Alberto Fantacone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Alberto Fantacone (Roma, 25 settembre 1916Roma, 24 marzo 1944) è stato un militare e partigiano italiano, trucidato alle Fosse Ardeatine.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La sua famiglia era originaria di Esperia (Frosinone). Fu tenente del 2º Reggimento bersaglieri, ebbe gravi danni alla gamba sinistra poco dopo l'inizio della seconda guerra mondiale per i postumi della ferita riportata sul fronte greco-albanese: per tale motivo fu decorato con croce di guerra e messo in congedo.

Conseguì la laurea in giurisprudenza nel 1942 e l'8 settembre 1943 era ad Arezzo, si rifiutò di aderire alla Repubblica Sociale Italiana e riparò a Roma con moglie e figlia. Divenne miliziano della partigiana Banda Neri sorretta dal Partito d'Azione col compito specifico di fornire ai compagni false documentazioni per la loro attività clandestina. Fu catturato dalle SS su delazione di spie al loro soldo.

Successivamente venne portato al carcere di Via Tasso e rinchiuso nella cella nº13. Fu tradotto successivamente a Regina Coeli il 23 febbraio e nello specifico cella nº 278 nel braccio destinato ai detenuti politici.

Fu trucidato alle Fosse Ardeatine. Ebbe la decorazione della medaglia d'argento al valor militare.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia d'argento al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'argento al valor militare
— Roma, 9 settembre 1943-24 marzo 1944
Croce di guerra al valor militare - nastrino per uniforme ordinaria Croce di guerra al valor militare

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]