Repubblica Astese (1797)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Storia di Asti.

Repubblica Astese
Coccarda repubblica astese.jpg Bandiera repubblica di Asti.png
Motto: «Libertà, uguaglianza o morte»
Informazioni generali
Capoluogo Asti
Popolazione 107.400 circa (1800)
Dipendente da Flag of France.svg Repubblica Francese
Evoluzione storica
Inizio 28 luglio 1797 con Secondo Arò
Causa rivoluzione giacobina
Fine 30 luglio 1797 con Secondo Arò
Causa reazione sabauda
Preceduto da Succeduto da
Kingdom of Savoy.svg Comune di Asti Kingdom of Savoy.svg Comune di Asti
Cartografia
Asti Theatrum.jpg

«Per cagion poi del sacro triduo il simulacro di S.Secondo
che figurava al sommo dell'altar maggiore della sua chiesa fu ornato
d'una bandiera in seta con entrovi le parole:
REPUBBLICA ASTESE
SOTTO LA PROTEZIONE DI S. SECONDO
Del pari ad una altra piccola statua del medesimo santo che si teneva
nel palazzo municipale fu apposta l'iscrizione:
LIBERTA' EGUAGLIANZA O MORTE
REPUBBLICA ASTESE
ANNO I»

(Grandi C.L., Repubblica di Asti nel 1797. Relazione dei fatti. Asti 1851)

La Repubblica Astese del 1797 fu una municipalità giacobina frutto degli eventi politici che portarono, tra il giugno e il luglio di quello stesso anno, alla proclamazione di un autogoverno popolare nella città di Asti in seguito ai fermenti rivoluzionari che attraversarono il Piemonte a causa della rivoluzione francese, della discesa di Napoleone in Italia ed all'armistizio di Cherasco del 27 - 28 aprile 1796.

Nella notte tra il 27 e il 28 luglio, un gruppo di cittadini, capeggiati dagli avvocati Secondo Arò, Gioachino Testa, Felice Berruti e il medico Secondo Berruti, contrari al governo sabaudo, proclamarono la Repubblica Astese.

A distanza di alcuni secoli, quell'effimera repubblica (durata solamente tre giorni) è considerata da più parti uno dei primi movimenti di presa di coscienza nazionale e di liberazione, che ebbero la loro conclusione il 20 settembre 1870 con la proclamazione dell'unità d'Italia.[1]

La situazione politica[modifica | modifica wikitesto]

La guerra contro la Francia rivoluzionaria, scoppiata nel 1792, si concluse il 15 aprile 1796, durante la Campagna d'Italia, con la vittoria di Napoleone sui Piemontesi a Millesimo, che li costrinse a ripiegare su Mondovì e Ceva.

Il 23 aprile i francesi entravano in Cherasco costringendo il generale Luigi Leonardo Colli di Felizzano all'armistizio.

L'armistizio di Cherasco, confermato in seguito dalla pace di Parigi del 15 maggio, portò Vittorio Amedeo III in una posizione di "grande dipendenza" verso il governo francese.[2]

Luigi Colli Ricci, conte di Solbrito e marchese di Felizzano

Napoleone impose al Piemonte la cessione definitiva alla Francia della Savoia, di Nizza, Breglio e Tenda, il libero passaggio delle truppe francesi attraverso il territorio sabaudo, l'obbligo di rifiutare l'attracco nei propri porti a navi nemiche della Repubblica francese e l'asilo agli emigrati monarchici francesi con l'espulsione di quelli già presenti sul territorio sabaudo.

Alcune fortezze di frontiera, tra cui quella famosa della Brunetta a Susa considerata un gioiello di architettura militare, vennero abbattute.[3]

Inoltre, il duca cedette temporaneamente le fortezze di Cuneo, Ceva, Alessandria e Tortona.

Unico punto a favore del regno di Sardegna fu la riacquisizione della città di Alba, costituitasi nel frattempo in autonoma repubblica rivoluzionaria.

La situazione finanziaria dello stato sabaudo era disastrosa: le spese per la guerra nel 1796 raggiunsero i trecento milioni ed il re era ricorso ad ogni mezzo, compreso quello di requisire le proprietà ecclesiastiche, per far fronte all'urto bellico dei transalpini[4].

Nelle campagne dell'Astigiano, come in tutto il Piemonte, i contadini erano ridotti allo strenuo, l'attività dei mulini sul Tanaro ferma, il commercio in città bloccato.

Alla generale insicurezza politica ed economica si aggiunsero le opposizioni dei giacobini piemontesi che da più parti reclamavano l'istituzione della Repubblica.[5]

Il 16 ottobre 1796, Amedeo III morì presso il castello di Moncalieri colpito da apoplessia; a succedergli fu il figlio Carlo Emanuele IV, da molti considerato troppo debole per il difficile momento politico del Piemonte.[3]

I moti del piemonte meridionale[modifica | modifica wikitesto]

Cartina del Piemonte nel 1796

In seguito ai fatti bellici, il Piemonte piombò in una profonda crisi economica: il persistere di dazi e gabelle ancora di origine feudale, uniti ad una vertiginosa impennata dei prezzi del frumento e della meliga[6] a causa di alcuni anni di cattivo raccolto, fecero sì che nel luglio del 1797 si verificarono in più zone del Piemonte meridionale moti insurrezionali.

A parte le sollevazioni avvenute ad Asti ed Alba, tutte le insurrezioni verificatesi erano votate più all'insoddisfazione della situazione economica che al sovvertimento dell'ordine politico vigente.[7]

La prima località ad insorgere in tutto il Piemonte fu Fossano il 16 luglio 1796. Le principali rimostranze dei rivoluzionari che tra il 16 e 18 luglio si impossessarono del corpo di guardia facendo prigioniero il comandante militare, furono rivolte al ribasso del prezzo del grano che venne portato a 4,10 lire l'emina.

Appena saputo il nuovo prezzo del grano ottenuto dalla popolazione di Fossano, nella notte tra il 19 e 20 luglio insorse Racconigi e a ruota Savigliano, Genola, Levaldigi, Busca, Centallo, Cuneo e Bene Vagienna.

In alcune località gli insorti furono aiutati da bande di briganti, come per esempio a Piasco, dove il bandito Giovanni Battista Brugiafreddo si trasformò in capo-popolo, o a Polonghera dove il comando venne preso da Francesco Rivarossa.

A Racconigi famoso fu il brigante Tesio detto l'Abate che durante i tumulti ne approfittò unendosi ai contadini e assaltò i casali dei ricchi latifondisti derubandoli di oro, argento e denaro.[8]

Intorno al 21 e 24 luglio la situazione a Racconigi, e di conseguenza nelle altre località, cominciò a normalizzarsi con l'arrivo degli emissari regi Brea di Rivera ed il barone Nizzati, che moderatamente acconsentirono ad alcune richieste dei rivoltosi tra cui il mantenimento dell'attuale prezzo del grano, fino a che le città ne fossero nuovamente provviste.

Inoltre il re si impegnò ad elargire la somma di 15.000 lire a sostegno delle "pubbliche indigenze".

Le tappe dell'insurrezione
Data Descrizione
14 giugno/24 giugno Scontri tra le corporazioni dei mercanti e degli artigiani per il privilegio di portare il baldacchino durante la processione del Corpus Domini
2 luglio sospensione della processione del SS.Sacramento per il perdurare delle tensioni
21 luglio pressioni del popolo ad eleggere alla carica di canonico di San Secondo l'astigiano Vincenzo Pasetti. Nel pomeriggio agitazioni e canti rivoluzionari
22 luglio proteste dei moltissimi contadini giunti al mercato del sabato per l'adeguamento del prezzo del grano. Assicurazione del Prefetto che promette l'abbassamento a 4,10 lire l'emina. Alcuni insorti occupano il Castelvecchio. Il Sindaco amplia il consiglio comunale a 40 unità per far fronte alle agitazioni degli insorti.
24 luglio cambio nel consiglio comunale di alcuni uomini dell'amministrazione. Fanno il loro ingresso a furor di popolo: Arò, G.Testa, Peracchio, Aimasso, Berruti, ed il moderato conte Gabuti di Bestagno.
25 luglio il consiglio della città si autodefinisce "Governo provvisorio"
28 luglio viene proclamata la "Repubblica astese" con il motto Libertà, Uguaglianza o Morte
30 luglio l'ala più moderata del consiglio cittadino si ricrede e decide di inviare una supplica al re chiedendo perdono. Con l'aiuto di buona parte della popolazione insorge contro i rivoluzionari che si trincerano nel Castelvecchio abbandonato poi nella notte
2 agosto fucilazione di Arò e F. Berruti
3 agosto fucilazione di Testa e G.S. Berruti

Proprio mentre sembrava che il malcontento popolare fosse reincanalato nei binari della normalità, il 23 luglio scoppiarono i primi tumulti a Cavallermaggiore, Mondovì, Magliano Alpi e Dronero.

I tumulti si svilupparono a macchia d'olio verso nord ai confini con l'astigiano coinvolgendo Montà d'Alba, poi San Damiano d'Asti, Canale, Tonco, Oviglio e Moncalvo il cui epicentro, Asti, insorse il 23 - 24 luglio.

Oviglio fu una delle località più tenaci all'opposizione, tornando all'ordine soltanto il 5 agosto.

Il 27 - 28 luglio, mentre Fossano ormai chinava il capo al re di Sardegna con l'intercessione del Morozzo viste anche le dure repressioni a Racconigi e ad alcune località limitrofe, scoppiò una seconda ondata di tumulti nel Cuneese.

Questa volta però vennero coinvolte Revello e le comunità montane di Sanfront, Gambasca, Rifreddo.

La situazione divenne estremamente delicata perché Saluzzo rischiava di essere coinvolta nei disordini e quindi dare la miccia a tutte le piccole località della val Maira e val Varaita.

La repressione fu molto dura e durò per diversi mesi. L'arrivo di truppe da Cuneo comandate dal De Varax e l'arresto dei capi degli insorti (Stefano Roccavilla, Giuseppe Nicolino, Vittorio Lardone) mise un freno ai tumulti anche se la situazione non migliorò ed anzi si trascinò negli anni a venire.[9]

Il Casalese e l'Alessandrino furono coinvolte solo marginalmente con i tumulti a Fubine del 31 luglio, Casorzo, Montiglio Monferrato e Valenza.

La repubblica astese[modifica | modifica wikitesto]

I primi tumulti[modifica | modifica wikitesto]

«In tre giorni al fin crollò
Quel potere che si fondò
Sopra tante iniquità
Balliam la Carmagnola
Viva la Libertà»

(canto rivoluzionario detto "La Carmagnola")

Le prime tensioni ad Asti si verificarono all'inizio di luglio, per la processione del SS. Sacramento che fu oggetto di dispute tra i confratelli della compagnia di San Secondo i quali volevano sostituire i mercanti, che tradizionalmente sorreggevano il baldacchino del corpo di San Secondo, con gli artisti.

Il 21 luglio a furor di popolo venne eletto canonico della Collegiata don Vincenzo Pasetti, che da alcuni anni lavorava instancabilmente al servizio della parrocchia e dei poveri della città.

Nel pomeriggio da più parti si sentivano i canti rivoluzionari della "carmagnola" e del "ça ira".

Il 22 luglio 1797, presso il "mercato del santo" del sabato, in piazza San Secondo, si radunò una straordinaria quantità di grano legata alla difficoltà di poterlo collocare nelle località in cui erano scoppiati i primi tumulti e dove il prezzo era stato forzosamente ridotto.

Alle 11.00 di quello stesso giorno, il Prefetto fu costretto ad adeguare il prezzo delle granaglie a quello degli altri centri in seguito alle proteste del popolo. Intorno alle 12.00 alcuni agitatori forzarono le porte della Torre Troyana e del campanile di San Secondo e suonarono le campane a "martello". Accorsero sulla piazza cinquanta granatieri comandati dal conte Michele De Rossi di Santarosa e Pomarolo; scoppiarono dei tumulti con i popolani dove rimase ucciso Antonio Botta. Questa fu la scintilla che fece scoppiare la rivolta.[10]

La folla inferocita occupò il Municipio ed il Castelvecchio comandato dal maggiore Ardizzone. Il comandante Signoris, piegandosi alle richieste degli insorti, fece ritirare i suoi soldati nel Quartiere Nuovo (o delle caserme) e consegnò le armi all'avvocato Peracchio acclamato Capitano del Popolo.

Nascita della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

Il sindaco di Asti, Giovanni Ruggero Piumazzo, il 22 luglio dispose un'assemblea straordinaria dove deliberò che per fronteggiare l'emergenza ampliava il consiglio comunale a 40 elementi.

Il 23 luglio venne organizzata una truppa di cavalleria popolare capeggiata da un certo Giordano di Castell'Alfero "già chierico e indi dragone"[11] La sede della cavalleria fu l'albergo del Leon d'Oro sull'attuale via Cavour, di proprietà di Peracchio.[12]

Il 24 luglio venne eletta una nuova amministrazione. Presieduta dal moderato conte Gabuti di Bistagno, comprendeva: Secondo Arò (avvocato), Gioachino Testa (avvocato), Michele Peracchio (avvocato), Felice Berruti (avvocato), Giacinto Paglieri (causidico), Giuseppe Maria Poncini (causidico), Giacomo Gardini(causidico), Francesco Morando (causidico), Filippo Massa (causidico), Ludovico Riccardi (panettiere), Giovan Battista Testa (oste), Vincenzo Aimasso (macellaio).[13]

Via Cavour a fine XIX secolo; sulla destra in primo piano l'Albergo del Leon d'Oro, sede della cavalleria astese.
Il primo editto della Repubblica Astese

Il 25 luglio venne proclamato il governo provvisorio costituito da tre Comitati: Forza armata, Sussistenza e Polizia.

Il 27 luglio, l'ala più moderata del Consiglio capeggiata da Bertarone, Gardini e Poncini, alla proposta di Gian Secondo Berruti di costituire una repubblica Democratica, si oppose, dicendo che la costituzione del governo provvisorio avrebbe dovuto sopperire solamente alle emergenze di carattere annonario, che i membri dell'assemblea non rappresentavano l'intera popolazione astigiana e quindi il passaggio al regime repubblicano sarebbe dovuto avvenire con il consenso popolare tramite elezioni segrete di tutti i capi famiglia della città.

A queste parole l'ala radicale insorse minacciando i moderati. Queste fece sì che Bertarone ed i suoi abbandonassero l'aula. Il capo popolo Aimasso, rimasto in consiglio con l'ala più rivoluzionaria, proclamò la Repubblica Astese ...un'ora dopo la mezzanotte. La coccarda bianca e rossa e il motto "LIBERTA' EGUAGLIANZA O MORTE" furono i distintivi della Repubblica.[14]

Nelle ore seguenti avvenne anche la visita del vescovo che celebrò un Te Deum nella Collegiata.

I neorepubblicani inviarono lettere di "fratellanza" alle città di Alessandria, Tortona, Casale ed Acqui invitandole alla sollevazione, ma senza risposta. Anche le missive inviate alle località in quel periodo in tumulto come Moncalvo, Tonco, Calliano, San Damiano, Tigliole non furono accolte di buon grado: l'amministrazione di Canelli bruciò la circolare astigiana ed a Canale d'Alba venne arrestato l'emissario Giovanni Ratto.[15]

Anche le richieste di aiuto verso Napoleone furono disattese, il Bonaparte fece sapere al marchese di San Marzano che

«...Egli non intendeva tradire l'amicizia con re Vittorio, né inceppare l'esercizio della lui autorità, né inviare in Piemonte quella Legione Lombarda, che avrebbe potuto recar molestie...»

Già il giorno dopo l'ala moderata del Congresso sollevò le proprie rimostranze, lasciando trasparire un malcontento ed uno scontento generale.

Anche il Testa si accorse di questo " malessere " in città e lo fece presente all'Arò che veniva indicato da più parti come il fautore di questa situazione. Egli parlò al consiglio dichiarando che se era considerato la causa di tutti i mali della Repubblica, non avrebbe avuto nessuna remora a costituirsi prigioniero nel Castelvecchio. A quel punto tutti gli astanti, compreso il Bertarone (suo acerrimo avversario) rifiutarono la decisione dell'Arò ed anzi, al termine della giornata lo proclamarono Presidente della Repubblica.[16]

[modifica | modifica wikitesto]

Sentenza di Condanna a morte di Secondo Arò e Felice Berruti

«...Questi due (Arò e Berruti) erano
dei più caldi antesignani della causa armata:
furono esposti fino quasi a sera sulla piazza d'armi
quindi sepolti more pauperum nel cimitero del Santo,
lo che si praticò cogli altri ancora»

(Stefano Giuseppe Incisa, dal Giornale di Asti, 1797)

Il marchese Mazzetti di Frinco, visto il precipitare degli eventi e temendo per la propria incolumità, organizzò un gruppo di nobili e controrivoluzionari, aiutati anche da molti contadini della provincia fedeli al re, che mossero alla volta della città.

I repubblicani, presi dalla paura e dallo sconforto si diedero alcuni alla fuga e gli altri furono catturati e arrestati.

L'Arò, praticamente abbandonato da tutti, attese alla scrivania del palazzo municipale l'arrivo dei controrivoluzionari.

Il 30 luglio il potere regio era definitivamente restaurato e la nuova Giunta provinciale si riunì subito per i provvedimenti penali.

Secondo Arò e Felice Berruti furono giustiziati il 2 agosto sulla piazza d'armi ed i loro corpi rimasero esposti per tutto il giorno a monito per la popolazione. Il 3 agosto fu la volta di Gioachino Testa e di Giovanni Secondo Berruti.

Tra il 1º agosto e il 12 ottobre, con sommari processi, la Giunta Provinciale pronunciò diciassette condanne a morte mediante fucilazione.

Dalle carte compilate dal Governo provvisorio della città di Asti del dicembre 1798 - giugno 1799, emerse, nella relazione per il Consiglio supremo di Stato, che nella provincia di Asti, su una popolazione di 110.623 abitanti, gli accusati di giacobinismo furono 267, di cui 37 erano uomini di legge.[17]

Così come il governo francese si era disinteressato un anno prima della Repubblica di Alba, lasciò che l'epopea astigiana naufragasse. In quel periodo Napoleone non aveva nessun interesse a destituire il governo sabaudo, che ridotto allo strenuo non poteva creare problemi.

Al contrario, una forte componente giacobina nel Piemonte meridionale, avrebbe creato non pochi "grattacapi" ai francesi che avrebbero dovuto controllarla direttamente, inoltre avanzava sempre più palesemente l'ostilità del governo di Parigi verso i giacobini italiani sempre più votati verso un governo indipendente.

La controrivoluzione guidata dai contadini fedeli alla chiesa ed al re si scatenò anche a causa delle razzie che l'armata francese compì nelle campagne piemontesi. La popolazione identificò in questi nuovi governi il nemico transalpino che con il pretesto della libertà, aveva portato solo morte e distruzione.[18]

Gli astigiani condannati a morte
Giorno Condannato
2 agosto Secondo Arò, Felice Berruti
3 agosto Gioachino Testa, Giovanni Secondo Berruti
5 agosto Giovanni Ratto, Giovanni Manzo
9 agosto Giovanni Battista Testa, Giuseppe Maria Trinchero, Francesco Chiomba
12 agosto Celotto Giovanni Battista detto il "Turco", Domenico Rivella, Gaspare Raspi
17 agosto Luigi Cavione,
23 agosto Giuseppe Merlone, Pietro Giacomo Valle
12 ottobre Giuseppe Alessio Dacanale, Giuseppe Valentino

Governatori di Asti e comandanti del Castelvecchio tra il 1792 e il 1798[modifica | modifica wikitesto]

Nel XVIII secolo, i governatori della città di Asti non furono quasi mai stanziali dato che erano esentati dall'obbligo di residenza.[19]

A sostituirli furono quasi sempre i loro immediati subordinati trasferiti con una certa frequenza nelle varie piazzeforti.

Editto di Carlo Castellamonte Comandante di Asti del 1796 che, in seguito agli accordi di Parigi ordina a tutti i fuoriusciti borbonici francesi che alloggiavano in città di lasciare i dominii sabaudi
Anno Governatore Comandante in seconda Comandante del Castelvecchio
1792 Carlo Thaon di Sant'Andrea Antonio Lanzavecchia di Burio
1793
1794
Carlo Antonio di Castellamonte
1795
1796
Ignazio Nomis di Pollone
1797 Francesco Signoris di Buronzo
1797 Ignazio Thaon di Revel
1798 De Fontanien Angelo Niccolò Oreglia
1798 Cesare Ceva di Lesegno

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barbero G., prefazione de La Repubblica Astigiana del 1797 di Carlo L. Grandi, Quaderni de Il Cittadino, Asti 1970, pag 1
  2. ^ Griseri G., Lo stato Sabaudo dall'armistizio di Cherasco al 1798. Tratto da AA.VV., Quando San Secondo diventò giacobino. Asti e la Repubblica del luglio 1797. A cura di Ricuperati G. Ed. dell'Orso, Torino 1999.
  3. ^ a b Ruggiero M., Briganti del Piemonte Napoleonico, Torino 1969, pag 18.
  4. ^ Bianchi N., Storia della Monarchia Piemontese dal 1773 al 1861, Torino 1889, vol II, pag 473
  5. ^ Ruggiero M., Briganti del Piemonte Napoleonico, Torino 1969, pag 17 - 18.
  6. ^ Il frumento passò dalle 3,13 lire l'emina (circa 23 litri) del 1792 alle 13,15 lire e la meliga, cibo base dei contadini, passò dalle 2,9 lire alle 11,27.
  7. ^ Raviola B.A., Le rivolte sincrone nel luglio 1797 nel Piemonte meridionale. Tratto da AA.VV., Quando San Secondo diventò giacobino. Asti e la Repubblica del luglio 1797. A cura di Ricuperati G. Ed. dell'Orso, Torino 1999.
  8. ^ Ruggiero M., Briganti del Piemonte Napoleonico, Torino 1969, pag 46.
  9. ^ Raviola B.A., Le rivolte sincrone nel luglio 1797 nel Piemonte meridionale. Tratto da AA.VV., Quando San Secondo diventò giacobino. Asti e la Repubblica del luglio 1797. A cura di Ricuperati G. Ed. dell'Orso, Torino 1999, pag 281.
  10. ^ Bianco A., Asti ai tempi della rivoluzione. Ed CRA, Asti 1960, pag 123
  11. ^ Incisa S.G., Giornale di Asti, volume XXII
  12. ^ Crosa G., Asti nel sette-ottocento, Gribaudo Editore. 1993 Cavallermaggiore, pag 147.
  13. ^ Il più acurato Intendente. Giuseppe Amedeo Corte di Bonvicino (1760-1826) e la Relazione dello stato economico politico dell’Asteggiana del 1786, Torino, Zamorani, 2004.
  14. ^ I colori bianco e rossi mutuati dal Rione San Secondo significarono proprio una netta distinzione della Repubblica Astese dal governo giacobino francese, a confermare una ferma volontà degli astigiani a costituire una repubblica indipendente. (Francesco Benci)Utopia e coraggio di una minoranza: gli avvocati giacobini. AA.VV., Quando San Secondo diventò giacobino. Asti e la Repubblica del luglio 1797. A cura di Ricuperati G. Ed. dell'Orso, Torino 1999.
  15. ^ Bianco A., Asti ai tempi della rivoluzione. Ed CRA, Asti 1960, pag 135
  16. ^ Francesco Benzi, Utopia e coraggio di una minoranza: gli avvocati giacobini. AA.VV., Quando San Secondo diventò giacobino. Asti e la Repubblica del luglio 1797. A cura di Ricuperati G. Ed. dell'Orso, Torino 1999.
  17. ^ Francesco Benzi, Utopia e coraggio di una minoranza: gli avvocati giacobini. AA.VV., Quando San Secondo diventò giacobino. Asti e la Repubblica del luglio 1797. A cura di Ricuperati G. Ed. dell'Orso, Torino 1999, pag 221 Giuseppe Ricuperati scrive che alla proclamazione della Repubblica Astese parteciparono per parte della civica amministrazione anche Giovanni Antonio Cucco e Giacomo Fautrier; Pietro Alessio, Giovan Battista Ballatore, Francesco Granetto e Giovanni Calosso
  18. ^ Francesco Benzi, Utopia e coraggio di una minoranza: gli avvocati giacobini. AA.VV., Quando San Secondo diventò giacobino. Asti e la Repubblica del luglio 1797. A cura di Ricuperati G. Ed. dell'Orso, Torino 1999, pag 241
  19. ^ Bianchi P., Una piazzaforte sabauda. Tratto da, AA.VV., Quando San Secondo diventò giacobino. Asti e la Repubblica del luglio 1797. A cura di Ricuperati G. Ed. dell'Orso, Torino 1999.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Fonti primarie[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Giuseppe Incisa, Relazione veridica della rivoluzione, repubblica e controrivoluzione astese seguite l'anno 1797, 22 luglio e terminate il 30 d° mese, allegato al Giornale di Asti (1776 - 1819)
  • Grandi C.L., Repubblica di Asti nel 1797. Relazione dei fatti. Asti 1851
  • Pietro Giovanni Boatterio, Diario astese

Fonti secondarie[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Quando San Secondo diventò giacobino. Asti e la Repubblica del luglio 1797. A cura di Ricuperati G. Ed. dell'Orso, Torino 1999. ISBN 88-7694-412-5
  • Barbero G., prefazione de La Repubblica Astigiana del 1797 di Carlo L. Grandi, Quaderni de Il Cittadino, Asti 1970
  • Bianco A., Asti ai tempi della rivoluzione. Ed CRA, Asti 1960
  • Crosa Giuseppe, Asti nel sette-ottocento, Gribaudo Editore. 1993 Cavallermaggiore
  • Gabiani Nicola, Asti nei principali suoi ricordi storici vol 1, 2,3. Tip. Vinassa 1927-1934
  • Grassi S., Storia della Città di Asti vol I, II. Atesa ed. 1987
  • Ruggiero M., Briganti del Piemonte Napoleonico,Le Bouquiniste 1968
  • Vergano L., Storia di Asti Vol. 1,2,3 Tip. S.Giuseppe Asti, 1953, 1957

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]