Pandemia di COVID-19 del 2020 in Svizzera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Pandemia di COVID-19 in Svizzera
epidemia
COVID-19 Outbreak Cases in Switzerland by Canton.svg
Diffusione al 3 aprile 2020

     1-99 casi confermati

     100-499 casi confermati

     500-999 casi confermati

     1 000-2 499 casi confermati

     2 500+ casi confermati

PatologiaCOVID-19
OrigineWuhan, Hubei, Cina
Nazione coinvoltaSvizzera Svizzera
Periodo25 febbraio 2020 - in corso
Dati statistici[1]
Numero di casi15 475 (30 marzo 2020)
Numero di morti295 (30 marzo 2020)
Sito istituzionale

La pandemia di COVID-19 del 2020 in Svizzera è iniziata il 25 febbraio, quando una persona nel Cantone Ticino è risultata positiva per il virus SARS-CoV-2[2] e ricoverata alla clinica Moncucco di Lugano in isolamento. Il primo decesso nel paese legato alla COVID-19 è avvenuto il 5 marzo a Losanna, nel canton Vaud.[3]

Al 30 marzo 2020, la Svizzera conta un totale di 15 475 casi confermati.[4]

Andamento giornaliero della Svizzera in dettaglio[modifica | modifica wikitesto]

Numero di casi di COVID-19 in Svizzera

     deceduti

     guarigioni

     positivi alla data

Data Numero di casi
(incremento giornaliero in %)
25 febbraio 2020
1 (n.a.)
28 febbraio 2020
13 (+63%)
1º marzo 2020
22 (+22%)
2 marzo 2020
40 (+82%)
3 marzo 2020
55 (+38%)
4 marzo 2020
72 (+31%)
5 marzo 2020
102 (+42%)
6 marzo 2020
198 (+94%)
7 marzo 2020
254 (+28%)
8 marzo 2020
350 (+38%)
9 marzo 2020
369 (+5,4%)
10 marzo 2020
480 (+30%)
11 marzo 2020
640 (+33%)
12 marzo 2020
858 (+34%)
13 marzo 2020
1139 (+33%)
14 marzo 2020
1359 (+19%)
15 marzo 2020
2217 (+63%)
16 marzo 2020
2353 (+6,1%)
17 marzo 2020
2677 (+14%)
18 marzo 2020
3070 (+15%)
19 marzo 2020
3888 (+27%)
20 marzo 2020
5369 (+38%)
21 marzo 2020
6747 (+26%)
22 marzo 2020
7474 (+11%)
23 marzo 2020
8547 (+14%)
24 marzo 2020
8836 (+3,4%)
25 marzo 2020
9765 (+11%)
26 marzo 2020
10714 (+10%)
27 marzo 2020
12161 (+14%)
28 marzo 2020
13213 (+8,7%)
29 marzo 2020
14336 (+8,5%)
30 marzo 2020
15475 (+7,9%)
31 marzo 2020
16176 (+4,5%)
1º aprile 2020
17139 (+6,0%)
2 aprile 2020
18267 (+6,6%)
3 aprile 2020
19303 (+6,0%)
Fonti:


Diffusione della pandemia in Svizzera[modifica | modifica wikitesto]

Cantone Ticino[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 gennaio 2020 il Dipartimento della sanità e della socialità, in un comunicato stampa[5], indicava la situazione internazionale, specificando che a livello cantonale "si è tenuta una riunione tra specialisti al fine di discutere e concordare le azioni da intraprendere per identificare e prendere in carico eventuali casi sospetti". Al contempo si richiedeva a "chi si fosse recato negli ultimi 14 giorni nella Regione a rischio (la Cina), e che presentassero sintomi respiratori e/o febbre erano invitati a evitare di presentarsi spontaneamente nelle strutture sanitarie, ma di rivolgersi esclusivamente per telefono al proprio medico di famiglia, segnalando i sintomi e il contatto con la Cina".

L'8 febbraio 2020 il Dipartimento della sanità e della socialità, in un comunicato stampa[6], ha indicato che "le analisi su un paziente che il 7 febbraio presentava potenziali sintomi di Coronavirus sono risultate negative. L’uomo, dopo essere stato preventivamente posto in isolamento alla Clinica Luganese di Moncucco, ha quindi potuto far rientro al proprio domicilio nella giornata di sabato. Questo ulteriore caso sospetto ha permesso nuovamente di testare la procedura istituita a livello cantonale, che ha dato prova di efficacia". Al contempo si segnalava che "a livello nazionale si stanno trattando circa 200 casi sospetti, e si confermava che in Svizzera nessuno è risultato positivo al virus".

Il 23 febbraio 2020 il Dipartimento della sanità e della socialità, in un comunicato stampa[7], comunicava che "dalle informazioni assunte finora, in Italia sembrano esserci stati contagi senza un chiaro legame epidemiologico fra loro. In rispetto del principio di prudenza le modalità di presa a carico sanitaria in Ticino sono pertanto state subito rinforzate, sia nella gestione dei casi negli ospedali che dal punto di vista dei criteri clinici con cui vengono individuati i casi sospetti".

Il 24 febbraio 2020 il Dipartimento della sanità e della socialità ha organizzato un infopoint per dare un aggiornamento sulla situazione nel Canton Ticino[8][9], relatori Christian Vitta, Presidente del Consiglio di Stato, Raffaele De Rosa, Consigliere di Stato e direttore del DSS, e Giorgio Merlani, Medico cantonale.

Il 25 febbraio 2020 il Dipartimento della sanità e della socialità ha organizzato un infopoint per dare un aggiornamento sulla situazione dopo il primo caso confermato nel Canton Ticino[10][11], relatori Giorgio Merlani, Medico cantonale, Raffaele De Rosa, Consigliere di Stato e direttore del DSS, e Paolo Bianchi, Direttore della Divisione della salute pubblica.

Il 26 febbraio 2020 il Dipartimento della sanità e della socialità, in un comunicato stampa[12], informava l'attivazione di una hotline ticinese per avere ragguagli e indicazioni puntuali. Il Consiglio di Stato, in una conferenza stampa[13][14], aggiornava la popolazione e i rappresentanti dei mezzi di informazione sulla situazione attuale in Ticino relativa al Coronavirus, relatori Christian Vitta, Presidente del Consiglio di Stato, Raffaele De Rosa, Direttore del Dipartimento della sanità e della socialità (DSS), Paolo Bianchi, Direttore della Divisione della salute pubblica del DSS, e Giorgio Merlani, Medico cantonale del Cantone Ticino. In particolare sono spiegati i provvedimenti decisi con Risoluzione governativa n. 1033 del 26 febbraio 2020, ossia:

  • Divieto di tenere manifestazioni legate al carnevale, che sono programmate per il periodo dal 27 febbraio al 1. marzo 2020.
  • Divieto di svolgere la partita Ambri-Davos programmata venerdì 28 febbraio 2020 e la partita Lugano-Ambrì programmata sabato 29 febbraio 2020. Le partite possono avere luogo a porte chiuse secondo le direttive della Swiss Ice Hockey Federation.
  • È ordinato a tutti gli ordini di scuola cantonali la sospensione delle visite, gite o uscite di qualsiasi genere all'estero. La sospensione ha validità nel periodo dal 1. marzo al 31 marzo 2020.

Il 27 febbraio 2020 il Dipartimento della sanità e della socialità ha organizzato un infopoint per dare un aggiornamento sulla situazione nel Canton Ticino[15][16], relatori Raffaele De Rosa, Direttore del Dipartimento della sanità e della socialità (DSS), e Giorgio Merlani, Medico cantonale del Cantone Ticino. Dopo l'infopoint, sempre il Dipartimento della sanità e della socialità, in un comunicato stampa[17], comunicava che la hotline, in ca. 8 ore, aveva raggiunto le 300 telefonate. Inoltre "da oggi sono attivi all’entrata dei cinque ospedali dell’EOC le tendine di accoglienza in collaborazione con i militi della Protezione civile per informare e orientare le persone che si presentano al Pronto soccorso. Una ulteriore struttura analoga sarà allestita da lunedì anche all’esterno della Clinica Moncucco. Si conferma inoltre che da domani sarà possibile effettuare direttamente in Ticino i test di laboratorio sui possibili contagi. Ciò permetterà di migliorare ulteriormente e velocizzare le procedure di monitoraggio".

Il 28 febbraio 2020 il Consiglio di Stato, in un comunicato stampa[18], comunicava che "in data odierna il Consiglio federale ha come noto definito «particolare» la situazione attuale in Svizzera. Il Governo federale ha di conseguenza vietato da subito – e fino almeno al 15 marzo – tutte le manifestazioni, pubbliche o private, in cui siano presenti oltre 1000 persone contemporaneamente". A tal fine ha emanato le seguenti raccomandazioni supplementari (Risoluzione governativa n. 1048 del 28 febbraio 2020):

  • Manifestazioni legate al carnevale: sono vietate.
  • Manifestazioni con un’affluenza di almeno 1000 persone: sono vietate.
  • Manifestazioni con un’affluenza prevista inferiore alle 1000 persone senza partecipazione internazionale: non sono soggette all’obbligo di notifica; gli organizzatori sono tenuti a rispettare le regole d’igiene.
  • Manifestazioni con un’affluenza inferiore a 1000 persone con partecipazione internazionale: le manifestazioni pubbliche o private con un’affluenza inferiore a 1000 persone con partecipazione internazionale, sono soggette all’obbligo di notifica via email all’indirizzo eventi-covid(at)polca.ti.ch.
  • Riapertura delle scuole: lunedì 2 marzo 2020 le scuole riapriranno regolarmente.
  • Richieste di ricorrere allo strumento del lavoro ridotto: il Governo ricorda inoltre alle aziende che già oggi è possibile, a determinate condizioni, ricorrere allo strumento del lavoro ridotto, che mira a far fronte a improvvisi cali di attività mantenendo i posti di lavoro.

Il 2 marzo 2020 il Dipartimento della sanità e della socialità, in un comunicato stampa[19], informava che "le analisi hanno confermato un secondo caso di Covid-19 in Ticino. Come da protocollo, il paziente è stato posto in isolamento ed è iniziata la verifica dei suoi contatti stretti".

Il 3 marzo 2020 il Dipartimento della sanità e della socialità, in un comunicato stampa[20], informava che "le analisi hanno confermato altri due casi di Covid-19 in Ticino. […] Il primo, per cui si ha avuto esito positivo ieri in serata, è un contatto stretto del secondo paziente di cui si è dato notizia ieri. Si tratta di una donna in buone condizioni di salute contattata, secondo il protocollo, a seguito dell’indagine ambientale immediatamente attivata sul secondo caso confermato. La donna era stata subito posta in quarantena. Il secondo caso, il cui esame è stato effettuato in mattinata, è invece da ricondurre a una donna residente nel Luganese che recentemente ha soggiornato nel Nord Italia. Come previsto, per entrambi i casi è in corso la ricostruzione dei contatti stretti dei pazienti per determinare eventuali misure di quarantena". In un successivo comunicato stampa[21] si specificava che "in Ticino, allo stato attuale, si registrano 6 casi di pazienti risultati positivi al Coronavirus. La maggior parte di questi sono collegati tra loro nell'ambito di stretti contatti famigliari".

Il 4 marzo 2020 il Dipartimento della sanità e della socialità, in un comunicato stampa[22], segnalava "un caso positivo in un istituto scolastico postobbligatorio ticinese. […] Trattandosi di uno studente, i compagni di classe e alcuni docenti che hanno avuto i contatti più stretti con il ragazzo resteranno a domicilio per due settimane in quarantena. Gli altri allievi e docenti dell’istituto – una scuola professionale - potranno proseguire normalmente le loro attività". Percontro il Consiglio di Stato, in una conferenza stampa[23][24], aggiornava la popolazione su questioni di natura organizzativa, sanitaria e più in generale sull’evoluzione ad oggi della situazione legata al nuovo Coronavirus (COVID-19) in Ticino, relatori Christian Vitta, Presidente del Consiglio di Stato, Manuele Bertoli, Direttore del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport, Giorgio Merlani, Medico Cantonale, e Matteo Cocchi, Comandante della Polizia cantonale.

Il 5 marzo 2020 lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta, in un comunicato stampa[25], comunicava che"il Servizio di microbiologia del Dipartimento di medicina di laboratorio dell’Ente ospedaliero cantonale (EOLAB) di Bellinzona ha individuato fra i casi positivi di Covid-19 in Ticino tre professionisti della salute attivi in strutture sanitarie. Due di questi casi sono riconducibili a un contatto con l’Italia. Il terzo è stato contagiato nell’esercizio della sua professione. […] Allo stato attuale in Ticino si registrano 18 casi di persone risultate positive al Coronavirus".

Il 6 marzo 2020 lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta, in un comunicato stampa[26], comunicava che"il Servizio di microbiologia del Dipartimento di medicina di laboratorio dell’Ente ospedaliero cantonale (EOLAB) di Bellinzona ha individuato tra i casi positivi di Covid-19 in Ticino due persone ospiti di una casa per anziani del Mendrisiotto". Lo stesso giorno, sempre lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta, in un comunicato stampa[27], comunicava che"il Consiglio di Stato ha deciso l’introduzione di alcune nuove misure di prevenzione per limitare la diffusione del coronavirus. Il Medico cantonale ha inoltre emanato delle limitazioni sulle visite ai pazienti e agli ospiti delle strutture socio-sanitarie" (Risoluzione governativa n. 1257 del 6 marzo 2020). In particolare a partire da sabato 7 marzo 2020, e fino al 15 di marzo 2020, non sono più consentite manifestazioni pubbliche e private con più di 150 persone (compresi i partecipanti e il personale correlato all’organizzazione). Inoltre le visite ai pazienti e agli ospiti di ogni tipo di struttura sanitaria e socio-sanitaria sono limitate nella seguente maniera:

  • Divieto di accesso a chiunque presenti febbre o tosse o raffreddore.
  • Divieto d’accesso ai minori di 16 anni.
  • Orario di visita limitato a due ore al giorno (quattro ore per gli istituti per invalidi, cliniche psichiatriche, cliniche di riabilitazione).
  • Visite consentite esclusivamente nelle camere dei pazienti. Durata di visita limitata a trenta minuti per singolo paziente (un’ora per gli istituti per invalidi, cliniche psichiatriche, cliniche di riabilitazione). Al massimo contemporaneamente due persone esterne per visita e per paziente e nelle camere doppie ammessi solo due visitatori alla volta.
  • Divieto di sosta negli spazi comuni, prima e dopo le visite.
  • Stato di salute dei visitatori e dettagli delle visite (orario entrata e uscita) registrati dalla Direzione sanitaria.

Il 6 marzo 2020 il Consiglio di Stato e lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta, in una conferenza stampa[28][29], aggiornava la popolazione sulla situazione legata ai nuovi contagi di Coronavirus (COVID-19) in Ticino.

Il 7 marzo 2020 lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta, in un comunicato stampa[30], comunicava che "attualmente in Ticino si registrano 45 persone positive al test del Coronavirus".

L'8 marzo 2020 lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta, in un comunicato stampa[31], comunicava che "attualmente in Ticino si registrano 58 persone positive al test del Coronavirus. L’aumento dei casi non incide al momento sul numero di persone ricoverate nei reparti di cure intense, che rimane stabile e limitato". Lo stesso giorno il Consiglio di Stato e lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta, in una conferenza stampa[32][33], aggiornava la popolazione e i media su questioni di natura organizzativa e sanitaria legata al nuovo Coronavirus (COVID-19) in Ticino.

Gestione delle frontiere[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 marzo 2020 il governo Cantonalo ha schierato 8.000 unità dell'esercito a presidio dei confini con la Germania, la Francia e l’Austria, precedute dall'Italia,determinando il blocco degli ingressi ad eccezione dei frontalieri, delle merci e dei transiti. Inoltre, sono stati chiusi i valichi di Arogno, Brusino, Pizzamiglio, Camedo e Fornasette.[34][35][36][37] Si tratta del più massiccio spiegamento di forze a partire dalla Seconda Guerra Mondiale [38][39], con un unico precedente nel 2016 in funzione antimigratoria.[40][41]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Numero complessivo di casi confermati e sospetti.
  2. ^ Ufficio federale della sanità pubblica, Comunicato stampa - Nuovo coronavirus COVID-19: primo caso confermato in Svizzera, su Confederazione Svizzera, 25 febbraio 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  3. ^ Une femme décède du coronavirus à Lausanne, la première victime en Suisse, su rts.ch. URL consultato il 28 marzo 2020.
  4. ^ (EN) New coronavirus, su bag.admin.ch. URL consultato l'11 marzo 2020.
  5. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Comunicato stampa - DSS – Nuovo Coronavirus Cinese 2019 (2019-nCoV), su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 27 gennaio 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  6. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Comunicato stampa - Coronavirus – Caso sospetto negativo al virus, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 8 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  7. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Comunicato stampa - Coronavirus – Riunione del gruppo di coordinamento allargato, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 23 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  8. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Infopoint - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 24 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  9. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Infopoint - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino - Registrazione della conferenza stampa, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 24 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  10. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Infopoint - Coronavirus: caso confermato in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 25 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  11. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Infopoint - Coronavirus: caso confermato in Ticino - Registrazione della conferenza stampa, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 24 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  12. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Comunicato stampa - Coronavirus: attiva da domani mattina la hotline ticinese, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 26 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  13. ^ Consiglio di Stato, Conferenza stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 26 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  14. ^ Consiglio di Stato, Conferenza stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino - Registrazione della conferenza stampa, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 26 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  15. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Infopoint - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 27 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  16. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Infopoint - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino - Registrazione della conferenza stampa, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 27 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  17. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Comunicato stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 27 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  18. ^ Consiglio di Stato, Comunicato stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 28 febbraio2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  19. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Comunicato stampa - Coronavirus: secondo caso in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 2 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  20. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Comunicato stampa - Coronavirus: due nuovi casi positivi in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 3 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  21. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Comunicato stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino (03.03.2020), su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 3 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  22. ^ Dipartimento della sanità e della socialità, Comunicato stampa - Coronavirus: un caso positivo in un istituto scolastico postobbligatorio ticinese, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 4 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  23. ^ Consiglio di Stato, Conferenza stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 4 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  24. ^ Consiglio di Stato, Conferenza stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino - Registrazione della conferenza stampa, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 4 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  25. ^ Cancelleria dello Stato, Comunicato stampa - Coronavirus: tre casi positivi tra i professionisti della salute, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 5 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  26. ^ Stato Maggiore Cantonale di Condotta, Comunicato stampa - Coronavirus: due casi positivi in una casa anziani, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 6 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  27. ^ Stato Maggiore Cantonale di Condotta, Comunicato stampa - Coronavirus: nuove misure di prevenzione, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 6 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  28. ^ Consiglio di Stato e Stato Maggiore Cantonale di Condotta, Conferenza stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 6 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  29. ^ Consiglio di Stato e Stato Maggiore Cantonale di Condotta, Conferenza stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino - Registrazione della conferenza stampa odierna, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 6 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  30. ^ Stato Maggiore Cantonale di Condotta, Comunicato stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino (07.03.2020), su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 7 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  31. ^ Stato Maggiore Cantonale di Condotta, Comunicato stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino (08.03.2020), su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 8 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  32. ^ Consiglio di Stato e Stato Maggiore Cantonale di Condotta, Conferenza stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 8 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  33. ^ Consiglio di Stato e Stato Maggiore Cantonale di Condotta, Conferenza stampa - Coronavirus: aggiornamento sulla situazione in Ticino - Registrazione della conferenza stampa, su Repubblica e Cantone Ticino www.ti.ch, 8 marzo 2020. URL consultato l'8 marzo 2020.
  34. ^ La Svizzera chiude tutte le sue frontiere. A eccezione dei frontalieri - cotonavirus, su varesenews.it, 16 marzo 2020 (archiviato il 24 marzo 2020).
  35. ^ Paolo Berizzi, Italia-Svizzera. Spostamenti ancora possibili. Ma solo per lavoro, in La Repubblica (archiviato il 24 marzo 2020).
  36. ^ Controlli in dogana, oggi si fa sul serio, su cdt.ch (archiviato il 24 marzo 2020).
  37. ^ Frontiere aperte ma con restrizioni, su rsi.ch, 8 marzo 2020 (archiviato il 24 marzo 2020).
  38. ^ Swiss army says preparing to deploy to assist virus fight, su medicalxpress.com, 14 marzo 2020 (archiviato il 24 marzo 2020).
  39. ^ Swiss army prepares to deploy to assist coronavirus fight, su thelocal.ch, 14 marzo 2020 (dataarchivio = 24 marzo 2020 archiviato).
  40. ^ Anche la Svizzera ha deciso di mobilitare l'esercito alal frontiera con l'Italia:schierati carri armati, su ilnord.it, 18 aprile 2016 (archiviato il 24 marzo 2020).
  41. ^ La Svizzera non vuole i migranti: "Carri armati a confine con l'Italia", su ilgiornale.it, 19 aprile 2016 (archiviato il 24 marzo 2020). Ospitato su archive.is.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Nuovo Coronavirus, su Confederazione Svizzera - Ufficio federale della sanità pubblica www.bag.admin.ch/nuovo-coronavirus.
  • Coronavirus, su Repubblica e Cantone Ticino - Ufficio del medico cantonale www.ti.ch/coronavirus.