Sinclair Lewis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Harry Sinclair Lewis
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la letteratura 1930

Harry Sinclair Lewis (Sauk Centre, 7 febbraio 1885Roma, 10 gennaio 1951) è stato un romanziere e drammaturgo statunitense. Fu il primo statunitense a vincere il Premio Nobel per la letteratura nel 1930, "per la sua arte descrittiva vigorosa e grafica e per la sua abilità nel creare, con arguzia e spirito, nuove tipologie di personaggi". I suoi lavori sono conosciuti per le loro visioni sagaci e critiche della società statunitense e dei valori capitalistici. Il suo stile è, allo stesso tempo, comico, satirico e tuttavia comprensivo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Cronologia


  • 1885 Nasce a Saunk Centre, in Minnesota
  • 1891 Muore la madre.
  • 1902 Frequenta l'Oberlin College in Ohio.
  • 1903-1908 Frequenta l'Università Yale, lavora come redattore di un Giornale Letterario, è impiegato su navi per bestiame per due estati, svolge altri lavori temporanei, si laurea nel 1908.
  • 1908-1915 Viaggia attraverso gli Stati Uniti, lavora presso case editrici a New York.
  • 1912 Pubblica Hike and the Aeroplane (primo libro, un racconto d'avventura per ragazzi).
  • 1914 Sposa Grace Hegger. Pubblica Our Mr.Wrenn.
  • 1917 Pubblica The Job e The Innocents. Nasce il figlio Wells.
  • 1919 Pubblica Free Air.
  • 1920 Pubblica La via principale (Main Street), primo grande successo commerciale.
  • 1922 Pubblica Babbitt.
  • 1925 Pubblica Il dottor Arrowsmith (Arrowsmith).
  • 1926 Pubblica Mantrap. Riceve il Premio Pulitzer per Arrowsmith ma lo rifiuta. Muore il padre.
  • 1927 Pubblica Elmer Gantry.
  • 1928 Pubblica L'uomo che conobbe Coolidge (The Man Who Knew Coolidge). Divorzia da Grace Hegger, sposa la giornalista Dorothy Thompson.
  • 1929 Pubblica Dodsworth.
  • 1930 Nasce il figlio Michael. Riceve il Premio Nobel per la Letteratura il 5 novembre (primo statunitense ad esserne insignito).
  • 1933 Pubblica Anna Vickers (Ann Vickers).
  • 1934 Pubblica Work of Art. Assiste Sidney Howard nell'adattamento diDodsworth per il palcoscenico.
  • 1935 Pubblica Qui non può accadere (It Can't Happen Here) e Selected Stories.
  • 1936-1942 Scrive molti pezzi per il teatro e recita in alcuni di essi.
  • 1938 Pubblica The Prodigal Parents.
  • 1940 Pubblica Bethel Merriday. Insegna per breve tempo a Madison presso l'Università del Wisconsin.
  • 1942 Divorzia dalla moglie Dorothy Thompson.
  • 1943 Pubblica Gideon Planish.
  • 1944 Il figlio, Tenente Wells Lewis viene ucciso da un cecchino nella valle del Piedmont, Francia (vicino l'Alsazia-Lorena) durante la Seconda guerra mondiale.
  • 1945 Pubblica Il giudice Timberlane (Cass Timberlane).
  • 1947 Pubblica Sangue reale (Kingsblood Royal).
  • 1949 Pubblica Il cercatore di dio (The God Seeker).
  • 1951 Muore a Roma di cardiopatia. Viene sepolto nel cimitero Greenwood, Minnesota. Pubblicazione postuma di World So Wide.

Harry Sinclair Lewis, nato a Sauk Centre in Minnesota da Edwin J. Lewis e da Emma Kermott, in giovane età cominciò a leggere libri e iniziò a tenere un diario. Sognatore, all'età di 13 anni andò via di casa, senza successo, per diventare un tamburino nella Guerra ispano-americana. Nel 1908 si laureò all'Università di Yale. Cominciò la sua carriera di scrittore producendo poesia romantica, seguita poi da racconti romanzati, aventi per protagonisti cavalieri e belle donzelle. Il primo libro di Lewis ad essere pubblicato fu Hike and the Aeroplane, nel 1912, firmato con lo pseudonimo Tom Graham. Prima del 1921 aveva pubblicato sei romanzi.

Lewis era conosciuto per dare forte caratterizzazione alle donne lavoratrici moderne e per l'interesse per la razza. Alcuni dei suoi libri più famosi sono La via principale (Main Street, 1920) e Babbitt (1922). Vinse il Premio Pulitzer nel 1926 — che rifiutò — per Arrowsmith, un romanzo avente per protagonista uno scienziato idealista. Elmer Gantry (1927) è il racconto di un evangelista opportunista, se non di un ciarlatano; questo libro fu censurato a Boston e in altre città statunitensi. Anche La via principale, Babbitt, Sangue reale (Kingblood Royal), e Cass Timberlane furono presto o tardi messi al bando. Nel suo discorso alla cerimonia della consegna del Nobel, lamentò che "in America la maggior parte di noi — non solo i lettori, ma anche gli scrittori — ha ancora paura della letteratura che non è glorificazione di tutto ciò che è Statunitense, un'esaltazione dei nostri difetti così come delle nostre virtù", e che gli Stati Uniti sono "il più contraddittorio, deprimente, emozionante Paese al mondo oggigiorno".

Nel 1928 sposò la giornalista Dorothy Thompson, dalla quale, nel 1930, ebbe un figlio, Michael Lewis, che in seguito divenne attore.

Inquieto, Lewis viaggiò molto e negli anni venti trascorse del tempo con altri grandi artisti nel quartiere di Montparnasse a Parigi, dove venne fotografato da Man Ray. La sua ultima grande opera fu Qui non è possibile (It Can't Happen Here), un romanzo distopico di fantapolitica che narra dell'elezione di un fascista come presidente degli Stati Uniti.

L'alcol giocò un ruolo dominante nella sua vita; morì per gli effetti di un alcolismo avanzato[senza fonte] a Roma nel 1951.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Romanzi[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Schorer M. Sinclair Lewis: An American life, 1961
  • Grebstei S. Sinclair Lewis, 1962
  • Dooley DJ. The art of Sinclair Lewis, 1967
  • Light M. The quixotic vision of Sinclair Lewis, 1975

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 39380311 LCCN: n79023149