Amori miei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Amori miei
Amori miei - titolo.png
Titolo originale Amori miei
Lingua originale Italiano
Paese di produzione Italia
Anno 1978
Durata 100 min
Colore Colore
Audio sonoro
Genere commedia
Regia Steno
Soggetto Jaja Fiastri
Sceneggiatura Jaja Fiastri
Produttore Franco Cristaldi, Nicola Carraro
Casa di produzione Vides Cinematografica
Distribuzione (Italia) Cineriz
Fotografia Franco Di Giacomo
Montaggio Raimondo Crociani
Musiche Armando Trovajoli
Scenografia Giantito Burchiellaro
Costumi Nicoletta Ercole
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Amori miei è un film del 1978 diretto da Steno, trasposizione cinematografica dell'omonima opera teatrale di Iaia Fiastri, in cui i ruoli dei protagonista erano di Ornella Vanoni, Duilio Del Prete e Gianrico Tedeschi.[1][2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Anna è sposata con Marco, che la trascura nonostante lei lo ami profondamente. Decide così di trovarsi un altro marito e, all'insaputa di Marco, sposa Antonio, un professore di psicologia ignaro di tutto. Con la scusa di avere impegni di lavoro trascorre il suo tempo alternativamente con l'uno e con l'altro marito, e le cose sembrano funzionare.

Una scena del film

Un giorno però scopre di essere incinta, e non riesce a stabilire di chi è il bambino. Informa quindi sia Marco che Antonio della propria gravidanza, e decide di fare in modo che i due uomini si conoscano e diventino amici (ma all'insaputa di essere sposati alla stessa donna), così da poter poi farli convivere serenamente insieme a lei e al bambino.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Va bene il marito giornalista se l'amante fa lo psicologo, Ernesto Baldo, La Stampa, 4 agosto 1978
  2. ^ Tre donne convertono Steno?, Lamberto Antonelli, La Stampa, 11 settembre 1978
  3. ^ Il più umoristico è «Amori miei», l'Unità del 7 gennaio 1980

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema