Henryk Sienkiewicz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Per i suoi notevoli meriti come scrittore epico[1] »
(Motivazione del Premio Nobel)
Henryk Adam Aleksander Pius Sienkiewicz
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la letteratura 1905

Henryk Adam Aleksander Pius Sienkiewicz (IPA: [ˈxɛnrɨk ˈadam alɛˈksandɛr ˈpʲus ɕɛŋˈkʲevʲit͡ʂ]) (Wola Okrzejska, 5 maggio 1846Vevey, 15 novembre 1916) è stato uno scrittore e giornalista polacco. È l'autore del celebre romanzo Quo vadis?, per il quale ha ricevuto nel 1905 il Premio Nobel per la letteratura.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque da Józef Sienkiewicz (1813–1896), di remote origini tatare, e da Stefania Cieciszowska (1820–1873) nel paese di Wola Okrzejska, nella Polonia orientale, allora dominata dall'Impero Russo.

Nel 1866, terminato il ginnasio, s'iscrisse al dipartimento di giurisprudenza, nella Scuola Centrale di Varsavia, per poi cambiare e frequentare i corsi di medicina. Finì quindi col laurearsi in lettere, come aveva sognato fin dall'inizio[2]. A Varsavia fu recensore in alcune riviste e divenne in seguito articolista dei quotidiani Gazeta Polska e Czas, firmandosi con lo pseudonimo di Litwos.

Pochi anni dopo, pubblicò il suo primo romanzo, Invano (Na marne) e, successivamente, uscì a puntate la storia dei protagonisti della Trilogia: Il diluvio (Potop), Col ferro e col fuoco (Ogniem i mieczem) e Il signor Wołodyjowski (Pan Wołodyjowski), che ebbero ampia diffusione in Polonia, visti come speranza d'indipendenza e liberazione dalla schiavitù nazionale.

Ormai famoso nella sua terra, Henryk decise di compiere alcuni viaggi all'estero. Andò infatti in Russia, Germania, Francia, Svizzera, Grecia, Turchia, Egitto, India, Stati Uniti ed Italia, paese in cui tornava sempre volentieri e che considerava quasi una seconda patria.[3]

Fu l'Italia, inoltre, a dargli lo spunto per la sua opera più famosa, Quo vadis?. Preso domicilio a Roma nel 1893 all'hotel in via Bocca di Leone, ebbe come guida il pittore polacco Henryk Siemiradzki, che viveva là da molti anni. Fu quest'ultimo a mostrare a Sienkiewicz, tra la via Appia Antica e la via Ardeatina, la cappella nel cui ammattonato c'era un pezzo della vecchia strada con l'impronta di un piede; fu lì che, secondo la tradizione e l'apocrifo degli Atti di Pietro, Cristo avrebbe incontrato Pietro in fuga da Roma e risposto al quesito dell'apostolo: «Domine, quo vadis?».

Henryk Sienkiewicz morì il 15 novembre 1916 nell'hotel Du Lac, nella città svizzera di Vevey. Il 27 novembre dello stesso anno, le sue spoglie furono deposte nel sottosuolo della cattedrale di Varsavia.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

  • Sul muro dell’hotel in via Bocca di Leone si trova una lapide commemorativa, murata nel 1966, (nel cinquantesimo anniversario della morte di Sienkiewicz) con la seguente dicitura: «Henryk Sienkiewicz, scrittore e patriota polacco, epico narratore delle eroiche gesta della sua nazione, re del romanzo "Quo vadis?", premio Nobel per la letteratura, dimorò in questo albergo nell’anno 1893, nel cinquantenario della sua morte, Polacchi ed Italiani posero».
  • Il suo nome fu dato ad una delle piazza di Villa Borghese.
  • In Porta Pinciana, a Roma, gli è stata dedicata una piazza.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Premio Nobel del 1905. URL consultato il 1 febbraio 2011.
  2. ^ In proposito, disse: "Le lettere è la disciplina fatta quasi per me: ci vogliono solo la memoria e la fandonia, due doti che credo di avere entrambe", citato in Biografia di Sienkiewicz
  3. ^ Nel racconto Le chiare sponde (Na jasnym brzegu) il protagonista proferisce: "E come si potrebbe non amare Italia? [...] Io credo che ogni uomo abbia due patrie; l’una è la sua personale, più vicina, e l’altra: Italia"

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 24608122 LCCN: n50024588