Mo Yan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Mo Yan[1] (in cinese: 莫言, in pinyin: Mò Yán), pseudonimo di Guan Moye (in cinese semplificato: 管谟业, in cinese tradizionale: 管謨業, in pinyin: Guǎn Móyè; Gaomi, 17 febbraio 1955) è uno scrittore e saggista cinese. È considerato il più importante scrittore cinese contemporaneo. Ha vinto il Premio Nobel per la Letteratura nel 2012.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È autore di sette romanzi, tra cui Sorgo rosso, una dozzina di racconti e numerose storie brevi, ambientati nella sua provincia d'origine: lo Shandong.
Dai primi due capitoli di Sorgo rosso ha ricavato la sceneggiatura per l'omonimo film di Zhāng Yìmóu, vincitore dell'Orso d'Oro al Festival di Berlino nel 1988.

Nel 1997 ha vinto il prestigioso premio annuale dell'Associazione Scrittori Cinesi (中国作家协会, pinyin: Zhōngguó Zuòjiā Xiéhuì), a cui corrisponde una elargizione di 100.000 renminbi.

Nel 2005 ha vinto il premio Nonino per la letteratura internazionale.

Mo Yan, nel 2007, ha tenuto un incontro in Italia con gli studenti di letteratura cinese dell'Università Kore di Enna, e ha presenziato alla Fiera del Libro di Torino, in qualità di scrittore di rilevanza internazionale.

Nell'estate del 2010 è stato ospite del Festival letterario "L'isola delle Storie" di Gavoi, in Sardegna.

Nel 2011 Mo Yan vinse il premio Mao Dun - intitolato all'omonimo celebre scrittore - premio a scadenza quadriennale promosso dall'Associazione Scrittori Cinesi e dedicato ai romanzi lunghi (mentre per la poesia e le novelle brevi la stessa associazione attribuisce i premi intitolati a Lu Xun).

L'11 ottobre 2012 l'Accademia Svedese gli ha conferito il Premio Nobel per la letteratura con la motivazione, riguardo alla qualità sua opera "che con un realismo allucinatorio fonde racconti popolari, storia e contemporaneità". È il secondo cinese a ricevere questo riconoscimento dopo Gao Xingjian, premiato nel 2000, anche se proprio quest'ultimo risiede ormai da un lungo periodo in Francia.

Bibliografia in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia di opere ancora non tradotte[modifica | modifica wikitesto]

  • 透明的红萝卜 (Touming de hong luobo) Rossa radice cristallina
  • 食草家族 (Shicao jiazu) Il clan dei mangiatori d'erba
  • 酒国 (Jiu guo) Il paese del vino
  • 十三步 (Shisan bu) Tredici passi
  • 红树林 (Hong shulin) Foresta rossa
  • 四十一炮 (Sishiyi pao) Quarantun cannonate

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mo Yan, in cinese classico, significa "non parlare".

Controllo di autorità VIAF: 86448126 LCCN: n/86/75796