Raffaele Aversa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Raffaele Aversa
2 settembre 1906 – 24 marzo 1944
Nato aLabico
Morto aRoma
Cause della morteassassinato alle Fosse Ardeatine
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataRegio Esercito
ArmaCarabinieri
CorpoFronte Militare Clandestino
UnitàFronte Clandestino di Resistenza dei Carabinieri
GradoCapitano
GuerreSeconda guerra mondiale
CampagneCampagna di Russia
BattaglieResistenza romana
Decorazioniqui
Studi militariRegia Accademia Militare di Modena
voci di militari presenti su Wikipedia

Raffaele Aversa (Labico, 2 settembre 1906Roma, 24 marzo 1944) è stato un capitano dei carabinieri, martire delle Fosse Ardeatine e Medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Labico il 2 settembre 1906, figlio di Alfonso, comandante della locale stazione carabinieri, e di Mariolina Aquino. Dopo aver frequentato il Liceo Ginnasio "Pietro Colletta" di Avellino si arruolò nell'arma dei carabinieri, frequentando la Scuola carabinieri di Roma, e prestando servizio come sottufficiale a Firenze. Entrò come allievo ufficiale alla Regia Accademia Militare di Modena dove si brevettò ufficiale.

Nel 1941, durante la seconda guerra mondiale, fu promosso capitano. Nel marzo 1942 fu inviato in Unione Sovietica in forza al 3º Reggimento bersaglieri operante in seno alla 3ª Divisione celere "Principe Amedeo Duca d'Aosta" del CSIR. Decorato con una Croce di guerra al valor militare, nel marzo 1943 ritornò in Italia per assumere il comando della "Compagnia Tribunali" dei carabinieri di Roma.[1]

Dopo la caduta del regime fascista, il 25 luglio 1943, assieme al capitano Paolo Vigneri,[2] curò l'arresto di Benito Mussolini su ordine del tenente colonnello Giovanni Frignani.[1]

L'arresto di Mussolini aveva posto i due ufficiali in una situazione delicata.[3] La situazione diventò più seria quando le cose precipitarono verso l'armistizio dell'8 settembre. A questo punto il Vigneri ritenne opportuno non prestare più servizio e lasciato il comando si diede alla macchia. Aversa rimase al suo posto. Dopo l'8 settembre 1943, Romolo Guercio nella relazione inviata il 7 luglio 1944 al Ministero della Guerra, riferisce che aveva discusso della situazione con l'Aversa ottenendo questa risposta: "Vedi. Qui si sono tutti "squagliati": le truppe che difendevano Roma, i capi militari, le autorità politiche, ecc. Siamo rimasti solo noi carabinieri, gli unici che possiamo ancora frenare gli eccessi tedeschi. Anche se abbiamo ricevuto specifici ordini, il nostro dovere è quello di proteggere la popolazione. Per questo nessuno di noi deve abbandonare il suo posto. Per me, se ritengono che ciò che ho fatto sia un delitto, mi arrestino e mi uccidano pure, ma io non solo non debbo nascondermi, ma debbo e voglio operare apertamente e in piena uniforme, onde ottenere che anche tutti i dipendenti pensino soltanto al loro attuale dovere, qualunque sia il suo costo".

Sfuggito all'arresto tentato dalle nuove autorità il 7 ottobre 1943, si diede a organizzare i carabinieri nel Fronte Clandestino di Resistenza dei Carabinieri, sotto la guida del generale Caruso e in collegamento con il colonnello Giuseppe Cordero Lanza di Montezemolo.[4]

Il 23 gennaio 1944 fu arrestato dalla polizia tedesca, assieme al maggiore Ugo de Carolis e al tenente colonnello Giovanni Frignani.[4] Rinchiuso nel carcere SS di Via Tasso, fu sottoposto a tortura ma non fece alcuna rivelazione, e dopo due mesi di sevizie fu ucciso alle Fosse Ardeatine.[4] In sua memoria fu decretata la concessione della Medaglia d'oro al valor militare. Per onorarne il ricordo gli furono intitolate vie a Roma, Labico, Avellino, Manfredonia e Atripalda.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare
«Ufficiale dei CC.RR. comandante di una compagnia della Capitale, opponeva dopo l’armistizio, all’azione aperta ed alle mene subdole dell’oppressore tedesco e del fascismo risorgente, il sistematico ostruzionismo proprio e dei dipendenti. Sfidava ancora i nazifascisti sottraendo i suoi uomini ad ignominiosa cattura. Riannodatene le file e raccolti numerosi sbandati dell’Arma, ne indirizzava le energie alla lotta clandestina, cooperando con ardore, sprezzante di ogni rischio, a forgiarne sempre più vasta e possente compagine. Arrestato dalla polizia tedesca come organizzatore di bande armate, sopportava per due mesi, nelle prigioni di via Tasso, sevizie e torture che non valsero a strappargli alcuna rivelazione. Fiaccato nel corpo, indomito nello spirito sempre drizzato fieramente contro i nemici della Patria cadeva sotto la mitraglia del plotone di esecuzione alle Fosse Ardeatine.»
— Fronte militare della Resistenza - Fosse Ardeatine, 8 settembre 1943 - 24 marzo 1944.[5]
— Decreto Luogotenenziale 25 febbraio 1946[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ragionieri, Nistri, Rossi 2007, p. 393
  2. ^ Comandante della "Compagnia Interna" dei carabinieri di Roma.
  3. ^ Ragionieri, Nistri, Rossi 2007, p. 396
  4. ^ a b c Portelli 1999, p. 117
  5. ^ Sito web del Quirinale
  6. ^ Registrato alla Corte dei Conti lì 16 aprile 1946, guerra, registro 5, foglio 38.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elena Aga Rossi, Una nazione allo sbando. 8 settembre 1943, Bologna, il Mulino, 2003, ISBN 978-88-15-11322-1.
  • Mario Avagliano, Enrico Nistri, Marco Rossi, Il partigiano Montezemolo. Storia del capo della resistenza militare nell'Italia occupata, Milano, Baldini & Castoldi s.r.l., 2014, ISBN 88-6865-424-5.
  • Roberto Battaglia, Storia della Resistenza italiana, Torino, Einaudi, 1964.
  • Alessandro Portelli, L'ordine è già stato eseguito: Roma, le Fosse Ardeatine, la memoria, Roma, Donzelli editore, 1999, ISBN 88-7989-457-9.
  • Mario Ragionieri, Enrico Nistri, Marco Rossi, 25 luglio 1943: il suicidio inconsapevole di un regime, Roma, Ibiskos Editore, 2007, ISBN 88-546-0152-7.

Periodici[modifica | modifica wikitesto]

  • Carlo Maria Magnani, Le fosse ardeatine, in Il Nastro Azzurro, nº 4, Roma, Istituto del Nastro Azzurro, luglio-agosto 2013, pp. 8-9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]