Castell'Alfero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Castell'Alfero
comune
Castell'Alfero – Stemma Castell'Alfero – Bandiera
Castell'Alfero – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Piemonte-Stemma.svg Piemonte
ProvinciaProvincia di Asti-Stemma.svg Asti
Amministrazione
SindacoElisa Amerio (lista civica Castell'Alfero in cammino) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate44°58′56″N 8°12′42″E / 44.982222°N 8.211667°E44.982222; 8.211667 (Castell'Alfero)Coordinate: 44°58′56″N 8°12′42″E / 44.982222°N 8.211667°E44.982222; 8.211667 (Castell'Alfero)
Altitudine235 m s.l.m.
Superficie20,09 km²
Abitanti2 678[1] (31-12-2019)
Densità133,3 ab./km²
FrazioniBricco Beretta, Callianetto, Casotto, Moncucco, Noveiva, Serra Perno, Stazione
Comuni confinantiAsti, Calliano, Corsione, Cossombrato, Frinco, Tonco, Villa San Secondo
Altre informazioni
Cod. postale14033
Prefisso0141
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT005025
Cod. catastaleC127
TargaAT
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 680 GG[3]
Nome abitanticastellalferesi
Patronosanti Pietro e Paolo
Giorno festivoprima domenica di settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Castell'Alfero
Castell'Alfero
Castell'Alfero – Mappa
Mappa di localizzazione del comune di Castell'Alfero nella provincia di Asti
Sito istituzionale

Castell'Alfero (Castel Alfé in piemontese) è un comune italiano di 2 678 abitanti della provincia di Asti in Piemonte.

Fa parte della Comunità collinare Monferrato Valleversa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini di Castell'Alfero risalgono a tempi più antichi dell'occupazione romana, tuttavia il nome dell'attuale località risale certamente al Medioevo. Il "Castrum Alferii" citato nel Codex Astensis, un vero e proprio castello, passò sotto il dominio di Asti fra il 1159 ed il 1189 tale rimase per secoli, pur con alterne vicende, tra le quali spiccano le guerre di successione per il Monferrato, che nel 1616 portarono al saccheggio e alla distruzione di Castell'Alfero ad opera dei dii soldati del duca di Mantova, in guerra contro i Savoia che cercavano di espandere a est i loro domini.

Il paese subì nuovi saccheggi nel 1705 quando, durante la Guerra di successione spagnola, fu occupato da un reggimento di cavalleria francese.[4]

In seguito al Trattato di Utrecht l'intera regione tornò in pace e attorno al 1730, durante la signoria dei conti Amico, feudatari dei Savoia, il castello fu profondamente modificato e adattato a dimora signorile su progetto dell’architetto regio Benedetto Alfieri, mentre la sontuosa decorazione pittorica si deve a Gerolamo Mengozzi, già collaboratore del Tiepolo.

Estintasi la famiglia Amico nel 1832, la proprietà dell'edificio passò ad Arborio Mella, poi agli Ottolenghi di Asti e infine al Comune, che nel 1905 lo acquistò per 64.000 Lire e ne fece la propria sede.

Oggi quell'edificio ospita, oltre all'Amministrazione comunale, il Museo 'L Ciar, una raccolta di testimonianze del passato comprendente oggetti, attrezzi e giocattoli dell'Ottocento e del Novecento.[5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Abside della Chiesa della Madonna della Neve
  • Chiesa della Madonna della Neve
  • Museo etnografico 'L Ciar situato all'interno del Castello[6]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Secondo i dati ISTAT al 31 dicembre 2017 la popolazione straniera residente era di 146 persone. Le nazionalità maggiormente rappresentate in base alla loro percentuale sul totale della popolazione residente erano:

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianduja al sò pais (gennaio-febbraio), avvio del carnevale Piemontese con Gianduja e Giacometta della Famija Turineisa
  • Viviverde, rassegna agricola. Si svolge ogni anno il 25 aprile
  • Sulle orme di Gianduja (inizio luglio), rassegna teatrale in lingua piemontese
  • Bandiere e Fantasia, gara tra gruppi di sbandieratori e musici organizzata nel periodo estivo dal locale Comitato Palio
  • Festa Patronale (week end della prima domenica di settembre)
  • Castelli Aperti, visite guidate al castello dei Conti Amico ed al Museo 'l Ciär (da maggio ad ottobre ogni 15 gg)
  • Sagra del Fritto Misto, a Callianetto (giugno)
  • Musica nelle Pievi, nella chiesa romanica Madonna della neve (prima domenica di agosto)
  • Bondì Tomà, Serata per ricordare Carlo Artuffo, grande fantasista, attore del teatro piemontese nato ad Asti nel 1885 e morto a Trofarello nel 1958.
  • Strenne a Castello, mercatini natalizi.

Castell'Alfero al Palio di Asti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Partecipazioni di Castell'Alfero al Palio di Asti e Vincitori del Palio sbandieratori di Asti.

Castell'Alfero partecipa al Palio di Asti dal 1989. È una festa che affonda le radici nel medioevo per celebrare il santo patrono astigiano San Secondo e culmina con una corsa con cavalli montati a pelo (cioè senza sella), che si svolge ogni terza domenica di settembre nella centrale piazza Alfieri di Asti. Castell'Alfero ha vinto la corsa nel 1997 e nel 1998.

Nel 1997 gli sbandieratori di Castell'Alfero si sono aggiudicati il Palio degli Sbandieratori di Asti (il cosiddetto "Paliotto") stabilendo un doppio record: per la prima volta un Comune ha vinto il Paliotto e, nello stesso anno, anche il Palio.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
12 giugno 1985 18 giugno 1990 Elio Calosso Democrazia Cristiana Sindaco [8]
18 giugno 1990 24 aprile 1995 Luciano Avidano lista civica Sindaco [8]
24 aprile 1995 14 giugno 1999 Luciano Avidano lista civica Sindaco [8]
14 giugno 1999 14 giugno 2004 Angelo Marengo lista civica Sindaco [8]
14 giugno 2004 8 giugno 2009 Angelo Marengo lista civica Sindaco [8]
8 giugno 2009 26 maggio 2014 Fernando Tognin lista civica Sindaco [8]
26 maggio 2014 27 maggio 2019 Angelo Marengo lista civica In cammino Sindaco [8]
27 maggio 2019 in carica Elisa Amerio lista civica In cammino Sindaco [8]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 31 dicembre 2019.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ Storia, da castellalfero.at.it
  5. ^ Castell'Alfero daAstiTurismo
  6. ^ Visite guidate al Castello di Castell'Alfero 2020, su www.comune.castellalfero.at.it. URL consultato il 3 settembre 2020.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  8. ^ a b c d e f g h http://amministratori.interno.it/

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rioni, Borghi, Comuni del Palio di Asti
Cattedrale · San Martino San Rocco · San Paolo · San Secondo · San Silvestro · Santa Caterina

Don Bosco · San Lazzaro · San Marzanotto · Santa Maria Nuova · San Pietro · Tanaro Trincere Torrazzo · Torretta · Viatosto
Baldichieri · Canelli · Castell'Alfero · Moncalvo · Montechiaro · Nizza · San Damiano