Colorado Caribous

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Colorado Caribous
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px vertical Black HEX-D4AC37.svg Marrone, nero e Bianco
Dati societari
Città Denver, (CO)
Nazione Stati Uniti Stati Uniti
Confederazione CONCACAF
Federazione Flag of the United States.svg USSF
Campionato NASL
Fondazione 1977
Scioglimento1978
Presidente Stati Uniti Booth Gardner
Allenatore Irlanda del Nord Dave Clements
Stati Uniti Dan Wood
Stadio Mile High Stadium
(76.000 posti)
Palmarès
Trofei nazionali
Si invita a seguire il modello di voce

I Colorado Caribous sono stati una società calcistica statunitense con base a Denver, attiva nel corso della stagione 1978 della NASL.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'acquisizione della franchigia dei Denver Dynamos da parte di Minneapolis avvenuta nel 1976, il politico Booth Gardner e il produttore discografico James Guercio decisero di investire una cifra pari a un milione di dollari[1] per ricreare un club calcistico che rappresentasse la città di Denver nella NASL.[2] Con il nome di Colorado Caribous (scelto da Guercio in omaggio al nome di uno studio di registrazione in sua proprietà), la squadra disputò un campionato sostanzialmente negativo, in cui concluse la Central Division all'ultimo posto con solo otto vittorie all'attivo[3] e un avvicendamento alla guida tecnica (il nordirlandese Dave Clements fu sostituito dopo ventidue gare da Dan Wood), suscitando alcune critiche per l'inusuale foggia delle divise[2] e attirandosi uno scarso seguito di sostenitori[3].

In seguito agli scarsi risultati ottenuti dal club, nell'agosto 1978 Gardner e Guercio chiusero il club vendendone la franchigia alla città di Atlanta, avvenimento che di fatto gettò le basi per la rifondazione degli Atlanta Chiefs.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Parte della notorietà della squadra è dovuta ai colori sociali (marrone, nero e bianco) e alla foggia delle maglie (prodotte dalla Medalist Sand-Knit), caratterizzate da una frangia di pelle all'altezza del petto in stile western[2][4].

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

La sezione riporta le presenze e le reti dei giocatori nel corso dell'unica stagione disputata dal club, ordinate in maniera decrescente[5].

600px Nero e Oro.png
Presenze
600px Nero e Oro.png
Reti

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

[5]

N. Ruolo Giocatore
1 Stati Uniti P Arnie Mausser
2 Ghana D George Lamptey
3 Stati Uniti D Matt Bahr
4 Stati Uniti D Greg Makowski
5 Jugoslavia C Branko Radović
6 Irlanda del Nord C Dave Clements
7 Inghilterra A Brian Tinnion
8 Sudafrica A Jomo Sono
9 Jugoslavia A Sead Susić
10 Stati Uniti A Louie Nanchoff
11 Stati Uniti A Fred Pereira
N. Ruolo Giocatore
12 Stati Uniti A Bob Rohrbach
14 Stati Uniti D Tommy Lang
15 Scozia C Pat McMahon
16 Stati Uniti C Steve Ralbovski
17 Stati Uniti C Scott Strasburg
18 Sudafrica D Philip Jones
19 Canada A Brian Budd
20 Stati Uniti C Carl Strong
22 Stati Uniti P Tad DeLorm
23 Irlanda del Nord C Ronnie Blair

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]