Mazzabubù... Quante corna stanno quaggiù?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mazzabubù... Quante corna stanno quaggiù?
Mazzabubù... .JPG
Nadia Cassini in una scena
Paese di produzioneItalia
Anno1971
Durata81 min
Generecommedia
RegiaMariano Laurenti
SoggettoSandro Continenza
SceneggiaturaSandro Continenza e Amedeo Sollazzo
ProduttoreGino Mordini per Claudi Cinematografica
Distribuzione (Italia)Euro International Film
FotografiaTino Santoni
MontaggioGiuliano Attenni
MusicheRoberto Pregadio
ScenografiaAntonio Visone
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Mazzabubù... Quante corna stanno quaggiù? è un film a episodi del 1971 diretto dal regista Mariano Laurenti. La struttura del film è in realtà composta da tre episodi principali (Franchi e Ingrassia, Giannini e Montagnani) intervallati da brevi sketch o barzellette.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un tifoso di mezza età calvo, baffuto e con gli occhiali sta assistendo ad una partita di calcio allo stadio. L'uomo si scaglia contro l'arbitro dandogli del cornuto, non accorgendosi che la sua bella moglie sta baciando un altro tifoso; uno spettatore assiste alla scena, facendogli notare la cosa. Questi è consapevole della situazione; infatti risponde che è meglio così, altrimenti se fosse rimasta a casa, con colui che la sta baciando ci sarebbe andato a letto.

Un professore spiega che l'adulterio è inesorabile fin dalla nascita, mostrando un neonato che piange, in quanto già consapevole di essere un futuro cornuto. Inizia così il racconto di alcuni casi celebri e non che hanno accompagnato la storia, la mitologia e le tradizioni di altri popoli fino ai giorni nostri:

Un uomo viene arrestato. Un gruppo di curiosi afferma che egli aveva riempito di botte la moglie, dopo averne scoperto il tradimento; in realtà si scopre che ad essere pestata è stata l'amante, sorpresa con un altro uomo. In più solo dopo quanto accaduto i tre coniugi traditi vengono a conoscenza delle tresche.

I due amici siciliani Franco Bello e Ciccio Merendino cercano un consiglio per salvare i loro matrimoni in crisi, messi ancor più in pericolo dall'entrata in vigore della legge sul divorzio cui sono contrari; l'unica soluzione sembra la trasgressione e si vedono proporre da un intellettuale uno scambio di coppie. Ma le rispettive consorti non si mostrano così aperte.

Un uomo scopre il tradimento della moglie con il suo migliore amico, proprio mentre sono a letto. Nel pronunciare frasi di rammarico, il marito tradito assiste comunque all'atto sessuale senza alzare un dito.

Un critico d'arte sospetta che la moglie Carla sia stata oggetto di ispirazione di un quadro astratto; per verificare la cosa la obbliga a congiungersi con l'autore del dipinto.

La moglie di un eschimese viene rimproverata dal marito perché in sua assenza non si è concessa ad un viandante ospitato nell'igloo.

Un piazzista di enciclopedie porta a porta, usa l'arma della seduzione pur di venderle. Tra le sue vittime la bella moglie di un ingenuo pizzicagnolo.

Minosse si convince dell'infedeltà di Pasifae fin dalla nascita del Minotauro.

La lontananza delle mogli e il timore della loro infedeltà, induce i soldati del re spartano Menelao a disertare la guerra contro Troia.

Il crociato Agilulfo, prima di partire consegna la chiave per la cintura di castità della moglie all'amico Boemondo, ordinandogli di usarla se dopo tre anni non fosse tornato, ma dopo poche miglia quest'ultimo lo raggiunge per dirgli che ha ricevuto la chiave sbagliata.

Durante il viaggio di nozze, il bolognese Lucio dubitando della verginità della moglie Emma, litiga con lei e l'abbandona, tentando poi invano di consolarsi con una prostituta. Seguendo il consiglio di costei, ritorna pentito dalla moglie, che nel frattempo la verginità l'ha persa davvero, cedendo alle lusinghe dell'albergatore.

Il commendator Bordiga convince Bepi, un contadino veneto trapiantato in Brianza, a vendergli il suo sperma perché vorrebbe avere un figlio ma è impotente, ignorando che in realtà è la moglie a prendere la pillola anticoncezionale ed a tradirlo con il medico che ha diagnosticato l'impotenza.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema