Brede Hangeland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Brede Hangeland
Brede Hangeland.jpg
Dati biografici
Nome Brede Paulsen Hangeland
Nazionalità Norvegia Norvegia
Altezza 199 cm
Peso 92 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Difensore
Squadra Fulham Fulham
Carriera
Giovanili
1998-2000 Vidar Vidar
Squadre di club1
2000-2005 Viking Viking 114 (6)
2006-2008 Copenaghen Copenaghen 63 (3)
2008- Fulham Fulham 207 (8)
Nazionale
2001-2003
2002-
Norvegia Norvegia U-21
Norvegia Norvegia
12 (0)
90 (4)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 marzo 2014

Brede Paulsen Hangeland (Houston, 20 giugno 1981) è un calciatore norvegese, difensore del Fulham e della Nazionale norvegese di cui è capitano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Hangeland nacque negli Stati Uniti poiché suo padre, lavorante per una compagnia petrolifera, dovette trasferirsi con la famiglia a Houston per due anni.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Viene utilizzato, solitamente, come difensore centrale.

Roy Hodgson lo schierò anche da centrocampista, definendolo un calciatore di contenimento.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Viking[modifica | modifica sorgente]

Hangeland debuttò nell'Eliteserien il 16 aprile 2001: fu schierato a centrocampo nella sfida contro il Rosenborg, vinta per quattro a tre; fu sostituito da Trygve Nygaard a circa dieci minuti dalla fine dell'incontro.[2] Il 20 settembre dello stesso anno esordì nelle competizioni europee per club, giocando nel primo turno della Coppa UEFA 2001-2002 contro il Kilmarnock: la partita si concluse con un pareggio per uno a uno.[3] Alla sua prima stagione al Viking, Hangeland vinse la Coppa di Norvegia 2001. Giocò infatti da titolare nel tre a zero inflitto al Bryne, che permise al club di aggiudicarsi il trofeo.[4]

L'8 maggio 2002 arrivò il primo gol nella massima divisione norvegese: fu autore di una delle marcature che permisero alla sua squadra di imporsi per quattro a uno sul Vålerenga.[5] Al termine del campionato 2002, fu nominato per il premio Kniksen assieme ad Ole Gunnar Solskjær e André Bergdølmo.[6] Fu però Bergdølmo a ricevere il premio.[7] In seguito, Hangeland fu nominato capitano del club.[8]

Copenaghen[modifica | modifica sorgente]

Il 16 gennaio 2006 fu acquistato dal Copenaghen.[9] Firmò un contratto della durata di tre anni e mezzo.[9] Esordì nella Superligaen il 12 marzo, schierato dal primo minuto nella sconfitta per tre a zero in casa del Brøndby.[10] Il 26 luglio debuttò nella Champions League 2006-2007: fu infatti titolare nel successo per due a zero sul MyPa, nel secondo turno preliminare della competizione.[11] Il 9 agosto segnò la prima rete nella competizione, nella sconfitta casalinga per due a uno contro l'Ajax.[12]

Formò, assieme al compagno Michael Gravgaard, una delle difese più forti del campionato danese: i due, particolarmente abili nel gioco aereo per via della notevole stazza, furono soprannominati Copenaghen Air Force.[13]

Con questo club, vinse due edizioni del campionato e una Royal League.

Fulham[modifica | modifica sorgente]

Il 18 gennaio 2008, Hangeland fu acquistato dal Fulham.[14] Si legò al club londinese con un contratto della durata di tre anni e mezzo.[14] Il prezzo del cartellino del difensore non fu rivelato.[15] Ai Cottagers ritrovò Roy Hodgson ed Erik Nevland, entrambi conosciuti durante la sua avventura al Viking. Hangeland dichiarò che sapeva che l'esperienza in Champions League con il Copenaghen lo avrebbe aiutato nell'ambientamento nel campionato inglese.[1] Debuttò nella Premier League il 29 gennaio, nel pareggio a reti inviolate contro il Bolton: fu scelto da Sky Sports come migliore in campo.[16][17] La squadra raggiunse la salvezza in campionato, anche grazie all'apporto del norvegese. A fine stagione, si sparse la voce che Hangeland sarebbe stato tra i papabili per ricoprire il ruolo di nuovo capitano della squadra, vista la partenza di Brian McBride.[18] Lo stesso Hodgson dichiarò che il difensore sarebbe potuto essere un buon capitano, ma aggiunse che avrebbe avuto bisogno di più tempo per integrarsi nel gruppo.[19]

Hangeland con la maglia del Fulham.

Il 23 agosto segnò la prima rete nella massima divisione inglese, che sancì la vittoria per uno a zero contro l'Arsenal.[20] Il campionato 2008-2009 fu quello della sua consacrazione: sfoderò numerose prestazioni positive e si affermò come uno dei centrali difensivi più forti della Premier League.[21]

In estate, Hodgson dichiarò di non voler cedere il difensore norvegese e di avergli anzi offerto un prolungamento contrattuale.[22] Il 22 ottobre segnò la seconda rete per il Fulham, nel pareggio casalingo per uno a uno contro la Roma, in un match valido per l'Europa League 2009-2010: su un calcio d'angolo battuto da Bjørn Helge Riise, il difensore saltò più in alto di tutti e superò un Doni tutt'altro che esente da colpe.[23] Il 6 novembre 2009 fu premiato come miglior calciatore norvegese.[24] Il 27 novembre rinnovò il suo accordo con il Fulham fino al 2013.[25] Il 25 febbraio 2010 segnò nuovamente in Europa League, questa volta nel pareggio per uno a uno in casa dello Šachtar che consentì il passaggio del turno al club inglese.[26] Fu così tra i protagonisti dell'avventura europea del club, che arrivò fino alla finale giocando 18 partite (e Hangeland scese in campo in 16 di questi).[27] Nella finale contro l'Atlético Madrid, però, deviò il tiro d'esterno di Diego Forlán che portò in vantaggio per due a uno gli iberici, che si aggiudicarono il trofeo con questo punteggio.[28]

Il 22 agosto 2010 fu protagonista della gara contro il Manchester United: realizzò infatti un'autorete che consentì ai Red Devils di portarsi momentaneamente in vantaggio.[29] Nei minuti finali, però, sfruttò un calcio d'angolo battuto da Damien Duff e colpì il pallone di testa, battendo Edwin van der Sar e siglando il gol del definitivo due a due.[30] A dicembre, fu inserito dall'UEFA nella rosa dei possibili giocatori da votare per formare la Top 11 della stagione.[31]

Il 28 marzo 2013 rinnovò l'accordo che lo legava al Fulham per altri due anni.[32]

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Hangeland giocò 12 partite per la Norvegia Under-21, senza reti all'attivo.[33] Debuttò il 25 aprile 2001, sostituendo Erlend Hanstveit nel pareggio per due a due contro il Portogallo Under-21.[34]

Esordì nella Nazionale maggiore il 20 novembre 2002: fu titolare nel successo in amichevole per uno a zero in casa dell'Austria.[35] Il 6 settembre 2003 disputò il primo match nelle qualificazioni al campionato d'Europa 2004, quando gli scandinavi furono sconfitti per uno a zero dalla Bosnia ed Erzegovina a Sarajevo.[36] La Norvegia mancò però la qualificazione alla fase finale del torneo.

Partecipò più attivamente alla campagna di qualificazione per il campionato del mondo 2006, giocando anche nei play-off contro la Rep. Ceca, da cui i norvegesi uscirono sconfitti.[37][38]

La selezione scandinava mancò l'accesso alla fase finale anche al campionato d'Europa 2008. Ad agosto di quell'anno, però, Hangeland fu nominato dal commissario tecnico Åge Hareide come nuovo capitano della Nazionale.[39] Giocò il primo match con la fascia il 20 agosto, nel pareggio in amichevole a Dublino contro l'Irlanda per uno a uno.[40]

Dopo aver mancato l'approdo alla fase finale del campionato del mondo 2010, la Norvegia si concentrò sulle qualificazioni per il campionato d'Europa 2012. Il 3 settembre 2010, Hangeland segnò la prima rete in Nazionale: fu autore del gol del momentaneo uno a uno contro l'Islanda e la sua squadra si aggiudicò poi l'incontro grazie al vantaggio siglato da Mohammed Abdellaoue.[41]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 5 marzo 2014.

Stagione Club Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Supercoppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2001 Norvegia Viking ES 22 0 CN 7 0 CU 4 0 - - - 33 0
2002 ES 26 2 CN 7 0 CU 4 0 - - - 37 2
2003 ES 26 1 CN 6 0 - - - - - - 32 1
2004 ES 14 3 CN 0 0 - - - - - - 14 3
2005 ES 26 0 CN 3 0 CU 10 0 - - - 39 0
Totale Viking 114 6 23 0 18 0 - - 155 6
gen.-mag. 2006 Danimarca Copenaghen SL 13 1 CD 1 0 CU 0 0 - - - 14 1
2006-2007 SL 32 0 CD 6 1 UCL 10 1 - - - 48 2
2007-gen. 2008 SL 18 2 CD 2 0 UCL+CU 4+5 0 - - - 29 2
Totale Copenaghen 63 3 9 1 19 1 - - 91 5
gen.-giu. 2008 Inghilterra Fulham PL 15 0 FA+LC 0 0 - - - - - - 15 0
2008-2009 PL 37 1 FA+LC 5+1 0 - - - - - - 43 1
2009-2010 PL 32 1 FA+LC 4+0 0 UEL 16 2 - - - 52 3
2010-2011 PL 37 6 FA+LC 3+2 1+0 - - - - - - 42 7
2011-2012 PL 38 0 FA+LC 2+0 0 UEL 14 0 - - - 54 0
2012-2013 PL 35 0 FA+LC 3+1 1+0 - - - - - - 39 1
2013-2014 PL 13 0 FA+LC 2+2 0 - - - - - - 17 0
Totale Fulham 207 8 25 2 30 2 - - 262 12
Totale 381 17 57 3 67 3 0 0 507 23

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Viking: 2001
Copenaghen: 2005-2006, 2006-2007
Copenaghen: 2005-2006

Individuale[modifica | modifica sorgente]

2009

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c (EN) Hangeland vows to stay at Fulham in the long term, guardian.co.uk, 19-04-2011.
  2. ^ (NO) Viking 4 - 3 Rosenborg, altomfotball.no, 19-04-2011.
  3. ^ (NO) Kilmarnock 1 - 1 Viking, altomfotball.no, 19-04-2011.
  4. ^ (NO) Bryne 0 - 3 Viking, altomfotball.no, 19-04-2011.
  5. ^ (NO) Viking 4 - 1 Vålerenga, altomfotball.no, 19-04-2011.
  6. ^ (NO) Eivind Aarre, Hangeland nominert til Årets Kniksen, adressa.no, 19-04-2011.
  7. ^ (NO) Rørt Bergdølmo ble Årets Kniksen, vg.no, 19-04-2011.
  8. ^ (EN) Brede Hangeland, uefa.com, 19-04-2011.
  9. ^ a b (NO) Hangeland til FC København, vg.no, 19-04-2011.
  10. ^ (NO) Brøndby 3 - 0 København, altomfotball.no, 19-04-2011.
  11. ^ København 2 - 0 MyPa, uefa.com, 19-04-2011.
  12. ^ København 1- 2 Ajax, uefa.com, 19-04-2011.
  13. ^ (DA) Guldregn over FC København, ekstrabladet.dk, 19-04-2011.
  14. ^ a b (EN) Hangeland Joins Fulham, fulhamfc.com, 19-04-2011.
  15. ^ (EN) Hangeland completes Fulham switch, bbc.co.uk, 19-04-2011.
  16. ^ (NO) Bolton 0 - 0 Fulham, altomfotball.no, 19-04-2011.
  17. ^ (EN) Bolton 0 - 0 Fulham, skysports.com, 19-04-2011.
  18. ^ (EN) Hodgson set to name Hangeland as captain to replace exiting McBride, dailymail.co.uk, 19-04-2011.
  19. ^ (NO) Hanne Tenfjord Skodje, Hangeland blir ikke kaptein, adressa.no, 19-04-2011.
  20. ^ (NO) Fulham 1 - 0 Arsenal, altomfotball.no, 19-04-2011.
  21. ^ (EN) Lewis Rutledge, Breakthrough player of 08/09, skysports.com, 19-04-2011.
  22. ^ (EN) Brede Signs New Deal, fulhamfc.com, 19-04-2011.
  23. ^ Fulham 1 - 0 Arsenal, uefa.com, 19-04-2011.
  24. ^ (NO) Christer Madsen, Cecilie Pedersen vant Gullballen 2009, fotball.no, 19-04-2011.
  25. ^ Andreolli salva la Roma a Londra, uefa.com, 19-04-2011.
  26. ^ Il Fulham sorprende lo Shakhtar, uefa.com, 19-04-2011.
  27. ^ Verso la finale: Fulham, uefa.com, 19-04-2011.
  28. ^ Forlán all'ultimo respiro, trionfa l'Atlético, uefa.com, 19-04-2011.
  29. ^ (NO) Fulham 2 - 2 Man. United, altomfotball.no, 19-04-2011.
  30. ^ (EN) Jamie Casey, Hero Hangeland relieved, skysports.com, 19-04-2011.
  31. ^ Emanuele Melfi, Solo Cassano e Bonucci nella lista per i Top 11 Uefa, tuttomercatoweb.com, 19-04-2011.
  32. ^ (EN) Hangeland's New Deal, fulhamfc.com, 28-03-2013.
  33. ^ (NO) Brede Hangeland, altomfotball.no, 19-04-2011.
  34. ^ (NO) Portugal - Norge 2 - 2, fotball.no, 19-04-2011.
  35. ^ (NO) Østerrike - Norge 0 - 1, fotball.no, 19-04-2011.
  36. ^ (NO) Bosnia-Herzegovina - Norge 1 - 0, fotball.no, 19-04-2011.
  37. ^ (NO) Norge 0 - 1 Tsjekkia, altomfotball.no, 19-04-2011.
  38. ^ (NO) Tsjekkia 1 - 0 Norge, altomfotball.no, 19-04-2011.
  39. ^ (NO) Hangeland: - Det er en stor ære, aftenposten.no, 19-04-2011.
  40. ^ (NO) Norge - Irland 1 - 1, fotball.no, 19-04-2011.
  41. ^ (NO) Island - Norge 1 - 2, fotball.no, 19-04-2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]