San Jose Earthquakes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Jose Earthquakes
Calcio Football pictogram.svg
Earthquakes; Quakes; The Boys in Blue
Los Terremotos de San José
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali Azzurro e Nero.svg Azzurro-nero
Dati societari
Città San Jose, CA
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Confederazione CONCACAF
Federazione Flag of the United States.svg USSF
Campionato Major League Soccer
Fondazione 1974
Scioglimento 1988
Rifondazione 1995
Scioglimento 2005
Rifondazione 2007
Proprietario Stati Uniti Lew Wolff
Presidente Stati Uniti Dave Kaval
Allenatore Stati Uniti Dominic Kinnear
Stadio Buck Shaw Stadium
(10 300 posti)
Sito web www.sjearthquakes.com
Palmarès
MLS Cup.svgMLS Cup.svg
Titoli MLS 2
Trofei nazionali 2 Supporters' Shield
Si invita a seguire il modello di voce

I San Jose Earthquakes sono una società calcistica con sede a San Jose (California).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

San Jose Earthquakes (1974-1988)[modifica | modifica wikitesto]

I San Jose Earthquakes militarono nella North American Soccer League dal 1974 al 1984 e nelle cui ultime due stagioni militò con il nome di "Golden Bay Earthquakes".

La squadra fu attiva anche nel campionato indoor della NASL per tre stagioni e, nel 1982/1983, anno in cui il torneo al chiuso non si tenne per problemi economici, disputò il torneo della Major Indoor Soccer League I. Dal 1985 al 1988 partecipò alla Western Soccer Alliance

Il nome Earthquakes derivò da un articolo di giornale apparso sul San Jose Mercury News ed è riferito all'alta sismicità del suolo californiano (earthquake significa, infatti, terremoto).

Rifondazione[modifica | modifica wikitesto]

Parteciparono alla Major League Soccer dal 1995 al 2005, vincendo la MLS Cup nel 2001 e nel 2003 e il MLS Supporters' Shield nel 2005. Giocavano le partite interne nello Spartan Stadium, situato nel South Campus della San José State University, dove la squadra di casa (nota come i San Jose Clash dal 1995 al 1999) sconfisse il D.C. United per 1-0 nella prima partita della storia della MLS. Nel corso della stagione 2005 della MLS, nel dicembre di quell'anno, la franchigia fu messa in vendita e lo staff tecnico si trasferì a Houston (Texas), dove gioca la Houston Dynamo, erede diretta del club.

Il 18 luglio 2007 il Commissioner della Major League Soccer Don Garber ha annunciato che dal 2008 i San Jose Earthquakes sarebbero stati riammessi alla MLS, divenendo la 14ª squadra della lega.

La nuova franchigia, gestita da Lew Wolff (proprietario degli Oakland Athletics) e Ian Fisher, avrà un nuovo stadio vicino all'aeroporto di San Jose a partire dal 2010.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del San Jose Earthquakes
  • 1974 - Fondazione del San Jose Earthquakes.
  • 1974 - 2º in Western Division ed eliminato ai quarti di finale della NASL 1974.
  • 1975 - 5º in Pacific Division della NASL 1975.
  • 1976 - 1º in Southern Division (Pacific Conference) ed eliminato in semifinale della NASL 1976.
  • 1977 - 2º in Southern Division (Pacific Conference) ed eliminato agli spareggi della NASL 1977.
  • 1978 - 4º in Western Division (American Conference) della NASL 1978.
  • 1979 - 4º in Western Division (American Conference) della NASL 1979.
  • 1980 - 4º in Western Division (American Conference) della NASL 1980.

  • 1981 - 4º in Western Division della NASL 1981.
  • 1982 - 5º in Western Division della NASL 1982.
  • 1983 - La franchigia cambia il nome in Golden Gate Earthquakes.
  • 1983 - 2º in Western Division ed eliminato in semifinale della NASL 1983.
  • 1984 - 5º in Western Division della NASL 1984.
  • 1985 - La franchigia riassume il nome San Jose Earthquakes.
  • 1985 - 1º in WASCS 1985.
  • 1986 - 6° in WSC 1986.
  • 1987 - 3° nella regular season e sconfitto in finale della WSC 1987.
  • 1988 - 3° nella regular season e sconfitto in finale della WSC 1988.
  • 1988 - Scioglimento della franchigia.

  • 1995 - Rifondazione come San Jose Clash.
  • 1996 - 4° in Western Conference ed eliminato in semifinale di Conference della MLS 1996.
  • 1997 - 5° in Western Conference della MLS 1997.
  • 1998 - 5° in Western Conference della MLS 1998.
  • 1999 - 5° in Western Conference della MLS 1999.
  • 2000 - La franchigia riassume il nome San Jose Earthquakes.
  • 2000 - 4° in Western Division della MLS 2000.

  • 2001 - 2° in Western Division e vincitrice della MLS Cup della MLS 2001.
  • 2002 - 2° in Western Conference ed eliminato ai quarti di finale della MLS 2002. Eliminato ai quarti di finale della CONCACAF Champions' Cup 2002.
  • 2003 - 1° in Western Conference e vincitrice della MLS Cup della MLS 2003.
  • 2004 - 4° in Western Conference ed eliminato in semifinale di Conference della MLS 2002. Eliminato ai quarti di finale della CONCACAF Champions' Cup 2004.
  • 2005 - 1° in Western Conference, vincitrice della MLS Supporters' Shield ed eliminato in semifinale di Conference della MLS 2005.
  • 2005 - La franchigia viene ricollocata a Houston, dando vita agli Houston Dynamo.
  • 2008 - Rifondazione della franchigia.
  • 2008 - 6° in Western Conference della MLS 2008.
  • 2009 - 8° in Western Conference della MLS 2009.
  • 2010 - 6° in Western Conference della MLS 2010.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Stemma del primo San Jose Earthquakes
Stemma del rinato San Jose Earthquakes

La prima formazione del San Jose Earthquakes aveva come colori il bianco e l'amaranto. La successiva reincarnazione del club, denominato San Jose Clash, che aveva come simbolo uno scorpione, indossava una maglia giallo e bianca con gli inserti verdi. Quando il club riassunse il nome originario, cambiò i colori sociali in nero e azzurro.

Mascotte[modifica | modifica wikitesto]

La franchigia ha avuto come mascotte dal 1996 al 1999 "José Clash", che venne sostituito dal 2000 al 2002 da "Rikter the CyberDog". Nel biennio 2004-2005 la mascotte fu "Q", che fu ripresa definitivamente dopo la rifondazione del club nel 2008.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio di casa dei San Jose Earthquakes fu lo Spartan Stadium, impianto nato nel 1933 per il football americano. Originariamente prevedeva 4.000 posti, tuttavia, nel corso delle ristrutturazioni seguenti, è arrivato a contenerne più di 30.000. Tuttora attivo, ha ospitato anche gli incontri di calcio femminile delle San Jose CyberRays dal 2001 al 2003, oltre ovviamente alla squadra di football della San José State University, la quale è anche proprietaria dell'impianto.

Essendo nato per le partite di football del campionato universitario, il campo risponde a fatica agli standard minimi per disputarvi un incontro di calcio a livello professionale: esso è largo infatti 70 iarde (pari a poco più di 63 metri, appena 3 più dei requisiti imposti dalla FIFA), e frequenti sono state le proposte di ampliamento per portare lo stadio a standard più che sufficienti, ma nel 2007 si è preferito costruire ex novo un impianto a poca distanza da quello esistente. I lavori termineranno nel 2009 e la superficie attuale dovrebbe diventare il parcheggio del nuovo stadio, anche se l'università di San Jose non ha abbandonato ancora l'idea di operare una ristrutturazione conservativa dello stadio, che si avvia ai 75 anni d'età.

Allenatori e General Manager[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Allenatori dei San Jose Earthquakes
Allenatori
General Manager

Proprietari[modifica | modifica wikitesto]

Proprietari

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Calciatori dei San Jose Earthquakes

Giocatori nella Hall of Fame[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2016[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Stati Uniti P David Bingham
3 Inghilterra D Jordan Stewart
4 Stati Uniti D Marvell Wynne
5 Honduras D Víctor Bernárdez
6 Stati Uniti C Shea Salinas
7 Trinidad e Tobago C Cordell Cato
8 Stati Uniti A Chris Wondolowski
10 Argentina C Matías Pérez García
11 Svizzera A Innocent Emeghara
12 Stati Uniti A Mark Sherrod
14 Stati Uniti A Adam Jahn
17 Gambia C Sanna Nyassi
18 Nuova Zelanda D Kip Colvey
19 Stati Uniti A Chad Barrett
N. Ruolo 600px Blu e Bianco bordato con martello.pngGiocatore
20 Giamaica D Shaun Francis
21 Stati Uniti D Clarence Goodson
22 Stati Uniti A Thomas Thompson
24 Stati Uniti A Steven Lenhart
25 Stati Uniti A Quincy Amarikwa
27 Stati Uniti C Fatai Alashe
28 Stati Uniti P Andrew Tarbell
30 Panamá C Anibal Godoy
32 Argentina D Andrés Imperiale
33 Stati Uniti C Marc Pelosi
35 Stati Uniti P Bryan Meredith
38 Brasile C Matheus Silva
49 Giamaica A Simon Dawkins
91 Panamá C Alberto Quintero

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Vincitore (2): 2001, 2003
Vincitore (2): 2005, 2012
Secondo (2): 2002, 2003
  • California Clasico: 5
1997, 2001, 2005, 2010, 2012
2005, 2008
  • Heritage Cup: 1
2009

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN316744496
calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio