giovane età in quanto la Troyanos (contralto-soprano-mezzosoprano) morì a New York, all'età di 54 anni, per un tumore al seno. Ella era riuscita a dissimulare la malattia a quasi tutti i suoi colleghi di lavoro. La sua salma venne inumata al cimitero "Pine pelouse" di Long Island. La Troyanos, assieme a Lucia Popp e Arleen Auger, fu una delle tre cantanti liriche famose a morire di cancro nel 1993, tutte all'età di 54 anni. Nel 1994, la Metropolitan Opera diede un concerto in memoria di Tatiana Troyanos, nel corso del quale il direttore musicale James Levine disse: « L'idea che siamo riuniti qui per rendere omaggio alla memoria di Tatiana Troyanos è incomprensibile. Il significato di questa celebrazione è che la nostra famiglia del Metropolitan Opera, ha perso una delle artiste più importanti ed amate della sua intera storia. »

Discografia selettiva[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

(EN) Necrologio sul New York Times, 23 agosto 1993

Controllo di autorità VIAF: 46947945 LCCN: n84130981