Repubblica Subalpina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Repubblica Subalpina
Repubblica Subalpina – Bandiera
Motto: Liberté, Égalité
Dati amministrativi
Nome ufficiale Amministrazione Generale del Piemonte
Lingue ufficiali francese
Lingue parlate piemontese
Capitale Torino
Dipendente da Flag of France.svg Francia
Politica
Forma di governo Occupazione militare
Nascita 1800 con Pierre Dupont
Causa Battaglia di Marengo
Fine 11 settembre 1802 con Jean-Baptiste Jourdan
Causa Decimo anniversario della République
Territorio e popolazione
Bacino geografico Piemonte
Economia
Valuta franco francese
Religione e società
Religioni preminenti cattolicesimo
Religioni minoritarie valdismo
Evoluzione storica
Preceduto da Kingdom of Savoy.svg Regno di Sardegna
Succeduto da Flag of France.svg Repubblica Francese

1leftarrow blue.svgVoce principale: Storia del Piemonte.

Il termine di repubblica subalpina viene usato nelle opere storiografiche per indicare il periodo della storia del Piemonte d'inizio Ottocento immediatamente precedente all'annessione alla Francia ad opera di Napoleone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Approfittando dell'assenza di Napoleone impegnato in Egitto, nel 1799 l'esercito imperiale austriaco era passato all'offensiva in Italia, vanificando in pratica tutte le conquiste francesi degli anni precedenti. Tornato in patria ed ottenuto il consolato, e viste le inadeguatezze dei suoi sostituti, il generale corso decise di riprendere personalmente in mano la situazione nel teatro bellico che ne aveva lanciato la fama. Già nel giugno del 1800 Napoleone aveva scompaginato le armate tedesche, ripristinando in buona parte il precedente assetto territoriale basato sulle repubbliche sorelle.

Il 16 giugno 1800 venne ripristinato il Governo Provvisorio Piemontese, stavolta in una versione ancor più sottoposta alla Francia, di cui costituiva un territorio sotto occupazione militare e privo di soggettività di diritto internazionale. Già nel marzo del 1801 l'esercito piemontese venne incorporato in quello francese e qualche mese dopo anche la gestione amministrativa di tutta la regione passò in mani francesi. L'italiano fu sostituito dal francese negli atti ufficiali, e il franco venne introdotto come valuta ufficiale.

Il 26 aprile 1801 il vecchio governo venne sostituito da un'Amministrazione Generale del Piemonte con l'esplicita missione di completare la francesizzazione della regione. Venne introdotta la legge comunale transalpina che prevedeva sindaci nominati da Napoleone nelle città e dai prefetti nei piccoli paesi, furono definitivamente istituiti i nuovi enti provinciali aggiungendovi il Dipartimento di Marengo, scindendo Alessandria da Asti, e il Dipartimento della Dora con Ivrea e Aosta, portando a sei il numero delle prefetture, mentre si iniziò la riforma transalpina della legislazione.

Come ultimo atto, l'11 settembre del 1802, con un voto del Senato francese il Piemonte venne cancellato dalla carta politica d'Europa e annesso alla Francia.

La Repubblica Subalpina viene ricordata soprattutto dai numismatici in quanto per essa la Francia coniò (per la prima volta in Italia) monete secondo il sistema metrico decimale, replicanti il franco francese: il marengo ed una moneta da 5 franchi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]