Natale in Polonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Natale nel folclore.

La tradizione del kulig a Sanok

Questa voce descrive le principali tradizioni natalizie della Polonia, oltre agli aspetti storici e socio-economici della festa.

Informazioni generali[modifica | modifica wikitesto]

Date importanti del periodo dell'Avvento in Polonia sono il 29 novembre, vigilia di Sant'Andrea, il 4 dicembre, giorno di Santa Barbara e il 6 dicembre, giorno di San Nicola.[1]

Il termine per "Natale" in polacco[modifica | modifica wikitesto]

Il termine per "Natale" in polacco è Boże Narodzenie, che significa letteralmente "nascita di Dio".[2]

La formula d'augurio è Wesołych Świąt!.[3][4]

Celebrazioni religiose[modifica | modifica wikitesto]

Celebrazione religiosa del Natale a Katowice

Tra le celebrazioni religiose caratteristiche della Polonia nel periodo dell'Avvento, vi sono le roraty, messe che hanno luogo alle sei del mattino e in cui viene accesa una candela.[1][5]

Prima della cena della Vigilia (Wigilia), i fedeli devono osservare un digiuno di 24 ore, che, secondo la tradizione, termina quando compare in cielo la prima stella.[1]

Tradizioni popolari[modifica | modifica wikitesto]

Presepe (szopka)[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionale presepe polacco a Cracovia

Una parte preponderante nella celebrazione del Natale in Polonia è rappresentata dall'allestimento del presepe o szopka.[6]

Nel corso del XVIII secolo, a Cracovia, si diffuse tra i muratori e gli operai l'usanza di creare piccole capanne con raffigurazioni della Natività da mettere poi sotto l'albero di Natale, con lo scopo di arrotondare lo stipendio.[7]

A Cracovia, si tiene anche una gara annuale in cui vengono premiati i presepi più belli.[6]

Una particolare forma presepistica caratteristica della Polonia è il cosiddetto "presepe di marionette", le cui origini risalgono al XVIII secolo, quando veniva allestito dai sacerdoti.[6]

Albero di Natale[modifica | modifica wikitesto]

Tipiche decorazioni polacche per l'albero di Natale

La tradizione dell'albero di Natale fu introdotta in Polonia nel corso del XVIII secolo.[6]

Prima che fosse introdotto l'albero di Natale, era diffusa un'usanza simile, quella della podłaźniczka, che consisteva nell'appendere la cima di un abete a una trave o alla porta del granaio.[6]

L'introduzione della tradizione tedesca dell'albero di Natale suscitò delle reazioni di tipo nazionalistico, che portò alla creazione di soggetti tradizionali polacchi in qualità di addobbi.[6]

Pajaki[modifica | modifica wikitesto]

Decorazioni tipiche sono inoltre i pajaki, costituite da stelle o uova decorate.[5]

Portatori di doni[modifica | modifica wikitesto]

Tra i portatori di doni tradizionali, oltre a Babbo Natale, vi sono gli uomini della Stella o gwiadorze.[5][6]

Gastronomia[modifica | modifica wikitesto]

La cena della Vigilia in Polonia

Un tempo, tradizione voleva che la cena della Vigilia di Natale fosse costituita da un numero di portate dispari[1] (in genere tredici[8]), mentre il numero dei posti in tavola doveva essere pari, in quanto uno di questi doveva essere lasciato vuoto per l'eventuale arrivo di un ospite estraneo alla famiglia.[1]

Il menu della Vigilia, inoltre, non deve contemplare la presenza della carne[1][4], ma dodici piatti vegetariani[4][5] (come forma di augurio per i dodici mesi dell'anno a venire[4]), che comprendono solitamente zuppa di funghi, una carpa, cavolo con piselli, gnocchetti farciti, maccheroni ai frutti di mare, ecc.[5][8][9]

Dolci[modifica | modifica wikitesto]

Dolcetti natalizi del periodo dell'Avvento

Opłatek[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Opłatek .

Un dolcetto tipico polacco è l'opłatek, una cialda con una figura sacra[5], che, secondo la tradizione, viene distribuita dal capofamiglia ai familiari e al bestiame prima della cena della Vigilia di Natale.[1][4][10]

La tradizione di preparare opłatek risale al Medioevo, mentre risale al XVIII secolo quella di distribuirlo alla famiglia.[10]

Piernik[modifica | modifica wikitesto]

Altro tipico dolce natalizio polacco è il piernik, un dolce al miele, che viene stampato in varie forme (a forma di cuore, di animale o di San Nicola).[5]

Kutya[modifica | modifica wikitesto]

Altro tipico dolce natalizio ancora è la kutya, fatta con grano, nocciole, uva passa e miele.[6]

Bevande[modifica | modifica wikitesto]

Tipica bevanda natalizia polacca è un liquore a base della frutta secca (come prugne, ecc.).

Musica natalizia[modifica | modifica wikitesto]

Canti natalizi originari della Polonia[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g cfr. Bowler, Gerry, "Dizionario universale del Natale" ["The World Encyclopedia of Christmas"], ed. italiana a cura di C. Corvino ed E. Petoia, Newton & Compton, Roma, 2003, p. 266
  2. ^ Dizionario Polacco-Italiano/Italiano-Polacco Zanichelli, Bologna, 2002, p. 345.
  3. ^ Bowler, Gerry, op. cit., p. 79
  4. ^ a b c d e (EN) Polish Christmas – the handy guide for foreigners, Foreigners in Poland. URL consultato il 25 novembre 2015.
  5. ^ a b c d e f g (EN) Christmas in Poland, Santa's Net. URL consultato il 22 novembre 2015.
  6. ^ a b c d e f g h Bowler, Gerry, op. cit., p. 267
  7. ^ Natale in Polonia, Il paese dei bambini che sorridono. URL consultato il 26 novembre 2015.
  8. ^ a b Le tradizioni natalizie della cucina polacca, Visitare Cracovia. URL consultato il 26 novembre 2015.
  9. ^ (PL) Polskie Wigilie dawniej i dziś, Culture.pl. URL consultato il 25 novembre 2015./(EN) The 12 Dishes of Polish Christmas, Culture.pl. URL consultato il 25 novembre 2015.
  10. ^ a b Bowler, Gerry, op. cit., p. 254
  11. ^ Franciszek Karpiński, bookinstitute.pl.
  12. ^ (EN) Lulajże, Jezuniu, hymnsandcarolsofchristmas.com. URL consultato il 22 novembre 2015.
  13. ^ W żłobie leży, hymntime.com.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]