Dio li fa poi li accoppia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dio li fa poi li accoppia
Titolo originaleDio li fa poi li accoppia
Paese di produzioneItalia
Anno1982
Durata96 min
Rapporto1,85 : 1
Generecommedia
RegiaSteno
SoggettoBernardino Zapponi
SceneggiaturaEnrico Vanzina
Bernardino Zapponi
ProduttorePio Angeletti
Adriano De Micheli
Casa di produzioneInternational Dean Film S.r.l.
Distribuzione (Italia)Medusa Film
Panarecord
FotografiaSandro D'Eva
MontaggioRaimondo Crociani
Effetti specialiStudio Sound Coop
MusicheCesare Bovio
ScenografiaGiuseppe Mangano
CostumiSilvio Laurenzi
TruccoGiulio Mastrantonio
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Dio li fa poi li accoppia è un film del 1982 diretto da Steno con Lino Banfi, Johnny Dorelli, e Marina Suma.

La pellicola è uscita nelle sale italiane nel novembre 1982.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A Brisignano, un paesino immaginario delle Marche, Don Celeste Restani, parroco integerrimo della parrocchia locale, è voluto bene da tutti i paesani, compreso il salumiere Dario Ricciotti, che in una confessione dichiara la sua omosessualità, chiedendo di poterlo sposare con un tale Marco, suo amico. Il giorno di Carnevale, mentre è in luogo isolato in campagna, Don Celeste rimane vittima di un'aggressione di quattro ragazze in maschera cui segue uno stupro. Una di queste, Paola Di Pietro, rimane incinta. Per il religioso sorge l'annoso dilemma se abbandonare la tonaca nera per sposare la ragazza oppure denunciarla, anche se ciò susciterebbe uno scandalo e la conseguente scomunica. Il parroco accetterà il figlio come figlio della colpa, pur non sposando la ragazza e continuando il suo compito sacerdotale.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato in Italia a Roma, Fiano Romano e Trevignano Romano e nei Paesi Bassi a Volendam e a Edam[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film uscì nelle sale italiane il 26 novembre 1982. Venne anche distribuito in Francia con il titolo "Dieu les fait et les assemble".

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]