UEFA Futsal Championship 2016

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
UEFA Futsal Championship 2016
Campionato europeo di calcio a 5 2016
Logo della competizione
Competizione UEFA Futsal Championship
Sport Futsal pictogram.svg Calcio a 5
Edizione 10ª
Organizzatore UEFA
Date 2 - 13 febbraio 2016
Luogo Serbia Serbia
Partecipanti 12 (45 alle qualificazioni)
Risultati
Vincitore Spagna Spagna
(7º titolo)
Secondo Russia Russia
Terzo Kazakistan Kazakistan
Quarto Serbia Serbia
Statistiche
Miglior giocatore Spagna Miguelín
Miglior marcatore Kazakistan Serik Zhamankulov
Portogallo Ricardinho
Spagna Álex
Spagna Miguelín
Spagna Mario Rivillos (8 a testa)
Incontri disputati 20
Gol segnati 129 (6,45 per incontro)
Pubblico 146,020
(7 per incontro)
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 2014 2018 Right arrow.svg

1leftarrow blue.svgVoce principale: UEFA Futsal Championship.

Il campionato europeo di calcio a 5 2016 (ufficialmente UEFA Futsal Championship 2016) è stata la 10ª edizione del torneo, la cui fase finale si è disputata dal 2 al 13 febbraio 2016 presso la Kombank Arena di Belgrado, in Serbia.

Come l'edizione precedente, il torneo è stato disputato da 12 squadre divise in 4 gironi da 3 squadre: le prime due si sono qualificate ai quarti di finale, dove è iniziata la fase a eliminazione diretta.

Qualificazioni[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Qualificazioni all'UEFA Futsal Championship 2016.

Il sorteggio delle qualificazioni si è svolto a Nyon, in Svizzera, il 26 settembre 2014 alle ore 14.00.

Le qualificazioni sono iniziate con una fase preliminare dal 13 al 18 gennaio 2015. Dal 17 al 22 marzo 2015 le vincitrici della prima fase e le nazionali esentate dal primo turno si sono giocate la qualificazione in sette gironi da quattro squadre. Le sette vincenti dei rispettivi raggruppamenti della seconda fase, ribattezzata "Main Round" in cui entrano in scena le nazionali con il più alto coefficiente nel ranking UEFA e più importanti inserite come "teste di serie", fra cui Spagna, Portogallo, Russia e i campioni in carica dell'Italia, hanno raggiunto direttamente la fase finale della competizione, mentre le seconde classificate e la migliore terza si sono affrontate negli spareggi play-off per definire le ultime quattro nazionali qualificate che hanno giocato il 15 e 22 settembre 2015[1].

Fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Scelta della sede[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla Serbia, altre due nazioni avevano fatto la loro candidatura per il Campionato del 2016: la Bulgaria e la Repubblica di Macedonia. La decisione finale è stata presa il 20 marzo 2012.[2]

Impianti[modifica | modifica wikitesto]

I due impianti proposti durante la candidatura sono stati la Pionir Arena e la Kombank Arena di Belgrado ma solo quest'ultimo è stato scelto.

Impianto Kombank Arena
Foto Belgrade Arena north.jpg
Città Belgrado
Capacità 20.000

Squadre qualificate[modifica | modifica wikitesto]

Squadra Così dalle qualificazioni Precedenti apparizioni al torneo [3]
Serbia Serbia 00Ospitante 4 (1999, 2007, 2010, 2012)
Russia Russia 00Vincitrice gruppo 1 9 (1996, 1999, 2001, 2003, 2005, 2007, 2010, 2012, 2014)
Spagna Spagna 00Vincitrice gruppo 2 9 (1996, 1999, 2001, 2003, 2005, 2007, 2010, 2012, 2014)
Italia Italia 00Vincitrice gruppo 3 9 (1996, 1999, 2001, 2003, 2005, 2007, 2010, 2012, 2014)
Ucraina Ucraina 00Vincitrice gruppo 4 8 (1996, 2001, 2003, 2005, 2007, 2010, 2012, 2014)
Slovenia Slovenia 00Vincitrice gruppo 5 4 (2007, 2010, 2012, 2014)
Croazia Croazia 00Vincitrice gruppo 6 4 (1999, 2001, 2012, 2014)
Portogallo Portogallo 00Vincitrice gruppo 7 7 (1999, 2003, 2005, 2007, 2010, 2012, 2014)
Kazakistan Kazakistan 00Vincitrice dello spareggio di qualificazione Esordiente
Ungheria Ungheria 00Vincitrice dello spareggio di qualificazione 2 (2005, 2010)
Rep. Ceca Rep. Ceca 00Vincitrice dello spareggio di qualificazione 7 (2001, 2003, 2005, 2007, 2010, 2012, 2014)
Azerbaigian Azerbaigian 00Vincitrice dello spareggio di qualificazione 3 (2010, 2012, 2014)

Convocazioni[modifica | modifica wikitesto]

Azerbaigian Azerbaigian
Samir Hamzayev, 3 Zeynal Zeynalov, 4 Ramiz Chovdarov, 5 Fineo Araújo, 6 Eduardo, 8 Rizvan Farzaliyev, 9 Augusto, 10 Amadeu, 12 Rovshan Huseynli, 14 Vitaliy Borisov, 15 Rafael, 16 Khatai Baghirov, 18 Sergey Chuykov, 19 Elnur Zamanov, CTFaustino Pérez
Croazia Croazia
Ivo Jukić, 2 Vedran Matošević, 3 Jakov Grcić, 4 Kristijan Grbeša, 6 Saša Babić, 7 Franko Jelovčić, 8 Dario Marinović, 9 Andrej Pandurević, 10 Tihomir Novak, 11 Josip Šuton, 14 Maro Djuraš, 15 Matej Horvat, 17 Željko Petrović, 20 Franko Bilić, CTMato Stanković
Italia Italia
Stefano Mammarella, 2 Marco Ercolessi, 3 Gabriel Lima, 4 Sergio Romano, 5 Luca Leggiero, 6 Humberto Honorio, 7 Massimo De Luca, 8 Alessandro Patias, 9 Rodolfo Fortino, 10 Alex Merlim, 11 Mauro Canal, 12 Michele Miarelli, 13 Daniel Giasson, 15 Murilo Ferreira, CTRoberto Menichelli
Kazakistan Kazakistan
Grigori Shamro, 2 Higuita, 3 Arnold Knaub, 4 Aleksandr Grebonos, 5 Serik Zhamankulov, 6 Léo Santana, 7 Nikolai Pengrin, 8 Dinmukhambet Suleimenov, 9 Aleksandr Dovgan, 10 Chingiz Yesenamanov, 11 Mikhail Pershin, 15 Pavel Taku, 18 Dauren Nurgožin, 19 Douglas Júnior, CTCacau
Portogallo Portogallo
Bebé, 2 Paulinho, 3 Bruno Coelho, 4 Pedro Cary, 5 Fábio Cecílio, 6 Arnaldo Pereira, 7 Fernando Cardinal, 8 Djô, 9 João Matos, 10 Ricardinho, 11 Pany Varela, 12 Vítor Hugo, 13 Tiago Brito, 14 Fábio Lima, CTJorge Braz
Rep. Ceca Rep. Ceca
David Cupák, 3 Jiří Novotný, 4 Radim Záruba, 5 Vítězslav Hrubý, 6 Tomáš Koudelka, 7 Lukáš Rešetár, 8 Matěj Slováček, 9 Michal Holý, 10 Michal Seidler, 11 Marcel Rodek, 12 Libor Gerčák, 13 Michal Kovács, 14 Jan Janovský, 16 Ondřej Vahala, CTTomáš Neumann
Russia Russia
Sergej Vikulov, 2 Vladislav Šajachmetov, 3 Nikolaj Pereverzev, 4 Dmitrij Lyskov, 5 Sergej Sergeev, 7 Danil Kutuzov, 8 Éder Lima, 9 Sergej Abramov, 10 Robinho, 12 Gustavo, 14 Ivan Milovanov, 15 Rômulo, 17 Renat Shakirov, 18 Daniil Davydov, CTSergej Skorovič
Serbia Serbia
Miodrag Aksentijević, 2 Marko Perić, 3 Aleksandar Živanović, 4 Stefan Rakić, 5 Marko Radovanović, 6 Dušan Milojević, 7 Slobodan Janjić, 8 Marko Pršić, 9 Vladimir Lazić, 10 Mladen Kocić, 11 Miloš Simić, 12 Nemanja Momčilović, 13 Miloš Stojković, 14 Slobodan Rajčević, CTAca Kovačević
Slovenia Slovenia
Damir Puškar, 2 Rok Mordej, 3 Matej Fideršek, 4 Anže Širok, 5 Kristjan Čujec, 6 Uroš Kroflič, 7 Igor Osredkar, 8 Nejc Hozjan, 9 Gašper Vrhovec, 10 Alen Fetić, 11 Tilen Štendler, 12 Alen Mordej, 13 Jaka Sovdat, 16 Igor Bratič, CTAndrej Dobovičnik
Spagna Spagna
Paco Sedano, 2 Carlos Ortiz, 3 José Ruiz, 4 Mario Rivillos, 5 Bebe, 6 Rafael Usín, 7 Pola, 8 Lin, 9 Álex, 10 Andresito, 11 Miguelín, 12 Juanjo, 13 Jesús Herrero, 14 Raúl Campos, CTVenancio López
Ucraina Ucraina
Jevhen Ivanjak, 2 Dmytro Sorokin, 3 Volodymyr Razuvanov, 4 Dmytro Bondar, 5 Jevhen Valenko, 7 Jevhen Rohačov, 8 Serhij Koval', 9 Mychajlo Hrycyna, 10 Serhiy Žurba, 11 Denys Ovsjannikov, 12 Dmytro Lytvynenko, 13 Oleksandr Sorokin, 14 Mykola Hrycyna, 15 Oleksij Fet'ko, CTOleksandr Kosenko
Ungheria Ungheria
Csaba Tihanyi, 2 Norbert Öreglaki, 3 Bence Klacsák, 4 Péter Németh, 5 Richárd Dávid, 6 János Trencsényi, 7 Norbert Horváth, 8 Szabolcs Szeghy, 9 János Rábl, 10 Ákos Harnisch, 11 Zoltán Dróth, 12 Gyula Tóth, 13 Ádám Hosszú, 14 István Gál, CTSito Rivera

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Girone A[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
Serbia Serbia 6 2 2 0 0 8 2 +6
Portogallo Portogallo 3 2 1 0 1 7 5 +2
Slovenia Slovenia 0 2 0 0 2 3 11 -8
Belgrado
2 febbraio 2016, ore 18:30
Serbia Serbia5 – 1
(1-1)
referto
Slovenia SloveniaKombank Arena (11.748 spett.)
Arbitri: Rep. Ceca Ondřej Černý
Italia Alessandro Malfer
Belgio Pascal Lemal

Belgrado
4 febbraio 2016, ore 18:30
Slovenia Slovenia2 – 6
(2-2)
referto
Portogallo PortogalloKombank Arena (3.476 spett.)
Arbitri: Russia Ivan Shabanov
Croazia Saša Tomić
Slovacchia Lukáš Peško

Belgrado
6 febbraio 2016, ore 21:00
Portogallo Portogallo1 – 3
(1-1)
referto
Serbia SerbiaKombank Arena (11.161 spett.)
Arbitri: Spagna Fernando Gutièrrez Lumbreras
Belgio Pascal Lemal
Finlandia Timo Onatsu

Girone B[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
Spagna Spagna 6 2 2 0 0 9 3 +6
Ucraina Ucraina 3 2 1 0 1 7 7 0
Ungheria Ungheria 0 2 0 0 2 5 11 -6
Belgrado
2 febbraio 2016, ore 21:00
Spagna Spagna5 – 2
(3-0)
referto
Ungheria UngheriaKombank Arena (10.828 spett.)
Arbitri: Croazia Saša Tomić
Romania Bogdan Sorescu
Slovacchia Lukáš Peško

Belgrado
4 febbraio 2016, ore 21:00
Ungheria Ungheria3 – 6
(2-4)
referto
Ucraina UcrainaKombank Arena (11.012 spett.)
Arbitri: Austria Gerald Bauernfeind
Portogallo Eduardo Fernandes Coelho
Italia Alessandro Malfer

Belgrado
6 febbraio 2016, ore 18:30
Ucraina Ucraina1 – 4
(0-1)
referto
Spagna SpagnaKombank Arena (9.850 spett.)
Arbitri: Italia Alessandro Malfer
Turchia Kamil Çetin
Slovacchia Lukáš Peško

Girone C[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
Russia Russia 4 2 1 1 0 4 3 +1
Kazakistan Kazakistan 3 2 1 0 1 5 4 +1
Croazia Croazia 1 2 0 1 1 4 6 -2
Belgrado
3 febbraio 2016, ore 18:30
Russia Russia2 – 1
(2-1)
referto
Kazakistan KazakistanKombank Arena (5.124 spett.)
Arbitri: Portogallo Eduardo Fernandes Coelho
Spagna Fernando Gutiérrez Lumbreras
Austria Gerald Bauernfeind

Belgrado
5 febbraio 2016, ore 18:30
Kazakistan Kazakistan4 – 2
(4-1)
referto
Croazia CroaziaKombank Arena (8.134 spett.)
Arbitri: Ucraina Oleg Ivanov
Ungheria Gábor Kovács
Inghilterra Marc Birkett

Belgrado
7 febbraio 2016, ore 18:30
Croazia Croazia2 – 2
(1-1)
referto
Russia RussiaKombank Arena (9.435 spett.)
Arbitri: Francia Cédric Pelissier
Slovenia Admir Zahovič
Ungheria Gábor Kovács

Girone D[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
Italia Italia 6 2 2 0 0 10 0 +10
Azerbaigian Azerbaigian 3 2 1 0 1 6 8 -2
Rep. Ceca Rep. Ceca 0 2 0 0 2 5 13 -8
Belgrado
3 febbraio 2016, ore 21:00
Italia Italia3 – 0
(1-0)
referto
Azerbaigian AzerbaigianKombank Arena (7.021 spett.)
Arbitri: Inghilterra Marc Birkett
Ucraina Oleg Ivanov
Turchia Kamil Çetin

Belgrado
5 febbraio 2016, ore 21:00
Azerbaigian Azerbaigian6 – 5
(4-3)
referto
Rep. Ceca Rep. CecaKombank Arena (1.754 spett.)
Arbitri: Slovenia Admir Zahovič
Austria Gerald Bauernfeind
Polonia Tomasz Frak

Belgrado
7 febbraio 2016, ore 21:00
Rep. Ceca Rep. Ceca0 – 7
(0-2)
referto
Italia ItaliaKombank Arena (4.412 spett.)
Arbitri: Finlandia Timo Onatsu
Russia Ivan Shabanov
Ucraina Oleg Ivanov

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Quarti di finale Semifinali Finale
8 febbraio - Kombank Arena
 Serbia Serbia  2
11 febbraio - Kombank Arena
 Ucraina Ucraina  1  
 Serbia Serbia  2
9 febbraio - Kombank Arena
   Russia Russia  3  
 Russia Russia  6
13 febbraio - Kombank Arena
 Azerbaigian Azerbaigian  2  
 Russia Russia  3
8 febbraio - Kombank Arena
   Spagna Spagna  7
 Portogallo Portogallo  2
11 febbraio - Kombank Arena
 Spagna Spagna  6  
 Spagna Spagna  5 Finale 3º posto
9 febbraio - Kombank Arena
   Kazakistan Kazakistan  3  
 Kazakistan Kazakistan  5  Serbia Serbia  2
 Italia Italia  2    Kazakistan Kazakistan  5
13 febbraio - Kombank Arena

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Belgrado
8 febbraio 2016, ore 18:30
Serbia Serbia2 – 1
(1-0)
referto
Ucraina UcrainaKombank Arena (11.161 spett.)
Arbitri: Romania Bogdan Sorescu
Inghilterra Marc Birkett
Spagna Fernando Gutiérrez Lumbreras

Belgrado
8 febbraio 2016, ore 21:00
Portogallo Portogallo2 – 6
(0-3)
referto
Spagna SpagnaKombank Arena (10.013 spett.)
Arbitri: Ungheria Gábor Kovács
Rep. Ceca Ondřej Černý
Polonia Tomasz Frak

Belgrado
9 febbraio 2016, ore 18:30
Russia Russia6 – 2
(2-1)
referto
Azerbaigian AzerbaigianKombank Arena (5.975 spett.)
Arbitri: Belgio Pascal Lemal
Finlandia Timo Onatsu
Croazia Saša Tomić

Belgrado
9 febbraio 2016, ore 21:00
Kazakistan Kazakistan5 – 2
(2-0)
referto
Italia ItaliaKombank Arena (6.841 spett.)
Arbitri: Turchia Kamil Çetin
Francia Cédric Pelissier
Slovacchia Lukáš Peško

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Belgrado
11 febbraio 2016, ore 18:30
Serbia Serbia2 – 3
(d.t.s.)
(0-1, 2-2, 2-3)
referto
Russia RussiaKombank Arena (11.161 spett.)
Arbitri: Inghilterra Marc Birkett
Rep. Ceca Ondřej Černý
Turchia Kamil Çetin

Belgrado
11 febbraio 2016, ore 21:00
Spagna Spagna5 – 3
(3-1)
referto
Kazakistan KazakistanKombank Arena (7.662 spett.)
Arbitri: Croazia Saša Tomić
Portogallo Eduardo Fernandes Coelho
Belgio Pascal Lemal

Finale 3º posto[modifica | modifica wikitesto]

Belgrado
13 febbraio 2016, ore 18:30
Serbia Serbia2 – 5
(0-3)
referto
Kazakistan KazakistanKombank Arena (8.201 spett.)
Arbitri: Belgio Pascal Lemal
Turchia Kamil Çetin
Rep. Ceca Ondřej Černý

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Belgrado
13 febbraio 2016, ore 21:00
Russia Russia3 – 7
(1-4)
referto
Spagna SpagnaKombank Arena (9.741 spett.)
Arbitri: Italia Alessandro Malfer
Romania Bogdan Sorescu
Portogallo Eduardo Fernandes Coelho

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Solo i goal segnati nella fase finale del torneo sono conteggiati.[4]

6 goal
5 goal
4 goal
3 goal
2 goal
1 goal
1 autogoal

Campione[modifica | modifica wikitesto]

Campione d'Europa 2016

Flag of Spain.svg

SPAGNA
(7º titolo)

Classifica finale[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Squadra
Gold medal icon.svg Spagna Spagna
Silver medal icon.svg Russia Russia
Bronze medal icon.svg Kazakistan Kazakistan
4 Serbia Serbia
5 Ucraina Ucraina
Azerbaigian Azerbaigian
Portogallo Portogallo
Italia Italia
9 Slovenia Slovenia
Ungheria Ungheria
Croazia Croazia
Rep. Ceca Rep. Ceca

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Calendario UEFA Futsal Euro 2016, su it.uefa.com.
  2. ^ Annuncio, UEFA. URL consultato il 21 marzo 2012.
  3. ^ In Grassetto i vincitori di quell'anno
  4. ^ player statistics Futsal EURO Official site

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio