Sessame

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sessame
comune
Sessame – Stemma Sessame – Bandiera
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Asti-Stemma.svg Asti
Amministrazione
SindacoPaolo Carlo Milano (lista civica Il progetto per tutti) dal 25-5-2014
Territorio
Coordinate44°40′18″N 8°20′16″E / 44.671667°N 8.337778°E44.671667; 8.337778 (Sessame)Coordinate: 44°40′18″N 8°20′16″E / 44.671667°N 8.337778°E44.671667; 8.337778 (Sessame)
Altitudine325 m s.l.m.
Superficie8,45 km²
Abitanti251[1] (31-12-2019)
Densità29,7 ab./km²
Frazionivedi elenco
Comuni confinantiBistagno (AL), Cassinasco, Monastero Bormida, Ponti (AL), Rocchetta Palafea
Altre informazioni
Cod. postale14058
Prefisso0144
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT005105
Cod. catastaleI678
TargaAT
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantisessamesi
Patronosan Giorgio
Giorno festivo23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sessame
Sessame
Sessame – Mappa
Mappa di localizzazione del comune di Sessame nella provincia di Asti
Sito istituzionale

Sessame (Siam in piemontese) è un comune italiano di 251 abitanti della provincia di Asti in Piemonte.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L’insediamento di Sessame è molto antico, probabilmente preesistente alla conquista romana e riconducibile alla presenza di popolazioni liguri.

Si dice che il borgo sia stato fondato attorno agli anni "mille" ma non è certa la denominazione. Molti storici affermano che il nome Sessame derivi da sex (dal latino sei, aggettivo numerale cardinale) per indicare le sei miglia romane che lo separavano da Acqui Terme oppure i sei corsi d'acqua che ancor oggi bagnano il territorio comunale ed, infine, per le sessanta miglia che segnavano la distanza dal borgo a Torino. [2]

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Sul lato nord occidentale del centro abitato si erge una piccola collina ove si possono vedere i resti di un antico castello, probabilmente distrutto durante le invasioni attorno al 1400-1500.[2] I ruderi del castello dei Marchesi Del Carretto sono oggi conservati all'interno di un’area verde nella quale è stato ricavato un punto panoramico per ammirare il borgo e la vallata sottostante.

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Albareto, Asinari, Caldana, Castagnola, Cocco, Collina, Fermone, Galloni, Giardinetto, Malerba, Penna, Ponticello, San Giorgio, San Rocco, San Pietro, San Sebastiano, Tane, Tarditi.

Luoghi di interesse[3][modifica | modifica wikitesto]

Edifici religiosi[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di San Giorgio Martire

La Chiesa parrocchiale è dedicata al santo patrono, San Giorgio. L'edificio, di età barocca, ha subito nel corso del tempo molti rifacimenti (ultima ricostruzione nel 1959). All'interno oltre all'altare maggiore, fa bella mostra la statua del santo nell'atto di uccidere il drago.

Facciata della Chiesa di San Giorgio Martire

Ogni anno il 23 Aprile ricorre la festa del Santo Patrono e pertanto in questa occasione oltre alla Santa Messa per tutti i fedeli è in programma una solenne processione.

Confraternita dell'Annunziata

Situato a fianco della parrocchiale, l'Oratorio sconsacrato della Confraternita dell'Annunziata viene comunemente chiamato Chiesa dei Battuti. La sua costruzione risale al 1600 e di questo periodo conserva l’abside, la facciata e il bel campanile. Sconsacrato e di proprietà comunale, è stato completamente ristrutturato ed adibito ad attività culturali.

Facciata dell'Oratorio sconsacrato della Confraternita dell'Annunziata, noto anche come Chiesa dei Battuti

Chiesa campestre di San Rocco

Situata in località San Rocco, domina la vista sulla Val Bormida. Il sagrato si affaccia su un’area di sosta panoramica. Ristrutturata nel 2004, la chiesetta si presenta molto ben conservata.

Chiesa campestre di San Sebastiano

Situata in località San Sebastiano, in prossimità della strada provinciale per Rocchetta Palafea, domina la zona a cui è dedicata. Molto ben ristrutturata con all'interno numerosi ex voto a testimonianza di una grande devozione popolare.

Altri luoghi[modifica | modifica wikitesto]

Garzaia della Val Bormida

Nella parte di comune situata nel fondo valle esiste un luogo destinato a garzaia per la presenza dell'airone cenerino. [2] Si tratta di un lembo di terra che si affaccia in riva sinistra sul Bormida di Millesimo e che protegge una delle più grandi garzaie del nord Italia. La garzaia non è aperta al pubblico. Tuttavia è possibile osservare gli aironi a distanza con l'ausilio di un binocolo.

Ruderi del castello dei Marchesi Del Carretto

Il Castello sorgeva alla sommità di una collina situata a nord-ovest del concentrico. Doveva essere una imponente costruzione, ma oggi rimangono soltanto i ruderi all'interno di un’area verde ben recuperata dal comune ed adibita a zona panoramica.

Torrotto (Turot in piemontese)

Semplice costruzione a due piani a forma di piccola torre, il Torrotto sorge sulla sommità di un colle a forma conica, ben visibile da ogni località. Da tempo diventato il simbolo del borgo. Situato in terreni privati, anticamente è appartenuto all'Onorevole Giuseppe Saracco, uomo politico di grande levatura morale, nativo di Bistagno e Presidente del Consiglio dei Ministri nei primi anni del 1900.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
20 giugno 1985 8 giugno 1990 Cesare Tardito Democrazia Cristiana Sindaco [4]
8 giugno 1990 24 aprile 1995 Cesare Tardito Democrazia Cristiana Sindaco [4]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Celeste Malerba centro-sinistra Sindaco [4]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Celeste Malerba lista civica Sindaco [4]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Carlo Berchio lista civica Sindaco [4]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Carlo Berchio lista civica Sindaco [4]
26 maggio 2014 in carica Paolo Carlo Milano lista civica Il progetto per tutti Sindaco [4]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Agricoltura[2][modifica | modifica wikitesto]

Da sempre, la coltura principale nel territorio del comune è la vite che è anche una delle principali ricchezze della zona, prettamente agricola.

Sin dai primi anni del Novecento e fino agli anni quaranta era nota la coltivazione del gelso, le cui foglie erano indispensabili per l'allevamento del baco da seta. Attorno al borgo si notano zone boschive ove si possono raccogliere castagne e funghi.

La coltivazione della vite produce vini prelibati quali il Dolcetto d'Asti, il Barbera d'Asti e il Moscato d'Asti e, soprattutto il Brachetto d'Acqui, vera specialità del comune, come è stato riconosciuto da fonti ufficiali che asseriscono che tale vitigno venne storicamente realizzato a Sessame e quindi esportato in paesi confinanti.

Vini[modifica | modifica wikitesto]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi

Sagra del Risotto - organizzata da Comune e Pro Loco, prima domenica di Maggio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ a b c d Cesare Gallo, Sessame 1900-1999 un secolo di cronache e di ricordi, 2002.
  3. ^ Comune di Sessame: Home, su www.comune.sessame.at.it. URL consultato il 12 agosto 2020.
  4. ^ a b c d e f g http://amministratori.interno.it/
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Piemonte Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte