Moncucco Torinese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moncucco Torinese
comune
Moncucco Torinese – Stemma
Moncucco Torinese – Veduta
Panorama
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
Provincia Provincia di Asti-Stemma.png Asti
Amministrazione
Sindaco Luigi Rigon (lista civica Lista per Moncucco) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate 45°04′09″N 7°56′01″E / 45.069167°N 7.933611°E45.069167; 7.933611 (Moncucco Torinese)Coordinate: 45°04′09″N 7°56′01″E / 45.069167°N 7.933611°E45.069167; 7.933611 (Moncucco Torinese)
Altitudine 403 m s.l.m.
Superficie 14,33 km²
Abitanti 883[1] (30-11-2016)
Densità 61,62 ab./km²
Frazioni Barbaso, Borelli, Briano, Moglia, Pogliano, Rivalta, Roasine, San Giorgio, San Giuseppe, San Paolo
Comuni confinanti Albugnano, Arignano (TO), Berzano di San Pietro, Castelnuovo Don Bosco, Cinzano (TO), Marentino (TO), Mombello di Torino (TO), Moriondo Torinese (TO), Sciolze (TO)
Altre informazioni
Cod. postale 14024
Prefisso 011
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 005070
Cod. catastale F343
Targa AT
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Cl. climatica zona E, 2 821 GG[2]
Nome abitanti moncucchesi
Patrono san Bernardino da Siena
Giorno festivo 20 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Moncucco Torinese
Moncucco Torinese
Moncucco Torinese – Mappa
Mappa di localizzazione del comune di Moncucco Torinese nella provincia di Asti
Sito istituzionale

Moncucco Torinese (Moncuch in piemontese) è un comune italiano di 883 abitanti della provincia di Asti, in Piemonte, al confine con la città metropolitana di Torino.

È sede di un castello, con corte centrale, affiancato da torri e passaggio di ronda conservato. Inserito fra i Castelli Aperti del Basso Piemonte, ospita il Museo del Gesso. Fu edificato nel XIV secolo, ma ha subito sostanziali modifiche nei secoli successivi.

La chiesa parrocchiale ha una facciata dell'architetto Giuseppe Maria Talucchi (1810) e l'altare maggiore di Filippo Juvarra.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Zona già abitata dai romani dove probabilmente c'era un tempio dedicato a Giove, mentre l'attuale abitato è di origine medievale nato intorno alla pieve di San Giorgio di Vergnano citata nei documenti del XIII secolo come Montis Jovis o Mons Iovis. Moncucco è citato per la prima volta come Montecuch nel diploma che confermava i possedimenti di Guglielmo V del Monferrato da parte dell'imperatore Federico Barbarossa emanato a Belforte nel 1164. Nel 1258 il signore di Montecucco sottoscrisse una convenzione con il comune di Chieri per una difesa del suo castello da parte del comune chierese. Nel 1290 il castello di Montecucco venne occupato dalle truppe del comune di Chieri a cui rimase per più di un secolo, fino a quando nel 1396 passò sotto il possesso di Teodoro II marchese del Monferato. Nel 1631 con Trattato di Cherasco passò sotto i Savoia come parte della provincia di Asti. Con l'occupazione francese entrò a far parte del dipartimento del Tanaro nel 1799 nella Repubblica Piemontese e poi dal 1801 al 1805 nella Repubblica Subalpina annessa nel 1802 all'Impero Napoleonico. Nel 1799 i moncucchesi avevano chiesto inutilmente di essere annessi al dipartimento dell'Eridano con capoluogo Torino, con la riorganizzazione nel 1805 il comune passò sotto il circondario di Asti del dipartimento di Marengo dove rimase fino alla caduta di Napoleone. Nel 1818 il comune passò sotto la riorganizzata provincia di Asti che venne nuovamente soppressa e trasformata in circondario della provincia di Alessandria con il decreto Rattazzi del ministro dell'interno sardo (nativo di Alessandria) Urbano Rattazzi. Nel 1863 gli abitanti di Moncucco decisero di aggiungere l'aggettivo 'Torinese' per rimarcare i legami con Torino, nel 1935 il comune entrò a far parte della neonata provincia di Asti.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

In cento anni, a partire dall'anno 1911, si è assistito ad un dimezzamento dei residenti nel territorio comunale.

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1971 1992 Domenico Casalegno lista civica sindaco
1992 1995 Giovanni Crosetto lista civica sindaco
1995 1999 Giovanni Crosetto lista civica sindaco II mandato
1999 2004 Gianpaolo Fassino lista civica sindaco
2004 2009 Gianpaolo Fassino lista civica sindaco II mandato
2009 2014 Nicola Grande lista civica sindaco
2014 in carica Luigi Rigon lista civica Lista per Moncucco sindaco

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 novembre 2016.
  2. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente, 1 marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Borello Monica, Fassino Gianpaolo, L'eclettismo di un ingegnere civile tra '800 e '900. Giacinto Tosi e i portici della piazza di Moncucco, in «I Quaderni di Muscandia», n. 7 (2006), pp. 137–163.
  • Bosco Carlo, Anche a Gassino sventolava il Tricolore (1848-1918). Cronaca e storia in Gassino e dintorni negli anni del Risorgimento Italiano, Torino, Scaravaglio, 2012.
  • Cappellino Marina, Moncucco Torinese. Vergnano - Chiesa di San Giorgio, in Tra Gotico e Neogotico. Le chiese parrocchiali astigiane, a cura di Vittorio Croce, Asti, Cassa di risparmio di Asti, 2012, p. 257.
  • Le colline della tradizione. Il Piemonte rurale nelle fotografie di don Emilio Bellino parroco di Cinzano (1890-1920), a cura di Gianpaolo Fassino, Cinzano, Comune di Cinzano, 2015.
  • Eydoux Ermanno, Fassino Gianpaolo, Il territorio di Moncucco Torinese tra le più antiche attestazioni e la toponomastica anteriore, in «Rivista di storia, arte e archeologia per le province di Alessandria e Asti», CIII (1994), pp. 63–81.
  • Fassino Gianpaolo, Moncucco Torinese. Chiesa di San Giovanni Battista, in Tra Gotico e Neogotico. Le chiese parrocchiali astigiane, a cura di Vittorio Croce, Asti, Cassa di risparmio di Asti, 2012, pp. 255–256.
  • Fassino Gianpaolo, La riedificazione della chiesa parrocchiale di Moncucco. Note in margine al bicentenario (1810-2010), in «Rivista di storia, arte, archeologia per le province di Alessandria e Asti», CXX (2011), fasc. 2, pp. 85–92.
  • Pedroni Daniela, Ambivalenza funzionariale e signorile nel Duecento: i "domini" di Moncucco, avvocati della chiesa di Torino e castellani di Rivoli, in «Bollettino storico-bibliografico subalpino», 103 (2005), pp. 39–152.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN241254908
Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Piemonte