Tonco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Tonco
comune
Tonco – Stemma Tonco – Bandiera
Tonco – Veduta
Municipio di Tonco
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Asti-Stemma.svg Asti
Amministrazione
SindacoFratini Cesare (lista civica) dall'11-6-2017
Territorio
Coordinate45°01′31″N 8°11′28″E / 45.025278°N 8.191111°E45.025278; 8.191111 (Tonco)
Altitudine271 m s.l.m.
Superficie11,78 km²
Abitanti796[1] (31-12-2019)
Densità67,57 ab./km²
FrazioniCasalino, Casa Paletti, Stazione di Tonco
Comuni confinantiAlfiano Natta (AL), Calliano Monferrato, Castell'Alfero, Corsione, Frinco, Montiglio Monferrato, Villa San Secondo, Villadeati (AL)
Altre informazioni
Cod. postale14039
Prefisso0141
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT005109
Cod. catastaleL203
TargaAT
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 710 GG[3]
Nome abitantitonchesi
Patronosanta Maria Assunta
Giorno festivo15 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Tonco
Tonco
Tonco – Mappa
Mappa di localizzazione del comune di Tonco nella provincia di Asti
Sito istituzionale

Tonco (Tonch in piemontese) è un comune italiano di 796 abitanti della provincia di Asti in Piemonte, all'interno dell'area geografica del Basso Monferrato. Fa parte della Comunità collinare Monferrato Valleversa, di cui ospita la sede. È a prevalente vocazione agricola.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del comune di Tonco è stato concesso, insieme al gonfalone municipale, con il decreto del presidente della Repubblica del 21 ottobre 2004.[4]

«Partito: nel primo, di azzurro, al leone di argento, linguato e allumato di rosso; il secondo, di argento, alle tre fasce di rosso, attraversate dalla quercia sradicata, con il tronco, radici, rami al naturale, i sei rami ricadenti ad arco, tre per parte, fogliati di verde, ghiandiferi di porpora. Ornamenti esteriori da Comune.»

Nell'emblema civico sono ricordate le personalità e le casate nobili che governarono Tonco dal Medio Evo al Rinascimento[5]: il leone nella prima partizione riproduce quasi sicuramente il blasone di Gerardo di Tonco, primo maestro degli Ospitalieri di San Giovanni di Gerusalemme[6]; l'altra metà dello scudo riprende le tre fasce di rosso e la quercia da sughero simboli della famiglia Natta.

Il gonfalone è un drappo di porpora.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi cento anni, a partire dal 1921, la popolazione residente è dimezzata.

Abitanti censiti[7]

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Eventi[modifica | modifica wikitesto]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La fermata di Tonco-Alfiano è posta lungo la ferrovia Castagnole-Asti-Mortara, il cui traffico è sospeso dal 2012.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
11 giugno 1985 1º giugno 1990 Gian Carlo Giovara - Sindaco [8]
1º giugno 1990 24 aprile 1995 Gian Carlo Giovara Democrazia Cristiana Sindaco [8]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Gian Carlo Giovara centro-sinistra Sindaco [8]
14 giugno 1999 23 febbraio 2001 Serafino Stobbione lista civica Sindaco [8]
16 marzo 2001 28 maggio 2002 Piero Remotti Comm. straordinario [8]
28 maggio 2002 29 maggio 2007 Giancarlo Casorzo lista civica Sindaco [8]
29 maggio 2007 7 maggio 2012 Giancarlo Casorzo lista civica Sindaco [8]
7 maggio 2012 11 giugno 2017 Simonetta Amerio lista civica Sindaco [8]
11 giugno 2017 12 giugno 2022 Cesare Fratini lista civica Sindaco [8]
12 giugno 2022 in carica Cesare Fratini lista civica In campo per Tonco Sindaco [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Tonco (Asti) D.P.R. 21.10.2004 concessione di stemma e gonfalone, su presidenza.governo.it. URL consultato il 17 novembre 2021.
  5. ^ Storia, su Comune di Tonco, 18 gennaio 2018. URL consultato il 17 novembre 2021.
  6. ^ Gerardo di Tonco, su Comune di Tonco. URL consultato il 17 novembre 2021.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT; URL consultato in data 28 dicembre 2012.
  8. ^ a b c d e f g h i http://amministratori.interno.it/
  9. ^ https://elezioni.interno.gov.it/comunali/scrutini/20220612/scrutiniGI010071090

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN233945999 · GND (DE7700169-2
  Portale Piemonte: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Piemonte