Bormida di Millesimo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Bormida (fiume).

Bormida di Millesimo
Millesimo-fiume Bormida di Millesimo-1.jpg
Il fiume nel tratto di Millesimo
StatoItalia Italia
RegioniLiguria Liguria
Piemonte Piemonte
ProvinceSavona Savona
Cuneo Cuneo
Alessandria Alessandria
Asti Asti
Lunghezza102,3 km[1]
Portata media9,2 m³/s[2]
Bacino idrografico570,3 km²[2]
Altitudine sorgente820 m s.l.m.
NasceColle Scravaion
SfociaBormida
44°39′26.89″N 8°21′09.94″E / 44.65747°N 8.35276°E44.65747; 8.35276Coordinate: 44°39′26.89″N 8°21′09.94″E / 44.65747°N 8.35276°E44.65747; 8.35276

Lunga 102 km la Bormida di Millesimo costituisce il ramo sorgentizio occidentale del fiume Bormida, ed è considerata da molti il corso principale dello stesso fiume essendo il ramo del Bormida più lungo e ricco d'acqua.

Il corso del fiume[modifica | modifica wikitesto]

Nasce in Liguria, in provincia di Savona, dal Colle Scravaion (807 m), bagna Bardineto, Calizzano, Murialdo, Millesimo. Poco dopo Millesimo esce dalle Alpi Liguri, bagna Cengio, poi entra in Piemonte nelle Langhe in provincia di Cuneo e bagna Saliceto, Camerana, Monesiglio, Gorzegno, Levice, Torre Bormida, e Cortemilia dove riceve l'Uzzone, poco dopo entra in provincia di Asti e bagna Vesime, Cessole, Loazzolo, Bubbio, Monastero Bormida, Sessame, poi confluisce con il Bormida di Spigno al confine tra la provincia di Asti e la provincia di Alessandria nel comune di Bistagno.

Affluenti principali[modifica | modifica wikitesto]

Portate medie mensili[modifica | modifica wikitesto]

Portata media mensile (in m³)
Stazione idrometrica : confluenza Bormida (1951 - 1991)
Fonte : AA.VV., Piano di tutela della acque - Allegato tecnico II.h/1 Bilancio delle disponibilità idriche naturali e valutazione dell'incidenza dei prelievi - Bilancio idrologico - Rapporto tecnico; tabella 8, pag. 28; luglio 2004; Regione Piemonte (consultato nel maggio 2014)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA.VV., Elaborato I.c/5 (PDF), in Piano di Tutela delle Acque - Revisione del 1º luglio 2004; Caratterizzazione bacini idrografici, Regione Piemonte, 1º luglio 2004. URL consultato il 27 maggio 2013.
  2. ^ a b AA.VV., Elaborato I.c/7 (PDF), in Piano di Tutela delle Acque - Revisione del 1º luglio 2004; Caratterizzazione bacini idrografici, Regione Piemonte, 1º luglio 2004. URL consultato il 18 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]