Giovanni Battista Cassinis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Battista Cassinis
Giovanni Battista Cassinis iii.jpg

Presidente della Camera dei deputati
Durata mandato 25 maggio 1863 –
7 settembre 1865
Predecessore Sebastiano Tecchio
Successore Adriano Mari
sen. Giovanni Battista Cassinis
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Luogo nascita Masserano
Data nascita 25 febbraio 1806
Luogo morte Torino
Data morte 18 dicembre 1866
Professione giurista
Legislatura VIII

Giovanni Battista Cassinis (Masserano, 25 febbraio 1806Torino, 18 dicembre 1866) è stato un giurista e politico italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È assieme a Quintino Sella e ad Alfonso La Marmora uno dei figli più conosciuti della città di Biella. Fu giureconsulto del foro di Torino e statista nel Regno d'Italia. Venne eletto il 26 maggio 1863 Presidente della Camera dei deputati nell'VIII legislatura.

La sua carriera professionale e politica aveva avuto inizio nella sua regione di origine, il biellese, dapprima come consigliere municipale nella natìa Masserano, poi come rappresentante del collegio di Salussola nella I legislatura del Parlamento subalpino.
Venne rieletto deputato nella IV legislatura, divenendo uno dei maggiori collaboratori di Camillo Benso conte di Cavour. Lo stesso Cavour gli affidò nel 1857 la difesa giudiziaria dei diritti relativi all'uso delle acque in terreni di sua proprietà.

Nel 1860, sempre al fianco di Cavour, Cassinis divenne ministro di Grazia e Giustizia, orientando la propria attività sull'estensione dei codici piemontesi alle province annesse e all'elaborazione di un nuovo Codice Civile.

Nell'ottobre dello stesso anno assunse la carica di ministro degli Interni, ruolo che lo portò a compiere nel meridione d'Italia una lunga missione tesa ad accelerare la procedura di unificazione nazionale.

Tre anni dopo, il 26 maggio del 1863, venne eletto alla carica di presidente della Camera dei deputati. Sotto il suo mandato venne votata la proposta per il progetto di legge che doveva ostacolare e combattere il brigantaggio.

Fu nominato senatore del Regno l'8 ottobre del 1865, ma soltanto un anno dopo, il 18 dicembre del 1866, morì suicida a Torino. Alla base del tragico gesto pare sia stato un momento di sconforto determinato da sue errate scelte riguardo alcune importanti nomine politiche.

In occasione del bicentenario della nascita, il comune natale ha dedicato nel 2006 a questa importante figura di statista - spesso trascurata dagli storiografi - alcuni convegni di studio e varie manifestazioni commemorative, inclusa l'emissione di un annullo filatelico con cartolina postale dedicata. Nel Borgo inferiore di Masserano, dove nacque, lo ricorda una targa mentre documenti storici ed un piccolo busto sono esposti al Palazzo dei Principi.

A Torino, città nella quale chiuse la sua parabola esistenziale, Cassinis è ricordato con una statua situata in via Bertola che lo indica come Rettissimo d'animo, coltissimo d'ingegno, nel foro torinese valente giureconsulto, nel Regno d'Italia benemerito statista che tenne degnamente gli uffici di guardasigilli, di presidente della Camera dei deputati, di senatore. Meritò ed ebbe universale stima e rispetto.

È sepolto nel Cimitero monumentale di Torino.

Onorificenze sabaude[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidente della Camera dei deputati Successore
Sebastiano Tecchio 25 maggio 1863 - 7 settembre 1865 Adriano Mari
Predecessore Ministro della Giustizia del Regno d'Italia Successore Flag of Italy (1861-1946).svg
17 marzo 1861 - 6 giugno 1861 Vincenzo Maria Miglietti

Controllo di autorità VIAF: 95309328 SBN: IT\ICCU\SBLV\043808

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie