Wim Suurbier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Wim Suurbier
Nazionalità Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 181 cm
Peso 80 kg
Calcio
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Termine carriera 1987 - giocatore
2017 - allenatore
Carriera
Giovanili
19??Ajax
Squadre di club1
1966-1977Ajax393 (19)
1977-1978Schalke 0412 (0)
1978-1979Metz24 (0)
1979-1980L.A. Aztecs56 (3)
1980-1981Sparta Rotterdam11 (1)
1981L.A. Aztecs17 (0)
1982S.J. Earthquakes23 (0)
1983-1984Seiko? (?)
1984Tulsa Roughnecks0 (0)
1985Houston Dynamos? (?)
1986Los Angeles Heat? (?)
Nazionale
1966-1978Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi60 (3)
Carriera da allenatore
1983G.B. EarthquakesAss. all.
1984Tulsa Roughnecks
1985Houston Dynamos
1986Los Angeles Heat
1986-1987T.B. RowdiesAss. all.
1988Ft. Lauderdale Strikers
1989Miami Sharks
1990 VV Hekelingen
1994St. Petersburg Kickers
1999-2000Al-GharafaAss. all.
2000-2001Al-SaddAss. all.
2002-2003HeerenveenGiovanili
2017Kerala BlastersAss. all.
Palmarès
 Mondiali di calcio
Argento Germania Ovest 1974
Argento Argentina 1978
 Europei di calcio
Bronzo Jugoslavia 1976
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Indoor soccer
Ruolo Difensore
Termine carriera 1987 - calciatore
Carriera
Squadre di club
1979-1980L.A. Aztecs? (?)
1982-1983S.J. Earthquakes28 (0)
1986-1987T.B. Rowdies10 (0)
 

Wilhelmus Lourens Johannes Suurbier – detto Wim – (Eindhoven, 16 gennaio 1945Amsterdam, 12 luglio 2020) è stato un calciatore e allenatore di calcio olandese, di ruolo terzino.

Fu una delle pedine fondamentali del calcio totale espresso dall'Ajax e dalla nazionale olandese di Rinus Michels che rivoluzionarono il calcio tra la seconda metà degli anni 1960 e la prima metà degli anni 1970. Con il club dei Lancieri vinse sette campionati olandesi, tre coppe dei Campioni, una supercoppa Europea, quattro coppe d'Olanda e una Coppa Intercontinentale. Con la nazionale clockwork orange fu due volte vice-campione del mondo.[1] La sua carriera di allenatore si svolse soprattutto negli Stati Uniti, senza risultati di rilievo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Krol e Suurbier, a destra, durante il mondiale in Germania Ovest del 1974

Nato nel 1945 a Eindhoven, poco dopo si trasferì con la famiglia ad Amsterdam. In giovane età morirono entrambi i suoi genitori.[2] Di carattere particolarmente allegro, furono proverbiali gli scherzi che faceva assieme a Ruud Krol, mettendo soggezione ai giocatori più giovani. Era benvoluto dai compagni e in particolare era molto amico di Johan Cruijff, che spesso andò a trovare a Barcellona a fine carriera. Sposò in prime nozze Maja Verkaart, dalla quale ebbe la figlia Melissa; dopo il divorzio avvenuto negli anni settanta, i due rimasero in buoni rapporti.[3][4]

Amava l'alcol, le donne e la vita notturna, ma si faceva sempre trovare pronto per le partite e gli allenamenti. Verso fine carriera negli Stati Uniti, dove rimase per molti anni, strinse amicizia con il compagno di squadra George Best, lavorò come barista nel suo locale di Hermosa Beach e assieme si diedero spesso ai festeggiamenti. Con il declino del calcio negli USA, una serie di investimenti sbagliati e le spese eccessive della moglie americana, sposata in seconde nozze, Suurbier si trovò in gravi ristrettezze economiche ma rifiutò gli aiuti offertigli da amici ed estimatori e si adattò a fare diversi tipi di lavori, anche quelli umili e mal pagati.[3][4]

Tornato nei Paesi Bassi passò in solitudine gli ultimi anni di vita nel suo appartamento di Amstelveen, dove a fine aprile del 2020 fu trovato dall'ex moglie Maja in fin di vita a causa di un'emorragia cerebrale. Rimase in rianimazione al VU Medical Center di Amsterdam i mesi successivi fino a quando morì il 12 luglio 2020.[3][4][5]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver cominciato a giocare come ala di attacco, ruolo in cui segnò anche diverse reti, nelle giovanili dell'Ajax fu spostato a terzino destro, senza rinunciare alle sue discese sulla fascia. Si rivelò subito molto efficace in questa nuova posizione, diventando così il primo difensore moderno del calcio olandese. Acquisì maggiore personalità con l'arrivo ad Amsterdam nel 1965 dell'allenatore Rinus Michels, diventando più pericoloso nelle folate offensive e controllando meglio il proprio gioco.[1] Fu uno dei primi terzini destri fluidificanti, nel periodo in cui l'evoluzione del calcio aveva portato a spingere sulla fascia solo il terzino sinistro, mentre quello destro era destinato a compiti di marcatura. Qualche anno prima si era contraddistinto come terzino destro che si spingeva all'attacco il due volte campione del mondo brasiliano Djalma Santos, ma era stato un caso isolato dettato soprattutto dalla sua tecnica raffinata.[6]

Suurbier non era invece particolarmente dotato dal punto di vista tecnico,[3][4] ma era considerato uno dei migliori interpreti del suo ruolo; Ruud Krol, di 4 anni più giovane, fu integrato in prima squadra qualche anno dopo e pur essendo destro naturale dovette reinventarsi terzino sinistro per la presenza di Suurbier sulla destra. Formarono nell'Ajax e in nazionale una grande coppia di cursori sulle fasce, liberi di attaccare per creare superiorità numerica senza essere costretti ad affannosi recuperi, scambiandosi i ruoli con gli esterni di centrocampo e attacco, secondo la filosofia del calcio totale imposta da Michels. Grazie agli insegnamenti del grande tecnico olandese, Suurbier e i compagni di squadra stupirono il mondo anche applicando sistematicamente e con grande profitto le rivoluzionarie tattiche del pressing e del fuorigioco.[7][8][9][10]

Gennaio 1967, Suurbier, a destra con la maglia dell'Ajax, contende la palla a un giovanissimo Rensenbrink

Suurbier giocava in modo semplice, sapeva sempre con esattezza la posizione da tenere in campo e quello che doveva fare. Intransigente e duro come difensore, ruvido nei contrasti, era considerato un maestro nel neutralizzare l'avversario diretto. Si fece apprezzare in fase offensiva con i suoi cross precisi, fornendo molti assist ed esercitando pressione sulla difesa avversaria.[1] Tra i suoi cross più memorabili vi è quello che permise a Cruijff di segnare il gol di apertura nella finale della Coppa dei Campioni 1971-1972 vinta 2-0 contro l'Inter.[11] Confinato sulla fascia e abbastanza impreciso nel tiro in porta, raramente arrivava alla conclusione e nei tanti anni trascorsi all'Ajax realizzò solo 19 gol. Era considerato il re dei burloni tra i calciatori olandesi e creava allegria nello spogliatoio, ma si trasformava in campo, dove era irremovibile, consapevole delle proprie doti, aveva padronanza del gioco, grande carattere e autocontrollo.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Prima di entrare nell'Ajax fu nelle giovanili dell'AVV Amstel, società amatoriale dove giocava Piet Keizer, cinque anni più vecchio di Suurbier, con il quale si sarebbe ritrovato qualche anno dopo nell'Ajax.[2] Fu scoperto dagli osservatori dell'Ajax durante una partita in cui segnò tre reti contro una selezione giovanile cittadina,[1] e subito fu acquistato dal grande club per 3.000 fiorini.[3]

Ajax[modifica | modifica wikitesto]

Grazie alla sua velocità che dava profondità al gioco e alle reti che segnava giunse all'Ajax come attaccante. Fu l'allenatore delle giovanili Jany van der Veen a intravederne le potenzialità come terzino fluidificante e lo spostò a terzino destro. Fornì subito grandi prestazioni e non avrebbe più cambiato.[1] Debuttò in prima squadra nel campionato olandese il 5 gennaio 1964, pochi giorni prima del 19º compleanno.[4][12] Nella stagione di esordio fu impiegato solo in 2 partite di campionato e una di coppa, e l'anno dopo disputò 24 partite di campionato.[13]

L'Ajax stava passando un periodo di crisi e in quelle prime due stagioni con i Lancieri Suurbier non vinse alcun titolo. Fu il periodo in cui entrò in squadra Johan Cruijff, di due anni più giovane, destinato a diventare il leader dell'Ajax e della nazionale nonché uno dei migliori calciatori di tutti i tempi. Per il campionato 1965-1966 fu ingaggiato l'allenatore Rinus Michels, svolta per la squadra e per Suurbier, che con il nuovo tecnico fece grandi progressi e definitivamente promosso titolare.[1][13] Quell'anno l'Ajax tornò a vincere il campionato dopo 6 anni, il primo di tre consecutivi; arrivò inoltre ai quarti di finale della Coppa dei Campioni 1966-1967 e si aggiudicò la Coppa d'Olanda nella stessa stagione. Nel 1969 la squadra giunse in finale della Coppa dei Campioni, persa 4-1 contro il Milan.

Amsterdam 1975, Dino Zoff sventa un'incursione di Suurbier in un incontro di Coppa UEFA

Furono gli inizi del periodo più vincente nella storia dell'Ajax, che vide Suurbier titolare fino a quando lasciò la squadra nel 1977. Nelle 14 stagioni nel club vinse 7 volte l'Eredivisie, tre coppe dei Campioni, una supercoppa Europea, quattro coppe d'Olanda e una Coppa Intercontinentale.[1] L'Ajax si era inoltre aggiudicata contro il Rangers Glasgow la prima edizione della Supercoppa Europea, non riconosciuta dall'UEFA per la squalifica che aveva subito il Rangers prima dell'incontro.[14]

Dopo l'ultimo campionato vinto nell'Eredivisie 1976-1977, Suurbier giocò la prima parte della stagione successiva con i Lancieri ma in ottobre lasciò il club a 32 anni, ancora titolare della nazionale; aveva segnato 19 reti in 509 gare ufficiali, secondo nel record di presenze del club alle spalle del compagno Sjaak Swart, che ne disputò 603.[1]

Schalke e Metz[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 ottobre 1977 debuttò nella Bundesliga tedesca nelle file del suo nuovo club, lo Schalke 04. Il suo contributo in quello scorcio di stagione che rimaneva fu limitato a 12 gare di campionato, nel quale la squadra chiuse al 9º posto, e 3 di Coppa di Germania.[15] Per l'annata successiva si accasò al Metz, squadra militante nel massimo campionato francese. Fu impiegato in 24 delle 38 gare di campionato e contribuì al 5º posto finale della squadra, che dovette cedere al Monaco per la differenza reti l'ultimo posto disponibile per la Coppa UEFA. Abituato alla difesa a zona, sia allo Schalke che al Metz non si trovò a proprio agio, costretto a marcare a uomo l'ala avversaria senza concedersi troppe incursioni in attacco come faceva nell'Ajax.[3]

Fine carriera negli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Dopo le brevi esperienze tedesca e francese Suurbier si trasferì negli Stati Uniti dove, salvo alcune parentesi, sarebbe rimasto a vivere per molti anni.[1] Nel 1979 fu ingaggiato dagli ambiziosi L.A. Aztecs militanti nel massimo campionato del Nordamerica, che quello stesso anno fecero arrivare anche Johan Cruijff e l'allenatore Rinus Michels. Gli Aztecs furono eliminati in semifinale dei playoff dai Vancouver Whitecaps, che si sarebbero aggiudicati il campionato. Cruijff se ne andò a fine stagione mentre Suurbier fu di nuovo eliminato in semifinale nella North American Soccer League 1980. Al termine della stagione fu ceduto in prestito per alcuni mesi allo Sparta Rotterdam, tornando così per l'ultima volta nella Eredivisie anche se solo per 11 partite. Si presentò quindi al via della North American Soccer League 1981 con gli Aztecs che sarebbero stati eliminati negli ottavi di finale dei playoff.[12] Fu l'ultima stagione nella massima serie del club, che si sarebbe sciolto negli anni successivi. Nei tre anni a Los Angeles Suurbier disputò un totale di 73 incontri segnando 3 reti.

Prima di iniziare la nuova stagione americana giocò due mesi a Hong Kong con i Tung Sing. Al ritorno entrò a far parte di un'altra compagine californiana, i San Jose Earthquakes, che nello stesso periodo pose sotto contratto George Best. Quell'anno gli Earthquakes non riuscirono ad accedere ai playoff della North American Soccer League 1982 e l'anno dopo la franchigia prese il nome Golden Bay Earthquakes, Suurbier ne divenne vice-allenatore, rimanendo a disposizione per un eventuale impiego come giocatore solo in caso di emergenza.[13] Riprese a giocare nel 1984 con i Tulsa Roughnecks come allenatore-giocatore, passando quindi l'anno successivo agli Houston Dynamos. Nel 1986 fu allenatore-giocatore dei Los Angeles Heat, militanti nella Western Soccer League,[16] e in autunno divenne assistente allenatore-giocatore per la stagione indoor dei Tampa Bay Rowdies, con i quali chiuse la carriera di calciatore nel 1987 all'età di 42 anni.[12][17]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Fu un giocatore chiave anche per la nazionale olandese, nella quale debuttò il 6 novembre 1966 nell'amichevole persa ad Amsterdam contro la Cecoslovacchia. Era già stato convocato dal C.T. Georg Keßler due mesi prima ma era stato tenuto in panchina. Segnò il primo gol per gli Oranje nel maggio successivo nella gara valida per le qualificazioni al campionato d'Europa 1968 persa 2-1 a Budapest contro l'Ungheria.[18] Furono proprio gli ungheresi a qualificarsi e a eliminare i Paesi Bassi, che anche al campionato del mondo 1970 e al campionato d'Europa 1972 non si qualificarono per le fasi finali nonostante i successi in Europa delle loro squadre di club. Ci riuscirono nel campionato del mondo 1974, anche grazie alla controversa decisione dell'arbitro sovietico Kazakov, che nella partita contro il Belgio, decisiva per la qualificazione, annullò un gol regolare negli ultimi minuti ai belgi,[19] i quali terminarono così il girone a pari punti con i Paesi Bassi ma furono eliminati per differenza reti.[20] Gli olandesi tornarono così a partecipare alla fase finale di un mondiale a distanza di 36 anni dall'ultima apparizione.[4]

La delusione degli olandesi dopo la finale persa ai mondiali del 1974. In primo piano Wim Jansen e subito dietro Suurbier

Nel corso del mondiale tedesco del 1974, Suurbier fu titolare in tutte le partite e si mise in mostra soprattutto nella gara valevole per la seconda fase a gironi vinta 2-0 contro i campioni uscenti del Brasile, che fu decisiva per l'accesso alla finale; i brasiliani si erano resi conto della superiorità olandese e avevano trasformato l'incontro in una battaglia ma Suurbier non si fece intimidire, e con le sue qualità di combattente fu di esempio per i compagni di squadra.[4] Il torneo segnò la definitiva consacrazione del calcio totale di Rinus Michels, che era stato chiamato alla guida dell'Olanda pochi mesi prima della manifestazione; gli Oranje dominarono quasi tutti gli incontri disputati fino alla finale di Monaco, dove furono sconfitti 2-1 dai padroni di casa della Germania Ovest.[18]

Rimase titolare anche nel quadriennio successivo, contribuendo al terzo posto nel campionato d'Europa 1976 in cui gli olandesi, condizionati dalle polemiche tra Cruijff e Willem van Hanegem,[21] persero in semifinale 3-1 dopo i tempi supplementari con la Cecoslovacchia, che si sarebbe aggiudicata il titolo, e vinsero la finale per il terzo posto 3-2, ancora ai supplementari, contro i padroni di casa della Jugoslavia.

Prese parte a 4 dei 6 incontri di qualificazione al campionato del mondo 1978, al quale i Paesi Bassi parteciparono sotto la guida di Ernst Happel confermando il secondo posto di 4 anni prima nonostante l'assenza di Cruijff, che aveva lasciato la nazionale da pochi mesi. Nella prima fase del Mundial argentino gli olandesi stentarono e passarono il turno come secondi del gruppo nonostante la sconfitta all'ultima giornata con la Scozia, che terminò a pari punti ma fu eliminata per la differenza reti. Suurbier aveva giocato tutti e tre gli incontri e fu lasciato in panchina per i tre della seconda fase, nella quale i Paesi Bassi si qualificarono per la finale del 25 giugno 1978 a Buenos Aires contro i padroni di casa dell'Argentina. Rimase in panchina nel primo tempo e fu inserito nel secondo tempo della finale sul risultato di 1-0 per i sudamericani, gli Oranje trovarono il pari e a pochi istanti dalla fine dei tempi regolamentari Rensenbrink colpì un palo; l'incontro fu poi vinto dagli argentini per 3-1 ai supplementari. Fu l'ultima partita in nazionale del trentatreenne Suurbier, che collezionò 60 presenze e 3 reti.[18]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Negli Stati Uniti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983, Suurbier iniziò la nuova carriera come assistente allenatore dei Golden Bay Earthquakes.[22] Nel 1984 fu ingaggiato per la prima volta come allenatore dai Tulsa Roughnecks,[23] chiudendo l'annata con 10 vittorie e 14 sconfitte.[24] Nel 1986 passò ai Los Angeles Heat, militanti nella Western Soccer League.[16] Nell'autunno dello stesso anno divenne allenatore-giocatore dei Tampa Bay Rowdies appena entrati nella American Indoor Soccer Association. Per la stagione 1988 sedette sulla panchina dei Fort Lauderdale Strikers,[25] e rassegnò le dimissioni nel gennaio 1989.[26] Il mese dopo fu nominato allenatore dei Miami Sharks,[27] ma venne esonerato dopo 3 sconfitte nelle prime 5 partite di campionato.[28]

Nel 1990 fece nuovamente ritorno per un breve periodo nei Paesi Bassi per allenare i dilettanti del VV Hekelingen, ma rinunciò all'incarico dopo 7 partite.[29] La sua ultima panchina negli Stati Uniti fu nel 1994 quella dei St. Petersburg Kickers;[12][30] per un periodo fu anche direttore tecnico degli Ajax Orlando Prospects, una squadra della Florida militante nelle serie minori.[1]

Ultimi ingaggi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 fu assunto in Qatar come assistente allenatore di René Meulensteen all'Al Ittihad Doha, portando la squadra a vincere la Coppa delle Coppe araba. La stagione successiva Suurbier e Meulensteen furono ingaggiati dall'altra squadra di Doha dell'Al Sadd (che avrebbe in seguito preso il nome Al-Gharafa), , con cui vinsero la Coppa dell'Emiro del Qatar. L'anno dopo Suurbier tornò in patria e fu per un breve periodo assistente allenatore nelle giovanili dell'Heerenveen. Il suo ultimo incarico fu nel 2017, quando fu nuovamente chiamato da Meulensteen come assistente allenatore per la compagine indiana dei Kerala Blasters.[17]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Paesi Bassi
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-11-1966 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 2 Bandiera della Cecoslovacchia Cecoslovacchia Amichevole -
30-11-1966 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 0 Bandiera della Danimarca Danimarca Qual. Euro 1968 -
5-4-1967 Lipsia Germania Est Bandiera della Germania Est 4 – 3 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1968 -
10-5-1967 Budapest Ungheria Bandiera dell'Ungheria 2 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1968 1
13-9-1967 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 0 Bandiera della Germania Est Germania Est Qual. Euro 1968 -
4-10-1967 Copenaghen Danimarca Bandiera della Danimarca 3 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1968 1
1-11-1967 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 2 Bandiera della Jugoslavia Jugoslavia Amichevole -
1-5-1968 Varsavia Polonia Bandiera della Polonia 0 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
4-9-1968 Rotterdam Lussemburgo Bandiera del Lussemburgo 0 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1970 - [31]
27-10-1968 Sofia Bulgaria Bandiera della Bulgaria 2 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1970 -
26-3-1969 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 0 Bandiera del Lussemburgo Lussemburgo Qual. Mondiali 1970 -
7-5-1969 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 0 Bandiera della Polonia Polonia Qual. Mondiali 1970 -
7-9-1969 Varsavia Polonia Bandiera della Polonia 2 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1970 -
22-10-1969 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 1 Bandiera della Bulgaria Bulgaria Qual. Mondiali 1970 -
11-11-1970 Dresda Germania Est Bandiera della Germania Est 1 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1972 -
2-12-1970 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 0 Bandiera della Romania Romania Amichevole -
24-2-1971 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 6 – 0 Bandiera del Lussemburgo Lussemburgo Qual. Euro 1972 1
4-4-1971 Spalato Jugoslavia Bandiera della Jugoslavia 2 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1972 -
19-11-1972 Anversa Belgio Bandiera del Belgio 0 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1974 -
28-3-1973 Vienna Austria Bandiera dell'Austria 1 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
2-5-1973 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 2 Bandiera della Spagna Spagna Amichevole -
22-8-1973 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 5 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 1974 -
29-8-1973 Deventer Islanda Bandiera dell'Islanda 1 – 8 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1974 - [32]
10-10-1973 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 1 Bandiera della Polonia Polonia Amichevole -
18-11-1973 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 1974 -
26-5-1974 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 1 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole -
5-6-1974 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera della Romania Romania Amichevole -
15-6-1974 Hannover Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 0 Bandiera dell'Uruguay Uruguay Mondiali 1974 - 1º turno -
19-6-1974 Dortmund Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera della Svezia Svezia Mondiali 1974 - 1º turno -
23-6-1974 Dortmund Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 1 Bandiera della Bulgaria Bulgaria Mondiali 1974 - 1º turno -
26-6-1974 Gelsenkirchen Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 0 Bandiera dell'Argentina Argentina Mondiali 1974 - 2º turno - Uscita al 84’ 84’
30-6-1974 Gelsenkirchen Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 0 Bandiera della Germania Est Germania Est Mondiali 1974 - 2º turno -
3-7-1974 Dortmund Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 0 Bandiera del Brasile Brasile Mondiali 1974 - 2º turno -
7-7-1974 Monaco di Baviera Germania Ovest Bandiera della Germania Ovest 2 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 1974 - Finale - 2º posto
4-9-1974 Solna Svezia Bandiera della Svezia 1 – 5 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
9-10-1974 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 0 Bandiera della Svizzera Svizzera Amichevole -
20-11-1974 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 1 Bandiera dell'Italia Italia Qual. Euro 1976 -
30-4-1975 Anversa Belgio Bandiera del Belgio 1 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
17-5-1975 Francoforte sul Meno Germania Ovest Bandiera della Germania Ovest 1 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
3-9-1975 Nimega Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 1 Bandiera della Finlandia Finlandia Qual. Euro 1976 -
10-9-1975 Varsavia Polonia Bandiera della Polonia 4 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1976 -
15-10-1975 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 0 Bandiera della Polonia Polonia Qual. Euro 1976 -
22-11-1975 Roma Italia Bandiera dell'Italia 1 – 0 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Euro 1976 -
25-4-1976 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 5 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Euro 1976 - Quarti di finale - andata -
22-5-1976 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1976 - Quarti di finale - ritorno -
16-6-1976 Zagabria Cecoslovacchia Bandiera della Cecoslovacchia 3 – 1 dts Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1976 - Semifinale -
19-6-1976 Zagabria Jugoslavia Bandiera della Jugoslavia 2 – 3 dts Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Euro 1976 - Finale 3º-4º posto - 3º posto
9-2-1977 Londra Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 0 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
26-3-1977 Anversa Belgio Bandiera del Belgio 0 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1978 -
31-8-1977 Nimega Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 4 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Qual. Mondiali 1978 -
5-10-1977 Rotterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera dell'Unione Sovietica Unione Sovietica Amichevole -
12-10-1977 Belfast Irlanda del Nord Bandiera dell'Irlanda del Nord 0 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Qual. Mondiali 1978 -
26-10-1977 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 1974 -
22-2-1978 Ramat Gan Israele Bandiera d'Israele 1 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
5-4-1978 Radès Tunisia Bandiera della Tunisia 0 – 4 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
20-5-1978 Vienna Austria Bandiera dell'Austria 0 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
3-6-1978 Rosario Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 3 – 0 Bandiera dell'Iran Iran Mondiali 1978 - 1º turno -
7-6-1978 Rosario Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 0 – 0 Bandiera del Perù Perù Mondiali 1978 - 1º turno -
11-6-1978 Buenos Aires Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 2 – 3 Bandiera della Scozia Scozia Mondiali 1978 - 1º turno -
25-6-1978 Buenos Aires Argentina Bandiera dell'Argentina 3 – 1 dts Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Mondiali 1978 - Finale - Ingresso al 75’ 75’2º posto
Totale Presenze 60 Reti 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Ajax: 1965-1966, 1966-1967, 1967-1968, 1969-1970, 1971-1972, 1972-1973, 1976-1977
Ajax: 1967, 1970, 1971, 1972
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Ajax: 1970-1971, 1971-1972, 1972-1973
Ajax: 1972
Ajax: 1973

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k (NL) Oud-Ajacied Wim Suurbier (75) overleden, su ajax.nl. URL consultato il 24 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2020).
  2. ^ a b (EN) Remembering Ajax’s European Cup hero Wim Suurbier, su uefa.com. URL consultato il 24 luglio 2020.
  3. ^ a b c d e f (NL) Wim Suurbier: rennend langs de zijlijn en feestend met George Best, su nrc.nl. URL consultato il 24 luglio 2020 (archiviato il 4 agosto 2020).
  4. ^ a b c d e f g (EN) Total Football’s Original Right-back, su mountroyalsoccer.com. URL consultato il 24 luglio 2020 (archiviato il 16 luglio 2020).
  5. ^ E' morto Wim Suurbier: la grande Olanda perde uno dei suoi protagonisti, su repubblica.it, 13 luglio 2020.
  6. ^ La nuova frontiera dei terzini, su rivistaundici.com. URL consultato il 24 luglio 2020 (archiviato il 4 aprile 2020).
  7. ^ (EN) The Oranje and Ajax’s exhilarating defender - Ruud Krol, su fifa.com. URL consultato il 24 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2013).
  8. ^ (EN) Legends: Rinus Michels, su goal.com. URL consultato il 24 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2020).
  9. ^ Le migliori squadre di sempre: Ajax 1971–73, su it.uefa.com. URL consultato il 24 luglio 2020.
  10. ^ La storia della tattica: dal Catenaccio al calcio totale, su eurosport.it. URL consultato il 24 luglio 2020.
  11. ^ (EN) Ajax’s pioneering wing-back of the 1970s, Wim Suurbier, dies aged 75, su dutchnews.nl. URL consultato il 24 luglio 2020.
  12. ^ a b c d (NL) Oud-Ajacied en oud-international Wim Suurbier (75) overleden, su nos.nl. URL consultato il 24 luglio 2020 (archiviato il 14 luglio 2020).
  13. ^ a b c (NL) Wim Suurbier, su afc-ajax.info. URL consultato il 5 agosto 2020 (archiviato il 21 giugno 2018).
  14. ^ (EN) UEFA Super Cup - History, su uefa.com (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2008).
  15. ^ Wim Suurbier - Rendimento per stagione, su transfermarkt.it. URL consultato il 6 agosto 2020.
  16. ^ a b (EN) Quakes to battle Heat, former coach Suurbier, San Jose Mercury News, 14 giugno 1986.
  17. ^ a b (NL) Ajax-icoon Wim Suurbier overleden, su telegraaf.nl.
  18. ^ a b c Wim Suurbier - Carriera in nazionale, su transfermarkt.it. URL consultato il 24 luglio 2020.
  19. ^ Filmato audio (NL) Nederlands Instituut voor Beeld en Geluid, Voetbalderby Nederland - België (1973), su YouTube, beeldengeluid.nl, 30 marzo 2009, a 1 min 11 s. URL consultato l'11 ottobre 2017.
  20. ^ (NL) De strafste Nederland-Belgiës op een rij: van de elleboog van Kluivert tot de lel van Albert, su nieuwsblad.be. URL consultato il 9 agosto 2020.
  21. ^ (NL) Voetbalzone - Van Hanegem was beter dan Cruijff, su voetbalzone.nl.
  22. ^ (EN) Quakes Still Alive ... And Kicking, San Jose Mercury News (CA), 13 aprile 1986.
  23. ^ (EN) Can NASL came to terms with stability?, Evening Tribune (San Diego), 8 maggio 1984.
  24. ^ (EN) The Year in American Soccer – 1984, su homepages.sover.net. URL consultato il 6 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2013).
  25. ^ (EN) Lazzarino, Chris, Robbie To Own Asl Team As Strikers Try Once Again, su articles.sun-sentinel.com, 5 novembre 1987. URL consultato il 6 agosto 2020 (archiviato dall'url originale il 18 luglio 2018).
  26. ^ (EN) Suurbier Resigns As Strikers Coach, Miami Herald, 31 gennaio 1989.
  27. ^ (EN) Ex-striker Coach Suurbier Joins Sharks, Miami Herald, 2 febbraio 1989.
  28. ^ (EN) Sharks (2–3) Fire Suurbier, Miami Herald, 23 maggio 1989.
  29. ^ (NL) Oud trainer Hekelingen overleden, su voorne-putten.nl. URL consultato il 24 luglio 2020.
  30. ^ (EN) Dutch Legend Coaches Amateurs, The Palm Beach Post, 3 aprile 1994.
  31. ^ Questa partita si sarebbe dovuta giocare in Lussemburgo.
  32. ^ Questa partita si sarebbe dovuta giocare in Islanda.
  33. ^ (FR) Ballon d'Or Dream Team : Les 10 nommés au poste de latéral droit, su francefootball.fr. URL consultato il 4 novembre 2020 (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]