Repubblica Bergamasca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Repubblica Bergamasca
Repubblica Bergamasca – Bandiera Repubblica Bergamasca - Stemma
Motto: Libertà, uguaglianza
Dati amministrativi
Lingue ufficiali italiano, francese
Lingue parlate bergamasco
Capitale Bergamo
Dipendente da Flag of France.svg Repubblica Francese
Politica
Forma di Stato Occupazione militare
Forma di governo Municipalità rivoluzionaria
Organi deliberativi Municipalità di Bergamo
Nascita 13 marzo 1797
Causa Rivoluzione dei giacobini bergamaschi
Fine 29 giugno 1797
Causa Armistizio di Leoben
Territorio e popolazione
Bacino geografico Provincia di Bergamo
Popolazione 220.000 ab. circa nel
Religione e società
Religioni preminenti cattolicesimo
Evoluzione storica
Preceduto da Flag of Veneto.svg Repubblica di Venezia
Succeduto da Flag of Italy.svg Repubblica Cisalpina

1leftarrow blue.svgVoce principale: Storia di Bergamo.

Questa voce è parte della serie
Bergamo-Stemma.png
Storia di Bergamo
  • Orobi
  • Bergamo nell'Impero Romano:
Categoria: Storia di Bergamo

La Repubblica Bergamasca (13 marzo - 29 luglio 1797) fu una municipalità giacobina di epoca napoleonica. Aveva come territorio gran parte dell'attuale Provincia di Bergamo, ossia quella che aveva costituito il Territorio di Bergamo.

Nacque a seguito dell'occupazione militare francese della città di Bergamo, allora appartenente alla Repubblica Veneta, e confluì infine nella Repubblica Cisalpina.

Instaurazione della repubblica rivoluzionaria[modifica | modifica wikitesto]

Le truppe francesi del generale Bareguey fecero ingresso a Bergamo il giorno di Natale del 1796, senza combattimenti. In accordo con il podestà veneto, il Conte Ottolini, e il Provveditore Straordinario di Terraferma, Francesco Battaglia,si concordò anche il ritiro delle truppe veneziane dalla città.

Il 13 marzo 1797 veniva così proclamata la Repubblica Bergamasca. Il capitano Ottolini, minacciato di arresto, partiva per Brescia, mentre veniva eletta la nuova municipalità, formata da 24 persone, che istituiva anche la formazione militare della Legione Bergamasca.

Due giorni dopo la Repubblica votava l'annessione alla Repubblica Cispadana, e venivano rimossi i simboli veneti dalle porte delle Mura. L'Albero della libertà veniva eretto in Piazza Vecchia, oltre che nelle contrade.

La Costituzione del 24 marzo[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 marzo venne approvata la Costituzione della Repubblica Bergamasca[1].

La nuova amministrazione prevedeva la divisione del territorio in cantoni sovracomunali. In ogni località che avesse voluto costituirsi in comune, i cittadini si sarebbero dovuti riunire in chiesa, sotto l'autorità del parroco, e nominare un deputato. Questi, assieme agli altri deputati dei comuni del cantone, avrebbero nominato tre deputati permanenti, membri della municipalità del cantone. I tre deputati permanenti, riuniti nella chiesa del capoluogo del cantone, avrebbero scelto il deputato rappresentante del cantone. Una volta convocato a Bergamo, questi avrebbe dovuto comunicare l'accettazione dei nuovi organi amministrativi, portando le liste dei rappresentanti dei comuni[1].

La Municipalità di Bergamo sarebbe stata formata da 24 membri[1].

Il 17 aprile 1797 si tenero i comizi generali: gli uomini dotati di potere di voto si riunirono in ogni chiesa per eleggere i propri rappresentanti[2]. Fu il primo voto a suffragio universale maschile della storia bergamasca, concesso a tutti gli uomini sopra i 21 anni.[3]

Suddivisione del territorio[modifica | modifica wikitesto]

La Repubblica venne suddivisa in 14 cantoni, questi a loro volta furono suddivisi in comuni[4]:

La suddivisione sopravvisse all'inglobamento nella Repubblica Cisalpina, fino al marzo 1798.[1].

La contro-rivoluzione nelle valli[modifica | modifica wikitesto]

Nelle valli, e specialmente in Valle Imagna, prendeva però forma una sorta di contro-rivoluzione. Secondo alcuni autori e studiosi filo-veneziani, le ragioni della ribellione sono da ricercare nella fedeltà dei valligiani alla Repubblica di Venezia.[8] In realtà sarebbe più plausibile, come comunemente accettato da molti storici e come emerge dalle stesse amichevoli lettere dei valligiani dirette ai francesi di stanza in città, che gli abitanti delle valli si siano ribellati per proteggere i loro secolari privilegi economici e fiscali. Non a caso le esenzioni furono eliminate dalla Repubblica Bergamasca con un decreto del 9 aprile.[9] La rivolta veniva tuttavia sedata dal generale Landrieux nel giro di un mese.

In questo ambito iniziò anche a circolare la leggenda delle gesta di Pacì Paciana, il brigante.

Fine dell'esperienza autonoma[modifica | modifica wikitesto]

In vista della formazione del governo della Repubblica Cisalpina, le truppe della Guardia nazionale bergamasca parteciparono alla grandiosa parata militare organizzata a Milano in occasione della Costituzione della Repubblica l'8 luglio 1797. Il successivo giorno 29 il Dipartimento del Serio, il nome che avrebbe preso la provincia, fu inclusa nella frontiera doganale dello Stato con proclama del ministro delle finanze. Già unita quindi a titolo provvisorio, la Repubblica Bergamasca entrò infine a far parte della Repubblica Cisalpina con la ratifica del trattato di Campoformio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Lombardia Beni Culturali - Repubblica Bergamasca
  2. ^ Lombardia Beni Culturali - Comune di Branzi
  3. ^ G.B Locatelli Zuccala, Memorie Storiche di Bergamo, in Bergomum, 1936-1937.
  4. ^ legge 17 aprile 1797
  5. ^ Cantone di Almenno, 1797 - 1798 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  6. ^ Cantone di Martinengo, 1797 - 1798 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  7. ^ Cantone di Verdello, 1797 - 1798 – Istituzioni storiche – Lombardia Beni Culturali
  8. ^ Le Insorgenze Antigiacobine Bergamasche (29 - 30 marzo 1797) - di F. Bonaiti, Tratto da "Quaderni Padani" Anno VI, N. 29 - Maggio-Giugno 2000
  9. ^ Bortolo Belotti, Storia di Bergamo e dei Bergamaschi, Bergamo, 1989, pp. 232-238.
Bergamo Portale Bergamo: accedi alle voci di Wikipedia su Bergamo e sul suo territorio