Calcedonio Giordano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Calcedonio Giordano
NascitaPalermo, 11 luglio 1916
MorteRoma, 22 marzo 1944
Cause della morteEccidio delle Fosse Ardeatine
Dati militari
Paese servitoItalia Italia
Forza armataFlag of Italy (1861-1946) crowned.svg Regio Esercito
CorpoCoat of arms of the Carabinieri.svg Arma dei Carabinieri
GradoCorazziere
DecorazioniValor militare gold medal - old style BAR.svg Medaglia d'oro al valor militare
voci di militari presenti su Wikipedia

Calcedonio Giordano (Palermo, 11 luglio 1916Roma, 24 marzo 1944) è stato un militare italiano, Corazziere dell'Arma dei Carabinieri, martire delle Fosse Ardeatine, insignito di medaglia d'oro al valor militare alla memoria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Calcedonio Giordano era in forza come Corazziere alla Legione Carabinieri Roma. Conseguì il titolo di studio idoneo alla frequenza della Scuola allievi ufficiali di Firenze. Non potendo completare il corso di formazione, per il sopraggiungere dell'Armistizio, Giordano raggiunse la Capitale[1]. Entrò, quindi, a far parte della formazione militare clandestina organizzata dal generale Filippo Caruso, che raccoglieva i militari sbandati dell'Arma, denominata Fronte clandestino di resistenza dei carabinieri e conosciuta anche come Banda Caruso[1]. Alla sua memoria e titolata la sezione dell'Associazione Nazionale Carabinieri di Palermo[2] e la via in cui ha sede il Comando Stazione Carabinieri di Palermo-Falde.[3]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'oro al valor militare alla memoria - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro al valor militare alla memoria
«Appartenente al fronte militare della resistenza, si prodigava senza soste nella dura lotta clandestina contro l'oppressore tedesco, trasfondendo nei suoi compagni di lotta il suo elevato amor di Patria ed il suo coraggio. Noncurante dei rischi cui si esponeva, portava a compimento valorosamente le numerose azioni di guerra affidategli. Arrestato dalla polizia nazi-fascista sopportava stoicamente, durante la detenzione, le barbare torture ed affrontava serenamente la fucilazione, pago di aver compiuto il suo dovere verso la Patria oppressa, con l'olocausto della vita. Fosse Ardeatine (Roma), 24 marzo 1944.»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calcedonio Giordano, su anpi.it. URL consultato il 22 marzo 2016.
  2. ^ Giordano Calcedonio Corazziere, su ancispettoratosicilia.it. URL consultato il 22 marzo 2016.
  3. ^ Via Calcedonio Giordano - Palermo Falde, su google.it. URL consultato il 22 marzo 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]