Serie A 1999-2000 (calcio a 5)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Serie A 1999-2000
Competizione Serie A
Sport Futsal pictogram.svg Calcio a 5
Edizione 17ª (11ª di Serie A)
Organizzatore Divisione Calcio a 5
Date dall'11 settembre 1999
al 23 giugno 2000
Luogo Italia Italia
Partecipanti 16
Risultati
Vincitore Genzano
(1º titolo)
Secondo Lazio
Retrocessioni Afragola
Milano
Reggio
Statistiche
Miglior marcatore Brasile Júnior (53)
Mappa C5 1999-2000.png
Distribuzione geografica delle squadre
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1998-1999 2000-2001 Right arrow.svg

Il campionato di Serie A 1999-2000 è stato l'undicesimo campionato di Serie A e la diciassettesima manifestazione nazionale che assegnasse il titolo di campione d'Italia. È iniziato l'11 settembre 1999 e si è concluso il 23 giugno 2000, con regolamento invariato rispetto all'edizione precedente. Nell'organico spicca l'assenza dei campioni d'Italia del Torino Calcetto: la società piemontese, in polemica con l'amministrazione comunale sull'utilizzo del PalaRuffini[1] non ha presentato domanda di iscrizione, venendo rimpiazzata dal ripescaggio del retrocesso Cagliari. La stagione torna a consegnare lo scudetto a una squadra laziale, ovvero il Genzano Calcio a 5 che grazie all'ampia rosa riesce a conquistare il titolo ai danni della Lazio.

Stagione regolare[modifica | modifica wikitesto]

Legenda:

         Al secondo turno dei play-off
         Al primo turno dei play-off
         Ai play-out
         Retrocesse in A2
Classifica finale Pt G V N P
Gtk-refresh.svg 1. BNL Roma 67 30 21 4 5
Gtk-refresh.svg 2. Genzano 65 30 20 5 5
Gtk-refresh.svg 3. Augusta 63 30 19 6 5
Gtk-refresh.svg 4. Lazio 53 30 16 5 9
Blue arrows.svg 5. Prato 50 30 14 8 8
Blue arrows.svg 6. Roma RCB 47 30 12 11 7
Blue arrows.svg 7. Pescara 45 30 14 3 13
Blue arrows.svg 8. VRF Verona 41 30 12 5 13
Blue arrows.svg 9. Petrarca 40 30 11 7 12
Blue arrows.svg 10. Trinacria 35 30 9 8 13
11. Cagliari 31 30 7 10 13
12. Jesina 30 30 6 12 12
Noatunloopsong-2.png 13. Divino Amore 28 30 7 7 16
Noatunloopsong-2.png 14. Reggio 28 30 7 7 16
1downarrow red.svg 15. Milano 23 30 5 8 17
1downarrow red.svg 16. Afragola 19 30 5 4 21

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Classifica marcatori[modifica | modifica wikitesto]

Gol Giocatore Squadra
54 Brasile Ivan Alves Júnior Augusta
38 Italia Andrea Bearzi Prato
37 Italia Fernando Grana BNL Roma
37 Italia Fábio Previdelli Genzano
37 Italia Adriano Foglia Augusta
36 Italia Andrea Rubei BNL Roma
31 Italia Mario Paolillo Afragola
30 Brasile Renato Lopes VRF Verona / Lazio
30 Italia Davide Bilò Jesina

Record[modifica | modifica wikitesto]

  • Maggior numero di vittorie: BNL (21)
  • Minor numero di sconfitte: Augusta, BNL, Genzano (5)
  • Migliore attacco: Augusta (158)
  • Miglior difesa: Roma RCB (63)
  • Miglior differenza reti: BNL (+56)
  • Maggior numero di pareggi: Jesina (12)
  • Minor numero di pareggi: Pescara (3)
  • Minor numero di vittorie: Afragola, Milano (5)
  • Maggior numero di sconfitte: Afragola (21)
  • Peggiore attacco: Reggio (83)
  • Peggior difesa: Afragola (133)
  • Peggior differenza reti: Afragola (-36)
  • Partita con più reti: Petrarca-Virtus Verona 8-9
  • Partita con maggiore scarto di gol: Augusta-Cagliari 9-2 (7)
  • Miglior serie positiva: ?
  • Risultato più frequente: 4-4, 3-1 (14 volte)
  • Totale dei gol segnati: 1670

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Ai play-off si qualificano le prime 10 squadre della serie A e le due vincenti dei due gironi di serie A2, ovvero Cotrade e Bellona. Le prime quattro classificate della serie A accedono direttamente dai quarti mentre le altre otto squadre disputano un turno in più. I vari turni si giocano con la formula dell'eliminazione diretta con gare di andata e ritorno. Il regolamento prevede che accedano ai quarti di finale le squadre che, nell'arco del doppio confronto, avranno realizzato il maggior numero di reti. In caso di parità,al termine del secondo incontro, si disputeranno due tempi supplementari da 5' ciascuno. In caso di ulteriore parità, passeranno il turno le squadre di categoria superiore o quelle meglio classificate al termine della stagione regolare.

Tabellone[modifica | modifica wikitesto]

  Primo turno Quarti di finale Semifinali Finale
                                             
  VRF Verona 1 2 3     BNL Roma 3 2 5  
  Petrarca  2 5 7       Petrarca  1 3 4  
    BNL Roma  2 4 6  
    Lazio  3 5 8  
  Prato  4 7 11   Prato  2 2 4
  Torino  3 6 9       Lazio  0 8 8  
    Lazio  1 2 3
    Genzano  2 2 4
  Roma RCB  4 6 10       Augusta  7 3 10  
  Bellona  3 3 6       Roma RCB  4 3 7  
    Augusta  4 2 6
    Genzano  3 6 9  
  Pescara  3 3 6   Pescara  3 3 6
  Trinacria  2 3 5       Genzano  1 6 7  

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Andata[modifica | modifica wikitesto]
Padova
20 maggio 2000
Petrarca 2 – 1 VRF Verona

Torino
20 maggio 2000
Torino 3 – 4
(1-3)
Prato
Arbitri Cappucci (Roma)
Vitolo (Salerno)

Bellona
20 maggio 2000
Bellona 3 – 4 Roma RCB

Palermo
20 maggio 2000
Trinacria 2 – 3 Pescara

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]
Verona
23 maggio 2000
VRF Verona 2 – 5 Petrarca

Prato
23 maggio 2000, ore 20:00
Prato 7 – 6
(d.t.s.)
(0-2, 4-5, 6-5)
Torino Pattinodromo

Roma
23 maggio 2000
Roma RCB 6 – 3 Bellona

Pescara
23 maggio 2000
Pescara 3 – 3 Trinacria

Quarti[modifica | modifica wikitesto]

Andata[modifica | modifica wikitesto]
Padova
27 maggio 2000
Petrarca 1 – 3 BNL Roma

Prato
27 maggio 2000, ore 20:45
Prato 2 – 0
(0-0)
Lazio Pattinodromo
Arbitri Gian Paolo Travini (Cesena)
Augusto Balestra (Forlì)

Roma
27 maggio 2000
Roma RCB 4 – 7 Augusta

Pescara
27 maggio 2000
Pescara 3 – 1 Genzano

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]
Roma
30 maggio 2000
BNL Roma 2 – 3 Petrarca

Roma
30 maggio 2000, ore 20:00
Lazio 8 – 2 Prato

Augusta
30 maggio 2000
Augusta 3 – 3 Roma RCB

Genzano di Roma
30 maggio 2000
Genzano 6 – 3 Pescara

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Andata[modifica | modifica wikitesto]
Roma
3 giugno 2000
Lazio 3 – 2 BNL Roma

Augusta
3 giugno 2000
Augusta 4 – 3 Genzano

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]
Roma
10 giugno 2000
BNL Roma 4 – 5 Lazio

Genzano di Roma
10 giugno 2000
Genzano 6 – 2 Augusta

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Andata[modifica | modifica wikitesto]
Roma
16 giugno 2000
Lazio 1 – 2 Genzano

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]
Genzano di Roma
23 giugno 2000
Genzano 2 – 2 Lazio
Arbitri Roberto Monti (Forlì)
Carlo Di Marco (Teramo)

Play-out[modifica | modifica wikitesto]

Ai play-out parteciparono la 13ª e la 14ª classificata della serie A e le vincenti dei play-off della Serie A2 1999-00. Al termine del doppio confronto, il Divino Amore mantenne la massima categoria imponendosi in entrambe le partite sul CLT; il Reggio fu invece sconfitto dallo Stabiamalfi, retrocedendo in Serie A2.

Andata[modifica | modifica wikitesto]

Risultati Data Luogo
CLT Terni 4-6 Divino Amore 27 maggio 2000 Terni
Stabiamalfi 4-2 Reggio 3 giugno 2000 Scafati

Ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Risultati Data Luogo
Divino Amore 7-3 CLT Terni 3 giugno 2000 Roma
Reggio 3-4 Stabiamalfi 10 giugno 2000 Reggio Calabria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giso Orengo, Quando il CUS dominava in Europa (PDF), in Il Giornale del Piemonte, 17 agosto 2001. URL consultato il 29 settembre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]