Letti sbagliati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Letti sbagliati
Paese di produzione Italia
Anno 1965
Durata 98 min
Dati tecnici B/N
rapporto: 1.85 : 1
Genere commedia
Regia Steno
Soggetto Sandro Continenza
Sceneggiatura Sandro Continenza
Casa di produzione Adelphia Compagnia Cinematografica
Distribuzione (Italia) Panta
Fotografia Tino Santoni
Montaggio Giuliana Attenni
Musiche Carlo Rustichelli
Interpreti e personaggi

Letti sbagliati è un film del 1965 diretto da Steno e diviso in quattro episodi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il complicato[modifica | modifica wikitesto]

Aldo e Birolli si trovano a dividere una cuccetta in vagone letto. Qui cominciano a fantasticare della possibilità di avere delle avventure galanti in treno. Più tardi la discussione prosegue coinvolgendo anche Pietro, un professore di letteratura che vanta numerose esperienze. Proprio in quel momento Birolli viene addocchiato dalla bella vedova Maurizia, che lasciando cadere un fazzoletto fa capire le proprie intenzioni.

Più tardi, durante la notte, Birolli viene invitato da Maurizia nel proprio scompartimento, non prima di aver scommesso con Aldo che la donna non intende sedurlo, incredulo della possibilità di poter avere un'avventura in treno. Giunto nella cuccetta, malfidato e sospettoso non riesce a concludere niente, temendo trattarsi di una trappola del suocero per incastrarlo prima del matrimonio. Tuttavia, al mattino, fingendo di aver trascorso una notte d'amore, paga la scommessa ad Aldo.

Alla fine si scopre che Aldo e Maurizia sono complici e utilizzano questo stratagemma per estorcere danaro ai viaggiatori dei treni notte.

00-Sexy, missione bionda platino[modifica | modifica wikitesto]

L'Ingegner Filippo escogita un macchinoso piano per rimanere bloccato in ascensore da solo con la bella vicina Enza, che vuole così stuprare. Tuttavia tutte le sue macchinazioni finiranno per ritorciglisi contro, dal momento che a rimanere bloccati in ascensore saranno la moglie Fulvia e il garzone. L'Ingegner Filippo si troverà così cornificato senza esser riuscito ad avere l'avventura sperata con la vicina.

Quel porco di Maurizio[modifica | modifica wikitesto]

Durante un viaggio in treno Maurizio, irresistibilmente attratto dalla bella studentessa diciottenne Enrichetta, improvvisamente l'assale e la bacia. Questa, messasi a urlare, lo denuncia facendo scoppiare uno scandalo che porta Maurizio ad essere etichettato come un porco.

Chiesto chiede aiuto all'amico avvocato Giorgio, che recatosi nella villa degli zii di Enrichetta, viene a sua volta sedotto da lei, vi passa la notte avendo un'avventura con la ragazza, che al mattino si dimostra disposta a ritirare la denuncia. Tuttavia l'arrivo della zia complica la faccenda, perché la donna non è disposta a scendere a patti a meno che Giorgio non le versi 500.000 lire da spendere in beneficenza.

La seconda moglie[modifica | modifica wikitesto]

Ciccio è un vedovo risposatosi con Dina, ma rimasto fedele alla memoria della prima moglie Rebecca. Con loro vive il cognato, fratello della prima moglie Franco, che si finge paralitico per vivere sulle spalle della coppia. Dina tuttavia, infelice del matrimonio, sta segretamente lavorando come infermiera a domicilio, facendo iniezioni al vicinato.

Allertato da una lettera anonima, Ciccio furente di gelosia dà la caccia alla moglie convinto di trovarla in fragrante adulterio. Finisce però in commissariato dove si scopre che la lettera era partita dieci anni prima ed era arrivata in clamoroso ritardo. Riguardava perciò la prima moglie, che lo tradiva con il finto fratello Franco.

Colpito da una paralisi per la notizia, Ciccio finisce in carrozzina, venendo accudito dalla moglie Dina e dal finto cognato Franco, che ora intrattiene una relazione anche con Dina.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito nei cinema italiani a partire dall'8 aprile 1965, mentre in Francia e Germania Ovest a partire dal 21 ottobre 1966. Il film è stato distribuito anche con i titoli Oi erotiarides in Grecia e Die richtige Frau im falschen Bett in Germania Ovest. All'uscita il film è stato vietato in Italia ai minori di anni 18 e in Germania Ovest ai minori di anni 16.

Il film è stato pubblicato in home video da CD Videosuono.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Film a episodi. La comicità, condita con bellezze del momento, rimane di basso livello. »
(Film TV[1])

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Letti sbagliati, su Film TV. URL consultato il 15 febbraio 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema