Regola del giocatore designato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Steven Gerrard, ex Designated Player dei L.A. Galaxy.

La regola del giocatore designato (ingl. Designated Player Rule), nota come regola Beckham (ingl. the Beckham Rule[1]), è una regola adottata dalla Major League Soccer dal 2007 nell'ambito dell'osservanza del tetto salariale, al quale funge da deroga. La norma consente a ogni franchigia della MLS di ingaggiare fino a tre calciatori che sono considerati fuori dal tetto salariale del club perché remunerati con uno stipendio maggiore del salary cap stabilito, al fine di aumentare la competitività dei club statunitensi sul calciomercato internazionale, dando loro maggiore potere d'acquisto. Dal dicembre 2015 sono stati 114 i calciatori designati nella MLS.

La norma è nota anche come regola Beckham perché nel 2007 il calciatore inglese David Beckham fu il primo a essere ingaggiato osservando la suddetta regola[1][2], quando firmò un contratto quinquennale con i Los Angeles Galaxy per uno stipendio di 6,5 millioni di euro all'anno[3][4].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 il tetto salariale negli Stati Uniti d'America ammontava a circa 1,9 milioni di dollari[5]; nel 2007 a 2,1 millioni. Nel 2008 fu portato a 2,3 millioni[6][7]. Secondo quanto stabilito dal Collective Bargaining Agreement del 2010 tra MLS e l'associazione dei calciatori della MLS (la MLS Players' Union), nel 2010 il salary cap fu portato a 2,55 milioni di dollari, con un incremento automatico del 5% ogni anno, fino alla scadenza dell'accordo, prevista per la fine del 2014.

La norma del 2007 sarebbe scaduta alla fine della stagione 2009. Per ogni calciatore designato, 400 000 dollari del suo stipendio rientravano nel tetto salariale ed erano pagati dalla lega[7][8], mentre la restante parte era pagata dal club di appartenenza. Nel 2009 questa soglia fu portata a 415 000 dollari. Prima della stagione 2007 solo tre calciatori percepivano uno stipendio di oltre 400 000 dollari: Landon Donovan, Carlos Ruiz ed Eddie Johnson. Per la stagione 2007 si decise, tramite una clausola di anteriorità, di conservare l'esenzione per i suddetti calciatori, che fu prolungata anche oltre, in attesa di prendere ulteriori provvedimenti (rinegoziare i contratti di questi calciatori o considerarli calciatori designati). Prima dell'inizio della stagione 2008 Johnson si trasferì al Fulham, in Premier League[9] e, dopo l'ingaggio di Dwayne De Rosario da parte del Toronto nel gennaio 2009, anche Ruiz lasciò la MLS, per trasferirsi all'Olimpia Asunción. Donovan rimase dunque l'unico calciatore a beneficiare della suddetta esenzione nella stagione 2009. Vi erano, tuttavia, altri calciatori il cui salario non era soggetto alla regola del giocatore designato, pur essendo in realtà inferiore alla cifra netta perché soggetto alla regola dell'assegnazione. Tra questi calciatori figuravano Shalrie Joseph (450 000 dollari), Christian Gómez (430 000), Dwayne De Rosario (425 750), and Taylor Twellman (420 000). Ogni squadra inizialmente aveva un calciatore designato, ma poteva cedere il proprio posto disponibile ad altre squadre. Ogni compagine poteva avere al massimo due calciatori designati. Nel tetto salariale di ogni squadra rientravano solo 325 000 dollari dello stipendio del secondo calciatore designato, cifra poi portata a 335 000 dollari nel 2009[7].

Nel 2010 la regola fu modificata[10]. Innanzitutto la norma non aveva più scadenza. Per ogni giocatore designato 335 000 euro del suo salario rientrava nel tetto salariale ed era erogato dalla lega (167 500 dollari per i giocatori designati che si univano alla MLS durante la finestra estiva del calciomercato), con il resto dello stipendio pagato dalla squadra di appartenenza; questa cifra era dimezzata in caso di giocatore designato ingaggiato a metà stagione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Grant Wahl, Hollywood Ending: If this was indeed David Beckham's final game in MLS, he went out in style, carrying the Galaxy to a championship and affirming the value of star power in America, in Sports Illustrated, 28 novembre 2011. URL consultato il 25 novembre 2011.
    «In the first four seasons of MLS's Beckham Rule, which allowed clubs to sign up to three designated players outside the salary cap, ....».
  2. ^ Pete Lansley, Becks could be the next American idol, in The Telegraph (Calcutta), 13 aprile 2007. URL consultato il 1º dicembre 2007.
  3. ^ PlayersUnion, Mlsplayers.org. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale l'11 maggio 2012).
  4. ^ Beckham hopes to make US history (BBC), 12 gennaio 2007. URL consultato il 1º dicembre 2007.
  5. ^ Steven Goff, Palencia Has Richest MLS Salary, in The Washington Post, 26 aprile 22006. URL consultato il 1º dicembre 2007.
  6. ^ Mickle, Tripp, Debate highlights MLS salary cap split, in Sports Business Journal, 26 novembre 2007. URL consultato il 1º dicembre 2007.
  7. ^ a b c Jack Bell, In M.L.S., Designated Players Do Not Guarantee Great Expectations, in The New York Times, 18 marzo 2009. URL consultato il 18 marzo 2009.
  8. ^ Galaxy, Milan, Inter wait on Becks (CNN), 24 febbraio 2009. URL consultato il 1º maggio 2010.
  9. ^ Fulham complete Johnson signing (BBC Sport), 23 gennaio 2008 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2008).
  10. ^ Joshua Mayers, Major League Soccer adds second DP slot, can purchase a third (league release), in The Seattle Times, 1º aprile 2010. URL consultato il 2 aprile 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio