Ciccio perdona... Io no!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ciccio perdona... Io no!
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1968
Durata95 minuti
Rapporto2.35:1
Generecommedia
RegiaMarcello Ciorciolini
SoggettoMarcello Ciorciolini, Amedeo Sollazzo
SceneggiaturaMarcello Ciorciolini, Amedeo Sollazzo
ProduttoreItalo Zingarelli
Produttore esecutivoRoberto Palaggi
Casa di produzioneWest Film
Distribuzione in italianoIndipendenti Regionali
FotografiaAlessandro D'Eva
MontaggioLuciano Anconetani
MusicheRoberto Pregadio
ScenografiaAmedeo Mellone
CostumiMario Vigneti
TruccoFranco Schioppa
Interpreti e personaggi

Ciccio perdona... Io no! è un film italiano del 1968 diretto da Marcello Ciorciolini.

Il film ha come protagonista il duo comico Franco e Ciccio. Il titolo è una parodia del film Dio perdona... io no![1][2], mentre la trama si rifà al film Fra Diavolo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il bandito El Diablo, per nascondere l'oro che ha rubato da una banca, decide di fonderlo e trasformalo in un carro. Dopo averlo mimetizzato, si incammina verso il rifugio più vicino. Durante il tragitto però i due ladri di cavalli Franco e Ciccio gli rubano, con uno stratagemma, il carro e, ignorando l'identità del derubato, ma soprattutto il valore del carro, provano a rivenderlo.

Quando vengono raggiunti da El Diablo questi, molto arrabbiato, tenta di strangolarli. Per loro fortuna arriva anche l'esercito e El Diablo, temendo di essere riconosciuto, rivela ai militari che El Diablo è morto per merito dei due furfanti. Franco e Ciccio diventano allora famosi in tutto il west, mentre El Diablo tenta di rientrare in possesso del suo carro.

Nel frattempo, Baleno e Faccia d'Angelo, due ex-soci di El Diablo, convinti che il bandito abbia depositato l'oro in banca, decidono di rapinarla costringendo Ciccio e Franco a prender parte al "colpo". Presa l'intera cassaforte, però, essi la trovano vuota. Accusati di nascondere il "malloppo", soli contro Baleno, Faccia d'Angelo e El Diablo, Ciccio e Franco rischiano la vita. Ancora una volta, in loro soccorso arrivano i soldati: Baleno e Faccia d'Angelo fuggono, El Diablo si arrende. Mentre l'oro torna al reggimento, Ciccio e Franco riscuotono la taglia posta sul capo del bandito.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Si tratta di una delle numerose parodie del duo comico. La canzone Ciccio perdona... Io no è interpretata dagli stessi Ciccio e Franco con il coro I Cantori Moderni di Alessandroni.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Marco Giusti, Dizionario del western all'italiana, Mondadori, 2007, ISBN 88-04-57277-9.
  2. ^ Roberto Chiti, Roberto Poppi, Enrico Lancia e Mario Pecorari, Dizionario del cinema italiano. I film, Gremese Editore, 1992, ISBN 88-7605-593-2.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema