Serie A 2014-2015 (calcio a 5)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serie A 2014-2015
Logo della competizione
Competizione Serie A
Sport Futsal pictogram.svg Calcio a 5
Edizione 32ª (26ª di Serie A)
Organizzatore Divisione Calcio a 5
Date dal 27 settembre 2014
al 11 giugno 2015
Luogo Italia Italia
Partecipanti 11
Formula Girone all'italiana,
play-off e play-out
Risultati
Vincitore Pescara
(1º titolo)
Secondo Kaos
Semi-finalisti Acqua e Sapone
Luparense
Retrocessioni Sestu
Statistiche
Miglior marcatore Italia Manoel Crema (23)
Serie A Calcio a 5 2014-2015 Map.png
Distribuzione geografica delle squadre
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2013-2014 2015-2016 Right arrow.svg

La Serie A 2014-2015 è stata il ventiseiesimo campionato di Serie A e la trentaduesima manifestazione nazionale che assegnasse il titolo di campione d'Italia. La stagione regolare ha preso avvio il 27 settembre 2014, e si è conclusa il 18 aprile 2015 prolungandosi fino al 15 giugno con la disputa delle partite di spareggio. Anche in questa edizione il numero delle formazioni partecipanti è cambiato, passando a 11 squadre: per la prima volta nella storia della competizione, è stato introdotto il turno di riposo. A parità di punteggio fra due o più squadre, la graduatoria finale sarà determinata in base alla classifica avulsa (stesso parametro valevole anche al termine del girone d'andata, per definire le 8 formazioni qualificate alla Coppa Italia). I criteri imposti seguiti sono: punti ottenuti negli scontri diretti, differenza reti negli scontri diretti, differenza reti generale, reti realizzate in generale, sorteggio. È rimasta invariata sia la formula dei play-off (con le prime otto classificate che accedono direttamente agli spareggi-scudetto) sia quella dei play-out che interessano le ultime due squadre classificate e decretano l'unica retrocessione in Serie A2. Tuttavia, questi non saranno necessari se al termine del girone di ritorno vi siano undici, o più punti in classifica tra la penultima e l'ultima classificata che retrocederà direttamente[1]. Anche per questa stagione il pallone ufficiale del campionato è il Bola Futsal fornito da AGLA, sponsor tecnico della Divisione[2].

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

AGLA Bola Futsal, già pallone ufficiale nella stagione 2013-14

Sorteggio dei calendari[modifica | modifica wikitesto]

La Divisione Calcio a 5 ha divulgato un primo calendario del campionato nella notte del 10 agosto[3]. Tuttavia, non rispettando l'identica distribuzione per ciascuna società del numero delle gare da disputare in trasferta ed in casa, esso è stato ritirato nello stesso giorno[4]. Il calendario definitivo è stato ufficializzato tre giorni più tardi[5]. Nella stesura dei calendari è stato imposto il seguente criterio:

Novità[modifica | modifica wikitesto]

L'obbligo di impiegare almeno cinque giocatori formati in Italia (ovvero tesserati per la FIGC prima del compimento del diciottesimo anno d'età[6]) rappresenta la più importante novità introdotta nell'edizione corrente, volta a stimolare l'utilizzo di giocatori italiani. La modifica dei limiti di partecipazione dei giocatori condiziona l'intero mercato, costringendo la maggioranza delle squadre a vere e proprie rivoluzioni dell'organico[7] o a cessioni dolorose come quelle di Zanchetta, beniamino dell'Acqua e Sapone e fedelissimo del mister Bellarte[8]. La squadra campione in carica è la Luparense, che grazie all'affermazione della scorsa edizione, ha raggiunto la Roma RCB in quanto a numero di scudetti vinti. In questa edizione è assente una delle formazioni protagoniste dell'ultimo decennio: la Marca Futsal, retrocessa al termine della scorsa stagione, non ha presentato domanda di iscrizione in nessuno dei campionati FIGC, risultando di fatto inattiva; anche l'L.C. Five Martina e la neopromossa New Team non prenderanno parte alla categoria[9]. Oltre alla formazione friulana, dalla Serie A2 sono state promosse Latina e Sestu. Completa l'organico il Fabrizio, che grazie al quarto ripescaggio consecutivo, in altrettante stagioni è passato dalla Serie C1 regionale alla Serie A senza aver mai vinto un campionato. Il numero delle regioni rappresentate nel torneo aumenta quest'anno a nove: quella maggiormente rappresentata è il Lazio con 3 squadre (Lazio, Latina e Real Rieti), segue l'Abruzzo con due formazioni (Acqua&Sapone e Pescara) mentre Campania, Calabria, Emilia-Romagna, Piemonte, Sardegna e Veneto hanno ciascuna ai nastri di partenza una sola rappresentante.

Soste[modifica | modifica wikitesto]

Per questa stagione sono previste numerose soste, tra gli impegni della Nazionale campione d'Europa e gli appuntamenti consolidati con la Coppa Italia e la Winter Cup. Il campionato si fermerà il 25 ottobre, il 20 e 27 dicembre, il 3 e 24 gennaio, il 28 febbraio e, infine, nella settimana dal 14 al 21 marzo, quest'ultima per le qualificazioni a Euro2016 in cui sarà impegnata la formazione guidata da Roberto Menichelli.

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Città Palazzetto[10] Sponsor tecnico Sponsor ufficiale Risultato Stagione 2013-2014
Acqua e Sapone Montesilvano PalaRoma Joma Acqua & Sapone 2º posto in Serie A, finalista play-off
Asti Asti Pala San Quirico Joma Audi Zentrum
Libellulapress.it
Istituto Ayrton Senna
Tuttosport
1º posto in Serie A, elim. in sem. play-off
Fabrizio Corigliano Calabro PalaCorigliano Agla Acqua Fontenoce 2º posto in Serie A2 gir. B (ripescata)
Kaos Ferrara PalaMIT2B Macron Kaos (negozi di abbigliamento) 3º posto in Serie A, elim. ai quarti play-off
Latina Latina PalaBianchini Legea Rapidoo (servizi per autoriparatori) 1º posto in Serie A2, girone B
Lazio Roma FutsalArena Gems Veratour 6º posto in Serie A, semif. play-off
Luparense San Martino di Lupari PalaBruel (Bassano del Grappa) Agla Veneto Banca 4º posto in Serie A, Campione d'Italia
Napoli Napoli Centro FIPAV (Cercola) Joma Acqua Minerale Sorgesana 9º posto in Serie A, salvo dopo i play-out
Pescara Pescara PalaRigopiano Gems Gemmy 7º posto in Serie A,elim. ai quarti Playoff
Real Rieti Rieti PalaMalfatti Lotto Cartaria Saponer 5º posto in Serie A, elim. ai quarti Playoff
Sestu Sestu Palasport comunale Legea 2º posto in Serie A2 girone A, vincitrice play-off

Allenatori e primatisti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Cannoniere
Acqua&Sapone Italia Massimiliano Bellarte Brasile Italia Diego Cavinato (18+2)
Asti Portogallo Tiago Polido Brasile Italia Ramon (10+3)
Fabrizio Italia David Ceppi (1ª-11ª)
Italia Alfonso Cimino e Italia Giovanni Toscano (12ª-22ª)
Brasile Arlan Pablo Vieira (16+5)
Kaos Italia Leopoldo Capurso Brasile Italia Kaká (17+7)
Latina Italia Luca Giampaolo (1ª-8ª)
Italia Piero Basile (9ª-22ª)
Argentina Gerardo Battistoni (14+1)
Lazio Italia Massimiliano Mannino Brasile Paulinho (17+3)
Luparense Italia Alessio Musti (1ª-6ª)
Spagna Julio Fernández (8ª-22ª)
Brasile Waltinho (18+5)
Napoli Italia Ivan Oranges Spagna Pedro Toro (14)
Pescara Italia Fulvio Colini Brasile Italia Mauro Canal (21+5)
Real Rieti Italia Mario Patriarca Brasile Italia Manoel Crema (23)
Sestu Italia Enrico Cocco Brasile Sérgio Rocha (10+4)

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[11][modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg 1. Pescara[12] 38 20 11 5 4 69 48 +21
Noatunloopsong.png 2. Luparense 38 20 11 5 4 80 57 +23
Vincitrice della Coppa Italia Noatunloopsong.png 3. Asti 33 20 9 6 5 71 48 +23
Noatunloopsong.png 4. Acqua e Sapone 31 20 8 7 5 62 57 +5
Noatunloopsong.png 5. Real Rieti[12] 30 20 7 9 4 90 78 +12
Noatunloopsong.png 6. Kaos 30 20 9 3 8 74 60 +14
Noatunloopsong.png 7. Lazio[13] 29 20 9 3 8 73 76 –3
Noatunloopsong.png 8. Latina 22 20 7 1 12 57 69 –12
9. Napoli 19 20 5 4 11 57 80 –23
Noatunloopsong-2.png 10. Fabrizio 18 20 5 3 12 53 84 –31
1downarrow red.svg 11. Sestu 14 20 2 8 10 48 77 –29

Verdetti[modifica | modifica wikitesto]

Calendario e risultati[modifica | modifica wikitesto]

andata
1ª giornata
ritorno (12ª)
26 set. 1-2 Latina-Luparense 3-5 11 gen.
27 set. 0-2 Asti-Lazio 5-3
0-6[14][15] Acqua&Sapone-Sestu 2-2 10 gen.
28 set. 5-4 Fabrizio-Real Rieti 7-9 11 gen.
4-1 Kaos-Pescara 4-1
riposa: Napoli
andata
2ª giornata
ritorno (13ª)
4 ott. 3-3 Sestu-Asti 1-6 17 gen.
5 ott. 5-4 Real Rieti-Kaos 5-4
6-1 Lazio-Latina 4-2 16 gen.
5-1 Pescara-Napoli 3-5 18 gen.
14 ott.[16] 6-0 Luparense-Fabrizio 1-1
riposa: Acqua&Sapone


andata
3ª giornata
ritorno (14ª)
10 ott. 3-9 Napoli-Real Rieti 3-3 1 feb.
4-0 Latina-Sestu 7-3 31 gen.
11 ott. 5-2 Asti-Acqua&Sapone 2-2
7-5 Fabrizio-Lazio 8-5 1 feb.
5-5 Kaos-Luparense 4-5
riposa: Pescara
andata
4ª giornata
ritorno (15ª)
18 ott. 4-1 Acqua&Sapone-Latina 3-2 7 feb.
3-2 Sestu-Fabrizio 3-3
6-1 Luparense-Napoli 4-2 6 feb.
19 ott. 5-2 Lazio-Kaos 2-3
5-5 Real Rieti-Pescara 3-3 7 feb.
riposa: Asti


andata
5ª giornata
ritorno (16ª)
31 ott. 3-4 Napoli-Lazio 5-6 15 feb.
1 nov. 9-2 Kaos-Sestu 2-2 14 feb.
2 ott. 4-7 Latina-Asti 4-4
2-1 Pescara-Luparense 6-5 15 feb.
3 nov. 3-2 Fabrizio-Acqua&Sapone 1-6 14 feb.
riposa: Real Rieti
andata
6ª giornata
ritorno (17ª)
8 nov. 3-3 Sestu-Napoli 2-7 20 feb.
4-2 Acqua&Sapone-Kaos 2-2 21 feb.
2-0 Asti-Fabrizio 7-1
3-2 Luparense-Real Rieti 6-6
9 nov. 3-3 Lazio-Pescara 0-6[17][18] 22 feb.
riposa: Latina


andata
7ª giornata
ritorno (18ª)
15 nov. 1-5 Kaos-Asti 3-1 7 mar.
3-3 Napoli-Acqua&Sapone 4-5
16 nov. 2-2 Pescara-Sestu 3-2
6-4 Real Rieti-Lazio 4-4 8 mar.
5-1 Fabrizio-Latina 1-4 6 mar.
riposa: Luparense
andata
8ª giornata
ritorno (19ª)
21 nov. 4-3 Latina-Kaos 1-3 28 mar.
22 nov. 3-0 Asti-Napoli 1-2 27 mar.
3-1 Acqua&Sapone-Pescara 3-3 29 mar.
2-2 Sestu-Real Rieti 1-3
23 nov. 4-2 Lazio-Luparense 1-8
riposa: Fabrizio


andata
9ª giornata
ritorno (20ª)
29 nov. 6-2 Kaos-Fabrizio 3-2 4 apr.
6-6 Real Rieti-Acqua&Sapone 3-4
2-0 Pescara-Asti 4-3 3 apr.
30 nov. 1-2 Napoli-Latina 3-7
3-1 Luparense-Sestu 6-4 4 apr.
riposa: Lazio
andata
10ª giornata
ritorno (21ª)
6 dic. 3-3 Acqua&Sapone-Luparense 2-3 11 apr.
3-3 Asti-Real Rieti 5-5
2-2 Fabrizio-Napoli 2-3
3-3 Sestu-Lazio 3-7
8 dic. 2-4 Latina-Pescara 1-3
riposa: Kaos


andata
11ª giornata
ritorno (22ª)
13 dic. 2-1 Lazio-Acqua&Sapone 3-4 18 apr.
4-4 Luparense-Asti 2-5
2-7 Napoli-Kaos 4-3
5-0 Pescara-Fabrizio 7-1
4-1 Real Rieti-Latina 3-5
riposa: Sestu

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Giocatore Squadra
23 Italia Manoel Crema Real Rieti
21 Italia Mauro Canal Pescara
18 Italia Diego Cavinato Acqua e Sapone
18 Brasile Waltinho Luparense
17 Italia Chimanguinho Asti (7)
Real Rieti (10)
17 Italia Kaká Kaos
17 Brasile Paulinho Lazio
17 Brasile Márcio Zanchetta Real Rieti
16 Brasile Arlan Pablo Vieira Fabrizio
14 Argentina Gerardo Battistoni Latina
14 Italia Daniel Giasson Luparense
14 Spagna Pedro Toro Napoli
Gol Giocatore Squadra
13 Italia Humberto Honorio Luparense
13 Brasile Rogério Pescara
12 Italia Edgar Bertoni Kaos
12 Spagna Jordi Torrás Asti
11 Argentina Leandro Cuzzolino Acqua e Sapone
11 Brasile Felipe Manfroi Lazio
11 Italia Vincenzo Milucci Napoli
10 Argentina Luciano Avellino Latina
10 Italia Jonas Asti
10 Brasile Mauricio Luparense
10 Italia Ramon Asti
10 Brasile Sérgio Rocha Sestu

Capoliste solitarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Dalla 3ª alla 5ª giornata: Luparense
  • Dalla 5ª alla 6ª giornata: Lazio
  • Dalla 11ª alla 12ª giornata: Lazio
  • Dalla 13ª giornata alla 14ª giornata: Asti
  • Dalla 15ª giornata alla 17ª giornata: Luparense
  • Dalla 19ª giornata alla 21ª giornata: Luparense
Luparense Calcio a 5Luparense Calcio a 5Asti Calcio a 5S.S. Lazio Calcio a 5S.S. Lazio Calcio a 5Luparense Calcio a 5

Record[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior numero di vittorie: Luparense, Pescara (11)
  • Minor numero di vittorie: Sestu (2)
  • Maggior numero di pareggi: Real Rieti (9)
  • Minor numero di pareggi: Latina (1)
  • Maggior numero di sconfitte: Fabrizio, Latina (12)
  • Minor numero di sconfitte: 3 squadre (4)
  • Miglior attacco: Real Rieti (90)
  • Peggior attacco: Sestu (48)
  • Miglior difesa: Asti, Pescara (48)
  • Peggior difesa: Fabrizio (84)
  • Miglior differenza reti: Asti, Luparense (+23)
  • Peggior differenza reti: Fabrizio (-31)
  • Miglior serie positiva: Real Rieti (12)
  • Maggior numero di vittorie consecutive: Asti (5)
  • Maggior numero di sconfitte consecutive: Sestu (5)
  • Partita con maggiore scarto di gol: Kaos-Sestu 9-2, Luparense-Lazio 8-1 (7)
  • Partita con più reti: Real Rieti-Fabrizio 9-7 (16)
  • Maggior numero di reti in una giornata: 3ª (45)
  • Minor numero di reti in una giornata: 8ª (24)

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Regolamento[1][modifica | modifica wikitesto]

I play-off valevoli per lo scudetto si svolgeranno a partire dal 1º maggio per terminare il 12 giugno 2015. Gli incontri dei quarti di finale e delle semifinali sono a eliminazione diretta con gare di andata e ritorno. Gli incontri di ritorno saranno effettuati in casa delle squadre meglio classificate al termine della "stagione regolare". Al termine degli incontri saranno dichiarate vincenti le squadre, che nelle due partite di andata e di ritorno, avranno ottenuto il maggior punteggio. In caso di parità di punti tra le due squadre al termine delle due gare, indipendentemente dalla differenza reti, si disputerà una terza gara di spareggio da giocarsi sempre sul campo della migliore classificata al termine della stagione regolare. In caso di parità al termine della terza gara si giocheranno due tempi supplementari di 5 minuti ciascuno. Qualora anche al termine di questi le squadre fossero in parità sarà considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine della "stagione regolare". La finale si disputerà al meglio delle cinque gare secondo l’ordine di seguito evidenziato: 1ª gara in casa della squadra meglio classificata al termine della "stagione regolare"; 2ª e 3ª gara in casa della squadra peggio classificata al termine della “stagione regolare”; 4^ (eventuale) e 5ª gara (eventuale) in casa della squadra meglio classificata al termine della "stagione regolare". Al termine degli incontri saranno dichiarate vincenti le squadre, che avranno ottenuto il maggior punteggio. In caso di parità al termine della prima gara, della seconda gara, della terza gara e della eventuale quarta gara, si procederà direttamente all'effettuazione dei tiri di rigore. In caso di parità al termine della (eventuale) quinta gara si giocheranno due tempi supplementari di 5 minuti ciascuno. Qualora anche al termine di questi le squadre fossero in parità si procederà all’effettuazione dei tiri di rigore.

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

  Quarti di finale Semifinali Finale
                                           
  5  Real Rieti 3 2 1  
4  Acqua e Sapone 4 1 6  
  4  Acqua e Sapone 3 3 -  
  1  Pescara 3 7 -  
8  Latina 4 1 2
  1  Pescara 3 4 7  
    1  Pescara 5 4 2(5) 1(4) -
  6  Kaos 3 3 2(6) 1(3) -
  6  Kaos 4 3 4  
3  Asti 2 4 3  
  6  Kaos 2 3 5
  2  Luparense 1 7 3  
7  Lazio 4 2 -
  2  Luparense 5 3 -  

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Gara 1[modifica | modifica wikitesto]
Ferrara
1º maggio 2015, ore 19:00 CEST
Kaos4 – 2
(2-0)
referto
AstiPala Hilton Pharma
Arbitri:  Giancarlo Lombardi (Roma 1)
Daniele Ferretti (Roma 1)
Crono:  Riccardo Davì (Bologna)

Rieti
2 maggio 2015, ore 21:00 CEST
Real Rieti3 – 4
(1-3)
referto
Acqua e SaponePalaMalfatti
Arbitri:  Vincenzo Tafuro (Brindisi)
Francesco Paolo Spinazzola (Barletta)
Crono:  Daniele Di Resta (Roma 2)

Roma
3 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Lazio4 – 5
(2-2)
referto
LuparensePalaGems
Arbitri:  Alessandro Maggiore (Bologna)
Gianfranco Di Padova (Termoli)
Crono:  Francesca Muccardo (Roma 1)

Latina
3 maggio 2015, ore 20:45 CEST
Latina4 – 3
(3-0)
referto
PescaraPalaBianchini
Arbitri:  Gianantonio Leonforte (Vicenza)
Mauro De Coppi (Conegliano)
Mario Filippini (Roma 1)
Crono:  Daniele Intoppa (Roma 2)

Gara 2[modifica | modifica wikitesto]
Montesilvano
7 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Acqua e Sapone1 – 2
(0-0)
referto
Real RietiPalaRoma
Arbitri:  Gennaro Luca De Falco (Catanzaro)
Mauro Albertini (Ascoli Piceno)
Giancarlo Lombardi (Roma 1)
Crono:  Pierluigi Tomassetti (Ascoli Piceno)

Asti
7 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Asti4 – 3
(2-2)
referto
KaosPala San Quirico
Arbitri:  Mario Filippini (Roma 1),
Giuseppe Di Gregorio (Enna)
Giacomo Allotta (Torino)
Crono:  Vincenzo Aricò (Bra)

Bassano del Grappa
8 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Luparense3 – 2
(1-1)
referto
LazioPalaBruel
Arbitri:  Carmelo Loddo (Reggio Calabria)
Lorenzo Cursi (Jesi)
Biagio Carbone (Mestre)
Crono:  Simonetta Romanello (Padova)

Pescara
8 maggio 2015, ore 20:30 CEST
Pescara4 – 1
(1-0)
referto
LatinaPalaRigopiano
Arbitri:  Giuseppe Parente (Como)
Rocco Morabito (Vercelli)
Lorenzo Di Guilmi (Vasto)
Crono:  Viviana Pennese (Vasto)

Gara 3[modifica | modifica wikitesto]
Montesilvano
9 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Acqua e Sapone6 – 1
(0-1)
referto
Real RietiPalaRoma
Arbitri:  Alessandro Maggiore (Bologna)
Francesco Peroni (Città di Castello)
Antonino Tupone (Lanciano)
Crono:  Dario Di Nicola (Pescara)

Asti
9 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Asti3 – 4
(2-1)
referto
KaosPala San Quirico
Arbitri:  Francesca Muccardo (Roma 1)
Daniele Di Resta (Roma 2)
Carlo Adilardi (Collegno)
Crono:  Claudio Costa (Collegno)

Pescara
10 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Pescara7 – 2
(3-2)
referto
LatinaPalaRigopiano
Arbitri:  Damiano Calaprice (Bari)
Vincenzo Giannantonio (Campobasso)
Daniele Ferretti (Roma 1)
Crono:  Massimiliano Palombi (Avezzano)

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Gara 1[modifica | modifica wikitesto]
Montesilvano
15 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Acqua e Sapone3 – 3
(0-1)
referto
PescaraPalaRoma
Arbitri:  Angelo Galante (Ancona)
Ferruccio Prisma (Crotone)
Leonardo Gaetani (San Benedetto)
Crono:  Giovanni Zannola (Ostia Lido)

Ferrara
15 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Kaos2 – 1
(1-1)
referto
LuparensePala Hilton Pharma
Arbitri:  Walter Mameli (Cagliari)
Marco Delpiano (Cagliari)
Fabrizio Burattoni (Lugo)
Crono:  Marco Brasi (Seregno)

Gara 2[modifica | modifica wikitesto]
Pescara
20 maggio 2015, ore 19:00 CEST
Pescara7 – 3
(4-1)
referto
Acqua e SaponePalaRigopiano
Arbitri:  Nicola Maria Manzione (Salerno)
Andrea Sabatini (Bologna)
Lorenzo Cursi (Jesi)
Crono:  Marco Messina (Vasto)

San Martino di Lupari
20 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Luparense7 – 3
(2-1)
referto
KaosPalazzetto dello Sport
Arbitri:  Alessandro Malfer (Rovereto)
Francesco Cirillo (Rovereto)
Mauro De Coppi (Conegliano)
Crono:  Luca Bizzotto (Castelfranco Veneto)

Gara 3[modifica | modifica wikitesto]
San Martino di Lupari
22 maggio 2015, ore 20:45 CEST
Luparense3 – 5
(1-2)
referto
KaosPalazzetto dello Sport
Arbitri:  Francesco Peroni (Città di Castello)
Ruggiero Chariello (Barletta)
Francesco Scarpelli (Padova)
Crono:  Gaudenzio Raffaelli (Terni)

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Gara 1[modifica | modifica wikitesto]
Pescara
28 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Pescara5 – 3
(1-1)
referto
KaosPalasport Giovanni Paolo II
Arbitri:  Daniele Di Resta (Roma 2)
Mario Filippini (Roma 1)
Mauro Albertini (Ascoli Piceno)
Crono:  Manuela Di Fabbi (Sulmona)

Gara 2[modifica | modifica wikitesto]
Ferrara
3 giugno 2015, ore 20:00 CEST
Kaos3 – 4
(2-3)
referto
PescaraPala Hilton Pharma
Arbitri:  Walter Mameli (Cagliari)
Marco Delpiano (Cagliari)
Nicola Zanna (Ferrara)
Crono:  Andrea Sabatini (Bologna)

Gara 3[modifica | modifica wikitesto]
Ferrara
5 giugno 2015, ore 18:30 CEST
Kaos2 – 2
(1-0)
referto
PescaraPala Hilton Pharma
Arbitri:  Alessandro Malfer (Rovereto)
Ruggiero Chiariello (Barletta)
Alessandro Maggiore (Bologna)
Crono:  Natale Mazzone (Imola)

Gara 4[modifica | modifica wikitesto]
Pescara
11 giugno 2015, ore 20:30 CEST
Pescara1 – 1
(0-1)
referto
KaosPalasport Giovanni Paolo II
Arbitri:  Nicola Maria Manzione (Salerno)
Mauro Albertini (Ascoli Piceno)
Antonio Gallo (Torre Annunziata)
Crono:  Andrea Campi (Ciampino)

Squadra vincitrice[modifica | modifica wikitesto]

Il Pescara festeggia la vittoria dello scudetto

Classifica marcatori play-off[modifica | modifica wikitesto]

Play-out[modifica | modifica wikitesto]

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Le squadre che hanno concluso il campionato alla decima e all'undicesima posizione si affronteranno in un doppio spareggio (andata e ritorno, la prima partita verrà giocata in casa dell'ultima classificata) per determinare l'unica squadra a retrocedere in Serie A2. Al termine degli incontri sarà dichiarata vincente la squadra che nelle due partite (di andata e di ritorno) avrà ottenuto il maggior punteggio ovvero a parità di punteggio la squadra che avrà realizzato il maggior numero di reti. Nel caso di parità gli arbitri della gara di ritorno faranno disputare due tempi supplementari di 5 minuti ciascuno. Qualora anche al termine di questi le squadre fossero in parità sarà considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine della stagione regolare. Le due partite sono programmate rispettivamente per il 2 e l'8 maggio 2015[1].

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Sestu
2 maggio 2015, ore 15:30 CEST
Sestu3 – 4
(2-1)
referto
FabrizioPalazzetto dello Sport
Arbitri:  Giovanni Nero (Latina)
Leonardo Gaetani (San Benedetto)
Crono:  Marco Delpiano (Cagliari)

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Corigliano Calabro
8 maggio 2015, ore 20:00 CEST
Fabrizio4 – 2
(0-0)
referto
SestuPalaCorigliano
Arbitri:  Raffaele Ziri (Barletta)
Ettore Quarti (Imperia)
Crono:  Ferruccio Prisma (Crotone)

Supercoppa italiana[modifica | modifica wikitesto]

La diciassettesima edizione ha posto di fronte i campioni d'Italia della Luparense e i detentori della Coppa Italia dell'Acqua&Sapone, in una sorta di remake della precedente finale scudetto. L'incontro si è disputato martedì 11 novembre presso il PalaBruel di Bassano del Grappa, in diretta su Rai Sport 1[19].

Bassano del Grappa
11 novembre 2014, ore 20:30 CET
Luparense1 – 6
(0-3)
referto
Acqua e SaponePalaBruel
Arbitri:  Francesca Muccardo (Roma 1)
Giancarlo Lombardi (Roma 1)
Francesco Scarpelli (Padova)
Crono:  Stefano Mezzadri (Parma)

Copertura televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Come già avvenuto nelle passate stagioni, Rai Sport trasmetterà le partite di Serie A in diretta ed in esclusiva, proponendo settimanalmente una gara del sabato e un posticipo alla domenica, attraverso i canali Rai Sport 1 e Rai Sport 2, trasmettendo integralmente o in differita come di consueto anche la finale della Supercoppa Italiana, le Final Eight della Coppa Italia e tutte le sfide più avvincenti e interessanti degli incontri dei play-off-scudetto, sino alle finali comprese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Divisione Calcio a 5, Comunicato Ufficiale N.64 2014/2015 divisioneacalcioa5.it
  2. ^ AGLA lancia pacchetti promozionali per società A2, B e Serie A femminile divisionecalcioa5.it
  3. ^ La lunga attesa sta per finire: a mezzanotte sarà ufficiale il calendario della stagione 2014-2015 divisionecalcioa5.it
  4. ^ Comunicazione Divisione Calcio a cinque - Calendario del campionato di Serie A divisionecalcioa5.it
  5. ^ Il 27 settembre scatta la caccia alla Luparense: il calendario della stagione divisionecalcioa5.it
  6. ^ Divisione Calcio a 5, Comunicato Ufficiale N.1 2014/2015 divisionecalcioa5.it
  7. ^ Caccia aperta alla Luparense pugliagol.it
  8. ^ Ecco il primo acquisto per il 2014/2015: Diego Cavinato. E Zanchetta saluta Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive. acquaesaponec5.it
  9. ^ Divisione Calcio a 5, Comunicato Ufficiale N.24 2014/2015 divisionecalcioa5.it
  10. ^ Divisione Calcio a 5, Comunicato Ufficiale N.50 2014/2015 divisionecalcioa5.it
  11. ^ Divisione Calcio a 5, Comunicato Ufficiale N.659 2014/2015 divisionecalcioa5.it
  12. ^ a b In virtù degli scontri diretti
  13. ^ 1 punto di penalizzazione
  14. ^ A tavolino poiché la società abruzzese aveva schierato il giocatore Júlio Miotti De Oliveira, in corso di squalifica. L'incontro si era concluso sul risultato di 4-2 per l'A&S.
  15. ^ Divisione Calcio a 5, Comunicato Ufficiale N.115 2014/2015 divisionecalcioa5.it
  16. ^ posticipata a causa del concomitante impegno della Luparense in Coppa UEFA
  17. ^ A tavolino. La partita era stata sospesa per circa 9 minuti al 14'45'' s.t., quando l'allenatore della Lazio, Massimiliano Mannino, veniva aggredito sugli spalti da un sostenitore del Pescara. Allontanato dal terreno di gioco al 13' s.t., invece di rimanere negli spogliatoi l'allenatore aveva raggiunto gli spalti dove era stato colpito con un forte pugno alla nuca da un sostenitore del Pescara che era riuscito a superare il cordone di steward. Ristabilite le condizioni per proseguire l'incontro, la Lazio comunicava ai direttori di gara l'intenzione di non riprendere la gara
  18. ^ Divisione Calcio a 5, Comunicato Ufficiale N.587 2014/2015 divisionecalcioa5.it
  19. ^ Divisione Calcio a 5, Comunicato Ufficiale N.163 2014/2015 divisionecalcioa5.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]