Arminio Savioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Savioli (primo a sinistra, accovacciato) fra i gappisti romani nel 1944

Arminio Savioli (Poggio Nativo, 18 Aprile 1924Roma, 9 novembre 2012[1]) è stato un giornalista e partigiano italiano.

Dopo l'8 settembre 1943, con il nome di battaglia "Anatolio", aderì al GAP di Franco Calamandrei a Roma, dove liberò Alfredo Reichlin dalla cattura eseguita da due fascisti[2]. In seguito combatté come volontario del riorganizzato Esercito Cobelligerante Italiano, nel Gruppo di combattimento "Cremona" dal 1943 al 1945.

Membro del PCI e redattore de l'Unità, nel 1961 fu il primo italiano ad intervistare Fidel Castro dopo la Rivoluzione cubana. Dopo aver lasciato il giornalismo pubblicò saggi come Gheddafi (1991).

Era il fratello del giornalista, sceneggiatore, critico teatrale e cinematografico Aggeo Savioli.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ È morto Arminio Savioli Per primo intervistò Fidel Castro Archiviato il 3 dicembre 2013 in Internet Archive. Unita.it
  2. ^ Antonio Gnoli, Alfredo Reichlin: "La politica la fa chi crede in se stesso su di me ho avuto più di un dubbio", in La Repubblica, 7 dicembre 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]