Serie A 2015-2016 (calcio a 5)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Serie A 2015-2016
Competizione Serie A
Sport Futsal pictogram.svg Calcio a 5
Edizione 33ª (27ª di Serie A)
Organizzatore Divisione Calcio a 5
Date dal 18 settembre 2015
al 7 giugno 2016
Luogo Italia Italia
Partecipanti 12[1]
Formula Girone all'italiana,
play-off e play-out
Risultati
Vincitore Asti
(1º titolo)
Secondo Real Rieti
Semi-finalisti Acqua e Sapone
Luparense
Retrocessioni Cosenza
Lazio
Statistiche
Miglior marcatore Italia Kaká
Brasile Zanchetta (28)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2014-2015 2016-2017 Right arrow.svg

Il campionato di Serie A 2015-2016 è stato il ventisettesimo campionato di Serie A e la trentatreesima manifestazione nazionale che assegna il titolo di campione d'Italia. La stagione regolare ha preso avvio il 19 settembre 2015 e si è conclusa il 16 aprile 2016, prolungandosi fino al 7 con la disputa delle partite di spareggio. Anche in questa edizione il calendario prevede il turno di riposo poiché la Commissione di Vigilanza delle Società Dilettantistiche ha bocciato[2] la domanda di iscrizione dell'Orte, ripartito dalla Serie B[3]. A parità di punteggio fra due o più squadre, la graduatoria finale sarà determinata in base alla classifica avulsa (stesso parametro valevole anche al termine del girone d'andata, per definire le otto formazioni qualificate alla Coppa Italia). I criteri imposti seguiti sono: punti ottenuti negli scontri diretti, differenza reti negli scontri diretti, differenza reti generale, reti realizzate in generale, sorteggio. Rimasta immutata la formula dei play-off (le prime otto classificate accedono direttamente agli spareggi-scudetto[4]) è invece variato il numero di retrocessioni: scenderanno in Serie A2 l'ultima squadra classifica al termine della stagione regolare e la perdente delle gare di play-out tra la dodicesima e l'undicesima classificata. Qualora tra queste vi siano 11 o più punti di differenza, i play-out non avranno luogo e retrocederà direttamente la dodicesima classificata[5]. La società campione d'Italia otterrà il diritto di partecipare alla Coppa UEFA 2016-17. Anche per questa stagione il pallone ufficiale del campionato è il Bola Futsal fornito da AGLA, sponsor tecnico della Divisione Calcio a 5. Nelle gare del campionato di Serie A, comprese le gare dei play-off e play-out, è fatto obbligo alle società di impiegare almeno cinque calciatori formati in Italia cioè tesserati per la FIGC prima del compimento del diciottesimo anno di età. Nelle stesse gare è inoltre fatto obbligo di impiegare almeno quattro calciatori che siano cittadini italiani di cui almeno uno nato dal 1 gennaio 1993[4].

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

L'inedito campionato a 13 squadre, causato dal forfait dell'Orte che è ripartito dalla Serie B, si riduce ulteriormente con l'esclusione del Cosenza, che dopo i primi due incontri, non manda più in campo la squadra perché incapace di pagare gli stipendi dei tesserati. Il doppio turno di riposo inserito nel calendario produce una classifica in continuo rimescolamento, nella quale si fatica a capire quali siano i reali potenziali delle squadre. Nel girone di andata Asti e Pescara si nascondono, lasciando alle neopromosse il compito di trainare il gruppo. Oltre a Lazio e Napoli, in questa prima fase anche la Luparense si trova invischiata nelle retrovie: il cambio di allenatore e il ritorno sul mercato durante la sosta invernale - nella quale arrivano il fenomeno Foglia e l'ottimo Bissoni - invertono però il cammino dei veneti, che in primavera scalano la classifica fino a raggiungere un'insperata qualificazione play-off. La vera sorpresa della stagione è però il Real Rieti: pur essendo priva di elementi di spicco, la solida compagine sabina per lunghi tratti contende il primato ad Asti e Pescara, cedendo loro il passo solamente nelle ultime giornate. Il confronto decisivo tra le due corazzate avviene all'ultima giornata: i piemontesi regolano gli avversari con un secco 4-1, chiudendo la stagione regolare al primo posto. Nonostante la flessione nel girone di ritorno, Montesilvano e Carlisport Cogianco riescono a difendere il piazzamento play-off, da cui rimane escluso il Latina. Il Corigliano, risucchiato nei bassifondi dopo otto sconfitte consecutive, trova nel finale i punti che condannano Lazio e Napoli alla disputa dei play-out, stravinti dai partenopei contro un avversario ormai rassegnato alla retrocessione. Giunto stremato ai play-off, il Pescara viene eliminato già nei quarti dalla rinata Luparense mentre l'Asti ha la meglio su una brillante Carlisport Cogianco solamente in virtù della miglior posizione in classifica; A&S e Real Rieti si sbarazzano con relativa semplicità di Kaos e Montesilvano. Entrambe le semifinali si rivelano equilibrate, necessitando della terza gara per stabilire le squadre vincitrici: per la prima volta nella propria storia, Asti e Real Rieti raggiungono la finale play-off, escludendo entrambe le più esperte contendenti.

Avvenimenti[modifica | modifica wikitesto]

Novità[modifica | modifica wikitesto]

Il primo campionato di Serie A a 13 squadre è testimone del ritorno del Montesilvano dopo due stagioni di assenza. Quella abruzzese è la formazione primatista per presenze nella massima serie (22 edizioni), seguita dalla Lazio a due lunghezze di distanza. Proprio al PalaRoma si giocheranno le uniche stracittadine della stagione, che vedranno i gabbiani opposti ai cugini dell'Acqua&Sapone. L'Atletico Belvedere e la Carlisport Cogianco sono invece al debutto in Serie A; i calabresi durante l'estate hanno cambiato denominazione in "Cosenza Futsal", spostando la propria sede sociale e il campo di gioco nel capoluogo bruzio[6]. Anche il Fabrizio ha modificato la propria ragione e i colori sociali, diventando "FC5 Corigliano Futsal" per meglio rappresentare la città di Corigliano Calabro[7]. A un anno di distanza dalla partnership tra le società, la Lazio ha inglobato definitivamente L'Acquedotto[8] mentre la Luparense, costituitasi a polisportiva, ha incorporato l'omonima squadra di calcio cittadina[7], l'Atletico San Paolo Padova e il Gruppo Fassina Calcio a Cinque[9]. Dopo un ventennio, la squadra abbandona le note divise bianco-blu per adottare il rosso-blu della tradizione cittadina[10].

Trasferimenti[modifica | modifica wikitesto]

I pronostici della stagione 2015-16 vedono Asti e Pescara nettamente favorite sulle altre squadre. Perso il capitano Morgado, tornato a Montesilvano per chiudere la carriera, i campioni d'Italia arricchiscono la propria formazione con l'innesto dei tre fuoriclasse dell'Acqua e Sapone: Cuzzolino, Calderolli e Borruto. I piemontesi salutano Fortino e Jonas sostituiti con due dei protagonisti dello scorso campionato: il capocannoniere Crema e il trascinatore Edgar Bertoni. Oltre all'esperto oriundo, il Kaos perde anche il capitano André Ferreira ma si rafforza con l'arrivo di Duio, Peric e Schininà. La stagione deludente impone la rifondazione dell'Acqua e Sapone che del quintetto titolare conferma solamente Mammarella e Murilo. Per tamponare le cessioni eccellenti (oltre ai pescaresi, parte anche Cavinato) viene ingaggiato il jolly Jonas e gli spagnoli Burrito e Mimì. In generale, è però l'intera serie A che aumenta il proprio livello tecnico: il Latina riporta in Italia Borja Blanco, il Real Rieti punta sull'affidabilità di Saúl ed Héctor; il Corigliano preleva Lemine e riesce a trattenere Vieira; il Napoli perde Milucci ma riporta alla base il pivot Fornari e si assicura le prestazioni del laziale De Bail. Tra le neopromosse, la Carlisport Cogianco assembla un roster importante, assicurandosi Waltinho, Urio e Tobe; il Montesilvano - tornato nella massima serie dopo appena due anni di assenza - riaccoglie Morgado e conferma la fiducia al giovanissimo pivot argentino Rosa; il Cosenza si rinforza con i portoghesi Amilcar e Marcelinho. L'eccezione è rappresentata da Lazio e Luparense: i biancocelesti per il secondo anno consecutivo smantellano la rosa, acquistando principalmente giocatori delle categorie inferiori mentre la dirigenza veneta, distratta dalla costituzione della polisportiva, opera un mercato sottotono, rinunciando a Waltinho e Merlim e puntando sulla consacrazione di Čujec e l'esperienza di Ique.

Soste[modifica | modifica wikitesto]

La Divisione Calcio a 5 ha reso noto il calendario del campionato il 12 agosto[11]. Il campionato si fermerà il 5 e il 12 dicembre per le qualificazioni al campionato mondiale, dal 23 gennaio al 13 febbraio per la fase finale del campionato europeo che si giocherà in Serbia, il 5 marzo per la final eight di Coppa Italia, il 16 marzo per l'andata e il 9 aprile per il ritorno della gara di spareggio per l'accesso al Mondiale 2016 in Colombia.

Penalizzazioni[modifica | modifica wikitesto]

In questa stagione il Pescara sconta la penalizzazione di un 1 punto in classifica comminatogli dal Tribunale Federale Nazionale nella precedente stagione per il ritardo dei pagamenti nei confronti di un proprio tesserato[12].

Esclusione Cosenza[modifica | modifica wikitesto]

Nell'accettare le dimissioni irrevocabili del proprio presidente e rappresentante legale, in data 12 ottobre 2015 il Futsal Cosenza ha deciso la cessazione dell'attività agonistica con decorrenza immediata. Poiché l'esclusione è intervenuta durante il girone di andata, tutte le gare disputate dalla società non hanno alcun valore ai fini della classifica. Alla società è stata inoltre comminato il massimo della sanzione editale (30.000,00 euro), avendo recato grave pregiudizio allo svolgimento dell'intera manifestazione[13].

Squadre partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

Club Città Palazzetto[14] Sponsor tecnico Main Sponsor Stagione 2014-15
Acqua e Sapone Montesilvano PalaRoma Joma Acqua&Sapone
EmmeGross (articoli tessili)
4º posto in Serie A, semifinalista play-off
Montesilvano Joma - 2º posto nel girone A di Serie A2, vincitrice play-off
Asti Asti Pala San Quirico Joma Audi Zentrum Asti 3º posto in Serie A, quarti di finale play-off
Cogianco Ariccia PalaCesaroni (Genzano) Macron Cogianco (edilizia)/Carlisport (logistica) 2º posto nel girone B di Serie A2, vincitrice play-off
Corigliano Corigliano Calabro PalaCorigliano Agla Salumi Madeo 10º posto in Serie A, vincente play-out
Cosenza Cosenza PalaFerraro Legea Salumi San Vincenzo 1º posto nel girone B di Serie A2
Kaos Ferrara Pala Hilton Pharma Macron King Kong Oversize (abbigliamento) 6º posto in Serie A, finalista play-off
Latina Latina PalaBianchini Legea Axed Group (comunicazione) 8º posto in Serie A, quarti di finale play-off
Lazio Roma FutsalArena Gems Euroservice Group (riscossione crediti) 7º posto in Serie A, quarti di finale play-off
Luparense San Martino di Lupari Palasport comunale Agla Gruppo Fassina (automotive) 2º posto in Serie A, semifinalista play-off
Napoli Napoli Centro FIPAV (Cercola) Joma Lollo Caffè 9º posto in Serie A
Pescara Pescara PalaRigopiano Gems Sagem (mangimi) 1º posto in Serie A, Campione d'Italia
Real Rieti Rieti PalaMalfatti Lotto - 5º posto in Serie A, quarti di finale play-off

Allenatori e primatisti[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Allenatore Cannoniere
Acqua&Sapone Italia Massimiliano Bellarte Brasile Jonas (20+4)
Asti Brasile Cafù Italia Júlio De Oliveira (17+4)
Carlisport Cogianco Italia Alessio Musti (1ª-23ª)
Italia Stefano Esposito (24ª)
Spagna Juanlu Alonso (play-off)
Brasile Waltinho (15+2)
Corigliano Brasile Adelmo Pereira (1ª-10ª)
Italia Giovanni Toscano (11ª-26ª)
Spagna Alejandro Lemine
Italia Arlan Pablo Vieira (14)
Cosenza Italia Francesco Cipolla (1ª-3ª) nessuno
Kaos Italia Leopoldo Capurso (1ª-13ª)
Serbia Velimir Andrejić (14ª-23ª)
Spagna Julio Fernández (24ª-play-off)
Italia Kaká (28+0)
Latina Italia Piero Basile Argentina Lucas Maina (15)
Lazio Italia Massimiliano Mannino Spagna Pol Pacheco (12+1)
Luparense Italia Valter Ferraro (1ª-7ª)
Spagna Juan Francisco Fuentes (8ª-play-off)
Argentina Pablo Taborda (11+1)
Italia Daniel Giasson (10+2)
Montesilvano Italia Antonio Ricci Italia Andrei Bordignon (18+1)
Napoli Italia Ivan Oranges (1ª-9ª)
Brasile Mauricio De Andrade (10ª)
Italia Francesco Cipolla (11ª-play-out)
Brasile Jader Fornari (15+3)
Pescara Italia Fulvio Colini Argentina Cristian Borruto (11+0)
Real Rieti Italia David Ceppi (1ª-4ª)
Italia Mario Patriarca (6ª-play-off)
Brasile Márcio Zanchetta (28+9)

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

Classifica[15][modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS DR
Scudetto.svg 1. Asti 47 22 13 8 1 96 61 +35
Vincitrice della Coppa Italia Noatunloopsong.png 2. Pescara[16] 41 22 12 6 4 85 56 +29
Noatunloopsong.png 3. Real Rieti 38 22 12 5 5 88 76 +12
Noatunloopsong.png 4. Kaos[17] 34 22 9 7 6 83 65 +18
Noatunloopsong.png 5. Acqua e Sapone 34 22 9 7 6 75 66 +9
Noatunloopsong.png 6. Montesilvano[17] 31 22 8 7 7 78 65 +13
Noatunloopsong.png 7. Luparense 31 22 9 4 9 75 85 -10
Noatunloopsong.png 8. Cogianco 30 22 8 6 8 72 60 +12
9. Latina 27 22 8 3 11 71 83 -12
10. Corigliano 19 22 5 4 13 69 112 -43
1downarrow red.svg 11. Lazio 14 22 3 5 14 50 87 -37
Noatunloopsong-2.png 12. Napoli 13 22 3 4 15 76 102 -26
Nuvola actions cancel.png Cosenza[18]

Verdetti finali[modifica | modifica wikitesto]

  • Scudetto.svg Asti campione d'Italia 2015-16, non iscritto al campionato di Serie A 2016-17, riparte dalla Serie D. Real Rieti qualificato alla Coppa UEFA 2016-17 e alla Supercoppa italiana al posto dei piemontesi.
  • 2rightarrow.png Corigliano e Montesilvano (ripartono dalla Serie B) non iscritte al campionato di Serie A 2016-17; Lazio retrocessa in Serie A2 dopo i play-out ma successivamente ripescata.
  • Nuvola actions cancel.png Cosenza escluso per cessazione dell'attività agonistica con decorrenza immediata (4ª giornata). Le gare disputate in precedenza dalla società non sono state considerate valide ai fini della classifica[13]. Nelle rimanenti partite di campionato, le società che avrebbero dovuto affrontare il Cosenza hanno osservato un turno di riposo[19].

Calendario e risultati[modifica | modifica wikitesto]

andata
1ª giornata
ritorno (14ª)
18 set. 6-10 Latina-Real Rieti 1-4 18 dic.
19 set. 3-3 Carlisport Cogianco-Montesilvano 5-5
6-5 Corigliano-Kaos 3-5
3-3 Acqua&Sapone-Napoli 5-5 19 dic.
7-3 Asti-Luparense 8-5
1-2 Lazio-Pescara 0-7
riposa: Cosenza
andata
2ª giornata
ritorno (15ª)
25 set. 3-1 Luparense-Lazio 2-0 29 dic.
5-5 Pescara-Corigliano 5-2
26 set. 4-3 Kaos-Latina 2-3
3-6 Montesilvano-Cosenza n.d.
6-10 Napoli-Asti 1-2
27 set. 0-3 Real Rieti-Carlisport Cogianco 5-3
riposa: Acqua&Sapone


andata
3ª giornata
ritorno (16ª)
2 ott. 3-3 Asti-Acqua&Sapone 3-1 5 gen.
4 ott. 6-3 Corigliano-Luparense 2-6
1-3 Cosenza-Real Rieti n.d.
1-1 Lazio-Napoli 2-5
3-3 Carlisport Cogianco-Kaos 2-2 4 gen.
13 ott. 3-4 Latina-Pescara 0-8
riposa: Montesilvano
andata
4ª giornata
ritorno (17ª)
9 ott. 4-2 Pescara-Carlisport Cogianco 3-2 10 gen.
10 ott. 2-0 Acqua&Sapone-Lazio 4-3
n.d. Kaos-Cosenza n.d.
4-5 Napoli-Corigliano 8-2
2-4 Luparense-Latina 5-2 8 gen.
11 ott. 4-4 Real Rieti-Montesilvano 2-1 9 gen.
riposa: Asti


andata
5ª giornata
ritorno (18ª)
16 ott. 6-0 Montesilvano-Kaos 4-7 15 gen.
6-3 Latina-Napoli 4-3 16 gen.
17 ott. 6-1 Carlisport Cogianco-Luparense 2-3
0-8 Corigliano-Acqua&Sapone 5-6
n.d. Cosenza-Pescara n.d.
1-1 Lazio-Asti 3-5
riposa: Real Rieti
andata
6ª giornata
ritorno (19ª)
23 ott. 2-4 Kaos-Real Rieti 4-1 20 gen.
24 ott. 4-1 Acqua&Sapone-Latina 3-4
4-4 Asti-Corigliano 5-1
n.d. Luparense-Cosenza n.d.
2-4 Napoli-Carlisport Cogianco 1-6
1-3 Pescara-Montesilvano 3-3
riposa: Lazio


andata
7ª giornata
ritorno (20ª)
27 ott. 2-1 Carlisport Cogianco-Acqua&Sapone 2-3 19 feb.
6-6 Corigliano-Lazio 2-7 20 feb.
n.d. Cosenza-Napoli n.d.
4-4 Latina-Asti 3-6
7-2 Montesilvano-Luparense 3-5
4-4 Real Rieti-Pescara 2-4 21 feb.
riposa: Kaos
andata
8ª giornata
ritorno (21ª)
31 ott. n.d. Acqua&Sapone-Cosenza n.d. 27 feb.
2-5 Luparense-Real Rieti 2-3
3-5 Napoli-Montesilvano 5-3
4-4 Asti-Carlisport Cogianco 4-2 26 feb.
1 nov. 3-5 Lazio-Latina 2-4
3-1 Pescara-Kaos 5-5 27 feb.
riposa: Corigliano


andata
9ª giornata
ritorno (22ª)
6 nov. 2-3 Carlisport Cogianco-Lazio 5-4 13 mar.
7-1 Latina-Corigliano 3-4
7 nov. n.d. Cosenza-Asti n.d. 12 mar.
4-1 Kaos-Luparense 4-4
1-2 Montesilvano-Acqua&Sapone 4-3 11 mar.
8 nov. 6-4 Real Rieti-Napoli 6-5
riposa: Pescara
andata
10ª giornata
ritorno (23ª)
13 nov. 3-6 Napoli-Kaos 2-4 25 mar.
14 nov. 4-3 Acqua&Sapone-Real Rieti 3-3
3-4 Asti-Montesilvano 2-1 26 mar.
n.d. Lazio-Cosenza n.d.
15 nov. 2-4 Corigliano-Carlisport Cogianco 1-6
17 nov. 3-3 Luparense-Pescara 3-2 25 mar.
riposa: Latina
andata
11ª giornata
ritorno (24ª)
20 nov. 4-4 Real Rieti-Asti 3-9 2 apr.
21 nov. n.d. Cosenza-Corigliano n.d.
5-2 Kaos-Acqua&Sapone 4-4
8-2 Montesilvano-Lazio 2-2
22 nov. 3-5 Carlisport Cogianco-Latina 1-1
6-1 Pescara-Napoli 6-3
riposa: Luparense
andata
12ª giornata
ritorno (25ª)
27 nov. 2-3 Acqua&Sapone-Pescara 3-3 5 apr.
28 nov. 3-3 Asti-Kaos 1-1
n.d. Latina-Cosenza n.d.
4-4 Napoli-Luparense 4-6
29 nov. 4-4 Corigliano-Montesilvano 3-1
2-5 Lazio-Real Rieti 4-4
riposa: Carlisport Cogianco


andata
13ª giornata
ritorno (26ª)
2 dic. 3-4 Pescara-Asti 1-4 15 apr.
n.d. Cosenza-Carlisport Cogianco n.d. 16 apr.
2-3 Kaos-Lazio 10-0
6-6 Luparense-Acqua&Sapone 4-2
3-1 Montesilvano-Latina 3-3
3-2 Real Rieti-Corigliano 7-3
riposa: Napoli

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Giocatore Squadra
28 Italia Kaká Kaos
28 Brasile Márcio Zanchetta Real Rieti
20 Italia Jonas Acqua e Sapone
19 Italia Arlan Pablo Vieira Corigliano (14)
Cogianco (5)
18 Spagna Héctor Albadalejo Real Rieti
18 Italia Andrei Bordignon Montesilvano
17 Italia Júlio De Oliveira Asti
17 Argentina Matías Rosa Montesilvano
16 Brasile Maluko Real Rieti
15 Italia Edgar Bertoni Asti
15 Brasile Jader Fornari Napoli
15 Argentina Lucas Maina Latina
Gol Giocatore Squadra
15 Brasile Waltinho Cogianco
14 Italia Manoel Crema Asti
14 Spagna Alejandro Lemine Corigliano
13 Spagna Rubén Cornejo Cogianco
12 Italia Chimanguinho Asti
12 Spagna Pol Pacheco Lazio
12 Brasile Giovani Pedotti Kaos
12 Spagna Pedro Toro Napoli
11 Spagna Borja Blanco Latina
11 Argentina Cristian Borruto Pescara
11 Brasile André Ferreira Montesilvano
11 Argentina Pablo Taborda Luparense

Capolista solitarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Dalla 2ª alla 3ª giornata: Asti
  • Dalla 4ª alla 5ª giornata: Corigliano
  • Dalla 7ª alla 11ª giornata: Carlisport Cogianco
  • Dalla 11ª alla 15ª giornata: Montesilvano
  • Dalla 15ª alla 16ª giornata: Real Rieti
  • Dalla 16ª alla 21ª giornata: Pescara
  • Dalla 23ª alla 26ª giornata: Asti
Asti Calcio a 5Pescara Calcio a 5Real Rieti Calcio a 5Città di Montesilvano Calcio a 5Carlisport Cogianco Calcio a 5FC5 Corigliano FutsalAsti Calcio a 5

Record[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior numero di vittorie: Asti (13)
  • Minor numero di vittorie: Lazio, Napoli (3)
  • Maggior numero di pareggi: Asti (8)
  • Minor numero di pareggi: Latina (3)
  • Maggior numero di sconfitte: Napoli (15)
  • Minor numero di sconfitte: Asti (1)
  • Miglior attacco: Asti (96)
  • Peggior attacco: Lazio (50)
  • Miglior difesa: Pescara (56)
  • Peggior difesa: Corigliano (112)
  • Miglior differenza reti: Asti (+35)
  • Peggior differenza reti: Corigliano (-43)
  • Miglior serie positiva: Asti (14)
  • Maggior numero di vittorie consecutive: Asti (10)
  • Maggior numero di sconfitte consecutive: Corigliano (8)
  • Partita con maggiore scarto di gol: Lazio-Kaos 0-10 (10)
  • Partita con più reti: Latina-Real Rieti, Napoli-Asti 6-10 (16)
  • Maggior numero di reti in una giornata: 14ª (53 - 6 partite), 18ª e 22ª (42 - 5 partite)
  • Minor numero di reti in una giornata: 1ª (52 - 6 partite), 15ª (25 - 5 partite)

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Regolamento[modifica | modifica wikitesto]

Gli incontri dei quarti di finale e delle semifinali sono a eliminazione diretta con gare di andata e ritorno. Gli incontri di ritorno saranno effettuati in casa delle squadre meglio classificate al termine della "stagione regolare". Al termine degli incontri saranno dichiarate vincenti le squadre, che nelle due partite di andata e di ritorno, avranno ottenuto il maggior punteggio. In caso di parità di punti tra le due squadre al termine delle due gare, indipendentemente dalla differenza reti, si disputerà una terza gara di spareggio da giocarsi sempre sul campo della migliore classificata al termine della stagione regolare. In caso di parità al termine della terza gara si giocheranno due tempi supplementari di 5 minuti ciascuno. Qualora anche al termine di questi le squadre fossero in parità sarà considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine della "stagione regolare". La finale si disputerà al meglio delle cinque gare secondo l'ordine di seguito evidenziato: 1ª gara in casa della squadra meglio classificata al termine della "stagione regolare"; 2ª e 3ª gara in casa della squadra peggio classificata al termine della “stagione regolare”; 4^ (eventuale) e 5ª gara (eventuale) in casa della squadra meglio classificata al termine della "stagione regolare". Al termine degli incontri saranno dichiarate vincenti le squadre, che avranno ottenuto il maggior punteggio. In caso di parità al termine della prima gara, della seconda gara, della terza gara e della eventuale quarta gara, si procederà direttamente all'effettuazione dei tiri di rigore. In caso di parità al termine della (eventuale) quinta gara si giocheranno due tempi supplementari di 5 minuti ciascuno. Qualora anche al termine di questi le squadre fossero in parità si procederà all'effettuazione dei tiri di rigore[5].

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

  Quarti di finale Semifinali Finale
                                           
  5  Acqua e Sapone 1 5 -  
4  Kaos 1 2 -  
  5  Acqua e Sapone 4 2 1  
  1  Asti 2 4 2  
8  Cogianco 6 0 3
  1  Asti 4 5 3(dts)  
    1  Asti 1 1(3) 3 4(3) -
  3  Real Rieti 2 1(2) 2 4(2) -
  7  Luparense 5 1 4  
2  Pescara 4 6 3  
  7  Luparense 5 3 2
  3  Real Rieti 2 4 4  
6  Montesilvano 2 5 -
  3  Real Rieti 7 5 -  

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Gara 1[modifica | modifica wikitesto]
Latina
29 aprile 2016, ore 21:00 CEST
Cogianco6 – 4
(1-0)
referto
AstiPalaBianchini
Arbitri:  Dario Pezzuto (Lecce)
Luca Mario Vannucchi (Prato)
Daniele Ferretti (Roma 1)
Crono:  Alex Iannuzzi (Roma 1)

Montesilvano
29 aprile 2016, ore 21:00 CEST
Acqua e Sapone1 – 1
(0-1)
referto
KaosPalaRoma
Arbitri:  Filippo Vidotto (San Donà di Piave)
Giovanni Zannola (Ostia Lido)
Lorenzo Di Guilmi (Vasto)
Crono:  Matteo Ariasi (Pescara)

San Martino di Lupari
30 aprile 2016, ore 18:00 CEST
Luparense5 – 4
(3-0)
referto
PescaraPalazzetto dello Sport
Arbitri:  Francesco Cirillo (Rovereto)
Andrea Sabatini (Bologna)
Francesco Scarpelli (Padova)
Crono:  Calogero Castellino (Treviso)

Montesilvano
30 aprile 2016, ore 20:00 CEST
Montesilvano2 – 7
(0-3)
referto
Real RietiPalaRoma
Arbitri:  Mauro Albertini (Ascoli Piceno)
Alberto Vantini (Verona)
Marco Di Filippo (Teramo)
Crono:  Dario Di Nicola (Pescara)

Gara 2[modifica | modifica wikitesto]
Ferrara
4 maggio 2016, ore 20:00 CEST
Kaos2 – 5
(2-2)
referto
Acqua e SaponePala Hilton Pharma
Arbitri:  Gennaro Luca De Falco (Catanzaro)
Rocco Morabito (Vercelli)
Ricardo Davì (Bologna)
Crono:  Nicola Zanna (Ferrara)

Asti
4 maggio 2016, ore 20:30 CEST
Asti5 – 0
(2-0)
referto
CogiancoPala San Quirico (1.050 spett.)
Arbitri:  Ettore Quarti (Imperia)
Vincenzo Francese (Battipaglia)
Carlo Adilardi (Collegno)
Crono:  Chiara Perona (Biella)

Pescara
5 maggio 2016, ore 20:00 CEST
Pescara6 – 1
(4-1)
referto
LuparensePalaRigopiano
Arbitri:  Luca Rutigliano (Bari)
Alessandro Maggiore (Bologna)
Lorenzo Di Guilmi (Vasto)
Crono:  Massimiliano Palombi (Avezzano)

Rieti
5 maggio 2016, ore 20:15 CEST
Real Rieti5 – 5
(4-2)
referto
MontesilvanoPalaMalfatti
Arbitri:  Carmelo Loddo (Reggio Calabria)
Stefano Mezzadri (Parma)
Luca Di Stefano (Albano Laziale)
Crono:  Carmelo Papotto (Roma 1)

Gara 3[modifica | modifica wikitesto]
Asti
6 maggio 2016, ore 20:45 CEST
Asti3 – 3
(d.t.s.)
(1-0, 2-2, 3-2)
referto
CogiancoPala San Quirico (1.300 spett.)
Arbitri:  Francesco Bertini (Empoli)
Michele Bensi (Grosseto)
Simone Ballario (Torino)
Crono:  Claudio Costa (Collegno)

Pescara
7 maggio 2016, ore 20:45 CEST
Pescara3 – 4
(1-2)
referto
LuparensePalaRigopiano
Arbitri:  Mario Filippini (Roma 1)
Nicola Zanna (Ferrara)
Leonardo Gaetani (San Benedetto del Tronto)
Crono:  Pierluigi Tomassetti (Ascoli Piceno)

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Gara 1[modifica | modifica wikitesto]
Montesilvano
12 maggio 2016, ore 20:00 CEST
Acqua e Sapone4 – 2
(3-1)
referto
AstiPalaRoma
Arbitri:  Daniele Di Resta (Roma 2)
Daniele Ferretti (Roma 1)
Antonino Tupone (Lanciano)
Crono:  Luca Moscone (L'Aquila)

San Martino di Lupari
12 maggio 2016, ore 20:45 CEST
Luparense5 – 2
(1-2)
referto
Real RietiPalazzetto dello Sport
Arbitri:  Nicola Maria Manzione (Salerno)
Lorenzo Cursi (Jesi)
Giulio Colombin (Bassano del Grappa)
Crono:  Biagio Carbone (Mestre)

Gara 2[modifica | modifica wikitesto]
Rieti
17 maggio 2016, ore 20:30 CEST
Real Rieti4 – 3
(3-1)
referto
LuparensePalaMalfatti (1.100 spett.)
Arbitri:  Angelo Galante (Ancona)
Vincenzo Giannantonio (Campobasso)
Daniele Fratangeli (Frosinone)
Crono:  Alessandro Ribaudo (Frosinone)

Asti
17 maggio 2016, ore 20:45 CEST
Asti4 – 2
(0-0)
referto
Acqua e SaponePala San Quirico (1.400 spett.)
Arbitri:  Alessandro Malfer (Rovereto)
Giuseppe Parente (Como)
Stefano Mezzadri (Parma)
Crono:  Davide Iacovelli (Chivasso)

Gara 3[modifica | modifica wikitesto]
Asti
19 maggio 2016, ore 20:00 CEST
Asti2 – 1
(1-0)
referto
Acqua e SaponePala San Quirico (1.500 spett.)
Arbitri:  Giuseppe Di Gregorio (Enna)
Marco Delpiano (Cagliari)
Rocco Morabito (Vercelli)
Crono:  Stefano Pasquino (Nichelino)

Rieti
19 maggio 2016, ore 20:00 CEST
Real Rieti4 – 2
(2-0)
referto
LuparensePalaMalfatti (1.000 spett.)
Arbitri:  Francesco Peroni (Città di Castello)
Ferruccio Prisma (Crotone)
Daniele Intoppa (Roma 2)
Crono:  Simone Micciulla (Roma 2)

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Gara 1[modifica | modifica wikitesto]
Asti
25 maggio 2016, ore 20:45 CEST
Asti1 – 2
(0-0)
referto
Real RietiPala San Quirico (2.000 spett.)
Arbitri:  Mauro Albertini (Ascoli Piceno)
Luca Rutigliano (Bari)
Andrea Sabatini (Bologna)
Crono:  Riccardo Davì (Bologna)

Gara 2[modifica | modifica wikitesto]
Teramo
30 maggio 2016, ore 20:00 CEST
Real Rieti1 – 1
(0-0)
referto
AstiPala San Nicolò (1.500 spett.)
Arbitri:  Vincenzo Francese (Battipaglia)
Ettore Quarti (Imperia)
Filippo Vidotto (San Donà di Piave)
Crono:  Alessandro Ribaudo (Frosinone)

Gara 3[modifica | modifica wikitesto]
Teramo
1 giugno 2016, ore 20:30 CEST
Real Rieti2 – 3
(1-1)
referto
AstiPala San Nicolò (1.500 spett.)
Arbitri:  Marco Delpiano (Cagliari)
Giuseppe Di Gregorio (Enna)
Daniele Di Resta (Roma 2)
Crono:  Massimo Tiberio (Teramo)

Gara 4[modifica | modifica wikitesto]
Asti
7 giugno 2016, ore 20:45 CEST
Asti4 – 4
(2-1)
referto
Real RietiPala San Quirico (2.200 spett.)
Arbitri:  Alessandro Malfer (Rovereto)
Francesco Peroni (Città di Castello)
Giuseppe Parente (Como)
Crono:  Rocco Morabito (Vercelli)

Classifica marcatori play-off[modifica | modifica wikitesto]

Gol Giocatore Squadra
9 Spagna Héctor Albadalejo Real Rieti
9 Brasile Márcio Zanchetta Real Rieti
5 Italia Edgar Bertoni Asti
4 Italia Manoel Crema Asti
4 Italia Júlio De Oliveira Asti
4 Italia Adriano Foglia Luparense
4 Brasile Alexandre Ghiotti Real Rieti
4 Italia Jonas Acqua e Sapone
4 Portogallo Fernando Leitão Luparense
4 Italia Patrick Nora Asti
4 Spagna Saúl Olmo Real Rieti
4 Spagna David Ruiz Acqua e Sapone
3 Brasile Thiago Bissoni Luparense
3 Italia Chimanguinho Asti
Gol Giocatore Squadra
3 Italia Humberto Honorio Luparense
3 Brasile Rafinha Real Rieti
3 Italia Ramon Asti
2 Brasile Betão Pescara
2 Brasile Diego Burato Montesilvano
2 Spagna Rubén Cornejo Cogianco
2 Italia Murilo Ferreira Acqua e Sapone
2 Italia Daniel Giasson Luparense
2 Brasile Grêllo Pescara
2 Brasile Rogério Pescara
2 Italia Sergio Romano Asti
2 Italia Arlan Pablo Vieira Cogianco
2 Brasile Waltinho Cogianco

Play-out[modifica | modifica wikitesto]

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Le squadre che hanno concluso il campionato alla decima e all'undicesima posizione si affronteranno in un doppio spareggio (andata e ritorno, la prima partita verrà giocata in casa dell'ultima classificata) per determinare l'unica squadra a retrocedere in Serie A2. Al termine degli incontri sarà dichiarata vincente la squadra che nelle due partite (di andata e di ritorno) avrà ottenuto il maggior punteggio ovvero a parità di punteggio la squadra che avrà realizzato il maggior numero di reti. Nel caso di parità gli arbitri della gara di ritorno faranno disputare due tempi supplementari di 5 minuti ciascuno. Qualora anche al termine di questi le squadre fossero in parità sarà considerata vincente la squadra in migliore posizione di classifica al termine della stagione regolare[5].

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Cercola
30 aprile 2016, ore 18:00 CEST
Napoli5 – 3
(1-1)
referto
LazioCentro FIPAV
Arbitri:  Vincenzo Giannantonio (Campobasso)
Francesco Peroni (Città di Castello)
Francesco Miranda (Castellammare di Stabia)
Crono:  Antonio Marino (Agropoli)

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Roma
7 maggio 2016, ore 18:00 CEST
Lazio1 – 5
(1-1)
referto
NapoliPalaGems
Arbitri:  Alessandro Malfer (Rovereto)
Ferruccio Prisma (Crotone)
Massimo Tariciotti (Ciampino)
Crono:  Daniele Di Resta (Roma 2)

Supercoppa italiana[modifica | modifica wikitesto]

La diciottesima edizione della Supercoppa, nota come Supercoppa Italiana Agla per ragioni di sponsorizzazione[20], ha opposto i campioni d'Italia del Pescara e i detentori della Coppa Italia dell'Asti. L'incontro si è disputato sabato 12 settembre presso il PalaRigopiano di Pescara ed è stato trasmesso in diretta su Rai Sport 2.

Pescara
12 settembre 2015, ore 19:00 CEST
Pescara7 – 4
(2-2)
referto
AstiPalaRigopiano
Arbitri:  Francesco Peroni (Città di Castello)
Francesco Cirillo (Rovereto)
Antonino Tupone (Lanciano)
Crono:  Matteo Ariasi (Pescara)

Copertura televisiva[modifica | modifica wikitesto]

Come già avvenuto nelle passate stagioni, Rai Sport trasmetterà le partite di Serie A in diretta ed in esclusiva, proponendo settimanalmente una gara del sabato e un posticipo alla domenica, attraverso i canali Rai Sport 1 e Rai Sport 2, trasmettendo integralmente o in differita come di consueto anche la finale della Supercoppa Italiana, la final eight della Coppa Italia e le sfide più interessanti degli incontri dei play-off, sino alle finali comprese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In seguito all'esclusione del Cosenza (4ª giornata)
  2. ^ Comunicato Ufficiale N.61 2015/2016, in Lega Nazionale Dilettanti, 31 luglio 2015. URL consultato il 27 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2015).
  3. ^ Comunicato Ufficiale N.19 2015/2016 (PDF), in Divisione Calcio a 5, 13 agosto 2015. URL consultato il 27 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  4. ^ a b Comunicato Ufficiale N.1 2015/2016 (PDF), in Divisione Calcio a 5, 2 luglio 2015. URL consultato il 27 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  5. ^ a b c Comunicato Ufficiale N.37 2015/2016 (PDF), in Divisione Calcio a 5, 18 settembre 2015. URL consultato il 15 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2015).
  6. ^ Comunicato Ufficiale N.14 2015/2016 (PDF), in Divisione Calcio a 5, 12 agosto 2015. URL consultato il 27 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  7. ^ a b Comunicato Ufficiale N.11 2015/2016 (PDF), in Divisione Calcio a 5, 5 agosto 2015. URL consultato il 27 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2015).
  8. ^ Un percorso segnato nel nome della S.S. Lazio Archiviato il 10 agosto 2015 in Internet Archive. acquedottocalcioa5.it
  9. ^ Un nuovo inizio: Nasce il Gruppo Fassina Luparense FC Archiviato il 5 luglio 2015 in Internet Archive. gruppofassinacalcioa5.it
  10. ^ Accordo storico, fusione tra le società di futsal e calcio: nasce la polisportiva Luparense Football Club Archiviato il 3 luglio 2015 in Internet Archive. luparensecalcioa5.wordpress.com
  11. ^ Il 18 settembre scatta la caccia al Pescara campione Archiviato il 6 ottobre 2015 in Internet Archive. divisionecalcioa5.it
  12. ^ FIGC, Tribunale Federale Nazionale - Comunicato Ufficiale N.55/TFN 2014/2015 figc.it
  13. ^ a b Comunicato Ufficiale N.105 2015/2016 (PDF), in Divisione Calcio a 5, 15 ottobre 2015. URL consultato il 16 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  14. ^ Comunicato Ufficiale N.24 2015/2016 (PDF), in Divisione Calcio a 5, 13 agosto 2015. URL consultato il 27 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  15. ^ Comunicato Ufficiale N.698 2015/2016 (PDF), in Divisione Calcio a 5, 19 aprile 2016. URL consultato il 23 aprile 2016 (archiviato dall'url originale il 6 maggio 2016).
  16. ^ 1 punto di penalizzazione
  17. ^ a b In base alla classifica avulsa
  18. ^ Esclusa dal campionato alla 4ª giornata
  19. ^ Comunicato Ufficiale N.106 2015/2016 (PDF), in Divisione Calcio a 5, 15 ottobre 2015. URL consultato il 16 ottobre 2015 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2016).
  20. ^ Domani a Pescara la Supercoppa Italiana Agla: la cartella stampa Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive. divisionecalcioa5.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio