Kingsman - Secret Service

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kingsman - Secret Service
Kingsman The Secret Service.jpg
Colin Firth in una scena del film
Titolo originaleKingsman: The Secret Service
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneRegno Unito, Stati Uniti d'America
Anno2014
Durata129 min
Rapporto2,35: 1
Genereazione, commedia, spionaggio
RegiaMatthew Vaughn
Soggettodal fumetto di Mark Millar e Dave Gibbons
SceneggiaturaJane Goldman, Matthew Vaughn
ProduttoreAdam Bohling, David Reid, Matthew Vaughn
Produttore esecutivoDave Gibbons, Stephen Marks, Claudia Vaughn, Pierre Lagrange, Mark Millar
Casa di produzioneMarv Films, Cloudy Productions, Shangri-La Entertainment, TSG Entertainment
Distribuzione (Italia)20th Century Fox
FotografiaGeorge Richmond
MontaggioEddie Hamilton, Jon Harris
Effetti specialiSteven Warner
MusicheHenry Jackman, Matthew Margeson
ScenografiaPaul Kirby
CostumiArianne Phillips
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Kingsman - Secret Service (Kingsman: The Secret Service) è un film del 2014 diretto da Matthew Vaughn.

Liberamente tratto dalla miniserie a fumetti The Secret Service (2012-2013) scritta da Mark Millar ed illustrata da Dave Gibbons, il film ruota attorno ad un ragazzo di strada (Taron Egerton) addestrato dal suo mentore (Colin Firth) a diventare un Kingsman, ovvero un agente segreto indipendente dotato dei modi e dello charme di un perfetto gentleman inglese. Il film contiene numerose citazioni e riferimenti ai classici film di spionaggio e ai film di James Bond.

Oltre ad Egerton e Firth, il film comprende nel cast anche Samuel L. Jackson e Sofia Boutella nel ruolo degli antagonisti, con Mark Strong, Michael Caine, Sophie Cookson e Mark Hamill in ruoli di supporto. Scritto da Vaughn assieme alla sua abituale collaboratrice Jane Goldman, il film segna la quarta trasposizione cinematografica di un fumetto del Millarworld, la terza diretta o prodotta da Vaughn dopo Kick-Ass (2010) e Kick-Ass 2 (2013).

Presentato in anteprima il 13 dicembre 2014, il film è stato distribuito a partire dal 29 gennaio 2015 nel Regno Unito e dal 15 febbraio negli Stati Uniti. Ha ricevuto un'accoglienza positiva da parte della critica ed ha incassato 414 milioni di dollari a livello globale, diventando il film più remunerativo del regista. Nel 2015, ha vinto l'Empire Award per il miglior film britannico.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

1997. Durante una missione in Medio Oriente, l'agente segreto Harry Hart, dal nome in codice di "Galahad", vede morire il suo giovane protetto Lee Unwin a causa di un suo errore. Tornato in Inghilterra, consegna personalmente una medaglia d'onore alla vedova del caduto e all'orfano, Eggsy, dicendo loro che, se un giorno dovessero aver bisogno di aiuto, dovranno chiamare il numero inciso sul retro della medaglia.

Diciassette anni dopo, l'agente Lancillotto viene ucciso da Gazelle, assassina con micidiali protesi al posto delle gambe, mentre tenta di salvare il professore universitario James Arnold, rapito da ignoti. Il mandante segreto del rapimento e capo di Gazelle è Richmond Valentine, un eccentrico miliardario ecologista genio dell'informatica. Arnold è solo l'ultimo di una serie di VIP e capi di Stato di tutto il mondo, tra cui anche il Presidente degli Stati Uniti, che Valentine rapisce o incontra in gran segreto per esporre loro un misterioso piano.

Nel frattempo, l'ormai adolescente Eggsy vive in un quartiere povero di Londra con la sorellastra infante, la madre alcolizzata ed il patrigno abusivo. Nonostante sia talentuoso e intelligente, Eggsy ha abbandonato i Royal Marines e vive una vita da disoccupato senza alcuna ambizione. Dopo essere stato arrestato per un furto d'auto, decide di chiedere aiuto chiamando il numero dietro alla medaglia che gli era stata regalata anni or sono. Immediatamente viene liberato da Hart, che gli rivela l'esistenza della Kingsman, un'agenzia di servizi segreti indipendente fondata nel 1919 da facoltosi privati che avevano perso i loro eredi nella Prima guerra mondiale. Così come Galahad e Lancillotto, tutti gli agenti portano i nomi dei Cavalieri della Tavola Rotonda, poiché un Kingsman deve incarnare i modi e i principi del moderno cavaliere, il gentleman. Intravedendo del potenziale in lui, lo invita a partecipare alle selezioni per diventare il nuovo agente Lancillotto. La sua scelta incontra subito l'ostilità classista di Artù, leader dei Kingsman, e degli altri candidati, rampolli di alta estrazione sociale capitanati dal candidato di Artù, Charlie. Nel frattempo, Hart si reca ad interrogare il professor Arnold, tornato in circolazione. Tuttavia, un chip sottocutaneo innestato nella nuca del professore fa esplodere la testa a quest'ultimo ed Hart entra in coma dopo essere stato ferito in uno scontro a fuoco con gli uomini di Valentine.

Nei mesi seguenti, le prove di selezione organizzate dall'agente Merlino, eliminano (anche violentemente) i candidati uno dopo l'altro, lasciando solo Eggsy e una ragazza con cui ha stretto amicizia, Roxy. Ripresosi dal coma, Hart si reca sotto falsa identità ad interrogare Valentine, recentemente balzato agli onori della cronaca per aver distribuito gratuitamente a tutta la popolazione delle SIM Card che donano Internet e telecomunicazioni illimitate. Il miliardario gli spiega di vedere l'umanità come un virus che affligge il pianeta Terra, ed il riscaldamento globale come una tentativo del pianeta di liberarsene. Alla Kingsman, Eggsy fallisce l'ultimo test, che consisteva nell'uccidere il cane che gli era stato affidato durante il corso, e quindi Roxy diventa il nuovo Lancillotto. Deriso da Artù per via delle sue umili origini, Eggsy fugge rubando la sua auto. Harry riprende il suo pupillo, dichiarandosi molto deluso da lui; gli rivela infatti che il colpo in questione era a salve e che tutte le morti avvenute durante le selezioni erano simulate.

Promettendo a Eggsy di sistemare tutto al suo ritorno, Hart segue gli indizi raccolti su Valentine fino in Kentucky, ad una messa di un gruppo fondamentalista cristiano dove, a sua insaputa, il miliardario e Gazelle stanno conducendo un esperimento. Con un comando a distanza, i due emanano un segnale dalle SIM card che fa scatenare una furia omicida in tutte le persone nella chiesa, Hart incluso. Sotto gli sguardi dei Kingsman (che assistono alla scena attraverso una telecamera posta negli occhiali di Harry) e dei due antagonisti, si consuma una carneficina di cui l'agente segreto è il solo sopravvissuto. Tornato in sé e sconvolto da quanto successo, Hart viene affrontato da Valentine, il quale gli spiega di voler trasmettere lo stesso segnale su scala globale attraverso dei satelliti, in modo da ridurre il problema della sovrappopolazione e ripopolare la Terra con i capi di stato e i VIP che si sono schierati dalla sua parte. Una volta terminato di spiegare il suo piano, Valentine fredda Hart sparandogli in testa.

Deciso a vendicare il suo mentore, Eggsy torna al quartier generale della Kingsman, ma scopre che anche Artù è coinvolto nel piano di Valentine. Mediante un astuto stratagemma (scambia il proprio bicchiere avvelenato con quello di Artù), lo uccide e successivamente elabora un piano con Merlino e Roxy: mentre la ragazza distrugge il contatto tra i satelliti salendo fino alla stratosfera con dei palloni meteorologici, Eggsy e Merlino si infiltrano nella base segreta del miliardario. Dopo essere stato riconosciuto da Charlie, la cui ricca famiglia è tra i protetti del miliardario, Eggsy inizia una furiosa battaglia contro la milizia di Valentine, mentre quest'ultimo avvia il conto alla rovescia per la trasmissione del segnale. Merlino riesce a introdursi nel computer di Valentine e ad attivare l'autodistruzione dei chip impiantati in tutti i collaboratori del miliardario, facendo esplodere la testa dei suoi soldati e dei prescelti per ripopolare la Terra. Furioso, Valentine riesce comunque a trasmettere il segnale, scatenando il finimondo sul pianeta. In un disperato duello finale, Eggsy elimina Gazelle e trafigge a morte Valentine con una delle protesi della ragazza, interrompendo definitivamente il segnale.

Tempo dopo, Eggsy, ora un Kingsman a tutti gli effetti, si reca dalla madre per riferirle di essersi procurato un lavoro e una nuova casa dove assieme potranno iniziare una vita migliore. Quando il patrigno e i suoi scagnozzi cercano di impedirglielo, Eggsy per tutta risposta cita il motto di Harry, «I modi definiscono l'uomo», prima di iniziare a combatterli.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto nacque da una discussione al bar tra Mark Millar e Matthew Vaughn, in cui entrambi si lamentavano del fatto che i film di spionaggio fossero diventati "troppo seri" e progettavano di realizzarne "uno divertente come i vecchi film di Bond".[1] Millar sviluppò poi l'idea nella sua miniserie a fumetti The Secret Service, illustrata da Dave Gibbons ed edita da Marvel Comics tra il 2012 e il 2013.[1]

Nel frattempo, Vaughn era impegnato nella stesura del trattamento di X-Men - Giorni di un futuro passato, sequel di X-Men - L'inizio che aveva diretto nel 2011.[1] Durante il processo di scrittura, ispirato dalla lettura della miniserie di Millar, finì anche per scrivere assieme alla sua abituale collaboratrice Jane Goldman la sceneggiatura dell'adattamento cinematografico di The Secret Service, che sottopose alla 20th Century Fox, per la quale stava già sviluppando Giorni di un futuro passato.[1] Vista la concomitanza tra i due propri progetti, la Fox ha dato a Vaughn la possibilità di decidere a quale dei due film dedicarsi.[1][2] Il regista ha preferito infine Kingsman, abbandonando il ruolo di regista di Giorni di un futuro passato nell'ottobre 2012.[3]

Vaughn ha definito la scelta come "la decisione più folle della mia vita, rinunciare a un gorilla da 800 milioni per fare Kingsman. Ma Kingsman riflette di più la mia personalità".[1][2] Ha dichiarato anche che lo ha aiutato a prendere una decisione il fatto che "prima o poi qualcuno si sarebbe svegliato ed avrebbe fatto un film di spionaggio divertente. E a quel punto avrò scritto una sceneggiatura fantastica che nessuno vorrà più fare".[1][2]

Pre-produzione[modifica | modifica wikitesto]

La Fox ha annunciato la realizzazione del film nel maggio 2013, con Vaughn alla regia.[4] Il budget del film è stato di 94 milioni di dollari,[5][6] 81 senza contare il marketing e la promozione.[7]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Il cast del film al San Diego Comic-Con International del 2014.

Colin Firth è stato il primo attore ad unirsi al cast, il 29 aprile 2013.[8] Firth si è allenato per tre mesi al fine di essere in forma per il ruolo.[1] A giugno, alcune fonti hanno riportato delle trattative tra Leonardo DiCaprio e lo studio per il ruolo del cattivo,[9] fatto successivamente smentito da Vaughn.[10] Per il ruolo dell'antagonista, Vaughn ha scelto invece Samuel L. Jackson, in quanto voleva sovvertire lo stereotipo dei film americani con antagonisti inglesi.[1] Jackson ha accettato il ruolo in quanto fan dei film di James Bond, di cui aveva sempre sognato essere nel cast.[11] Il suo personaggio è stato modellato su di quello dell'imprenditore Russell Simmons, in particolare per quanto riguarda il look ed il sigmatismo di cui è affetto,[12] per il quale Jackson si è ispirato alla balbuzie di cui soffriva da piccolo.[11]

A settembre, Sophie Cookson ha ottenuto il ruolo da co-protagonista femminile, superando altre ben più note attrici in lizza per la parte come Emma Watson e Bella Heathcote.[13] Il casting di Mark Hamill nel ruolo di un professore universitario che viene rapito dall'organizzazione criminale nemica all'inizio del film è un inside joke riferito al fumetto originale, in cui a venir rapito dal cattivo è Mark Hamill stesso.[14] Il 30 ottobre 2013, Sofia Boutella si è unita al cast nel ruolo dell'antagonista femminile.[15]

Riprese[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese sono cominciate il 6 ottobre 2013 a Deepcut, nella contea di Surrey.[16][17][18]

Numerose scene sono state girate a Londra, nei borghi di Camden,[19] Kensington e Chelsea. Il complesso abitativo di Alexandra Road, a Camden, già apparso in film come 28 giorni dopo, è stato utilizzato come location della casa di Eggsy.[19] Diversi edifici in Savile Row nel quartiere di Mayfair, come la sartoria Huntsman ed il negozio di cappelli James Lock & Co., sono stati utilizzati per ricreare esterni ed interni della sartoria dei Kingsman.[20] Le scene ambientate nel pub sono state girate al Black Prince Pub nel quartiere di Kensington. Le scene riguardanti l'incontro tra Hart ed il professor Arnold sono state girate all'Imperial College London.

Post-produzione[modifica | modifica wikitesto]

La Jellyfish Productions ha lavorato agli effetti speciali del film; tra le sequenze più complesse che ha realizzato vi è un flashback in cui compare un Michael Caine ringiovanito di quarant'anni, scena esclusa dal montaggio finale.[21]

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora del film è stata composta da Henry Jackman e Matthew Margeson, alla loro terza collaborazione con il regista.[22] Gary Barlow ha scritto appositamente per il film il brano Get Ready for It, presente durante i titoli di coda ed eseguito da Barlow e dal suo gruppo, i Take That.[23]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Manners Maketh Man – 1:38
  2. The Medallion – 2:14
  3. Valentine – 2:25
  4. To Become a Kingsman – 4:19
  5. Pick a Puppy – 2:13
  6. Drinks with Valentine – 2:40
  7. Skydiving – 3:37
  8. Shame We Had to Grow Up – 1:56
  9. Kentucky Christians – 2:37
  10. Curious Scars and Implants – 3:09
  11. Toast to a Kingsman – 1:56
  12. An 1815 Napoleonic Brandy – 4:23
  13. Eat, Drink, and Paaaaarty – 1:54
  14. Calculated Infiltration – 7:54
  15. Out of Options – 1:48
  16. Hand on the Machine – 2:22
  17. Finale – 3:56
  18. Original Valentine Ideas (Demo Suite) – 6:25

Durata totale: 57:26

Tra gli altri brani presenti nel film, ma non inclusi nella colonna sonora figurano: Money for Nothing dei Dire Straits, Bonkers di Dizzee Rascal, Feel the Love di Rudimental e John Newman, Free Bird dei Lynyrd Skynyrd, le Pomp and Circumstance di Sir Edward Elgar, Give It Up dei KC and the Sunshine Band, Slave to Love di Bryan Ferry ed Heavy Crown di Iggy Azalea ed Ellie Goulding.[24][25]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Per promuovere il film, lo stilista Mr Porter e la costumista del film Arianne Phillips hanno creato una linea di 60 abiti su misura ispirati al film, oltre ad altri capi come ombrelli, orologi da polso e scarpe eleganti firmati Cutler and Gross, George Cleverley, Mackintosh e Bremont; ciò ha reso il film il primo in cui ogni capo d'abbigliamento presente nel film può essere acquistato.[26][27]

Il 27 marzo 2014 sono state mostrate alcune scene in anteprima al CinemaCon di Las Vegas.[28] Il primo trailer del film è stato diffuso il 20 maggio 2014,[29] insieme al primo poster.[30] Il trailer in italiano è stato diffuso il 16 giugno.[31] Il secondo trailer è stato diffuso il 26 novembre su Empire Online, assieme a quattro poster del film che citavano quello di Solo per i tuoi occhi.[32] Un terzo trailer, vietato ai minori, è stato diffuso il 10 dicembre 2014.[33]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato presentato in anteprima il 13 dicembre 2014 al Butt-Numb-A-Thon Film Festival,[34] e il 27 gennaio 2015 al Sundance Film Festival. L'anteprima britannica si è tenuta il 14 gennaio a Londra, con presenti Vaughn, Firth, Egerton, Strong, ed i Take That a suonare la loro canzone nel film dal vivo.[35]

Nel Regno Unito, il film è stato distribuito dal 29 gennaio 2015 da 20th Century Fox.[36] Negli Stati Uniti, la pellicola era inizialmente programmata per il 14 novembre 2014,[29][37] per poi essere posticipata al 6 marzo 2015.[38] Dopo essere stata anticipata al 24 ottobre 2014,[39] la data di uscita è infine slittata al 13 febbraio 2015.[40][41] Il film è stato distribuito anche in IMAX.[42]

È uscito il 25 febbraio 2015 nelle sale italiane.[33]

Censura[modifica | modifica wikitesto]

In Cina ed in gran parte dell'America Latina e dell'Indonesia la scena del massacro in chiesa è stata completamente rimossa dalla versione destinata alle sale cinematografiche.[43][44][45][46]

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Kingsman: The Secret Service ha incassato 128,3 milioni di dollari in Nord America, 24,2 nel Regno Unito e 259,9 nel resto del mondo, per un totale di 412,4 milioni di dollari, a fronte di un budget di 94 milioni.[7]

Le previsioni di incasso per il weekend di apertura statunitense erano di 28 milioni.[47] Il film ha esordito in 3.204 sale, incassando 10,4 milioni il primo giorno, 15,4 il secondo e 10,4 il terzo,[48] per un totale di 36,2 milioni, terminando in seconda posizione dietro a Cinquanta sfumature di grigio.[49] Durante il Presidents' Day, ha incassato 41,8 milioni.[50][51]

Nel suo weekend di apertura in Regno Unito, il film ha incassato 6,5 milioni, finendo al secondo posto dietro Big Hero 6.[52] In Australia e Nuova Zelanda, il film ha debuttato in prima posizione, incassando 3,6 milioni il primo giorno.[53] Nel suo terzo weekend, ha incassato 23 milioni in 39 paesi, dominando il box office di Singapore, Hong Kong e Thailandia, venendo sorpassato negli altri casi da Cinquanta sfumature di grigio.[54] Nel quarto weekend, è stato distribuito in 54 paesi, incassando 33,4 milioni.[55] Il miglior debutto del film fuori dal continente nordamericano è stato in Cina, dove ha incassato 27,9 milioni.[56] Altri notevoli debutti si sono registrati in Corea del Sud (5,3 milioni),[54] Russia (3,6 milioni),[54] Taiwan (3,4 milioni),[55] e Francia (3,3 milioni).[55]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Kingsman - Secret Service è stato accolto positivamente dalla critica,[57][58] che ne ha lodato la comicità, le scene d'azione, la sceneggiatura ed i riferimenti ai classici film di spionaggio, mentre è stata oggetto di non poche critiche la violenza presente nella pellicola.[57][59]

Su Rotten Tomatoes, il film ottiene una percentuale del 74% di recensioni professionali positive, basata su 230 critiche con un voto medio di 6,7 su 10, descrivendolo come "elegante, sovversivo e - soprattutto - divertente".[57] Su Metacritic, il film ha un punteggio di 60 su 100, basato su 50 recensioni, ad indicare "giudizi misti".[60] Su Movie Review Query Engine, ha un punteggio di 63 su 100, basato su 108 recensioni.[61]

Peter Travers di Rolling Stone dà al film una recensione positiva e scrive: "questo pirotecnico film d'azione su degli agenti segreti britannici è un cocktail agitato, non mescolato di follia... anche quando smette di avere senso, Kingsman continua a regalare divertimento sfrenato".[62] Jordan Hoffman, scrivendo per The Guardian, ne apprezza le citazioni a 007 e nota che "nonostante l'austera presenza di Michael Caine, il tono di Kingsman è ciò di più lontano da quello del Christopher Nolan supereroistico che possiate immaginare. Il realismo è presto abbandonato in favore della risata".[63] Manohla Dargis del New York Times ha apprezzato il film, ma ne ha criticato l'uso della violenza come comicità.[64] Peter Sobczynski di rogerebert.com assegna al film due stelle su quattro, definendolo il film "lo Scream dei film di spionaggio", ma criticando l'utilizzo della violenza nel film, ritenuto eccessivo.[65]

Ancora più critico è Jason Ward di The Guardian, che scrive: "ogni cosa in Kingsman esiste per il solo motivo di mascherare la sua natura conservatrice", criticando inoltre la scelta di paragonare la teoria ecologista di Valentine con gli "assurdi piani dei cattivi di James Bond, così da ridicolizzare ancora una volta gli ambientalisti".[66] Similmente, secondo Ignatiy Vishnevetsky di The A.V. Club, "Kingsman è in realtà ben più reazionario dei vecchi film che cita".[67]

Il film è stato oggetto di alcune critiche riguardanti la presunta misoginia della scena finale, in cui Eggsy, dopo aver ucciso Valentine, si reca dalla principessa svedese (che gli aveva promesso sesso anale nel caso fosse riuscito a salvare il mondo) a "riscuotere" la sua ricompensa; il regista ha difeso la scena definendola un citazione-parodia delle allusioni sessuali presenti in diversi film di James Bond come Moonraker - Operazione spazio o La spia che mi amava e che essa andava intesa solamente come una battuta in linea con lo spirito "eccessivo e divertente [del film] [...] [anziché] in senso offensivo o misogino".[68][69]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Kingsman - Il cerchio d'oro.

Un sequel, Kingsman - Il cerchio d'oro (Kingsman: The Golden Circle), diretto da Matthew Vaughn e scritto da Vaughn e Jane Goldman, è uscito il 22 settembre 2017 negli USA e nel Regno Unito.[74] Nel sequel, i Kingsman uniscono le forze con gli Statesman, la loro controparte statunitense, per fronteggiare la minaccia comportata da un nuovo cattivo.[75] Colin Firth, Taron Egerton, Mark Strong, Sophie Cookson ed Edward Holcroft riprenderanno i loro ruoli, mentre si aggiungeranno al cast Julianne Moore, Halle Berry, Pedro Pascal, Channing Tatum, Elton John, Jeff Bridges e Vinnie Jones.[75][76][77][78]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) Scott Collura, Matthew Vaughn Talks Choosing "Kingsman: The Secret Service" Over "X-Men: Days of Future Past", Changing the Comic, and Bringing Fun Back to Spy Movies, su IGN. URL consultato il 10 settembre 2015.
  2. ^ a b c Andrea Francesco Berni, Matthew Vaughn rivela perché rinunciò a X-Men per Kingsman, Badtaste.it, 20 novembre 2014. URL consultato il 20 novembre 2014.
  3. ^ (EN) Matthew Vaughn Won’t Direct ‘X-Men: First Class 2′; Will Bryan Singer Replace Him?, su Deadline, 25 ottobre 2012.
  4. ^ Matthew Vaughn alla regia di 'The Secret Service', in Best Movie. URL consultato il 20 maggio 2014.
  5. ^ Andrea Bedeschi, Il sequel di Kingsman ha una data di uscita!, badtaste.it, 23 ottobre 2015. URL consultato il 23 ottobre 2015.
  6. ^ (EN) 2015 Feature Film Study, 15 giugno 2016. URL consultato il 16 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2016).
  7. ^ a b (EN) Kingsman - Secret Service, su Box Office Mojo. Modifica su Wikidata
  8. ^ (EN) Colin Firth In Talks For 'The Secret Service', su The Hollywood Reporter. URL consultato il 20 maggio 2014.
  9. ^ (EN) Hugh Armitage, Leonardo DiCaprio in talks for Mark Millar's 'Secret Service'?, 4 giugno 2013. URL consultato il 15 settembre 2013.
  10. ^ (EN) Drew Taylor, Matthew Vaughn Says the 'Kingsman' Sequel Will Introduce the American Branch (EXCLUSIVE), su news.moviefone.com. URL consultato il 10 settembre 2015.
  11. ^ a b (EN) Megan Conner, Samuel L Jackson: ‘I create characters – it keeps me from being me all day’, in The Guardian. URL consultato il 23 luglio 2017.
  12. ^ (EN) Samuel L. Jackson Channels Russell Simmons and More Insider Scoop, su billboard.com, 17 febbraio 2015. URL consultato il 22 agosto 2017.
  13. ^ (EN) Justin Kroll, Sophie Cookson Lands Female Lead in Matthew Vaughn's 'Secret Service', in Variety, 5 settembre 2013. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  14. ^ (EN) Gina McIntyre, Mark Hamill: Actor talks 'Kingsman' cameo, 'Star Wars' anticipation, in Los Angeles Times (Los Angeles), 5 febbraio 2015. URL consultato il 17 febbraio 2015.
  15. ^ (EN) The Secret Service, Sofia Boutella sarà il villain femminile, su badtaste.it, 30 ottobre 2013. URL consultato il 16 settembre 2016.
  16. ^ (EN) Stephanie Takyi, Suave appeal: Colin Firth shows off his dapper style as he's spotted for first time on set of new film The Secret Service, 6 ottobre 2013. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  17. ^ (EN) Sophie Cater, Bridget Jones star Colin Firth spotted shooting The Secret Service in London, su radiotimes.com, 8 ottobre 2013. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  18. ^ (EN) Colin Firth and Samuel L. Jackson filming 'The Secret Service' in Deepcut, UK, su onlocationvacations.com, 11 ottobre 2013. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  19. ^ a b (EN) Massive Hollywood thriller filmed on Camden estate proved "sweet as honey" for residents – FilmFixer, su filmfixer.co.uk.
  20. ^ (EN) The US love of bespoke British suits, su bbc.co.uk.
  21. ^ Alessia Pelenzi, Kingsman: immagini di una scena tagliata con un Michael Caine ringiovanito!, su badtaste.it, 24 febbraio 2016.
  22. ^ (EN) Henry Jackman & Matt Margeson to Score Matthew Vaughn's 'Kingsman: The Secret Service', 20 maggio 2014. URL consultato il 12 luglio 2014.
  23. ^ (EN) Gary Barlow Writing Music For 'Kingsman: The Secret Service' Film, MTV, 11 luglio 2014. URL consultato il 12 luglio 2014.
  24. ^ (EN) The Kingsman Playlist, su mrporter.com. URL consultato il 04 agosto 2015.
  25. ^ (EN) Kingsman: The Secret Service (2015), su soundtrack.net. URL consultato il 04 agosto 2015.
  26. ^ (EN) The Gentleman's Wardrobe, su mrporter.com. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  27. ^ (EN) The Kingsman Collection, su mrporter.com. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  28. ^ Andrea Francesco Berni, CinemaCon: mostrate alcune scene di The Secret Service, su badtaste.it, 26 marzo 2014. URL consultato il 15 settembre 2016.
  29. ^ a b Il trailer di Kingsman - Secret Service, su badtaste.it. URL consultato il 20 maggio 2014.
  30. ^ Il primo poster di Kingsman - Secret Service, su badtaste.it. URL consultato il 20 maggio 2014.
  31. ^ Andrea Bedeschi, Colin Firth nel trailer italiano di Kingsman: The Secret Service, su badtaste.it, 16 giugno 2014. URL consultato il 15 settembre 2016.
  32. ^ Andrea Francesco Berni, Kingsman – il nuovo trailer e quattro poster che citano James Bond, su badtaste.it, 26 novembre 2014. URL consultato il 15 settembre 2016.
  33. ^ a b Il terzo, folle trailer di Kingsman - Secret Service, su badtaste.it, 10 dicembre 2014. URL consultato il 15 settembre 2016.
  34. ^ (EN) Kingsman: The Secret Service, su shotonwhat.com. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  35. ^ (EN) Watch Kingsman: The Secret Service World Premiere Live On Yahoo, su uk.yahoo.com, 14 gennaio 2015.
  36. ^ (EN) Film Changes W/C 15/09, su Digital Cinema Media. URL consultato il 17 settembre 2014.
  37. ^ (EN) Mike Fleming Jr., Fox Wins Rights To Matthew Vaughn's Next Pic 'The Secret Service', Sets November 2014 Release Date, su deadline.com, 27 marzo 2013. URL consultato il 15 settembre 2013.
  38. ^ (EN) Fox Shifts 'Fantastic Four', 'The Secret Service', 'Assassin's Creed', Sets 'Untitled Vince Vaughn' & 'Susan Cooper' Dates, su deadline.com, 12 novembre 2013.
  39. ^ (EN) Brendan Bettinger, Fox Announces Release Dates for The Fantastic Four 2, Wolverine Sequel, Untitled Marvel Film, Taken 3, Ridley Scott Project, and More [Updated], su Collider, 21 marzo 2014. URL consultato il 22 marzo 2014.
  40. ^ (EN) Pam McClintock, 'Fifty Shades of Grey' to Compete With Fox's 'Kingsman' at Box Office, su The Hollywood Reporter, 6 agosto 2014. URL consultato il 6 agosto 2014.
  41. ^ Kingsman: The Secret Service, la data di uscita posticipata al 2015, su bestmovie.it. URL consultato il 7 agosto 2014.
  42. ^ (EN) Kingsman: The Secret Service, IMAX Corporation. URL consultato il 19 settembre 2017.
  43. ^ (EN) Sean O'Connell, WTF? Colin Firth Almost Got Pulled From The Kingsman Church Scene, Here's Why, su cinemablend.com, febbraio 2015. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  44. ^ (EN) Kimgsmen - The Secret Service Movie Review: James Bond Gets A Jolly Good Rogering, su badassdigest.com, 13 febbraio 2015. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  45. ^ (ES) Fox decidió censurar Kingsman: The Secret Service en Latinoamérica, su salondelmal.com, 19 febbraio 2015. URL consultato il 23 febbraio 2015.
  46. ^ (ID) Sensor "Kingsman" menghilangkan aksi brutal bak "The Raid" dalam sebuah adegan penuh kekerasan di dalam gereja, su duniaku.net, 21 febbraio 2015. URL consultato il 25 maggio 2015.
  47. ^ (EN) 'Kingsman' Targets $30 Million President's Day Debut, su Box Office Mojo. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  48. ^ (EN) Kingsman: The Secret Service Daily Box Office, su Box Office Mojo. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  49. ^ (EN) February 13-15, 2015 Three day Weekend, su Box Office Mojo.
  50. ^ (EN) February 13-16, 2015 Four day Weekend, su Box Office Mojo. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  51. ^ (EN) 'Kingsman' Spies $42 Million President's Day Debut, su Box Office Mojo. URL consultato il 20 febbraio 2015.
  52. ^ (EN) Nancy Tartaglione, 'Penguins', 'Sniper' Aim Higher In Actuals: International Box Office Update, su deadline.com, 3 febbraio 2015. URL consultato il 3 aprile 2015.
  53. ^ (EN) Nancy Tartaglione, 'Jupiter' Ascends A Touch; 'Exodus' Crosses $200M: Intl Box Office Actuals, su deadline.com, 10 febbraio 2015. URL consultato il 3 aprile 2015.
  54. ^ a b c (EN) Nancy Tartaglione, 'Fifty Shades' Dominates; 'Kingsman' Sees Action; 'Mockingjay' at $751M+ Global – Tuesday Update, su deadline.com, 17 febbraio 2015. URL consultato il 3 aprile 2015.
  55. ^ a b c (EN) Nancy Tartaglione, 'Fifty Shades' Still Sexy At Overseas Box Office; Chinese New Year Festive For 'Kingsman' – In'tl B.O.Update, su deadline.com, 24 febbraio 2015. URL consultato il 3 aprile 2015.
  56. ^ (EN) Nancy Tartaglione, 'Cinderella' Counts $337.3M At Global Ball; 'Insurgent' Secures $178.2M Worldwide – Int'l B.O. Update, su deadline.com, 20 marzo 2015. URL consultato il 3 aprile 2015.
  57. ^ a b c (EN) Kingsman - Secret Service, in Rotten Tomatoes, Flixster Inc. Modifica su Wikidata
  58. ^ (EN) Oliver Gettell, 'Kingsman: The Secret Service' shakes up spy genre, reviews say, in Los Angeles Times, 13 febbraio 2015. URL consultato il 13 ottobre 2015.
  59. ^ (EN) Paul Byrnes, Kingsman review: Ultra-violence of Colin Firth spy film bludgeons comedy into submission, in The Sydney Morning Herald (Sydney), 4 febbraio 2015. URL consultato il 6 settembre 2015.
  60. ^ (EN) Kingsman - Secret Service, su Metacritic, CBS Interactive Inc. Modifica su Wikidata
  61. ^ (EN) Kingsman: The Secret Service (2015) - MRQE Metric - Critics Reviews, su Movie Review Query Engine. URL consultato il 5 giugno 2015.
  62. ^ (EN) Peter Travers, Kingsman: The Secret Service, in Rolling Stone, 11 febbraio 2015. URL consultato il 12 giugno 2015.
  63. ^ (EN) Jordan Hoffman, Kingsman: The Secret Service review – dapper laughs in thrillingly adolescent 007 pastiche, in The Guardian (Londra), 30 dicembre 2014.
  64. ^ (EN) Manohla Dargis, Review: In ‘Kingsman: The Secret Service,’ Colin Firth Get His Suits Splattered, in The New York Times (New York), 12 febbraio 2015.
  65. ^ (EN) Peter Sobczynski, Kingsman: The Secret Service, su rogerebert.com, 13 febbraio 2015.
  66. ^ (EN) Jason Ward, Is Kingsman the most conservative comedy this century, in The Guardian, 27 gennaio 2015.
  67. ^ (EN) Kingsman is a slick, gory spy pastiche—just don't think about it too hard, su avclub.com. URL consultato il 02 gennaio 2016.
  68. ^ (EN) Kevin P. Sullivan, Kingsman director Matthew Vaughn reveals the secrets behind the church scene, that sex joke, and more, su Entertainment Weekly. URL consultato il 16 febbraio 2015.
  69. ^ Mirko D'Alessio, Kingsman: Secret Service, il regista sul finale controverso e le accuse di misoginia, su badtaste.it, 21 febbraio 2015. URL consultato il 2 marzo 2016.
  70. ^ (EN) Winners Empire Awards 2015, su Empire Online. URL consultato il 20 aprile 2015.
  71. ^ (EN) Teen Choice Awards 2015 Winners: Full List, su Variety. URL consultato il 23 agosto 2015.
  72. ^ Marita Toniolo, Mtv Movie Awards: Star Wars e Deadpool guidano le nomination, Best Movie, 8 marzo 2016. URL consultato l'8 marzo 2016.
  73. ^ (EN) 'Star Wars: The Force Awakens' Leads Saturn Awards Nominees, su TheWrap, 24 febbraio 2016. URL consultato il 13 giugno 2016.
  74. ^ Mirko D'Alessio, Kingsman: The Golden Circle anticipato di una settimana, badtaste.it, 20 marzo 2017. URL consultato il 20 marzo 2017.
  75. ^ a b Valentina d'Amico, Kingsman: The Golden Circle, il nuovo poster, la sinossi e la descrizione del trailer!, Movieplayer.it, 31 marzo 2017. URL consultato il 31 marzo 2017.
  76. ^ Andrea Bedeschi, Kingsman – the Golden Circle: Colin Firth fotografato sul set, ecco Pedro Pascal insieme a Taron Egerton!, su badtaste.it, 11 aprile 2016. URL consultato il 15 aprile 2016.
  77. ^ Andrea Bedeschi, Kingsman: the Golden Circle, anche Vinnie Jones nel cast, Badtaste.it, 30 giugno 2016. URL consultato il 18 settembre 2017.
  78. ^ (EN) Ali Jaafer, Edward Holcroft To Return To Matthew Vaughn’s ‘Kingsman 2’, su deadline.com, 18 marzo 2016. URL consultato il 30 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]