Non Mollare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Non mollare
Logo
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità periodico
Fondatore Carlo Rosselli
Fondazione gennaio 1925
Chiusura ottobre 1925
Sede Firenze
Direttore Carlo Rosselli
 

Non Mollare fu un periodico clandestino antifascista - il primo in Italia - stampato senza cadenza fissa (Esce quando può) a Firenze tra il gennaio e l'ottobre del 1925. Cessò le pubblicazioni dopo 22 numeri[1]. Con lo stesso nome riprese le pubblicazioni come rivista dal 1945 al 1961.

A partire dal gennaio 1925, un gruppo d'intellettuali salveminiani – Nello Traquandi, Tommaso Ramorino, Carlo e Nello Rosselli, Ernesto Rossi e lo stesso Salvemini – dopo l'esperienza fiorentina del Circolo della cultura, destinata ad essere bruscamente interrotta da una violenta incursione delle camicie nere nella sede del circolo in Borgo Santi Apostoli, e quella ancor più rischiosa di Italia Libera[2], decise di dare vita ad un «foglio clandestino di battaglia».

Il titolo, come ricorda Gaetano Salvemini richiamandosi ad un racconto di Ernesto Rossi, venne suggerito da Nello Rosselli.

« Avevamo passato in rassegna i nomi dei periodici italiani e stranieri che conoscevamo, risalendo fino a quelli del Risorgimento. Nessuno ci sembrava adatto per la testata del giornaletto che volevamo fare. In mancanza di meglio ci eravamo fermati sul nome “Il Crepuscolo”. Ma non eravamo soddisfatti. Poteva dar luogo ad equivoci […] dal sostantivo si sarebbe potuto trarne l’aggettivo “crepuscolari”, con il quale non ci sarebbe certo piaciuto di essere qualificati… Fu Nello Rosselli finalmente a suggerire: Chiamiamolo “Non Mollare”. E tutti fummo subito d’accordo. »

(G. Salvemini, Il «Non Mollare», introduzione alla riproduzione fotografica dei numeri usciti.)

Traquandi e Rossi avevano il compito di reperire notizie riservate sulle tipografie, osservando le rigorose regole della clandestinità.

Gli scopi del Non Mollare, nelle intenzioni dei suoi fondatori, non erano tanto quelle di costituire un quotidiano di informazione, ma soprattutto quelle di disobbedire alle proibizioni impartite dal governo fascista, esercitando il diritto a promuovere il libero pensiero.

Regolarmente venivano stampate due o tremila copie, grazie al contributo volontario dei lettori e nel torno di poco tempo il giornale clandestino iniziò a circolare rapidamente. Il numero 5, del febbraio 1925, tirò 25 000 copie grazie alla pubblicazione del memoriale di Filippo Filippelli [3], in cui Mussolini venne chiamato in causa come mandante dell'assassinio di Giacomo Matteotti.

Nell'aprile del 1925 i fascisti trovarono alcuni pacchetti del giornale nello studio di tre avvocati fiorentini.

A questo punto per il “gruppo dei salveminiani” l'esilio divenne una via obbligata.

Nel dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Non mollare
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità periodico
Fondatore Carlo Rosselli
Fondazione 1945
Chiusura 1961
Sede Firenze
 

Le edizioni di «Non Mollare» ripresero tra il 1945 e il 1961 come organo del Partito d'Azione di Firenze, sul quale scrisse tra gli altri Giorgio Spini.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2005/10/03/quei-ribelli-di-non-mollare.html
  2. ^ Un'associazione di reduci antifascisti indirizzata a propagandare la disobbedienza civile e ad organizzare azioni dimostrative, nata nel 1924 nello studio dell'avvocato Enrico Bocci e diretta da Dino Vannucci, Ernesto Rossi, Carlo Rosselli, Piero Calamandrei e Nello Rosselli.
  3. ^ Direttore del quotidiano fascista Corriere Italiano e proprietario dell'automobile con cui era stato ucciso Giacomo Matteotti e, pertanto, reso da Mussolini parzialmente responsabile dell'omicidio.
  4. ^ Edizioni Polistampa - Giorgio Spini e la rinascita civile dell'Italia / 1945-1961: Polistampa pubblica i suoi scritti giornalistici

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA. VV., «Non mollare» (1925), Torino, Bollati Boringhieri 2005 ISBN 8833916278

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]