Villa San Secondo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa San Secondo
comune
Villa San Secondo – Stemma Villa San Secondo – Bandiera
Villa San Secondo – Veduta
Palazzo antico
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Asti-Stemma.svg Asti
Amministrazione
SindacoBarrera Luigino (lista civica Uniti per Villa San Secondo) dal 26-5-2019 (I mandato)
Territorio
Coordinate45°00′27″N 8°08′05″E / 45.0075°N 8.134722°E45.0075; 8.134722 (Villa San Secondo)
Altitudine287 m s.l.m.
Superficie6,13 km²
Abitanti387[1] (31-12-2019)
Densità63,13 ab./km²
FrazioniSan Carlo (Valbarrera)
Comuni confinantiCastell'Alfero, Corsione, Cossombrato, Frinco, Montechiaro d'Asti, Montiglio Monferrato, Tonco
Altre informazioni
Cod. postale14020
Prefisso0141
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT005119
Cod. catastaleM019
TargaAT
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 723 GG[3]
Nome abitantivillesi
Giorno festivo8 ottobre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Villa San Secondo
Villa San Secondo
Villa San Secondo – Mappa
Mappa di localizzazione del comune di Villa San Secondo nella provincia di Asti
Sito istituzionale

Villa San Secondo (Vila San Sgond in piemontese) è un comune italiano di 387 abitanti della provincia di Asti in Piemonte.

Il comune fa parte dell'Unione Comunale Comunità Collinare Val Rilate.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine del Cinquecento e fino agli inizi del Settecento, Villa San Secondo passò sotto il dominio dei Gonzaga, duchi di Mantova, che ne fecero un feudo comitale.[4]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

«Stemma di rosso, alla figura della Giustizia, in maestà, il viso, il collo, le braccia, le mani, di carnagione, capelluta d'oro, coronata con corona all'antica di cinque punte, d'oro, vestita con l'ampia veste di azzurro, tenente con la mano destra la bilancia di due coppe, d'oro, con la mano sinistra lo scettro posto in palo, dello stesso, essa figura assisa sullo scranno di nero, in gran parte celato, esiguamente visibile a sinistra, figura e scranno sostenuti dalla campagna di verde. Ornamenti esteriori da Comune.[5]»

(D.P.R. del2 settembre 1997)

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi cento anni, dal 1911, si è assistito ad un dimezzamento dei residenti.

Abitanti censiti[6]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
17 giugno 1985 25 maggio 1990 Silvio Carlevaro Sindaco [7]
25 maggio 1990 24 aprile 1995 Silvio Carlevaro - Sindaco [7]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Silvio Carlevaro centro Sindaco [7]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Gianluca Marchetti lista civica Sindaco [7]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Gianluca Marchetti lista civica Sindaco [7]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Roberto Mussano lista civica Sindaco [7]
26 maggio 2014 26 maggio 2019 Roberto Mussano lista civica III millennioc Sindaco
26 maggio 2019 in carica Barrera Luigino Uniti per Villa San Secondo Sindaco [7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Il Monferrato. Archiviato il 29 maggio 2013 in Internet Archive.
  5. ^ Comune di Villa San Secondo, Stemma e gonfalone, su comune.villasansecondo.at.it. URL consultato il 17 novembre 2021.
  6. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  7. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte