Umberto Terracini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Umberto Terracini
UmbertoTerracini.jpg

Presidente dell'Assemblea Costituente
Durata mandato 8 febbraio 1947 –
31 gennaio 1948
Predecessore Giuseppe Saragat
Successore Giovanni Gronchi

Dati generali
Partito politico Partito Comunista Italiano
on. Umberto Terracini
Bandiera italiana
Assemblea costituente
Luogo nascita Genova
Data nascita 27 luglio 1895
Luogo morte Roma
Data morte 6 dicembre 1983
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione Avvocato
Partito Partito Comunista Italiano
Gruppo Comunista
Circoscrizione Liguria
Collegio III Genova
Incarichi parlamentari
  • Presidente dell'Assemblea Costituente, della quale era già stato vicepresidente;
  • Presidente del Comitato per i diritti civili;
  • Presidente della Giunta per il regolamento interno;
  • Vicepresidente della Commissione per la Costituzione;
  • Presidente della Seconda Sottocommissione;
  • è stato inoltre componente del comitato di redazione, del comitato italiano dell'Unione interparlamentare e della commissione speciale per l'esame del disegno di legge sulle nuove formule di giuramento.
Pagina istituzionale
sen. Umberto Terracini
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Professione avvocato
Partito Partito Comunista Italiano
Legislatura I, II, III, IV, V, VI, VII, VIII, IX
Gruppo Comunista
Circoscrizione Senatore di diritto (I Legislatura), Liguria (II), Toscana (dalla III alla IX)
Collegio Genova I (II Leg.), Firenze (III, IV, V), Livorno (dalla VI alla IX)
Incarichi parlamentari
  • Vicepresidente della Commissione Affari Istituzionali (I-II)
  • Vicepresidente della Commissione per la Riforma del Senato (III)
  • Presidente del Gruppo Comunista (VI)
Pagina istituzionale
« L'Assemblea ha pensato e redatto la Costituzione come un patto di amicizia e fraternità di tutto il popolo italiano, cui essa la affida perché se ne faccia custode severo e disciplinato realizzatore. »
(Umberto Terracini)

Umberto Elia Terracini (Genova, 27 luglio 1895Roma, 6 dicembre 1983) è stato un politico e antifascista italiano, presidente dell'Assemblea costituente e dirigente - sempre in posizione di autonomia critica - del Partito Comunista Italiano.

Numerose furono le volte in cui Terracini criticò frontalmente le decisioni del comitato centrale comunista: nel 1924 fu contrario, a seguito dell'assassinio di Giacomo Matteotti, alla svolta dell'Aventino; nel 1939 criticò l'alleanza tra Adolf Hitler e Stalin e fu per questo sospeso dal partito; negli anni settanta fu contrario al compromesso storico e successivamente fu favorevole ad una politica più vicina alle posizioni di Israele. Ha collaborato con la rivista Il Calendario del Popolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini familiari e formazione politica[modifica | modifica wikitesto]

Umberto nacque a Genova da Jair Terracini e Adele Segre, entrambi ebrei di origine piemontese. I nonni paterni erano commercianti ambulanti di panni, che operavano nei mercati della provincia astigiana. Con il tempo, il lavoro e il risparmio, erano riusciti a sviluppare un'attività fiorente abbastanza da permetter loro di allestire, in un palazzo della vecchia Genova, un grande negozio di tessuti, fornito di ampio magazzino, da loro gestito con la collaborazione dei figli e di alcuni commessi.

In questa famiglia benestante, Jair Terracini aveva cercato di seguire altre strade: unico tra i fratelli, si era laureato in ingegneria civile per dedicarsi alla libera professione, nella quale tuttavia non aveva avuto successo ed era perciò ritornato a curare gli affari della "ditta Terracini". Morì prematuramente nel 1899, lasciando i tre figli Amadio, Umberto e Margherita con la moglie Adele, i quali si trasferirono a Torino, in una casa di via Accademia Albertina, dove la vedova avrebbe potuto contare, nei casi di estrema necessità, sull'assistenza della famiglia di origine, appartenente alla borghesia benestante. La loro fu la povertà decorosa e orgogliosa dei buoni borghesi decaduti, salvaguardata dalla modesta rendita della dote di Adele, costituita da titoli di Stato.

Completati gli studi elementari, Umberto frequentò la scuola ebraica, i cui programmi corrispondevano a quelli ministeriali, salvo l'aggiunta dello studio della lingua e della storia d'Israele: non ricavò, né dalla famiglia, né dalla scuola, alcun interesse religioso, pur frequentando regolarmente la sinagoga. In una casa nella quale scarsi erano i libri e di poco valore, crescendo, per procurarsi delle letture, iniziò a frequentare la Biblioteca civica, avvicinandosi ai romanzi popolari degli autori che allora godevano di particolare fortuna: Victor Hugo, Edmondo De Amicis, Émile Zola, Eugène Sue.

Fu la frequentazione del cugino materno Elia Segre, giovane anticonformista, già allievo del Collegio militare dal quale era stato espulso per indisciplina, insignito di due medaglie d'oro al valor civile, socialista e anticlericale - leggeva infatti l'Avanti! e la Critica sociale di Turati, ma anche l'Asino di Guido Podrecca - a indirizzare i primi pensieri del giovanissimo Umberto verso temi sociali e politici: «Adesso li capivo i discorsi del cugino Elia, mi commuovevo alla sorte di tanti miseri e mi indignavo contro chi ne aveva la responsabilità».[1] Ma ben più importante fu, dopo che nel 1908 Terracini fu iscritto al Liceo Gioberti, l'amicizia con uno studente delle classi superiori, Angelo Tasca: «un incontro decisivo per il mio avvenire [...] Si raccontavano di lui cose mirabili in quanto a prontezza nello studio [...] ma paurose le sue propensioni ideali e politiche».[2] Figlio di un manovale delle ferrovie, aveva il piccolo alloggio, nello stesso palazzo di piazza Carlina dove un giorno andrà ad abitare Antonio Gramsci, stracolmo di libri, di opuscoli e di giornali socialisti, dei quali approfittò anche il giovane Terracini.

Fu così che nel 1911 Terracini, accompagnato da Tasca e senza dire nulla alla madre, andò a iscriversi nel Fascio socialista giovanile del quartiere Centro, in corso Siccardi: le polemiche sulla guerra di Libia erano all'ordine del giorno e Terracini fece le sue prime prove di polemista socialista, contrario alla guerra, nei capannelli che si formavano nei giardini di piazza Carlo Felice o sotto i portici di via Po, controbattendo le ragioni dei «colonialisti». In un partito, come quello socialista, dove allora militavano, nelle città, soprattutto operai, la buona cultura e la possibilità che egli aveva di approfondire, studiando, i temi politici e teorici propri del movimento socialista, resero il giovane Terracini prezioso per tenere conferenze e lezioni nelle sezioni di partito, dove si fece conoscere e apprezzare.

In questo modo, nel 1912, fu eletto segretario della sua sezione e, dopo aver conseguito la maturità nel 1913 ed essersi iscritto nella Facoltà di Giurisprudenza dell'Università torinese, nell'agosto del 1914 veniva eletto segretario provinciale. Era appena iniziata la Prima guerra mondiale, pe la quale Terracini oppose subito la sua contrarietà a una eventuale partecipazione dell'Italia e fu proprio un comizio pacifista da lui tenuto il 15 settembre 1916 a Trino Vercellese a costargli l'arresto e la condanna a un mese di carcere, dal quale fu fatto uscire solo per essere arruolato a Bra, come soldato semplice nel 72º Reggimento fanteria. Di qui, nel 1917, venne inviato al fronte, nella zona di Montebelluna, assegnato come autiere in un corpo motorizzato, dove lo raggiunse la notizia che in Russia era avvenuta la prima Rivoluzione socialista della storia.

Umberto Terracini

Alla fine della guerra, senza essere ancora congedato, fu trasferito a Torino, dove si laureò e iniziò, nel dicembre del 1919, a frequentare uno studio legale come praticante. Aveva intanto ripreso i contatti con i compagni di partito, Tasca per primo, e poi Gramsci e Togliatti. Furono i quattro giovani che progettarono una rivista nuova, che trattasse di politica e di cultura: Tasca trovò i finanziatori, la sede fu ricavata nei locali dell'Avanti! e il 1º maggio 1919 poteva uscire il primo numero de L'Ordine Nuovo. L'impostazione del settimanale, che Tasca aveva concepito come una rivista di cultura indirizzata agli operai, non soddisfaceva gli altri collaboratori, che intendevano privilegiare piuttosto l'analisi politica del movimento socialista italiano e internazionale, con una decisa impronta operaista: dopo due mesi, L'Ordine Nuovo mutò impostazione e, in polemica con la Camera del Lavoro e con la linea politica del Partito socialista, svolse un'intensa propaganda a favore dei Consigli operai, le rappresentanze operaie costituite direttamente nelle fabbriche. Terracini collaborava anche all'edizione piemontese dell'Avanti!, dirigeva un altro settimanale socialista, Falce e martello e, con Gramsci, Togliatti, Tasca, Zini, Pastore, Balsamo-Crivelli e altri, teneva lezioni di dottrina socialista nelle sezioni socialiste.

La conclusione del conflitto non sembrava aver portato i benefici che i sostenitori dell'intervento avevano sperato: alle centinaia di migliaia di vittime e di invalidi si erano aggiunti i disoccupati gettati sulla strada dalla lentezza della riconversione industriale, le difficoltà provocate da salari insufficienti, i reduci che non riuscivano a reinserirsi nella vita civile, i nazionalisti esasperati da una vittoria che consideravano «mutilata» dalle promesse di guadagni territoriali non mantenute, i timorosi di un'ondata rivoluzionaria proveniente dalla Russia. Gli squadristi di Mussolini cercavano di inserirsi in questi contrasti sociali presentandosi come i garanti dell'ordine e della proprietà, assalendo e devastando le sedi del Partito socialista, dei suoi giornali, delle Camere del Lavoro.

Tra i fondatori del PCd'I[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 settembre del 1920 la direzione del PSI si divide tra chi aderisce all'idea di Terracini e chi invece proclama l'esigenza di mantenere unito il partito pur accettando alcuni punti proposti dall'Internazionale comunista. La divisione, ormai divenuta insanabile, porta nel 1921, al termine del XVII Congresso del Partito socialista, alla formazione del Partito Comunista d'Italia, cui Terracini aderisce diventandone un personaggio di rilievo (fa parte, infatti, del primo Esecutivo, assieme ad Amadeo Bordiga, Bruno Fortichiari, Ruggero Grieco, Luigi Repossi).

Eletto deputato nel 1921 e nel 1924, nel settembre 1926 fu arrestato a Milano insieme ai compagni Rosolino Ferragni e Aladino Bibolotti e nel 1928 fu processato dal Tribunale Speciale (con i massimi esponenti del PCd'I tra cui Antonio Gramsci e Giovanni Roveda). Il 4 giugno 1928, dopo le richieste di condanna del pubblico ministero, il Tribunale concesse la parola a Terracini affinché parlasse a nome di tutti gli imputati; Terracini approfittò dell'occasione per elevare un atto di accusa contro la dittatura fascista:

« Io dicevo: qual è il significato politico delle conclusioni del Pubblico Accusatore? Niente altro che questo: che il fatto puro e semplice dell'esistenza del partito comunista è sufficiente, di per se stesso, a porre in pericolo grave e imminente il regime. Oh, eccolo, dunque, lo Stato forte, lo Stato difeso, lo Stato totalitario, lo Stato armatissimo! Esso si sente minacciato nella sua solidità, di più, nella sua esistenza, solo perché di fronte a lui si leva questo piccolo partito, disprezzato, colpito e perseguitato, che ha visto i migliori tra i suoi militanti uccisi o imprigionati, obbligato a sprofondarsi nel segreto per salvare i suoi legami con la massa lavoratrice per la quale e con la quale vive e lotta. Vi è da meravigliarsi se io dichiaro di fare mie, integralmente, queste conclusioni del Pubblico accusatore?... »
(Umberto Terracini[3])

Fu condannato a 22 anni e 9 mesi di carcere. Dopo averne scontati 11 a Roma, nel 1937 venne inviato al confino prima a Ponza e poi a Santo Stefano,[4][5] dove fu liberato dai partigiani nel 1943.[6]

Dalla critica del Patto Molotov-Ribbentrop alla Repubblica partigiana dell'Ossola[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1939 criticò aspramente e coraggiosamente il Patto Molotov-Ribbentrop, il che ne provocò l'espulsione dal partito ed il formale divieto, imposto ai suoi compagni di confino, di rivolgergli la parola. Questo fu per lui motivo di tremenda amarezza. Fu riammesso nel partito nel 1943, mentre era profugo in Svizzera, senza che la vicenda fosse resa pubblica.[7] Affiancò dunque, in veste di segretario generale, la Giunta provvisoria di Governo della Repubblica libera partigiana dell'Ossola.

Tra i firmatari della Costituzione della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

Umberto Terracini firma la Costituzione, Roma 27 dicembre 1947.

Eletto deputato e vicepresidente dell'Assemblea Costituente nel 1946, un anno dopo ne sarà presidente dopo le dimissioni di Giuseppe Saragat. È lui a firmare la Costituzione italiana insieme al Capo dello Stato Enrico De Nicola e al Presidente del Consiglio dei ministri Alcide De Gasperi.

Favorevole all'alleanza coi socialisti nel Fronte Democratico Popolare, a seguito dell'attentato a Togliatti, avvenuto il 14 luglio 1948, presenta una mozione di sfiducia al governo guidato dalla Democrazia Cristiana, che secondo lui ha la responsabilità morale e politica dell'attacco al leader comunista. La mozione, in cui Terracini fece uso dell'espressione "complesso del tiranno" per indicare che a suo dire la DC stava imitando i metodi del Partito Nazionale Fascista, viene respinta con 173 voti contrari e 83 favorevoli.
Nel medesimo periodo fonda il movimento "Solidarietà democratica" con l'intento di difendere le libertà democratiche e di fornire assistenza legale e materiale agli arrestati per motivi politici e alle loro famiglie.

Fu in questi anni, e precisamente nel 1948, che Terracini fu costretto a convolare frettolosamente a nozze con la sua compagna, la bella attrice di cinema e teatro Maria Laura Rocca; questo per sedare lo scandalo nascente. Infatti, la Rocca era ancora ufficialmente sposata con il colonnello Giuseppe Bisazza, dal quale aveva anche avuto un figlio, Oreste, e quindi i due risultavano due pubblici concubini, intollerabile immoralità per l'epoca. Durissime le parole sul fatto dei quotidiani dell'epoca: "... La concubina che con lui (cioè Umberto Terracini) continua a vivere nell'appartamento di Montecitorio, da entrambi trasformato in volgare alcova di comodo per illegittimi ed immorali incontri, al pari di una qualsiasi camera ammobiliata...".[8] Una volta legalizzata la sua situazione matrimoniale, Terracini decise di adottare il figlio della Rocca, che prese così il nome di Oreste Bisazza Terracini, che oggi è uno dei più affermati avvocati romani.

La reazione al rapporto di Chruščëv sui crimini di Stalin[modifica | modifica wikitesto]

Quando, nel marzo del 1956, Togliatti tornò da Mosca dopo aver ascoltato il rapporto di Nikita Chruščëv (allora segreto) sui crimini di Stalin, Terracini ricordò la sparizione del suo amico Béla Kun ed esortò i compagni di partito a non accontentarsi di condannare gli "errori" (così li definiva Togliatti) del regime sovietico, bensì ad avere l'onestà di fare insieme una dura autocritica su come i comunisti di tutto il mondo si fossero trincerati dietro il loro "desiderio di non sapere":[9]

«Qui non si tratta di chiarire degli errori. Si tratta di disporci tutti a una sincera e severa autocritica che stabilisca, di fronte al partito e di fronte soprattutto alla nostra coscienza, fino a che punto la nostra cosiddetta "disciplina" sia stata invece quiescenza e omertà coi delinquenti».[10]

L'appoggio all'intervento sovietico in Ungheria[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre del 1956, in linea con le posizioni del partito sulla rivolta ungherese, salutò l'entrata delle truppe sovietiche che misero fine al governo Nagy con le seguenti parole: "Questa mattina abbiamo saputo che le truppe sovietiche, di stanza in Ungheria, sono intervenute per porre fine ai massacri in atto, a scudo dei combattenti per la costruzione del socialismo. Questo fatto non può che trovare unanime appoggio e solidarietà in tutti i veri democratici e socialisti italiani."[11]

Anni sessanta e settanta[modifica | modifica wikitesto]

Terracini confermò fino alla morte il suo seggio alla Camera dei deputati, dove nel 1954 eseguì un intervento indignato quando lo scudo crociato non diede le autorizzazioni fondamentali per poter realizzare la Festa dell'Unità. Nel 1962 viene candidato alla presidenza della Repubblica, ma (dopo 200 preferenze al primo scrutinio e 196 al secondo) esce dalla possibilità di elezione; nel 1964 ci riproverà ma, nonostante il considerevole aumento di consensi (da 200 a 250, per tutti i 12 scrutini su 21 in cui lotta per la vittoria) fu sconfitto da Giuseppe Saragat.

Negli anni settanta partecipò attivamente alle campagne innocentiste a favore di alcuni esponenti della sinistra extraparlamentare quali Giovanni Marini[12] (condannato per l'omicidio di Carlo Falvella), Achille Lollo[13] (condannato per il Rogo di Primavalle) e Fabrizio Panzieri[14] (condannato per l'omicidio di Miki Mantakas). Non può peraltro essere sottaciuto il suo impegno nel favorire il ritorno in Italia dall'Urss ed il sostegno nei primi difficili anni offerto a Dante Corneli, il comunista di Tivoli, oppositore di Stalin, incarcerato nel 1936 e deportato nel Gulag staliniano. Umberto Terracini seguì con simpatia sia l'edizione (1977) delle memorie di Dante Corneli, sia l'edizione (1982) delle lettere al fratello Mario di Emilio Guarnaschelli, l'antifascista torinese fucilato nell'Estremo Oriente siberiano nel 1937, curata da Nella Masutti.

Vecchio saggio della politica italiana, negli ultimi vent'anni della sua vita svolge un ruolo marginale nello scacchiere istituzionale.

La morte[modifica | modifica wikitesto]

Si spense a Roma il 6 dicembre 1983, all'età di 88 anni. Le sue spoglie si trovano nel cimitero di Cartosio, dove ogni anno si commemora l'anniversario della morte alla presenza di autorità politiche.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Archivio Umberto Terracini, fascicolo 2119, citato in Lorenzo Gianotti, Umberto Terracini. La passione civile di un padre della Repubblica, 2005, p. 24.
  2. ^ U. Terracini, Intervista sul comunismo difficile, 1978, p. 6.
  3. ^ Citato in: Paolo Spriano, Storia del Partito comunista italiano, II. Gli anni della clandestinità, Einaudi, Torino 1969, pag. 159.
  4. ^ Commissione di Roma, ordinanza del 5.4.1937 contro Umberto Terracini (“Dirigenti comunisti - alcuni di primissimo piano come Terracini, Scoccimarro e Frausin - e l'anarchico Vatteroni, coinvolto nell'attentato Lucetti, sono confinati dopo aver scontato lunghe pene detentive”). In: Adriano Dal Pont, Simonetta Carolini, L'Italia al confino 1926-1943. Le ordinanze di assegnazione al confino emesse dalle Commissioni provinciali dal novembre 1926 al luglio 1943, Milano 1983 (ANPPIA/La Pietra), vol. IV, p. 1402-1403
  5. ^ Commissione di Littoria, ordinanza del 13.3.1942 contro Umberto Terracini (“Al termine della pena precedente riassegnati per la loro pericolosità politica”). In: Adriano Dal Pont, Simonetta Carolini, L'Italia al confino 1926-1943. Le ordinanze di assegnazione al confino emesse dalle Commissioni provinciali dal novembre 1926 al luglio 1943, Milano 1983 (ANPPIA/La Pietra), vol. IV, p. 1305
  6. ^ Su un tentativo, fallito, della Santa Sede di propiziarne la liberazione - mediante lo scambio di lui e Gramsci con due sacerdoti detenuti in URSS - cfr. Andreotti, Giulio, "Un passo della Santa Sede a favore di Gramsci e Terracini" in Rivista di Storia della Chiesa in Italia, 43, no. 1 (June 1989): 169-172.
  7. ^ Indro Montanelli, I protagonisti, Rizzoli Editori, Milano 1976, p.54.
  8. ^ 1
  9. ^ Indro Montanelli, I protagonisti, Rizzoli Editori, Milano 1976, pp.55-56.
  10. ^ Citato in Indro Montanelli, I protagonisti, Rizzoli Editori, Milano 1976, p.56.
  11. ^ L'Unità, 05/11/1956, pag. 7
  12. ^ Vito Faenza, Storia di giovani degli anni '70, Corriere.it, 06/07/2010
  13. ^ Rocco Cotroneo, Intervista ad Achille Lollo, Corriere.it, 10/02/2005
  14. ^ Michele Brambilla, Dieci anni di illusioni. Storia del Sessantotto, Rizzoli, Milano, 1994

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Archivio Umberto Terracini, documenti custoditi nell'Archivio municipale di Acqui Terme.
  • Umberto Terracini, Intervista sul comunismo difficile, Bari, Laterza 1978.
  • Aldo Agosti e altri, Umberto Terracini nella storia contemporanea, Atti del primo convegno di studi su Umberto Terracini tenutosi in Acqui Terme il 26-27 gennaio 1985, Alessandria, Edizioni dell'orso, 1987.
  • Umberto Terracini: discorsi parlamentari, 3 voll., Roma, Senato delle Repubblica Segreteria Generale Servizio studi, 1995.
  • Aldo Agosti (a cura di), La coerenza della ragione. Per una biografia politica di Umberto Terracini, Roma, Carocci, 1998.
  • Lorenzo Gianotti, Umberto Terracini. La passione civile di un padre della Repubblica, Roma, Editori Riuniti, 2005. ISBN 88-359-5622-6.
  • Leonardo Pompeo D'Alessandro, Umberto Terracini nel "partito nuovo" di Togliatti, Roma, Aracne, 2012. ISBN 978-88-548-4677-7.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Presidente dell'Assemblea Costituente Successore Emblem of Italy.svg
Giuseppe Saragat 8 febbraio 1947 - 31 gennaio 1948 Giovanni Gronchi (alla Camera)
Controllo di autorità VIAF: (EN76419265 · LCCN: (ENn50027115 · SBN: IT\ICCU\RAVV\021100 · ISNI: (EN0000 0000 8395 482X · GND: (DE119007479 · BNF: (FRcb124902623 (data) · BAV: ADV12121080