Christmas pudding

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Pudding.

Christmas pudding
Christmas pudding.JPG
Origini
Altri nomi plum pudding, plum duff
Luogo d'origine Regno Unito Regno Unito
Dettagli
Categoria dolce
Ingredienti principali uova, mandorle, frutta candita, rum e spezie
Varianti Figgy pudding
 
Una fase della preparazione del Christmas pudding
Una tavola con il Christmas pudding
Un figgy pudding, variante del Christmas pudding

Il Christmas pudding ("pudding natalizio") o plum pudding o plum duff è un tipico dolce natalizio inglese dalla forma rotonda[1] e a base di uova, mandorle, frutta candita, rum e spezie[2][3], preparato - secondo la tradizione - nel periodo dell'Avvento[4] e portato in tavola il 25 dicembre[5].
Viene solitamente servito flambé ed è comunemente decorato con un agrifoglio.[5][6]

Rappresenta il principale dessert natalizio inglese[6] e - oltre che nel Regno Unito - è popolare anche in Irlanda[7].

Origini del termine "plum pudding"[modifica | modifica wikitesto]

Il Christmas pudding viene solitamente chiamato anche plum pudding, che letteralmente significherebbe "pudding di prugne", anche se le prugne non figurano tra i suoi ingredienti.[8] Probabilmente ciò deriva dal fatto che nel XVII secolo venivano chiamati plum anche l'uva passa e altri tipi di frutta.[8] si dice pudding per indicare il termine "pasticcio"

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Christmas pudding trae origine probabilmente da cibi a base di carne e frutta quali il porridge e la zuppa medievale.[6]

Pare che in Inghilterra fosse ampiamente diffuso già nel XVI secolo.[6]

Fu in seguito abolito assieme al mince pie in seno alle battaglie condotte dai Puritani contro il Natale.[6]

Col ritorno alla "piena legalità", nel XIX secolo, la pietanza fu adottata nella propria tavola dalla regina Vittoria, divenendo così - come testimoniato, tra l'altro, nel Canto di Natale di Charles Dickens[6] - il principale dessert natalizio inglese[6].
Sempre nel corso del XIX secolo, inoltre, furono aggiunti nuovi ingredienti che resero il dolce più consistente[6].

Nel 1858, fu citato per la prima volta con il nome di "Christmas pudding" in un racconto di Anthony Trollope.[8]

Nel 1891 ben 18 kg di questo dolce fecero parte dei viveri che l'infermiera britannica Kate Marsden portò con sé nel suo viaggio di 3000 km in slitta in Siberia alla ricerca di una cura per la lebbra. Come lei stessa dichiarò, questa insolita scelta fu fatta perché "Questo delizioso preparato si sarebbe sicuramente mantenuto nella stagione fredda, come sanno tutte le casalinghe; e inoltre mi piaceva".[9].

Nel corso della storia furono creati Christmas pudding da record, come quelli realizzati a Paignton nel 1819 e nel 1859.[6]
Quello realizzato nel 1859, destinato ai poveri e agli operai della città, fu preso d'assalto e divorato dagli abitanti ebbri di sidro.[6]

Il Christmas pudding più grande della storia, del peso di 3,28 tonnellate, fu realizzato nel luglio 1992 ad Aughton, villaggio della parrocchia civile di Halton-with-Aughton, nel distretto di Lancaster (Lancashire).[6][10]

Ingredienti (per 4 persone)[3][modifica | modifica wikitesto]

Superstizioni legate al Christmas pudding[modifica | modifica wikitesto]

Al Christmas pudding sono legate varie superstizioni, come ad esempio quella secondo cui dovrebbe contenere 13 ingredienti ed essere preparato in senso orario da tutti i membri della famiglia.[6] Si crede anche che chi non ne mangia almeno un po' perderà sicuramente un amico nell'anno successivo.[6]

Altre superstizioni lo ricollegano al cosiddetto "dolce della Dodicesima Notte", come quella di lasciare all'interno del dessert un anello, un ditale e una moneta, che avrebbero portato fortuna a chi li avesse trovati.[6][8]

Il Christmas pudding nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bowler, Gerry, Dizionario universale del Natale [The World Encyclopedia of Christmas], ed. italiana a cura di C. Corvino ed E. Petoia, Newton & Compton, Roma, 2003, p. 280
  2. ^ Miles, Clement A., Storia del Natale [Christmas in Ritual and Traditions Christian and Pagan], ed. italiana a cura di Laura Mazzolini, Odoya, Bologna, 2010, p. 75
  3. ^ a b Cookaround: Cucina internazionale > Regno Unito > Torte > Christmas Plum Pudding
  4. ^ Fritto e soffritto: Christmas pudding
  5. ^ a b Victoriana.com: Plum pudding
  6. ^ a b c d e f g h i j k l m n Bowler, Gerry, op. cit., p. 281
  7. ^ Dochara.com: Irish Christmas pudding
  8. ^ a b c d Plum Pudding History - Plum Pudding Recipe
  9. ^ (EN) To Siberia with a Christmas Pudding, su Questia.com. URL consultato il 25 settembre 2016.
  10. ^ http://www.hymix.com/level_1.php?Section_Id=2&Menu_Id=2010102
  11. ^ The Hymns and carols of Christmas: We Wish You A Merry Christmas

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]