Ellie Goulding

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ellie Goulding
Ellie Goulding nel marzo del 2014, alla première di Divergent.
Ellie Goulding nel marzo del 2014, alla première di Divergent.
Nazionalità Regno Unito Regno Unito
Genere Dance pop[1]
Alternative rock[1]
Indie rock[1]
Periodo di attività 2009 – in attività
Strumento Voce, chitarra, mandolino, basso, percussioni, batteria, pianoforte, clarinetto
Etichetta Polydor, Neon Gold, Cherrytree, Interscope
Album pubblicati 3
Studio 3
Sito web

Ellie Goulding, nata Elena Jane Goulding (Hereford, 30 dicembre 1986), è una cantautrice britannica.

La sua carriera ebbe inizio quando incontrò i produttori Starsmith e Frankmusik, e fu successivamente notata da Jamie Lillywhite, il quale divenne suo manager e A&R. Dopo aver firmato con la Polydor Records nel luglio del 2009, registrò sempre nello stesso anno il suo primo EP, An Introduction to Ellie Goulding.[2]

Nel 2010 diventò la seconda artista a vincere sia il sondaggio BBC Sound of 2010, sia il Critics Choice Award ai BRIT Awards nello stesso anno. Ellie pubblicò in suo primo album, Lights, nel 2010; questo debuttò alla prima posizione della UK Albums Chart e, ad oggi, ha venduto più di 600.000 copie solo nel Regno Unito. La sua cover di Your Song, canzone di Elton John, raggiunse la seconda posizione nel Regno Unito nel dicembre del 2010, eseguendola poi il 29 aprile 2011 alla festa di nozze del Principe William e Catherine Middleton a Buckingham Palace. La title track dell'album, Lights, venne pubblicata negli Stati Uniti nel marzo del 2011, raggiungendo la seconda posizione nella Billboard Hot 100 e venendo certificata triplo disco di platino dalla Recording Industry Association of America (RIAA).[3]

Il suo secondo album, Halcyon, fu pubblicato nell'ottobre del 2012, con Anything Could Happen a precederlo come primo singolo estratto. Il disco debuttò alla seconda posizione nella classifica britannica e, dopo 65 settimane, riiuscì ad arrivare alla prima posizione. Halcyon debuttò alla posizione numero nove nella Billboard 200, rendendolo il suo debutto nella top ten di tale classifica. Halcyon Days, la riedizione di Halcyon, fu pubblicato il 23 agosto del 2013 e conteneva nuove canzoni, tra cui Burn che diventò il suo primo singolo alla numero uno negli UK (in seguito diventò il singolo femminile più venduto di quell'anno) e in Italia. Durante la cerimonia dei BRIT Awards, Ellie ricevette il premio come miglior cantante donna britannica.[4] Alla fine del 2015 ha venduto 4 milioni di album e 20 milioni di singoli nella sua intera carriera.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Elena Jane Goulding è nata a Hereford e cresciuta a Lyonshall, una piccola cittadina vicino Kington, Herefordshire, seconda di quattro figli (ha un fratello e due sorelle).[5][6][7] Sua madre, Tracey (nata Clark), lavorava in un supermercato, e suo padre, Arthur Goulding, proveniva da una famiglia di becchini. All'età di cinque anni i suoi genitori si separarono e lei ebbe un patrigno che lavorava come camionista.[8] A nove anni iniziò a suonare il clarinetto e a quattordici la chitarra classica. Ha frequentato la Lady Hawkins' High School in Kington dove ottenne la parte principale in una produzione scolatica, ne Il Mago di Oz, come spaventapasseri. A quindici anni iniziò a scrivere canzoni e mentre era al college vinse una competizione canora.[9]

Dopo aver frequentato i corsi di prosa, politica all'Università di Kent[10], entra in contatto con la musica elettronica e fu scoperta da Jamie Lillywhite da un contest di talenti universitari.[11] Dopo aver ottenuto successo ad uno showcase di Sarah Stennett, le fu consegnato di lasciare l'università e si trasferì in una casa a ovest di Londra.[11][12] Lillywhite divenne il suo manager e la presentò a Starsmith che divenne il suo collaboratore e produttore centrale di Lights.[13]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

2009-2011: Lights e altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 firma un contratto con la Polydor Records, con la quale ha pubblicato l'EP, An Introduction to Ellie Goulding, seguito nel marzo 2010 dall'album di debutto, Lights.

Ellie Goulding nel 2012, nel corso di un'esibizione alla Manchester Academy.

Il suo primo singolo, Under the Sheets, diffuso via radio dal 30 settembre 2009, e su iTunes il 15 novembre dello stesso anno, è giunto fino alla 53ª posizione della classifica dei singoli britannici. Dopo aver ricevuto il premio ai BRIT Awards, il 22 febbraio 2010, pubblica il secondo singolo, Starry Eyed, che raggiunge, sempre nella classifica britannica, la quarta posizione. Il terzo singolo, Guns and Horses, viene pubblicato il 17 maggio 2010, mentre il quarto, The Writer, il 9 agosto dello stesso anno. Lights è stato ripubblicato il 29 novembre 2010 con il titolo Bright Lights, con sette nuove canzoni oltre a quelle già presenti nell'edizione standard, tra cui il singolo Your Song, cover del brano di Elton John, pubblicato il 12 novembre 2010.

L'album Lights pubblicato il 1º marzo 2010 giunge quasi subito in prima posizione nella classifica degli album britannici, vendendo nella prima settimana circa 40.000 copie. Lights ha avuto un discreto successo anche in Grecia, Irlanda, Nuova Zelanda, Germania e Norvegia. È stato poi ripubblicato il 29 novembre 2010 con il titolo Bright Lights, contenente sette nuove tracce.

Il 19 settembre 2011 è stata scelta da Katy Perry per aprire i concerti del suo California Dreams Tour in sostituzione di Jessie J, infortunatasi a un piede. Nel febbraio 2011, Ellie in un'intervista ha comunicato al Daily Star che pianificava di pubblicare nel 2011 un altro album seguito di Lights. commentando: «non voglio portarlo avanti per troppo tempo. Credo che uscirà quest'anno o all'inizio dell'anno prossimo». Il mese dopo, quando le fu chiesto del genere musicale dell'album in un'intervista con il sito di gossip Dean Piper's World, disse: «ha un suono molto dark e molto strano. Questo album sarà anche più sentimentale. Volevo farlo così. È un album che fa un certo effetto, sia che tu sia triste, sia che tu sia allegro, in fondo dona a chi lo ascolta un scintilla di speranza».[14]

2012-2014: Halcyon[modifica | modifica wikitesto]

Ellie Goulding nel 2014, in concerto allo Ilosaarirock Festival di Joensuu.

Nel 2012 Ellie collabora con Zedd nella canzone Fall Into The Sky. Compare poi insieme al deejay britannico anche nel video ufficiale del singolo, presentato il 15 aprile 2013. Verso la fine di luglio è stato annunciato che il secondo album, Halcyon, sarà reso disponibile dall'8 ottobre seguente; il disco viene preceduto dal singolo Anything Could Happen, uscito il 21 agosto; il 3 dello stesso mese, aveva pubblicato su YouTube un trailer contenente tracce ricavate dall'album Halcyon. Il lyric video per Anything Could Happen esce il 9 agosto con delle foto inviate all'autrice dai fan su Instagram. Il 27 dello stesso mese, sul set del video musicale di Anything Could Happen, Ellie ha affermato a MTV News: «mi sono mossa più lentamente dopo il primo album, perché ho scoperto, imparato e sono molto cresciuta. L'album successivo ha ricevuto influenze diverse, e anche le tante persone che ho incontrato lo hanno influenzato. Penso che questo fantastico mix sia dovuto a diverse e fruttuose coincidenze e circostanze. È un album un po' più tribale, quasi un inno. In questo ho introdotto un maggior numero di vocalismi e assoli al pianoforte. L'ultimo album è molto elettronico, comunque mediato dalla mia voce, per me, quest'ultimo è un certamente più "pop"».[15] Nello stesso anno ha contribuito alla colonna sonora della pellicola The Twilight Saga: Breaking Dawn - Parte 2, con il brano Bittersweet pubblicato il 13 novembre 2012. Il 19 novembre pubblica il video musicale di Figure 8, secondo estratto dall'album.

Nel febbraio 2013 è stato annunciato che la cantante avrebbe aperto le date di luglio e agosto del The Moonshine Jungle Tour di Bruno Mars. A maggio dello stesso anno pubblica una cover del brano Tessellate degli Alt-J.[16] Il 4 luglio, Ellie carica su SoundCloud il nuovo singolo Burn, annunciandone la pubblicazione per il 18 del mese.[17] Il brano viene reso disponibile il 26 luglio seguente, primo estratto da Halcyon Days. Contribuisce poi alle colonne sonore dei film Hunger Games: La ragazza di fuoco, con il brano Mirror, e l'anno successivo a Divergent, con la canzone Beating Heart.

2014-presente: Delirium, il terzo album[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2014 torna nuovamente a collaborare con Calvin Harris nel brano Outside, contenuto nell'album di quest'ultimo, Motion, in uscita nel novembre seguente. Nel 2015 compone Love Me Like You Do per la colonna sonora di Cinquanta sfumature di grigio;[18][19] il brano arriva alla prima posizione della classifica ufficiale inglese, raggiungendo inoltre la vetta della graduatoria dei singoli più venduti su iTunes Store in trentatré paesi. Nello stesso anno partecipa inoltre come guest star al videoclip Bad Blood della collega Taylor Swift.[20] Il 17 settembre 2015 pubblica On My Mind, singolo apripista dell'album Delirium, pubblicato globalmente il 6 novembre.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di Ellie Goulding.

Album[modifica | modifica wikitesto]

Tour[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c allmusic.com
  2. ^ The BRIT Awards 2013, brits.co.uk. URL consultato il 19 febbraio 2013.
  3. ^ "Carly Rae Jepsen Claims Longest Hot 100 No. 1 Run of 2012"
  4. ^ "Brit Awards 2014: David Bowie wins best British male award"
  5. ^ Ellie Goulding's "Lights" music video. 1.32 – 1.35 in.
  6. ^ About " Ellie Goulding, elliegoulding.com. URL consultato il 20 gennaio 2012.
  7. ^ Horatia Harrod, 'He was Obsessed with Murder': Ellie Goulding interview, in The Daily Telegraph (London), 21 febbraio 2011. URL consultato il 23 febbraio 2011.
  8. ^ Mother's pride over Brit winner Ellie, Herefordshire Journals, 4 febbraio 2010.
  9. ^ Ellie Goulding – EPK, YouTube, 19 gennaio 2011. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  10. ^ Gordon Smart, Ellie: My stepdad was horrible. He had no brains. If I saw him again I'd punch him in the face, in The Sun (London), 12 agosto 2010. URL consultato il 23 febbraio 2011.
  11. ^ a b Interview with Sarah Stennett, HitQuarters, 21 gennaio 2013. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  12. ^ University drop-out Ellie Goulding named as top breakthrough music act for 2010, in Daily Record, 8 gennaio 2010. URL consultato l'8 gennaio 2010.
  13. ^ Introducing… Starsmith, BBC, 7 agosto 2015.
  14. ^ Dean Piper, EXCLUSIVE INTERVIEW: Ellie Goulding, Dean Piper's World, 7 marzo 2011. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  15. ^ James Montgomery, Ellie Goulding's 'Anything Could Happen' Video: Go Behind The Scenes Now!, MTV News. MTV Networks, 27 agosto 2012. URL consultato il 5 settembre 2012.
  16. ^ Ellie Goulding – Tessellate, in rnbjunk.com, 29 maggio 2013.
  17. ^ Ellie Goulding - Burn, in soundcloud.com, 4 luglio 2013.
  18. ^ 50sfumatureitalia.it, http://www.50sfumatureitalia.it/50-sfumature-soundtrack-love-me-like-you-do-di-ellie-goulding/ .
  19. ^ facebook.com, https://www.facebook.com/elliegouldingitalia/photos/a.758396980866304.1073741860.138174402888568/803509876355014/?type=1&permPage=1 .
  20. ^ “Bad Blood”: il nuovo video di Taylor Swift, con dentro più o meno tutti, ilpost.it, 18 maggio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN162986228 · LCCN: (ENno2011002743 · ISNI: (EN0000 0001 1197 5880 · GND: (DE141188642 · BNF: (FRcb165051935 (data)