Royal Marines

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Royal Marines
Cap badge of the Royal Marines.png
Distintivo da basco dei Royal Marines
Descrizione generale
Attiva 1664 - oggi
Nazione Regno Unito Regno Unito
Servizio Naval Service
Tipo forza armata anfibia
Dimensione circa 7500 marines
Guarnigione/QG Plymouth
Soprannome The Royals, HM Jollies, Bootnecks
Motto Per Mare, Per Terram ("Per Mare e Per Terra")
Marcia A Life on the Ocean Wave, Preobrajensky
Parte di
Comandanti
Comandante attuale maggior generale Garry Robison

[senza fonte]

Voci su unità militari presenti su Wikipedia

I Royal Marines (RM) sono la fanteria di marina del Naval Service britannico, addestrata anche per la guerra in montagna ed in zone artiche.

In grado di operare in piena autonomia su ogni tipo di terreno e grazie al particolare addestramento come una forza di commando, il corpo è un elemento chiave delle forze di dispiegamento rapido del paese, capace di raggiungere velocemente ed essere immediatamente pronto al combattimento su ogni tipo di territorio nel mondo.
Il loro motto, Per mare, per terram, è lo stesso del Reggimento San Marco.

I Royal Marines non sono parte della Royal Navy ma forza armata autonoma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sono stati formati nel 1775 come fanteria di marina per la Royal Navy. Tuttavia, si può far risalire le sue origini alla formazione del reggimento di fanteria marittima del "Duca di York e Albany" il 28 ottobre 1664.

Nella loro storia, i Royal Marines hanno preso parte a tutte le grandi guerre, combattendo a fianco dell'esercito britannico - tra cui la guerra dei sette anni, le guerre napoleoniche, la guerra di Crimea. Durante la prima guerra mondiale, oltre alle loro abituali postazioni a bordo delle navi, i Royal Marines facevano parte della divisione che in Belgio nel 1914 aiutò a difendere Anversa e successivamente parteciparono al sbarco anfibio a Gallipoli nel 1915. La Royal Marines ha anche preso parte al Raid di Zeebrugge nel 1918. Nella seconda guerra mondiale battaglioni della Divisione Royal Marine sono stati riorganizzati come Commandos, unendoli con il British Army Commandos. Le truppe di supporto hanno preso parte al D-Day in Normandia nel giugno del 1944.

La guerra delle Falkland ha visto in azione i Royal Marines. Quando l'Argentina invase le isole nel mese di aprile 1982 una task force britannica è stata immediatamente spedita a riconquistarle, con un assalto anfibio in cui i Royal Marines sono stati pesantemente coinvolti. Le truppe sono sbarcate nelle East Falkland, con la capitale, Stanley, che cadde il 14 giugno 1982.

In tempi recenti il Corpo è stato ampiamente utilizzato in ruoli di guerra di proiezione, come la guerra del Golfo, la guerra in Bosnia, la guerra del Kosovo, la guerra civile in Sierra Leone, l'Iraq e la guerra in Afghanistan. I Royal Marines hanno stretti legami internazionali con le forze alleate anfibie.

Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Royal Marines sono organizzati in una brigata di fanteria leggera (3 Commando Brigade) e un certo numero di unità distinte, tra cui le forze speciali dello Special Boat Service, il 1 Assault Group Royal Marines, il 43 Commando Fleet Protection Group Royal Marines (in precedenza Comacchio Group Royal Marines, dal nome delle Valli di Comacchio dove, nella seconda guerra mondiale, durante la cosiddetta operation Roast uno dei soldati della compagnia guadagnò una Victoria Cross postuma), e una compagnia di supporto, lo Special Forces Support Group.

Addestramento[modifica | modifica wikitesto]

Equipaggiamento[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità ISNI: (EN0000 0004 0626 2669