Duilio Grigioni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Duilio Grigioni (Roma, 1890Roma, 1960) è stato un partigiano italiano.

Duilio Grigioni
Gappisti romani.jpg
secondo da destra in alto fra i gappisti romani
NascitaRoma, 1890
MorteRoma, 1960
Cause della mortenaturale
Dati militari
Paese servitoItalia
CorpoCorpo volontari della libertà
UnitàGruppi di azione patriottica
RepartoGAP centrali (Pisacane)
Anni di serviziosett. 1943 - giu. 1944
Feriteinvalido per torture subite
GuerreResistenza italiana
CampagneResistenza romana
voci di militari presenti su Wikipedia

Portinaio in via Marco Aurelio vicino al Colosseo, divenne responsabile del deposito armi e esplosivi dei GAP romani. Catturato dai tedeschi e torturato in via Tasso scampò alla morte ma rimase invalido.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma nel 1890, deceduto a Roma nel 1960, portinaio. Durante l'occupazione tedesca, aveva contribuito a trasformare una cantina di via Marco Aurelio, che aveva dato in uso al "GAP centrale" di Roma, in una sorte di santabarbara dei patrioti antifascisti. Grigioni era, infatti, il portiere dell'edificio, situato dietro il Colosseo, dal quale i gappisti fecero uscire il materiale esplosivo (gli involucri metallici erano stati procurati dagli operai della Romana Gas), che avrebbero utilizzato per l'azione di via Rasella. Arrestato su delazione, il 28 aprile del 1944, dai fascisti del reparto speciale di Koch, Grigioni fu rinchiuso prima nella pensione Jaccarino e poi nelle segrete di via Tasso. Condannato a morte dal Tribunale di guerra germanico, fu liberato dalla folla quando i tedeschi lasciarono la Capitale e, nel dopoguerra, riprese il suo lavoro di portinaio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fiorentini p.142

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]