Atti di Pietro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Atti di Pietro
Datazione 150-200
Attribuzione Leucio Carino
Luogo d'origine Asia Minore
Fonti Atti di Giovanni
Tema predicazione e martirio di Pietro apostolo

Gli Atti di Pietro un testo cristiano composto in greco nella seconda metà del II secolo, che narra della predicazione, dei miracoli e della morte di Pietro apostolo. La tradizione indica come autore un certo Leucio Carino, discepolo dell'apostolo Giovanni, che avrebbe composto anche altri Atti apocrifi, compresi nel cosiddetto "ciclo leuciano" (Atti di Pietro, Giovanni, Andrea, Tommaso, Paolo); secondo gli studiosi moderni fu scritto sulla base degli Atti di Giovanni.

Dal punto di vista canonico, è considerato un apocrifo del Nuovo Testamento.

Contenuto[modifica | modifica sorgente]

Il testo descrive predicazione e miracoli di Pietro (tra i quali il suo duello con Simon Mago) e il suo martirio per crocifissione a testa in giù.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Richardus Adelbertus Lipsius et Maximilian Bonnet ediderunt: Acta apostolorum apokryphae, pars prior, post Constantinum Tischendorf, Lipsia apud Hermann Mendelsohn MDCCXCI. Textus graecus et latinus.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

apocrifi Portale Apocrifi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di apocrifi