Johannes Vilhelm Jensen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Johannes Vilhelm Jensen
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la letteratura 1944

Johannes Vilhelm Jensen, noto anche come Johannes V. Jensen (Farsø, 20 gennaio 1873Copenaghen, 25 novembre 1950), è stato uno scrittore e poeta danese, spesso considerato il primo grande scrittore danese del XX secolo. Vinse il Premio Nobel per la letteratura nel 1944. Una delle sue sorelle, Thit Jensen, fu anch'essa una nota scrittrice oltre che una delle prime femministe.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Farsø, un villaggio situato nello Jutland settentrionale, in Danimarca. Era figlio di un chirurgo veterinario e crebbe in campagna. Mentre studiava medicina all'Università di Copenaghen, lavorò come giornalista. Dopo 3 anni di studio decise però di cambiare carriera e di diventare uno scrittore.

Le sue prime opere vennero influenzate dal pessimismo fin-de-siècle. La sua prima opera fu Himmerlandshistorier (1898-1910), una raccolta di racconti ambientati nella regione della Danimarca dove era nato. Tra il 1900 e 1901 scrisse il suo primo capolavoro, Kongens Fald, un romanzo storico sul re Cristiano II di Danimarca e sulla riluttanza all'azione «caratteristicamente danese».

Nel 1906 Jensen scrisse Digte 1906, il primo poema in prosa nella letteratura danese. Scrisse anche poesie, alcune opere teatrali, molti saggi, soprattutto sull'antropologia e sulla filosofia dell'evoluzione.

Sviluppò le sue teorie sull'evoluzione in un ciclo di sei romanzi, Den lange rejse (1908-22) che venne pubblicato in un'edizione in due volumi nel 1938. Quest'opera viene generalmente considerata la sua opera in prosa in principale e anche come un tentativo di creare un'alternativa Darwiniana al mito della genesi biblica. In quest'opera vediamo l'evoluzione dell'umanità dall'era glaciale ai tempi di Colombo.

Come il suo compatriota Hans Christian Andersen, viaggiò molto; un viaggio negli Stati Uniti ispirò un suo poema, "Paa Memphis Station". Walt Whitman fu uno degli scrittori che influenzarono Jensen.

Le opere più note di Jensen vennero tutte scritte prima del 1920. Da quell'anno in poi si concentrò per lo più in ambiziosi studi biologici e zoologici nel tentativo di creare un sistema etico basato sulle idee Darwiniane.

Per alcuni anni lavorò anche come giornalista. Oggi Jensen è ancora considerato il padre del modernismo danese per l'introduzione in Danimarca del poema in prosa e l'uso di un linguaggio diretto e chiaro.

Johannes Vilhelm Jensen non deve essere confuso con Wilhelm Jensen (1837-1911), scrittore tedesco, il cui racconto Gradiva (1903) divenne noto per essere stato analizzato da Sigmund Freud in Il delirio e i sogni nella 'Gradiva' di Wilhelm Jensen.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Danskere, 1896
  • Einar Elkjær, 1898
  • Himmerlandsfolk, 1898
  • Intermezzo, 1899
  • Kongens Fald, 1900-1901 - The Fall of the King
  • Den gotiske renæssance, 1901
  • Skovene, 1904
  • Nye Himmerlandshistorier, 1904
  • Madame d'Ora, 1904
  • Hjulet, 1904
  • Digte, 1906
  • Eksotiske noveller, 1907-15
  • Den nye verden, 1907
  • Singaporenoveller, 1907
  • Myter, 1907-45
  • Nye myter, 1908
  • Den lange rejse, 1908-22 - The Long Journey - I: Den tabte land, 1919; II: Bræen, 1908; Norne Gæst, 1919; IV: Cimbrernes tog, 1922; V: Skibet, 1912; VI: Christofer Columbus, 1922
  • Lille Ahasverus, 1909
  • Himmerlandshistorier, Tredje Samling, 1910
  • Myter, 1910
  • Nordisk ånd, 1911
  • Myter, 1912
  • Rudyard Kipling, 1912
  • Olivia Marianne, 1915
  • Introduktion til vor tidsalder, 1915
  • Skrifter, 1916 (8 vols.)
  • Årbog, 1916, 1917
  • Johannes Larsen og hans billeder, 1920
  • Sangerinden, 1921
  • Den lange rejse, 1922-24 - The Long Journey
  • Æstetik og udviking, 1923
  • Årstiderne, 1923
  • Hamlet, 1924
  • Myter, 1924
  • Skrifter, 1925 (5 vols.)
  • Evolution og moral, 1925
  • Årets højtider, 1925
  • Verdens lys, 1926
  • Jørgine, 1926
  • Thorvaldsens portrætbuster, 1926
  • Dyrenes forvandling, 1927
  • Åndens stadier, 1928
  • Ved livets bred, 1928
  • Retninger i tiden, 1930
  • Den jyske blæst, 1931
  • Form og sjæl, 1931
  • På danske veje, 1931
  • Pisangen, 1932
  • Kornmarken, 1932
  • Sælernes ø, 1934
  • Det blivende, 1934
  • Dr. Renaults fristelser, 1935
  • Gudrun, 1936
  • Darduse, 1937
  • Påskebadet, 1937
  • Jydske folkelivsmalere, 1937
  • Thorvaldsen, 1938
  • Nordvejen, 1939
  • Fra fristaterne, 1939
  • Gutenberg, 1939
  • Mariehønen, 1941
  • Vor oprindelse, 1941
  • Mindets tavle, 1941
  • Om sproget og undervisningen, 1942
  • Kvinden i sagatiden, 1942
  • Folkeslagene i østen, 1943
  • Digte 1901-43, 1943
  • Møllen, 1943
  • Afrika, 1949
  • Garden Colonies in Denmark, 1949
  • Swift og Oehlenschläger, 1950
  • Mytens ring, 1951
  • Tilblivelsen, 1951
  • The Waving Rye, 1959 (tr. R. Bathgate)

Opere in inglese/americano[modifica | modifica wikitesto]

  • The Long Journey, vol 1-3, (Fire and Ice; The Cimbrians; Christopher Columbus) New York, 1924.
  • The Fall of the King, 1933.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 2484909 LCCN: n82161714